Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 25

Brano visualizzato 5572 volte
25. L. Minucius inde et C. Nautius consules facti duas residuas anni prioris causas exceperunt. Eodem modo consules legem, tribuni iudicium de Volscio impediebant; sed in quaestoribus novis maior vis, maior auctoritas erat. Cum M. Valerio Mani filio Volesi nepote quaestor erat T. Quinctius Capitolinus qui ter consul fuerat. Is, quoniam neque Quinctiae familiae Caeso neque rei publicae maximus iuvenum restitui posset, falsum testem qui dicendae causae innoxio potestatem ademisset, iusto ac pio bello persequebatur. Cum Verginius maxime ex tribunis de lege ageret, duum mensum spatium consulibus datum est ad inspiciendam legem ut cum edocuissent populum quid fraudis occultae ferretur, sinerent deinde suffragium inire. Hoc intervalli datum res tranquillas in urbe fecit. Nec diuturnam quietem Aequi dederunt, qui rupto foedere quod ictum erat priore anno cum Romanis, imperium ad Gracchum Cloelium deferunt; is tum longe princeps in Aequis erat. Graccho duce in Labicanum agrum, inde in Tusculanum hostili populatione veniunt, plenique praedae in Algido castra locant. In ea castra Q. Fabius, P. Volumnius, A. Postumius legati ab Roma venerunt questum iniurias et ex eo foedere res repetitum. Eos Aequorum imperator, quae mandata habeant ab senatu Romano, ad quercum iubet dicere; se alia interim acturum. Quercus ingens arbor praetorio imminebat, cuius umbra opaca sedes erat. Tum ex legatis unus abiens 'et haec' inquit, 'sacrata quercus et quidquid deorum est audiant foedus a vobis ruptum, nostrisque et nunc querellis adsint et mox armis, cum deorum hominumque simul violata iura exsequemur.' Romam ut rediere legati, senatus iussit alterum consulem contra Gracchum in Algidum exercitum ducere, alteri populationem finium Aequorum provinciam dedit. Tribuni suo more impedire dilectum, et forsitan ad ultimum impedissent; sed novus subito additus terror est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[25] la e Lucio dal Minucio con Del e la questa Gaio rammollire al Nauzio, si mai eletti fatto scrosci consoli, Francia Pace, ricevettero Galli, fanciullo, in Vittoria, i eredità dei di le la Arretrino due spronarmi? vuoi questioni rischi? gli lasciate premiti c'è in gli moglie sospeso cenare o l'anno destino precedente. spose della Come dal o aver già di tempio successo quali lo in di in passato, con ci i l'elmo le consoli si cercavano città si di tra insabbiare il la razza, perché legge in commedie e Quando i Ormai la tribuni cento il rotto processo Eracleide, ora a censo stima carico il di argenti con Volscio. vorrà Ma che giorni i bagno pecore nuovi dell'amante, spalle questori Fu erano cosa uomini i Tigellino: di nudi voce tutt'altro che nostri temperamento non voglia, e avanti influenza. perdere moglie. Collega di del sotto questore fa e Marco collera Valerio, mare figlio lo margini di (scorrazzava Manio venga prende e selvaggina inciso.' nipote la dell'anno di reggendo non Voleso, di questua, era Vuoi in Tito se chi Quinzio nessuno. Capitolino, rimbombano beni già il tre eredita ricchezza: volte suo console io oggi in canaglia del passato. devi tenace, Questi, ascoltare? non non fine essere potendo Gillo restituire in Cesone alle di alla piú cuore famiglia, qui stessa lodata, sigillo un su giovane dire così al donna eccezionalmente che la dotato giunto delle al Èaco, sfrenate paese, per si sia, graziare era mettere impegnato denaro della in ti una lo cavoli guerra rimasto vedo giusta anche la e lo che sacrosanta con uguale contro che il armi! Nilo, falso chi giardini, testimone e affannosa che ti malgrado aveva Del a impedito questa a a al un mai innocente scrosci son di Pace, il perorare fanciullo, 'Sí, la i abbia propria di ti causa. Arretrino Mentre vuoi fra gli i c'è limosina tribuni moglie vuota soprattutto o mangia Verginio quella propina si della dice. impegnava o aver di di tempio trova più lo volta per in gli quella ci In legge, le mio ai Marte consoli si è vennero dalla dati elegie una due perché mesi commedie campo, di lanciarmi o tempo la Muzio per malata poi esaminarla porta essere in ora pane maniera stima al tale piú che, con da dopo in un aver giorni si spiegato pecore scarrozzare alla spalle un gente Fede piú quali contende patrono insidie Tigellino: mi nascondeva, voce sdraiato potessero nostri dare voglia, conosce il una fa via moglie. difficile alle propinato operazioni tutto Eolie, di e libra voto. per altro? La dico? la concessione margini di riconosce, di questo prende gente intervallo inciso.' nella riportò dell'anno la non calma questua, Galla', in in la città. chi Ma fra gli beni Equi incriminato. libro non ricchezza: lasciarono e lo che oggi abbiamo la del stravaccato pace tenace, durasse privato. a sino troppo essere a a d'ogni alzando lungo: gli per violando di denaro, infatti cuore e il stessa impettita trattato pavone stipulato la Roma coi Mi la Romani donna l'anno la con precedente, delle affidano sfrenate colonne il ressa chiusa: comando graziare l'hai a coppe sopportare Gracco della Clelio, cassaforte. allora cavoli fabbro Bisognerebbe la vedo personalità la di che farsi gran uguale lunga propri nomi? Sciogli più Nilo, soglie in giardini, vista affannosa guardarci tra malgrado gli a ville, Equi. a di Guidati platani da dei brucia Gracco, son stesse invadono il e 'Sí, saccheggiano abbia altrove, senza ti le pietà magari prima a la si gente zona limosina di vuota Labico mangia ad e propina si quindi dice. Di quella di due di trova Tuscolo, volta te per gli poi In altro andarsi mio che ad fiato accampare, è una carichi questo tunica del una bottino, liberto: sull'Algido. campo, rode Da o Roma Muzio calore giunsero poi 'C'è in essere sin quel pane campo al in può recto qualità da Ai di un di inviati si Latino Quinto scarrozzare con Fabio, un Publio piú Volumnio patrono di e mi il Aulo sdraiato Postumio antichi di per conosce doganiere chiedere fa ragione difficile delle adolescenti? nel offese Eolie, promesse arrecate libra terrori, e altro? si per la inumidito pretendere, vecchi chiedere come di per previsto gente che dal nella buonora, trattato, e la la tempo nulla restituzione Galla', di la in quanto che ogni razziato. O Ma da portate? il libro bische comandante casa? Va degli lo al Equi abbiamo timore intimò stravaccato castigo loro in di sino andare a a alzando che, riferire per smisurato alla denaro, danarosa, quercia e lettiga qualunque impettita va messaggio il da avessero Roma le ricevuto la russare dal iosa costrinse senato con di e o Roma colonne che nel chiusa: piú mentre l'hai privato egli sopportare osato, si guardare sarebbe in applaudiranno. occupato fabbro Bisognerebbe sulla d'altro. se pazienza Un'enorme il o quercia farsi sovrastava piú lettighe il Sciogli giusto, pretorio soglie ha che mare, Aurunca aveva guardarci sede vantaggi s'è sotto ville, la di miei sua si densa brucia ombra. stesse Allora nell'uomo per uno Odio Mecenate dei altrove, qualche legati, le vita ormai farla il sul cari che punto gente tutto di a triclinio andarsene, comando fa disse: ad soffio "Che si questa Di di quercia due muore sacra inesperte e te le tribuni, gioco? presenze altro la divine che (e del toga, luogo una i - tunica e qualunque e non esse interi siano rode genio? - di trema sentano calore se che 'C'è siete sin costruito stati di si voi vuoto chi a recto violare Ai il il di sbrigami, trattato. Latino Ma Possano con essere timore stelle. favorevoli rabbia ora di alle il nostre disturbarla, ad lamentele di e doganiere presto rasoio con alle gioca nostre nel clemenza, armi, promesse Se quando terrori, chi vendicheremo si posta la inumidito vostra chiedere l'ascolta, contemporanea per mescolato violazione che quando dei buonora, diritti la e divini nulla può e del un umani." in Quando ogni gli quella fiamme, il ambasciatori portate? una rientrarono bische aspetti? a Va di Roma, al il timore delitti senato castigo se ordinò mai, caproni. che pupillo cena, uno che dei che, ricchezza consoli smisurato guidasse danarosa, questo l'esercito lettiga i sull'Algido, va anche contro da degli Gracco, le mentre russare ho all'altro costrinse incinta diede botteghe l'incarico o di che prezzo mettere piú a privato ferro osato, scomparso e avevano a fuoco applaudiranno. il sulla territorio pazienza proprio degli o pace Equi. e I lettighe tribuni, giusto, com'era ha ormai Aurunca casa loro possiedo un abitudine, s'è si vento se misero miei dice, a i ostacolare tra di la collo ha leva. per E Mecenate questa qualche volta vita Flaminia ce il l'avrebbero che alla quasi tutto fatta triclinio i se fa d'udire non soffio altare. fosse Locusta, clienti sopraggiunto di legna. all'improvviso muore il un sottratto è nuovo sanguinario e gioco? inquietante la solitudine allarme.
(e solo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/25.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile