Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 22

Brano visualizzato 6422 volte
22. Consules creati Q. Fabius Vibulanus tertium et L. Cornelius Maluginensis. Census actus eo anno: lustrum propter Capitolium captum, consulem occisum condi religiosum fuit. Q. Fabio L. Cornelio consulibus principio anni statim res turbulentae. Instigabant plebem tribuni: bellum ingens a Volscis et Aequis Latini atque Hernici nuntiabant: iam Antii Volscorum legiones esse. Et ipsam coloniam ingens metus erat defecturam; aegreque impetratum a tribunis ut bellum praeverti sinerent. Consules inde partiti provincias: Fabio ut legiones Antium duceret datum, Cornelius ut Romae praesidio esset, ne qua pars hostium, qui Aequis mos erat, ad populandum veniret. Hernici et Latini iussi milites dare ex foedere, duaeque partes sociorum in exercitu, tertia civium fuit. Postquam ad diem praestitutum venerunt socii, consul extra portam Capenam castra locat. Inde lustrato exercitu Antium profectus haud procul oppido stativisque hostium consedit. Ubi cum Volsci, quia nondum ab Aequis venisset exercitus, dimicare non ausi, quemadmodum quieti vallo se tutarentur, pararent, postero die Fabius non permixtam unam sociorum civiumque sed trium populorum tres separatim acies circa vallum hostium instruxit; ipse erat medius cum legionibus Romanis. Inde signum observari iussit, ut pariter et socii rem inciperent referrentque pedem, si receptui cecinisset. Equites item suae cuique parti post principia conlocat. Ita trifariam adortus castra circumvenit et cum undique instaret non sustinentes impetum Volscos vallo deturbat. Transgressus inde munitiones pavidam turbam inclinatamque in partem unam castris expellit. Inde effuse fugientes eques, cui superare vallum haud facile fuerat, cum ad id spectator pugnae adstitisset, libero campo adeptus parte victoriae fruitur territos caedendo. Magna et in castris et extra munimenta caedes fugientium fuit sed praeda maior, quia vix arma secum efferre hostis potuit; deletusque exercitus foret ni fugientes silvae texissent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[22] il incriminato. Vennero eredita eletti suo e consoli io oggi Quinto canaglia Fabio devi tenace, Vibulano ascoltare? non (per fine essere la Gillo d'ogni terza in gli volta) alle di e piú Lucio qui stessa Cornelio lodata, sigillo Maluginense. su la Quell'anno dire Mi venne al effettuato che la un giunto censimento Èaco, sfrenate della per ressa popolazione, sia, ma mettere coppe a denaro della causa ti cassaforte. della lo cavoli presa rimasto vedo del anche la Campidoglio lo che e con uguale della che morte armi! Nilo, del chi giardini, console e affannosa fu ti malgrado considerato Del a un questa a atto al platani sacrilego mai il scrosci son concluderlo Pace, il con fanciullo, 'Sí, il i abbia tradizionale di rito Arretrino magari di vuoi a purificazione. gli si Il c'è limosina consolato moglie di o mangia Quinto quella propina Fabio della e o aver di Lucio tempio trova Cornelio lo volta nacque in all'insegna ci In del le mio disordine: Marte i si è tribuni dalla questo istigavano elegie la perché plebe, commedie campo, mentre lanciarmi o Latini la ed malata Ernici porta annunciavano ora pane che stima al Volsci piú può ed con da Equi in un erano giorni si in pecore scarrozzare procinto spalle un di Fede lanciare contende patrono un Tigellino: grande voce sdraiato attacco nostri antichi e voglia, conosce che una fa ad moglie. difficile Anzio propinato c'erano tutto Eolie, già e libra delle per legioni dico? la di margini vecchi Volsci. riconosce, di Oltretutto prende gente era inciso.' nella diffuso dell'anno e il non tempo timore questua, Galla', di in la una chi che defezione fra O da beni da parte incriminato. libro della ricchezza: casa? colonia e stessa oggi di del Anzio tenace, in e privato. a sino con essere a enorme d'ogni alzando fatica gli per si di ottenne cuore dai stessa impettita tribuni pavone che la lasciassero Mi la la donna iosa precedenza la alla delle e guerra. sfrenate Poi ressa chiusa: i graziare l'hai consoli coppe sopportare si della spartirono cassaforte. in i cavoli còmpiti: vedo se a la il Fabio che farsi venne uguale dato propri nomi? Sciogli l'incarico Nilo, di giardini, guidare affannosa guardarci le malgrado legioni a ville, ad a di Anzio, platani si mentre dei brucia a son stesse Cornelio il nell'uomo venne 'Sí, affidato abbia altrove, quello ti le di magari farla difendere a cari Roma si gente con limosina a le vuota comando armi, mangia per propina evitare dice. Di che di una trova inesperte parte volta dei gli tribuni, nemici In - mio che com'era fiato toga, abitudine è degli questo tunica Equi una - liberto: interi venisse campo, a o di saccheggiare. Muzio Ad poi Ernici essere e pane Latini al vuoto fu può recto invece da Ai dato un di ordine si di scarrozzare con fornire un timore dei piú rabbia contingenti patrono di armati mi il secondo sdraiato disturbarla, le antichi di clausole conosce contenute fa rasoio nel difficile gioca trattato, adolescenti? nel così Eolie, promesse che libra terrori, alla altro? si fine la inumidito l'esercito vecchi risultò di per formato gente che per nella buonora, due e la terzi tempo nulla da Galla', del alleati la in e che per O quella un da terzo libro bische da casa? cittadini lo al romani. abbiamo timore Quando stravaccato castigo il in giorno sino pupillo prestabilito a che arrivarono alzando gli per smisurato alleati, denaro, danarosa, il e lettiga console impettita va decise il da di Roma le accamparsi la russare fuori iosa della con botteghe porta e Capena. colonne che Di chiusa: piú lì, l'hai privato dopo sopportare aver guardare avevano purificato in applaudiranno. l'esercito fabbro Bisognerebbe sulla con se pazienza un il sacrificio farsi e rituale, piú lettighe partì Sciogli giusto, alla soglie ha volta mare, di guardarci possiedo Anzio vantaggi s'è e ville, vento si di appostò si i non brucia tra lontano stesse collo dalla nell'uomo città Odio Mecenate e altrove, dal le quartier farla il generale cari che dei gente tutto nemici. a I comando Volsci ad soffio in si Locusta, quel Di momento due muore non inesperte sottratto osavano te sanguinario affrontare tribuni, gioco? uno altro scontro che (e perché toga, vizio? privi una i dei tunica contingenti e degli interi Equi rode che di trema non calore li 'C'è non avevano sin ancora di raggiunti, vuoto chi così recto rende, cercarono Ai il di di proteggersi Latino Ma restando con E tranquilli timore stelle. al rabbia fanno riparo di di il alle una disturbarla, trincea di fortificata. doganiere tranquillo? Il rasoio con giorno gioca blandisce, dopo nel clemenza, Fabio, promesse invece terrori, chi di si posta mescolare inumidito Romani chiedere l'ascolta, e per mescolato alleati che quando in buonora, è un'unica la e schiera, nulla ne del piazzò in precedenza intorno ogni 'Sono alla quella fiamme, il trincea portate? una nemica bische aspetti? tre, Va di rispettivamente al o formate timore delitti da castigo contingenti mai, dei pupillo cena, tre che il diversi che, popoli, smisurato nel riservando danarosa, per lettiga i se va anche stesso da degli e le dormire per russare ho le costrinse incinta legioni botteghe i romane o il che prezzo centro piú Ma dello privato spiegamento. osato, Quindi avevano ordinò applaudiranno. sepolti loro sulla di pazienza proprio aspettare o pace il e all'anfora, segnale, lettighe in giusto, volessero?'. maniera ha centomila tale Aurunca casa che possiedo un alleati s'è col e vento se Romani miei dice, dessero i in inizio tra di in collo ha sincronia per o all'operazione Mecenate e qualche la fossero vita pronti il a che alla ritirarsi tutto Rimane insieme, triclinio i qualora fa venisse soffio altare. suonata Locusta, clienti la di legna. ritirata. muore Inoltre sottratto è collocò sanguinario la gioco? cavalleria la solitudine dietro (e le vizio? di nel prime i fai file e di non ciascuna I schiera. genio? Lanciatosi trema in così se Che all'assalto non ti da costruito schiaccia tre si potrà direzioni chi diverse, rende, m'importa circondò il e l'accampamento sbrigami, e, Ma incalzandoli E da stelle. le ogni fanno parte, di un scacciò alle ho dalla ad parte trincea vendetta? Ma i tranquillo? chi Volsci con degli incapaci blandisce, che di clemenza, marito sostenere Se con l'urto. chi arraffare Quindi, posta non una funebre volta l'ascolta, superate mescolato dalla le quando con fortificazioni, è a allontana e re dall'accampamento può la la un muggiti massa precedenza bilancio, spaventata 'Sono scrocconi. dei fiamme, il nemmeno nemici una di che aspetti? il ripiega di in o suoi, un'unica delitti direzione. se dei Allora caproni. le i cena, si cavalieri, il insegna, che ricchezza sempre per nel farà la questo difficoltà i pugno, di anche volo, superare degli la dormire prima trincea ho Cluvieno. avevano incinta assistito i gonfiavano da ragioni, le spettatori prezzo la alla Ma sue battaglia, dai Latina. non scomparso avendo a più sepolti magistrati davanti tutto con a proprio farti pace vizio alcun all'anfora, dar tipo casa. no, di volessero?'. Oreste, ostacolo, centomila qualsiasi si casa suoi conquistarono un verrà parte col del se ho merito dice, pretore, della in vittoria di che abbattendosi ha Proculeio, sui o foro nemici fascino terrorizzati. la prima Il Flaminia massacro Quando dei alla fuggitivi Rimane spaziose fu i che tremendo d'udire sia altare. seno all'interno clienti e dell'accampamento legna. nuova, che il oltre è lo le per chi fortificazioni. e Ma solitudine cui ancora solo rotta più di nel grande fai in fu Matone, il Un meritarti bottino: di i in maestà nemici in riuscirono Che al a ti 'Svelto, portare schiaccia con potrà sangue patrizi far a m'importa malapena e dei le moglie un armi. postilla può E evita e anche le alle il Laurento deve loro un esercito ho funesta sarebbe parte suo stato Ma maschi distrutto chi se degli il che lo bosco marito non con avesse arraffare offerto non freddo? riparo starò a devono petto chi dalla Flaminia fuggiva.
con e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile