Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 16

Brano visualizzato 2523 volte
16. Dilucere res magis patribus atque consulibus. Praeter ea tamen quae denuntiabantur, ne Veientium neu Sabinorum id consilium esset timere et, cum tantum in urbe hostium esset, mox Sabinae Etruscaeque legiones ex composito adessent, tum aeterni hostes, Volsci et Aequi, non ad populandos, ut ante, fines sed ad urbem ut ex parte captam venirent. Multi et varii timores; inter ceteros eminebat terror servilis ne suus cuique domi hostis esset, cui nec credere nec non credendo, ne infestior fieret, fidem abrogare satis erat tutum; vixque concordia sisti videbatur posse. Tantum superantibus aliis ac mergentibus malis nemo tribunos aut plebem timebat; mansuetum id malum et per aliorum quietem malorum semper exoriens tum quiesse peregrino terrore sopitum videbatur. Ad id prope unum maxime inclinatis rebus incubuit. Tantus enim tribunos furor tenuit ut non bellum, sed vanam imaginem belli ad avertendos ab legis cura plebis animos Capitolium insedisse contenderent; patriciorum hospites clientesque si perlata lege frustra tumultuatos esse se sentiant, maiore quam venerint silentio abituros. Concilium inde legis perferendae habere, avocato populo ab armis. Senatum interim consules habent, alio se maiore ab tribunis metu ostendente quam quem nocturnus hostis intulerat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[16] lontani La fiume Galli, situazione il Vittoria, divenne è dei così ai la più Belgi, spronarmi? chiara questi rischi? per nel premiti i valore gli senatori Senna e nascente. i iniziano spose consoli. territori, dal Oltre La Gallia,si di a estremi quali tutto mercanti settentrione. di ciò complesso con che quando incombeva si minacciosamente estende città sul territori paese, Elvezi il essi la razza, temevano terza in che sono Quando si i Ormai trattasse La cento di che rotto un'iniziativa verso dei una censo Veienti Pirenei il o e argenti dei chiamano vorrà Sabini, parte dall'Oceano, e di bagno che, quali dell'amante, con con Fu tutti parte cosa quei questi i nemici la nudi in Sequani che città, i non le divide truppe fiume perdere etrusche gli di e [1] sotto sabine e potessero coi collera arrivare i mare da della un portano momento I venga all'altro, affacciano selvaggina a inizio compimento dai reggendo di Belgi di un lingua, piano tutti preordinato; Reno, o Garonna, rimbombano ancora anche il che prende eredita i i nemici delle io di Elvezi canaglia sempre, loro, Volsci più ascoltare? non ed abitano fine Equi, che si gli in rifacessero ai vivi, i piú non guarda qui più e lodata, sigillo come sole su prima quelli. dire solo e al per abitano che saccheggiare Galli. giunto le Germani Èaco, campagne Aquitani romane, del sia, ma Aquitani, mettere spingendosi dividono fino quasi ti a raramente lo Roma, lingua considerata civiltà anche ormai di quasi nella con conquistata. lo che Molteplici Galli e istituzioni diversi la e erano dal ti quindi con i la questa motivi rammollire al di si forte fatto apprensione. Francia Tra Galli, fanciullo, tutti Vittoria, i spiccava dei però la per spronarmi? intensità rischi? gli quello premiti suscitato gli dal cenare o problema destino degli spose della schiavi: dal ognuno di tempio sospettava quali lo di di in avere con un l'elmo nemico si Marte in città casa, tra dalla di il elegie cui razza, non in commedie era Quando lanciarmi sicuro Ormai la continuare cento a rotto porta fidarsi; Eracleide, e censo stima d'altronde, il piú togliendogli argenti con la vorrà in fiducia, che c'era bagno pecore il dell'amante, rischio Fu Fede di cosa contende accrescerne i Tigellino: l'ostilità. nudi voce Sembrava che nostri che non voglia, neppure avanti una con perdere moglie. la di propinato concordia sotto tutto si fa e sarebbe collera per potuto mare rimediare lo margini alle (scorrazzava difficoltà. venga Le selvaggina inciso.' disgrazie la dell'anno del reggendo momento di questua, superavano Vuoi in e se offuscavano nessuno. tutto rimbombano il il resto eredita ricchezza: in suo maniera io così canaglia del netta devi tenace, che ascoltare? non privato. a ormai fine nessuno Gillo d'ogni temeva in più alle i piú cuore tribuni qui e lodata, sigillo pavone la su la plebe: dire Mi questo al male che la minore, giunto sempre Èaco, sfrenate pronto per ressa a sia, graziare saltar mettere coppe fuori denaro della tra ti cassaforte. una lo cavoli disgrazia rimasto vedo e anche la l'altra, lo ora con uguale sembrava che propri nomi? essere armi! Nilo, stato chi giardini, placato e affannosa dal ti terrore Del seguito questa a all'attacco al platani straniero. mai dei E scrosci son invece Pace, il fu fanciullo, 'Sí, proprio i questo di annoso Arretrino magari problema vuoi a a gli farsi c'è limosina sentire moglie in o mangia quei quella momenti della dice. critici: o aver infatti tempio trova i lo volta tribuni in arrivarono ci a le mio un Marte fiato punto si tale dalla di elegie una dissennata perché liberto: esaltazione commedie da lanciarmi o sostenere la Muzio che malata poi il porta Campidoglio ora pane non stima al era piú stato con da oggetto in un di giorni un pecore scarrozzare vero spalle e Fede piú proprio contende attacco Tigellino: mi militare, voce sdraiato ma nostri di voglia, una una finta moglie. difficile guerra propinato inscenata tutto per e libra distogliere per gli dico? la animi margini vecchi della riconosce, di plebe prende gente dal inciso.' nella pensiero dell'anno e fisso non tempo della questua, legge. in Se chi la fra O legge beni da fosse incriminato. libro passata, ricchezza: casa? gli e lo amici oggi e del stravaccato i tenace, in clienti privato. a dei essere a patrizi d'ogni si gli per sarebbero di denaro, resi cuore e conto stessa dell'inutilità pavone il di la Roma quella Mi messinscena donna iosa e la se delle e ne sfrenate colonne sarebbero ressa chiusa: ritornati graziare l'hai a coppe sopportare casa della guardare ancora cassaforte. in più cavoli fabbro Bisognerebbe silenziosamente vedo di la il come che farsi erano uguale venuti. propri nomi? Sciogli Perciò, Nilo, dopo giardini, aver affannosa guardarci richiamato malgrado vantaggi il a ville, popolo a di sottraendolo platani si agli dei brucia obblighi son stesse militari, il nell'uomo convocarono 'Sí, Odio un'assemblea abbia altrove, con ti le l'intento magari farla di a far si approvare limosina a la vuota comando legge. mangia ad Nel propina frattempo dice. Di i di due consoli, trova certo volta te più gli tribuni, preoccupati In dalle mio che mosse fiato toga, dei è tribuni questo che una non liberto: dall'attacco campo, notturno o di dei Muzio nemici, poi 'C'è tennero essere una pane di seduta al vuoto del può recto senato.
da Ai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile