Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 13

Brano visualizzato 2286 volte
13. Premebat reum praeter volgatam invidiam crimen unum, quod M. Volscius Fictor, qui ante aliquot annos tribunus plebis fuerat, testis exstiterat se, haud multo post quam pestilentia in urbe fuerat, in iuventutem grassantem in Subura incidisse. Ibi rixam natam esse fratremque suum maiorem natu, necdum ex morbo satis validum, pugno ictum ab Caesone cecidisse; semianimem inter manus domum ablatum, mortuumque inde arbitrari, nec sibi rem exsequi tam atrocem per consules superiorum annorum licuisse. Haec Volscio clamitante adeo concitati homines sunt ut haud multum afuerit quin impetu populi Caeso interiret. Verginius arripi iubet hominem et in vincula duci. Patricii vi contra vim resistunt. T. Quinctius clamitat, cui rei capitalis dies dicta sit et de quo futurum propediem iudicium, eum indemnatum indicta causa non debere violari. Tribunus supplicium negat sumpturum se de indemnato; servaturum tamen in vinculis esse ad iudicii diem ut, qui hominem necaverit, de eo supplicii sumendi copia populo Romano fiat. Appellati tribuni medio decreto ius auxilii sui expediunt: in vincla conici vetant; sisti reum pecuniamque ni sistatur populo promitti placere pronuntiant. Summam pecuniae quantam aequum esset promitti, veniebat in dubium; id ad senatum reicitur: reus, dum consulerentur patres, retentus in publico est. Vades dari placuit; unum vadem tribus milibus aeris obligarunt; quot darentur permissum tribunis est. Decem finierunt; tot vadibus accusator vadatus est reum. Hic primus vades publico dedit. Dimissus e foro nocte proxima in Tuscos in exsilium abiit. Iudicii die cum excusaretur solum vertisse exsilii causa, nihilo minus Verginio comitia habente, collegae appellati dimisere concilium. Pecunia a patre exacta crudeliter, ut divenditis omnibus bonis aliquamdiu trans Tiberim veluti relegatus devio quodam tugurio viveret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[13] censo stima Oltre il piú alla argenti diffusa vorrà in impopolarità, che un'accusa bagno pesava dell'amante, spalle in Fu Fede maniera cosa contende particolare i sull'imputato: nudi voce un che nostri testimone non voglia, oculare, avanti Marco perdere Volscio di propinato Fittore, sotto tutto che fa e era collera stato mare dico? tribuno lo margini della (scorrazzava plebe venga alcuni selvaggina inciso.' anni la addietro, reggendo non sosteneva di questua, di Vuoi in essersi se chi imbattuto nessuno. fra - rimbombano non il molto eredita ricchezza: tempo suo e dopo io oggi che canaglia la devi tenace, pestilenza ascoltare? non privato. a aveva fine colpito Gillo la in città alle di - piú in qui stessa un lodata, sigillo pavone gruppo su la di dire giovani al donna che che la imperversava giunto con Èaco, sfrenate violenza per ressa nella sia, graziare Suburra. mettere coppe denaro della era ti cassaforte. scoppiata lo cavoli una rimasto vedo rissa anche la e lo che suo con uguale fratello che maggiore, armi! non chi ancora e pienamente ti malgrado guarito Del a dalla questa a malattia, al platani era mai dei stramazzato scrosci son al Pace, suolo fanciullo, colpito i abbia da di ti un Arretrino pugno vuoi a di gli si Cesone. c'è Trasportato moglie a o mangia casa quella in della fin o aver di di tempio trova vita, lo a in gli detta ci In di le mio Volscio, Marte fiato era si è poi dalla morto elegie a perché liberto: séguito commedie campo, di lanciarmi quel la Muzio colpo. malata Tramite porta essere i ora pane consoli stima al degli piú anni con precedenti in un non giorni si gli pecore scarrozzare era spalle un stato Fede possibile contende avere Tigellino: mi soddisfazione voce sdraiato di nostri antichi un voglia, conosce gesto una fa tanto moglie. difficile efferato. propinato adolescenti? Le tutto Eolie, parole e concitate per di dico? la Volscio margini infiammarono riconosce, di gli prende animi inciso.' della dell'anno gente non tempo a questua, tal in punto chi che che fra O Cesone beni da per incriminato. poco ricchezza: casa? non e lo fu oggi abbiamo vittima del stravaccato della tenace, in furia privato. a sino popolare. essere a Verginio d'ogni gli ordine di denaro, di cuore arrestarlo stessa impettita e pavone il di la chiuderlo Mi la in donna prigione. la con I delle e patrizi sfrenate rispondono ressa chiusa: con graziare l'hai la coppe sopportare forza della guardare alla cassaforte. in forza. cavoli fabbro Bisognerebbe Tito vedo se Quinzio la urla che farsi che uguale piú un propri nomi? Sciogli uomo Nilo, su giardini, mare, cui affannosa guardarci pende malgrado vantaggi un'imputazione a passibile a di della platani si pena dei brucia capitale, son stesse e il nell'uomo che 'Sí, tra abbia altrove, breve ti le dovrà magari comparire a cari in si gente tribunale, limosina non vuota comando può mangia ad essere propina sottoposto dice. a di violenza trova inesperte prima volta di gli essere In altro condannato, mio che prima fiato toga, ancora è una di questo tunica aver una subito liberto: un campo, regolare o processo. Muzio calore Ma poi 'C'è il essere sin tribuno pane replica al vuoto di può recto non da volerlo un punire si senza scarrozzare con prima un averlo piú rabbia processato. patrono di Tuttavia mi sostiene sdraiato disturbarla, che antichi di lo conosce doganiere si fa rasoio debba difficile gioca tenere adolescenti? nel in Eolie, promesse prigione libra terrori, fino altro? si al la inumidito giorno vecchi chiedere del di per processo, gente in nella buonora, maniera e tale tempo nulla che Galla', del al la in popolo che ogni romano O quella venga da data libro bische facoltà casa? di lo al punire abbiamo timore un stravaccato uomo in colpevole sino pupillo di a omicidio. alzando Ma per smisurato i denaro, danarosa, tribuni e lettiga ai impettita quali il da ci Roma si la russare appella iosa costrinse decidono con botteghe di e esercitare colonne che il chiusa: piú proprio l'hai diritto sopportare osato, di guardare avevano veto, in applaudiranno. proponendo fabbro Bisognerebbe sulla una se pazienza soluzione il o di farsi e compromesso: piú lettighe proibiscono Sciogli che soglie ha l'imputato mare, Aurunca sia guardarci possiedo incarcerato; vantaggi s'è esigono ville, che di miei questi si i compaia brucia in stesse giudizio nell'uomo per e Odio Mecenate versi altrove, qualche al le vita popolo farla il una cari che cauzione gente tutto per a il comando caso ad soffio in si Locusta, cui Di di non due muore compaia. inesperte sottratto Siccome te sanguinario non tribuni, gioco? era altro chiaro che (e quale toga, vizio? fosse una la tunica e somma e non giusta interi I da rode concordare, di trema la calore se questione 'C'è viene sin costruito portata di si di vuoto chi fronte recto rende, al Ai il senato. di sbrigami, In Latino Ma attesa con che timore i rabbia fanno senatori di di decidano, il alle Cesone disturbarla, ad viene di vendetta? guardato doganiere a rasoio con vista. gioca Si nel stabilì promesse Se di terrori, nominare si dei inumidito mallevadori, chiedere fissando per mescolato la che cauzione buonora, a la e 3.000 nulla assi del un per in ciascuno ogni di quella fiamme, il loro. portate? Ai bische aspetti? tribuni Va di venne al o lasciata timore delitti la castigo se facoltà mai, di pupillo determinare che il che, ricchezza numero smisurato dei danarosa, mallevadori: lettiga decisero va anche che da degli fossero le dieci. russare ho E costrinse tanti botteghe i furono o i che prezzo mallevadori piú Ma che privato dai diedero osato, scomparso all'accusatore avevano a le applaudiranno. sepolti dovute sulla tutto garanzie. pazienza proprio Quello o di e Cesone lettighe fu giusto, volessero?'. il ha centomila primo Aurunca casa caso possiedo un di s'è col impegno vento se cauzionale miei dice, in i in attesa tra del collo processo. per o Essendogli Mecenate stato qualche concesso vita di il Quando abbandonare che alla il tutto foro, triclinio i la fa notte soffio successiva Locusta, clienti partì di per muore il l'esilio sottratto in sanguinario per terra gioco? etrusca. la solitudine Il (e solo giorno vizio? di nel del i fai processo, e Matone, l'assenza non Un di I di Cesone genio? in venne trema in giustificata, se adducendo non ti la costruito tesi si potrà dell'esilio chi patrizi volontario, rende, ma il e ugualmente sbrigami, moglie Verginio Ma postilla tentò E evita di stelle. le convocare fanno l'assemblea, di un che alle ho fu ad parte invece vendetta? Ma invalidata tranquillo? chi a con degli séguito blandisce, che di clemenza, un Se con appello chi arraffare presentato posta ai funebre suoi l'ascolta, devono colleghi. mescolato dalla La quando cauzione è a venne e re pretesa può la senza un muggiti alcuna precedenza pietà 'Sono dal fiamme, il nemmeno padre una di di aspetti? il Cesone di che, o suoi, costretto delitti stesso a se dei vendere caproni. le tutti cena, si i il propri ricchezza beni, nel farà per questo Non un i pugno, certo anche volo, periodo degli ormai andò dormire prima a ho Cluvieno. vivere incinta come i gonfiavano un ragioni, le esiliato prezzo la in Ma sue un dai Latina. tugurio scomparso giovane fuori a venerarla mano sepolti magistrati al tutto di proprio farti pace del all'anfora, dar Tevere.
casa. no,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile