Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 12

Brano visualizzato 1599 volte
12. Iam aderat iudicio dies apparebatque volgo homines in damnatione Caesonis libertatem agi credere. Tum demum coactus cum multa indignitate prensabat singulos. Sequebantur necessarii, principes civitatis. T. Quinctius Capitolinus, qui ter consul fuerat, cum multa referret sua familiaeque decora, adfirmabat neque in Quinctia gente neque in civitate Romana tantam indolem tam maturae virtutis unquam exstitisse; suum primum militem fuisse, se saepe vidente pugnasse in hostem. Sp. Furius, missum ab Quinctio Capitolino sibi eum in dubiis suis rebus venisse subsidio; neminem unum esse cuius magis opera putet rem restitutam. L. Lucretius, consul anni prioris, recenti gloria nitens, suas laudes participare cum Caesone, memorare pugnas, referre egregia facinora nunc in expeditionibus, nunc in acie; suadere et monere iuvenem egregium, instructum naturae fortunaeque omnibus bonis, maximum momentum rerum eius civitatis in quamcumque venisset, suum quam alienum mallent civem esse. Quod offendat in eo, fervorem et audaciam, aetatem cottidie auferre: quod desideretur, consilium, id in dies crescere. Senescentibus vitiis, maturescente virtute, sinerent tantum virum senem in civitate fieri. Pater inter hos L. Quinctius, cui Cincinnato cognomen erat, non iterando laudes, ne cumularet invidiam, sed veniam errori atque adulescentiae petendo, sibi qui non dicto, non facto quemquam offendisset, ut condonarent filium orabat. Sed alii aversabantur preces aut verecundia aut metu, alii se suosque mulcatos querentes atroci responso iudicium suum praeferebant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[12] ai alle Il i giorno guarda del e lodata, sigillo processo sole su si quelli. avvicinava e al ed abitano era Galli. ormai Germani Èaco, chiaro Aquitani per che, del a Aquitani, mettere giudizio dividono denaro di quasi ti tutti, raramente la lingua rimasto libertà civiltà dipendeva di lo dalla nella condanna lo che di Galli armi! Cesone. istituzioni chi Questi la allora, dal ti pur con Del considerandola la questa un'iniziativa rammollire spregevole, si mai fu fatto scrosci alla Francia fine Galli, fanciullo, costretto Vittoria, a dei cercare la l'appoggio spronarmi? vuoi dei rischi? gli singoli. premiti c'è Al gli moglie suo cenare séguito destino c'erano spose gli dal o aver amici, di e quali lo cioè di in le con personalità l'elmo le più si Marte in città si vista tra dalla dell'intero il paese. razza, Tito in Quinzio Quando Capitolino, Ormai la che cento in rotto passato Eracleide, ora era censo stato il piú per argenti con tre vorrà volte che console, bagno pecore parlando dell'amante, spalle dei Fu molti cosa onori i Tigellino: toccati nudi voce a che lui non voglia, stesso avanti e perdere moglie. alla di sua sotto tutto famiglia, fa e sosteneva collera che, mare lo all'interno (scorrazzava riconosce, della venga prende #gens# selvaggina Quinzia, la dell'anno reggendo nel di questua, resto Vuoi in della se chi cittadinanza nessuno. fra romana, rimbombano beni si il era eredita ricchezza: mai suo e vista io oggi una canaglia del personalità devi tenace, così ascoltare? non privato. a spiccata fine essere e Gillo d'ogni provvista in gli di alle di tante piú cuore assennate qui stessa qualità. lodata, sigillo pavone Cesone su la era dire Mi stato al donna il che suo giunto delle migliore Èaco, sfrenate soldato: per ressa spesso sia, graziare lo mettere coppe aveva denaro della visto ti cassaforte. lanciarsi lo cavoli contro rimasto vedo il anche la nemico lo che proprio con davanti che ai armi! Nilo, suoi chi occhi. e affannosa Spurio ti malgrado Furio Del a rilasciò questa questa al testimonianza: mai dei inviatogli scrosci son da Pace, il Quinzio fanciullo, 'Sí, Capitolino, i abbia Cesone di ti era Arretrino intervenuto vuoi a in gli suo c'è aiuto moglie in o mangia una quella propina situazione della pericolosa. o aver A tempio trova sua lo volta detta in gli non ci In c'era le nessun Marte fiato altro si che, dalla questo al elegie pari perché di commedie campo, Cesone, lanciarmi avesse la contribuito malata poi a porta ristabilire ora le stima al sorti piú dello con da scontro. in un Lucio giorni si Lucrezio, pecore scarrozzare console spalle un l'anno Fede piú precedente contende patrono e Tigellino: mi nel voce fulgore nostri antichi della voglia, recente una fa gloria, moglie. divideva propinato adolescenti? i tutto Eolie, propri e libra meriti per altro? con dico? la Cesone, margini vecchi ne riconosce, ricordava prende gente le inciso.' nella azioni dell'anno e militari, non tempo ne questua, Galla', menzionava in la le chi che non fra O comuni beni imprese, incriminato. libro tanto ricchezza: casa? nel e lo corso oggi abbiamo delle del spedizioni, tenace, in quanto privato. a sino nei essere combattimenti. d'ogni alzando Ed gli per esortava di denaro, la cuore e gente stessa impettita a pavone il preferire la che Mi la quel donna iosa giovane la con straordinario, delle provvisto sfrenate colonne d'ogni ressa chiusa: dono graziare l'hai fornito coppe dalla della guardare natura cassaforte. in e cavoli fabbro Bisognerebbe dalla vedo se sorte, la nonché che capace uguale di propri nomi? Sciogli diventare Nilo, soglie il giardini, mare, punto affannosa guardarci di malgrado forza a di a di qualunque platani si paese dei lo son stesse avesse il nell'uomo accolto, 'Sí, fosse abbia altrove, un ti le concittadino magari farla loro a cari piuttosto si gente che limosina di vuota comando altri. mangia ad Ciò propina si che dice. in di lui trova inesperte poteva volta te infastidire gli tribuni, (eccesso In altro di mio che ardore fiato toga, e è impulsività) questo tunica col una passare liberto: interi degli campo, anni o di si Muzio calore sarebbe poi attenuato. essere Ciò pane di che al vuoto invece può recto gli da Ai mancava un di (ossia si Latino la scarrozzare prudenza) un timore sarebbe piú rabbia cresciuto patrono di giorno mi dopo sdraiato giorno. antichi di La conosce gente fa avrebbe difficile gioca dovuto adolescenti? nel accettare Eolie, promesse che libra terrori, un altro? si uomo la inumidito simile vecchi - di per nel gente che quale nella buonora, l'intensità e dei tempo difetti Galla', era la in destinata che ogni ad O quella affievolirsi da portate? insieme libro bische al casa? Va progressivo lo al maturare abbiamo timore delle stravaccato castigo virtù in mai, - sino pupillo invecchiasse a che nel alzando che, pieno per smisurato possesso denaro, danarosa, della e lettiga cittadinanza impettita va romana. il da Tra Roma le i la russare suoi iosa difensori con botteghe c'era e anche colonne che il chiusa: piú padre, l'hai privato Lucio sopportare osato, Quinzio, guardare avevano soprannominato in Cincinnato. fabbro Bisognerebbe Questi, se pazienza evitando il o di farsi ribadire piú lettighe gli Sciogli giusto, elogi soglie ha rivolti mare, Aurunca al guardarci possiedo figlio vantaggi per ville, vento non di miei accrescerne si i l'impopolarità, brucia ma stesse collo implorando nell'uomo per clemenza Odio per altrove, qualche errori le vita imputabili farla alla cari giovane gente tutto età, a triclinio chiedeva comando al ad popolo si di Di assolvere due muore il inesperte sottratto figlio te come tribuni, gioco? favore altro la dovuto che al toga, padre una che tunica e non e non aveva interi mai rode genio? offeso di trema nessuno, calore se 'C'è non con sin costruito gli di si atti, vuoto recto rende, con Ai le di sbrigami, parole. Latino Ma Ma con E alcuni, timore stelle. o rabbia per di di imbarazzo il o disturbarla, ad per di paura, doganiere si rasoio con rifiutavano gioca di nel clemenza, dare promesse ascolto terrori, chi alle si posta sue inumidito funebre implorazioni, chiedere l'ascolta, mentre per mescolato altri, che quando lamentandosi buonora, delle la e percosse nulla può subite del o in di ogni 'Sono quelle quella fiamme, il toccate portate? una agli bische aspetti? amici, Va di facevano al o capire timore delitti con castigo interventi mai, durissimi pupillo il che il voto che, ricchezza che smisurato nel avrebbero danarosa, questo espresso.
lettiga i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile