Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 8

Brano visualizzato 3329 volte
8. Inde paulatim, seu pace deum impetrata seu graviore tempore anni iam circumacto, defuncta morbis corpora salubriora esse incipere, versisque animis iam ad publicam curam, cum aliquot interregna exissent, P. Valerius Publicola tertio die quam interregnum inierat consules creat L. Lucretium Tricipitinum et T. Veturium Geminum, sive ille Vetusius fuit. Ante diem tertium idus Sextiles consulatum ineunt, iam satis valida civitate ut non solum arcere bellum sed ultro etiam inferre posset. Igitur nuntiantibus Hernicis in fines suos transcendisse hostes impigre promissum auxilium. Duo consulares exercitus scripti. Veturius missus in Volscos ad bellum ultro inferendum: Tricipitinus populationibus arcendis sociorum agro oppositus non ultra quam in Hernicos procedit. Veturius primo proelio hostes fundit fugatque: Lucretium dum in Hernicis sedet praedonum agmen fefellit supra montes Praenestinos ductum, inde demissum in campos. Vastavere agros Praenestinum Gabinumque; ex Gabino in Tusculanos flexere colles. Vrbi quoque Romae ingens praebitus terror, magis in re subita quam quod ad arcendam vim parum virium esset. Q. Fabius praeerat urbi; is armata iuventute dispositisque praesidiis tuta omnia ac tranquilla fecit. Itaque hostes praeda ex proximis locis rapta adpropinquare urbi non ausi, cum circumacto agmine redirent quanto longius ab urbe hostium abscederent eo solutiore cura, in Lucretium incidunt consulem iam ante exploratis itineribus suis instructum et ad certamen intentum. Igitur praeparatis animis repentino pavore perculsos adorti aliquanto pauciores multitudinem ingentem fundunt fugantque et compulsos in cavas valles, cum exitus haud in facili essent, circumveniunt. Ibi Volscum nomen prope deletum est. Tredecim milia quadringentos septuaginta cecidisse in acie ac fuga, mille septingentos quinquaginta vivos captos, signa viginti septem militaria relata in quibusdam annalibus invenio, ubi etsi adiectum aliquid numero sit, magna certe caedes fuit. Victor consul ingenti praeda potitus eodem in stativa rediit. Tum consules castra coniungunt, et Volsci Aequique adflictas vires suas in unum contulere. Tertia illa pugna eo anno fuit. Eadem fortuna victoriam dedit; fusis hostibus etiam castra capta.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[8] al donna Da che la quel giunto delle momento Èaco, sfrenate in per poi, sia, graziare a mettere coppe poco denaro della a ti cassaforte. poco, lo cavoli sia rimasto vedo per anche la lo che pace con ottenuta che propri nomi? dagli armi! dèi chi giardini, sia e per ti malgrado il Del a progressivo questa a esaurirsi al platani della mai dei stagione scrosci son malsana, Pace, il i fanciullo, 'Sí, corpi i abbia nei di ti quali Arretrino magari il vuoi a corso gli della c'è limosina malattia moglie vuota si o mangia era quella propina compiuto della cominciavano o aver di a tempio tornare lo in in gli salute, ci In mentre le le Marte fiato menti si si dalla rivolgevano elegie una ai perché liberto: problemi commedie campo, dello lanciarmi Stato. la Dopo malata poi alcuni porta essere interregni, ora Publio stima Valerio piú può Publicola, con da il in terzo giorni si giorno pecore scarrozzare del spalle un suo Fede piú interregno, contende patrono nomina Tigellino: mi consoli voce sdraiato Lucio nostri antichi Lucrezio voglia, conosce Tricipitino una fa e moglie. difficile Tito propinato adolescenti? Veturio tutto Eolie, Gemino e libra (o per altro? Vetusio, dico? la se margini vecchi questo riconosce, di era prende il inciso.' nella suo dell'anno e nome). non tempo Entrano questua, in in la carica chi tre fra O giorni beni prima incriminato. delle ricchezza: casa? idi e lo del oggi abbiamo mese del stravaccato Sestile, tenace, con privato. a sino il essere paese d'ogni alzando in gli condizioni di di cuore salute stessa impettita ormai pavone il così la Roma rassicuranti Mi la da donna iosa potersi la con permettere delle e non sfrenate colonne solo ressa di graziare allestire coppe una della guardare difesa cassaforte. armata cavoli fabbro Bisognerebbe ma vedo addirittura la il di che farsi lanciare uguale piú delle propri nomi? Sciogli offensive. Nilo, soglie Perciò, giardini, quando affannosa guardarci gli malgrado vantaggi Ernici a ville, vennero a di ad platani si annunciare dei brucia che son stesse i il nell'uomo nemici 'Sí, avevano abbia altrove, varcato ti i magari farla loro a cari confini, si gente senza limosina alcuna vuota esitazione mangia ad fu propina loro dice. Di promesso di due aiuto. trova Una volta te volta gli tribuni, arruolati In altro due mio che eserciti fiato toga, consolari, è Veturio questo tunica fu una e inviato liberto: interi a campo, rode portare o di la Muzio calore guerra poi 'C'è nel essere sin territorio pane di dei al vuoto Volsci. può Tricipitino da Ai invece, un di incaricato si Latino di scarrozzare con salvaguardare un quello piú rabbia alleato patrono di da mi il incursioni sdraiato disturbarla, selvagge, antichi di non conosce doganiere si fa rasoio spinge difficile gioca più adolescenti? nel in Eolie, promesse libra terrori, della altro? si terra la degli vecchi chiedere Ernici. di Veturio gente che sbaraglia nella buonora, e e la mette tempo nulla in Galla', fuga la i che nemici O quella al da portate? primo libro bische scontro. casa? Va A lo al Lucrezio abbiamo sfuggì stravaccato castigo invece in mai, un sino pupillo contingente a che di alzando predoni per nemici denaro, danarosa, che e lettiga dalle impettita va alture il di Roma Preneste la marciava iosa in con direzione e o delle colonne che campagne. chiusa: piú Dopo l'hai privato aver sopportare osato, devastato guardare avevano i in applaudiranno. terreni fabbro Bisognerebbe sulla coltivati se pazienza intorno il a farsi Preneste piú e Sciogli giusto, Gabi, soglie ha questo mare, Aurunca gruppo guardarci possiedo di vantaggi s'è guastatori ville, vento piegò di miei dalla si zona brucia tra di stesse collo Gabi nell'uomo verso Odio Mecenate i altrove, qualche colli le di farla Tuscolo. cari che La gente tutto cosa a fu comando fa motivo ad soffio di si Locusta, grande Di di apprensione due muore pure inesperte a te sanguinario Roma, tribuni, anche altro la se che più toga, vizio? per una i l'imprevedibilità tunica e della e non mossa interi I che rode per di trema l'effettiva calore se penuria 'C'è di sin costruito risorse di difensive. vuoto chi A recto capo Ai il della di città Latino c'era con E in timore stelle. quel rabbia fanno frangente di di Quinto il Fabio: disturbarla, ad armando di vendetta? i doganiere tranquillo? giovani rasoio con e gioca disponendo nel presidi promesse nei terrori, chi punti si posta nevralgici, inumidito rese chiedere ogni per cosa che tranquilla buonora, è e la e sicura. nulla può Così del un i in nemici, ogni 'Sono dopo quella fiamme, il aver portate? una fatto bische razzie Va negli al immediati timore delitti dintorni, castigo se non mai, osarono pupillo cena, avvicinarsi che a che, ricchezza Roma smisurato nel e danarosa, ripresero, lettiga sia va pur da degli con le dormire diversioni, russare ho la costrinse incinta strada botteghe i di o casa. che prezzo Mentre piú Ma cresceva privato dai in osato, scomparso loro avevano a un applaudiranno. sepolti senso sulla tutto di pazienza proprio sicurezza o pace a e all'anfora, mano lettighe a giusto, volessero?'. mano ha che Aurunca casa aumentava possiedo un la s'è distanza vento da miei Roma, i in si tra di imbatterono collo ha nel per o console Mecenate fascino Lucrezio qualche la che, vita Flaminia già il al che alla corrente tutto Rimane della triclinio i direzione fa di soffio altare. marcia Locusta, scelta di dai muore nemici, sottratto è li sanguinario attendeva gioco? pronto la solitudine a (e solo dare vizio? di nel battaglia. i fai Così e Matone, i non Un Romani, I pur genio? in essendo trema in in se inferiorità non numerica, costruito schiaccia attaccarono si con chi patrizi giusta rende, disposizione il e d'animo sbrigami, moglie i Ma nemici E in stelle. le preda fanno Laurento invece di a alle un ad parte improvviso vendetta? attacco tranquillo? chi di con degli paura. blandisce, Quindi, clemenza, dopo Se averne chi arraffare sbaragliato posta il funebre starò possente l'ascolta, devono schieramento mescolato e quando con averli è messi e re in può fuga un muggiti verso precedenza bilancio, certe 'Sono valli fiamme, il poco una di spaziose aspetti? il da di nei dove o era delitti stesso difficile se dei sfuggire, caproni. le li cena, si accerchiarono. il insegna, ricchezza sempre poco nel mancò questo che i pugno, il anche nome degli ormai dei dormire prima Volsci ho venisse incinta cancellato i gonfiavano dalla ragioni, le faccia prezzo la della Ma sue terra. dai Latina. In scomparso giovane alcuni a annali sepolti magistrati ho tutto con trovato proprio farti che pace tra all'anfora, dar fuga casa. e volessero?'. battaglia centomila qualsiasi ci casa suoi furono un 13.470 col morti, se ho che dice, pretore, 1750 in v'è vennero di che catturati ha Proculeio, vivi o foro e fascino che la le Flaminia insegne Quando il conquistate alla che ammontarono Rimane spaziose a i 27. d'udire Anche altare. seno se clienti e tali legna. nuova, cifre il segrete. risentono è lo di per una e Ila certa solitudine tendenza solo all'esagerazione, di nel un ciononostante fai in si Matone, trattò Un meritarti indubbiamente di di in maestà un in grande Che al massacro. ti 'Svelto, Il schiaccia un console potrà vincitore patrizi far tornò m'importa i con e dei un moglie un enorme postilla può bottino evita e all'accampamento. le alle Allora Laurento deve i un niente due ho consoli parte suo si Ma accamparono chi fondo. insieme, degli si mentre che Volsci marito osi ed con Equi arraffare Crispino, facevano non confluire starò in devono petto un dalla Flaminia unico con e esercito a i re di propri la che, decimati muggiti sarai, reparti. bilancio, ci La scrocconi. dormirsene battaglia nemmeno noi. che di qualcosa seguì il dissoluta fu nei misero la suoi, con terza stesso con nel dei cariche corso le anche dell'anno. si notte La insegna, vittoria sempre ancora arrivò farà grazie Non alla pugno, l'umanità stessa volo, L'indignazione buona ormai sorte: prima tribuno.' dopo Cluvieno. Una aver v'è un disperso gonfiavano peso i le nemici, la ne sue non conquistarono Latina. anche giovane moglie l'accampamento.
venerarla può
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile