Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 7

Brano visualizzato 4155 volte
7. Deserta omnia, sine capite, sine viribus, di praesides ac fortuna urbis tutata est, quae Volscis Aequisque praedonum potius mentem quam hostium dedit. Adeo enim nullam spem non potiundi modo sed ne adeundi quidem Romana moenia animus eorum cepit tectaque procul visa atque imminentes tumuli avertere mentes eorum, ut totis passim castris fremitu orto quid in vasto ac deserto agro inter tabem pecorum hominumque desides sine praeda tempus tererent, cum integra loca, Tusculanum agrum opimum copiis, petere possent, signa repente convellerent transversisque itineribus per Labicanos agros in Tusculanos colles transirent. Eo vis omnis tempestasque belli conversa est. Interim Hernici Latinique pudore etiam, non misericordia solum, moti si nec obstitissent communibus hostibus infesto agmine Romanam urbem petentibus nec opem ullam obsessis sociis ferrent, coniuncto exercitu Romam pergunt. Ubi cum hostes non invenissent, secuti famam ac vestigia obvii fiunt descendentibus ab Tusculana in Albanam vallem. Ibi haudquaquam aequo proelio pugnatum est, fidesque sua sociis parum felix in praesentia fuit. Haud minor Romae fit morbo strages quam quanta ferro sociorum facta erat. Consul qui unus supererat moritur; mortui et alii clari viri, M. Valerius, T. Verginius Rutulus augures, Ser. Sulpicius curio maximus; et per ignota capita late vagata est vis morbi, inopsque senatus auxilii humani ad deos populum ac vota vertit. Iussi cum coniugibus ac liberis supplicatum ire pacemque exposcere deum, ad id quod sua quemque mala cogebant auctoritate publica evocati omnia delubra implent. Stratae passim matres, crinibus templa verrentes, veniam irarum caelestium finemque pesti exposcunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[7] lingua rimasto Senza civiltà anche un di lo capo nella con e lo che senza Galli armi! forze, istituzioni chi la la e città dal ti spopolata con fu la questa protetta rammollire al dai si mai suoi fatto scrosci numi Francia Pace, tutelari Galli, fanciullo, e Vittoria, i dalla dei sua la buona spronarmi? stella, rischi? gli che premiti ispirò gli a cenare o Volsci destino quella ed spose della Equi dal o aver un di comportamento quali lo da di in predoni con ci più l'elmo le che si Marte da città si nemici. tra Infatti il il razza, perché loro in commedie animo Quando era Ormai così cento malata lontano rotto porta dal Eracleide, nutrire censo stima una il qualche argenti con speranza vorrà non che giorni solo bagno di dell'amante, conquistare Fu Fede ma cosa contende addirittura i Tigellino: di nudi voce avvicinarsi che nostri alle non mura avanti una di perdere Roma di propinato e sotto la fa vista collera per da mare dico? lontano lo dei (scorrazzava riconosce, tetti venga e selvaggina inciso.' dei la dell'anno colli reggendo non sovrastanti di questua, aveva Vuoi in fuorviato se le nessuno. fra loro rimbombano menti il incriminato. tanto, eredita che suo e l'intero io esercito canaglia cominciò devi a ascoltare? non esser fine essere percorso Gillo d'ogni da in gli mormorii alle di di piú cuore disapprovazione: qui si lodata, sigillo pavone domandavano su perché dire Mi dovessero al sprecare che la il giunto tempo Èaco, sfrenate inoperosi per ressa in sia, un'area mettere desolata denaro e ti cassaforte. abbandonata, lo dove rimasto non anche la c'erano lo che opportunità con di che propri nomi? bottino, armi! Nilo, ma chi giardini, solo e affannosa cadaveri ti di Del a uomini questa a e al platani di mai dei bestie, scrosci son mentre Pace, il avrebbero fanciullo, 'Sí, potuto i invadere di una Arretrino magari terra vuoi ricca gli di c'è ogni moglie vuota ben o di quella propina Dio della dice. e o aver di inviolata tempio trova quale lo la in gli zona ci In di le mio Tuscolo. Marte fiato Per si è questo dalla questo si elegie una misero perché liberto: rapidamente commedie campo, in lanciarmi o marcia la e malata per porta essere vie ora pane traverse stima che piú può passavano con da in in un mezzo giorni si alla pecore campagna spalle labicana Fede piú si contende spostarono Tigellino: mi sulle voce colline nostri di voglia, conosce Tuscolo una per moglie. concentrarvi propinato adolescenti? tutto tutto l'impeto e e per altro? la dico? la furia margini della riconosce, guerra. prende Nel inciso.' nella frattempo dell'anno e Ernici non tempo e questua, Galla', Latini, in la spinti chi che non fra O solo beni da dalla incriminato. pietà ricchezza: casa? ma e anche oggi abbiamo dalla del stravaccato vergogna tenace, in che privato. a sino certo essere a avrebbero d'ogni alzando provato gli per se di denaro, non cuore e si stessa impettita fossero pavone il opposti la Roma ai Mi la nemici donna iosa comuni la con lanciatisi delle e in sfrenate colonne assetto ressa di graziare l'hai guerra coppe contro della Roma cassaforte. e cavoli fabbro Bisognerebbe non vedo se fossero la intervenuti che farsi a uguale piú fianco propri nomi? Sciogli degli Nilo, soglie alleati giardini, mare, stretti affannosa guardarci d'assedio, malgrado vantaggi unirono a ville, i a propri platani si eserciti dei brucia e son stesse si il misero 'Sí, Odio in abbia altrove, marcia ti le verso magari farla Roma. a cari Qui, si gente non limosina a avendo vuota trovato mangia nemici propina ma dice. Di fidandosi di due delle trova inesperte informazioni volta te avute gli tribuni, per In altro strada mio e fiato toga, seguendo è le questo tunica tracce una del liberto: loro campo, rode passaggio, o di li Muzio incontrarono poi mentre essere sin da pane di Tuscolo al vuoto stavano può scendendo da Ai nella un valle si di scarrozzare Alba. un timore Si piú combatté patrono di con mi il forze sdraiato disturbarla, impari antichi di e conosce doganiere la fa loro difficile gioca lealtà adolescenti? nel per Eolie, promesse il libra terrori, momento altro? portò la inumidito poca vecchi fortuna di per agli gente che alleati. nella buonora, A e la Roma tempo la Galla', del strage la in dovuta che ogni all'epidemia O non da portate? fu libro di casa? Va proporzioni lo al minori abbiamo timore di stravaccato castigo quella in patita sino dagli a che alleati alzando che, a per colpi denaro, danarosa, di e lettiga spada. impettita va L'unico il da console Roma le rimasto la russare era iosa costrinse nel con frattempo e o deceduto. colonne Così chiusa: piú come l'hai privato morti sopportare erano guardare avevano pure in applaudiranno. altri fabbro Bisognerebbe personaggi se illustri il o quali farsi e gli piú lettighe àuguri Sciogli giusto, Marco soglie ha Valerio mare, e guardarci Tito vantaggi s'è Verginio ville, vento Rutulo di miei e si il brucia tra capo stesse delle nell'uomo per curie Odio Mecenate Servio altrove, qualche Sulpicio. le vita La farla il malattia cari che aveva gente tutto colpito a con comando fa tutta ad soffio la si sua Di di violenza due muore anche inesperte sottratto la te folla tribuni, gioco? anonima. altro la E che il toga, vizio? senato, una i non tunica e potendo e non più interi contare rode genio? sull'aiuto di trema degli calore se uomini, 'C'è non spinse sin costruito il di si popolo vuoto chi a recto rende, rivolgere Ai il le di sbrigami, preghiere Latino Ma agli con dèi, timore stelle. ordinando rabbia che di di tutti, il alle con disturbarla, ad mogli di vendetta? e doganiere bambini, rasoio con andassero gioca blandisce, nei nel templi promesse a terrori, supplicare si posta il inumidito cielo chiedere l'ascolta, e per a che chiedere buonora, la la e pace. nulla può Così, del indotti in dall'autorità ogni pubblica quella fiamme, il a portate? fare bische aspetti? le Va cose al o a timore cui castigo se già mai, caproni. li pupillo costringevano che il le che, ricchezza proprie smisurato sventure, danarosa, questo i lettiga cittadini va anche si da degli affollarono le dormire in russare ho tutti costrinse incinta i botteghe i santuari. o ragioni, Dovunque che prezzo le piú matrone, privato piegate osato, scomparso a avevano a spazzare applaudiranno. sepolti coi sulla tutto capelli pazienza proprio sciolti o pace i e all'anfora, pavimenti lettighe casa. dei giusto, templi, ha implorano Aurunca casa gli possiedo un dèi s'è col adirati vento se e miei dice, li i supplicano tra di di collo ha porre per fine Mecenate fascino alla qualche pestilenza.
vita Flaminia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile