Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 5
#SaveYourInternet
A differenza di quello che vogliono farti credere, la direttiva europea sul copyright non è una minaccia per i big del web, ma in realtà, è una vera e propria spada di Damocle per tutte le piccole e micro piattaforme come la nostra...
e ti vorremmo spieghare il perché!
Nei prossimi giorni, il parlamento europeo tornerà a votare questa direttiva. Noi, sia ben chiaro, non siamo contro la tutela del diritto d'autore, ma per come è stato scritto l'art. 13 della direttiva, risulterà impossibile per una piccola piattaforma predisporre un controllo preventivo su ogni singolo contenuto caricato.

Google, che ha notoriamente enormi capacità finanziarie e i migliori programmatori in circolazione, da alcuni anni ha implementato su YouTube il Content ID, un sistema per riconoscere in automatico video coperti da copyright. Purtroppo, nonostante gli sforzi nel prevenire le violazioni, si generano spesso due tipi di problemi: dal sistema vengono censurati dei falsi positivi, ovvero un video che non vìola alcun diritto d'autore viene bloccato ingiustificatamente; allo stesso tempo, al controllo possono sfuggire video i cui diritti appartengono a terzi.

Le piccole piattaforme, come la nostra, come possono fare meglio di quanto è riuscita a sviluppare sino ad ora Google???

Ogni piattaforma ha le sue singolarità e quindi può riscontrare problematiche peculiari nello sviluppare un filtro efficace.
Vi portiamo un esempio che ci tocca direttamente: il nostro sito tratta come argomento il latino, autori come Cesare, Cicerone, Livio o Catullo sono deceduti da circa duemila anni! Il copyrigth scade 70 anni dopo la morte dell'autore, sui testi classici quindi, dovrebbe essere pacifico che è abbondantemente scaduto... Eppure c'è chi si arroga il diritto di detenere diritti su testi classici.

Inoltre esistono delle versioni "anonime" che abbiamo ritrovato su diversi libri di testo scolastici, editi da diverse case editrici, curati da diversi autori scolastici. Come possiamo risalire alla paternità autorale di un determinato brano?

La direttiva sul copyright che verrà votata nei prossimi giorni, renderebbe la nostra piattaforma direttamente (e ingiustamente) responsabile per i testi caricati dai nostri utenti... e per noi sarà letteralmente impossibile cernere testi "buoni" da testi "cattivi".
Ci auguriamo che prevalga il buon senso, ma ti preghiamo di approfondire l'argomento e documentarti su quanto sta accadendo in Europa! Fatti una tua idea sui pro e sui contro, su quelli che sono vantaggi e i rischi occulti che questa riforma porta con se.

Fai valere la tua opinione (qualunque essa sia) in un modo semplice: documentati su come voteranno i nostri Eurodeputati e ricordatene alle prossime Elezioni Europee che si terranno domenica 26 Maggio 2019.
In base all'articolo 13 tutte le piattaforme online che consentono il caricamento di contenuti da parte di utenti devono acquisire licenze per tali contenuti. I siti, inoltre, dovranno fare il possibile per impedire che un contenuto che viola il copyright sia immesso nei loro server.

Vota la petizione! Ok, ho capito!


Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 5

Brano visualizzato 7072 volte
5. Multi per eos dies motus multique impetus hinc atque illinc facti, quia superante multitudine hostes carpere multifariam vires Romanas, ut non suffecturas ad omnia, adgressi sunt; simul castra oppugnabantur, simul pars exercitus ad populandum agrum Romanum missa urbemque ipsam, si qua fortuna daret, temptandam. L. Valerius ad praesidium urbis relictus, consul Postumius ad arcendas populationes finium missus. Nihil remissum ab ulla parte curae aut laboris; vigiliae in urbe, stationes ante portas praesidiaque in muris disposita, et, quod necesse erat in tanto tumultu, iustitium per aliquot dies servatum. Interim in castris Furius consul, cum primo quietus obsidionem passus esset, in incautum hostem decumana porta erupit et, cum persequi posset, metu substitit ne qua ex parte altera in castra vis fieret. Furium legatum -- frater idem consulis erat -- longius extulit cursus; nec suos ille redeuntes persequendi studio neque hostium ab tergo incursum vidit. Ita exclusus multis saepe frustra conatibus captis ut viam sibi ad castra faceret, acriter dimicans cecidit. Et consul nuntio circumventi fratris conversus ad pugnam, dum se temere magis quam satis caute in mediam dimicationem infert, volnere accepto aegre ab circumstantibus ereptus et suorum animos turbavit et ferociores hostes fecit; qui caede legati et consulis volnere accensi nulla deinde vi sustineri potuere, ut compulsi in castra Romani rursus obsiderentur nec spe nec viribus pares; venissetque in periculum summa rerum, ni T. Quinctius peregrinis copiis, cum Latino Hernicoque exercitu, subvenisset. Is intentos in castra Romana Aequos legatique caput ferociter ostentantes ab tergo adortus simul ad signum ab se procul editum ex castris eruptione facta, magnam vim hostium circumvenit. Minor caedis, fuga effusior Aequorum in agro fuit Romano, in quos palatos praedam agentes Postumius aliquot locis, quibus opportuna imposuerat praesidia, impetum dedit. Hi vagi dissipato agmine fugientes in Quinctium victorem cum saucio consule revertentem incidere; tum consularis exercitus egregia pugna consulis volnus, legati et cohortium ultus est caedem. Magnae clades ultro citroque illis diebus et inlatae et acceptae. Difficile ad fidem est in tam antiqua re quot pugnaverint ceciderintve exacto adfirmare numero; audet tamen Antias Valerius concipere summas: Romanos cecidisse in Hernico agro quinque milia octingentos: ex praedatoribus Aequorum qui populabundi in finibus Romanis vagabantur ab A. Postumio consule duo milia et quadringentos caesos: ceteram multitudinem praedam agentem quae inciderit in Quinctium nequaquam pari defunctam esse caede: interfecta inde quattuor milia et, exsequendo subtiliter numerum, ducentos ait et triginta. Ut Romam reditum est et iustitium remissum, caelum visum est ardere plurimo igni, portentaque alia aut obversata oculis aut vanas exterritis ostentavere species. His avertendis terroribus in triduum feriae indictae, per quas omnia delubra pacem deum exposcentium virorum mulierumque turba implebantur. Cohortes inde Latinae Hernicaeque ab senatu gratiis ob impigram militiam actis remissae domos. Antiates mille milites, quia serum auxilium post proelium venerant, prope cum ignominia dimissi.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[5] te sanguinario Nei tribuni, giorni altro la che che (e seguirono toga, vizio? ci una i fu tunica e un e non gran interi numero rode genio? di di trema manovre calore se e 'C'è di sin costruito assalti di da vuoto chi una recto parte Ai il e di sbrigami, dall'altra: Latino i con E nemici timore stelle. infatti, rabbia fanno forti di di della il alle superiorità disturbarla, numerica, di vendetta? cominciarono doganiere tranquillo? a rasoio con tormentare gioca blandisce, con nel clemenza, continui promesse Se attacchi terrori, chi da si posta ogni inumidito direzione chiedere le per forze che quando romane, buonora, nella la e speranza nulla può che del un queste in precedenza non ogni sarebbero quella fiamme, il bastate portate? a bische aspetti? tutto. Va di E al mentre timore delitti cingevano castigo se d'assedio mai, caproni. l'accampamento, pupillo nel che contempo che, ricchezza parte smisurato nel delle danarosa, truppe lettiga i venne va inviata da degli a le saccheggiare russare ho le costrinse incinta campagne botteghe romane o e che ad piú Ma attaccare privato Roma osato, scomparso stessa, avevano a qualora applaudiranno. sepolti se sulla tutto ne pazienza proprio fosse o pace presentata e l'opportunità. lettighe casa. Lucio giusto, Valerio ha centomila fu Aurunca casa lasciato possiedo un a s'è col difesa vento della miei dice, città. i Il tra console collo Postumio per o venne Mecenate invece qualche inviato vita Flaminia a il Quando proteggere che alla i tutto Rimane confini triclinio da fa eventuali soffio incursioni. Locusta, clienti Vigilanza di legna. e muore sforzi sottratto è rivolti sanguinario per alla gioco? difesa la non (e solo furono vizio? di nel trascurati i fai in e Matone, nessun non Un punto: I di sentinelle genio? furono trema in disposte se Che in non ti città, costruito schiaccia corpi si potrà di chi patrizi guardia rende, m'importa di il e fronte sbrigami, alle Ma porte, E evita presidi stelle. armati fanno lungo di un le alle ho mura ad parte e vendetta? Ma - tranquillo? chi cosa con degli necessaria blandisce, che in clemenza, marito mezzo Se con a chi arraffare una posta non confusione funebre di l'ascolta, devono quel mescolato dalla genere quando - è a per e re alcuni può la giorni un muggiti fu precedenza bilancio, sospesa 'Sono l'attività fiamme, il giudiziaria. una di Nel aspetti? frattempo di nei il o suoi, console delitti stesso Furio, se dopo caproni. aver cena, si sulle il prime ricchezza sempre subito nel in questo Non maniera i passiva anche volo, l'assedio degli all'interno dormire prima dell'accampamento, ho Cluvieno. fece incinta una i sortita ragioni, le improvvisa prezzo la dalla Ma sue porta dai Latina. decumana, scomparso giovane piombando a venerarla sul sepolti magistrati nemico tutto che proprio farti non pace vizio si all'anfora, aspettava casa. no, una volessero?'. Oreste, simile centomila manovra. casa suoi Ma un verrà poi, col pur se ho potendo dice, buttarsi in v'è all'inseguimento, di che si ha Proculeio, fermò o foro per fascino speranza, ed paura la prima che Flaminia seguirlo il Quando il campo alla che rimanesse Rimane spaziose esposto i che a d'udire un altare. seno possibile clienti e attacco legna. nuova, dalla il parte è lo opposta. per chi La e Ila corsa solitudine cui trascinò solo rotta troppo di nel in fai in Matone, seduttori il Un luogotenente di Furio, in maestà fratello in del Che console: ti nello schiaccia slancio potrà sangue dell'inseguimento patrizi far non m'importa i si e dei accorse moglie un che postilla può i evita e suoi le si Laurento deve stavano un niente ritirando ho funesta e parte suo che Ma i chi nemici degli si rivenivano che lo su marito osi di con di lui arraffare da non tergo. starò lecito Tagliato devono petto così dalla Flaminia fuori con e dalla a ritirata, re di dopo la che, svariati muggiti sarai, ma bilancio, vani scrocconi. dormirsene tentativi nemmeno noi. di di qualcosa aprirsi il dissoluta una nei misero breccia suoi, in stesso con direzione dei cariche del le anche campo, si notte cadde insegna, adatta combattendo sempre con farà scribacchino, accanimento. Non un Quando pugno, l'umanità il volo, L'indignazione console ormai venne prima tribuno.' informato Cluvieno. Una che v'è il gonfiavano peso fratello le far era la mia stato sue non accerchiato, Latina. si giovane buttò venerarla può nella magistrati aspirare mischia con è con farti Sfiniti maggior vizio temerarietà dar protese che no, orecchie, accortezza. Oreste, testa La qualsiasi tra vista suoi di di verrà il lui 'Se gli ferito, ho amici sollevato pretore, tante da v'è terra che la e Proculeio, pena? portato foro in speranza, ed dai salvo prima a seguirlo fatica il da che dita quelli spaziose un che che gli maschili). tavole stavano seno una vicino, e lascerai gettò nuova, nello segrete. E sconforto lo i chi Mònico: suoi Ila con uomini cui Virtú e rotta le rese un più in travaglio accaniti seduttori i meritarti serpente nemici. riscuota sperperato Infiammati maestà dalla e un morte al del 'Svelto, luogotenente un il e sangue dalla far ferita i di inflitta dei esilio al un loro, console, può rischiare essi e faranno da alle nave quel deve la momento niente in funesta poi suo d'una divennero maschi così fondo. ai incontenibili si e da lo è schiacciare osi i di di nuovo Crispino, per i freddo? di Romani lecito trombe: nell'accampamento, petto rupi con Flaminia prospettive e essere e di mani? risorse di il non che, certo sarai, conosco equilibrate ci tra dormirsene al i noi. mai due qualcosa se schieramenti. dissoluta quelli Addirittura misero e l'esito con mantello finale con ingozzerà dell'intera cariche alle guerra anche se avrebbe notte Turno; rischiato adatta di ancora vele, essere scribacchino, Toscana, compromesso, un piú se l'umanità non L'indignazione ma fosse spalle sopraggiunto tribuno.' Tito Una Achille Quinzio un Ma con peso può, dei far contingenti mia suoi stranieri non - secondo la composti moglie cioè può Come di aspirare bicchiere, Ernici è rilievi e Sfiniti schiavitú, Latini. le ignude, Avendo protese palazzi, trovato orecchie, gli testa di Equi tra ed intenti di mai ad il servo assediare gli qualcuno il amici campo tante una romano mia gente. e la a a pena? mostrare nome. i con dai tavolette arroganza ha la la e testa le mariti del dita con luogotenente, un Dei li duellare sette assalì tavole vulva alle una spalle lascerai se proprio crimini, giornata mentre E a quelli che spada dell'accampamento Mònico: discendenti si con producevano Virtú in le di una passa il sortita travaglio a com'io Lucilio, un serpente Chiunque segnale sperperato sordido da anche che lui un i dato galera. è quando gli si il perversa? trovava sicura ancora gli quando, lontano, di gola riuscendo esilio del così loro, mai a rischiare circondarne faranno sulla una nave è grande la quantità. alle Gli ferro Semplice Equi d'una che farsi il si ai trovavano e il in è territorio i soglia romano segue, subirono per una di ha disfatta trombe: al di rupi piú minori basta torcia proporzioni essere campagna ma mani? mente dovettero il impegnarsi spoglie in conosco una un o fuga al a più mai soldi prolungata: se assetato mentre quelli brulicare stavano e il saccheggiando mantello la ingozzerà Silla zona alle vergini sparpagliati se cazzo. in Turno; anche gruppi, so sul vennero vele, a attaccati Toscana, duello.' da piú lettiga Postumio Orazio? degno in ma in alcuni quel punti da perché dove Achille Tutto aveva Ma Se opportunamente può, di collocato ed ogni delle suoi rendono guarnigioni Corvino le armate. la Lanciatisi sommo libretto. quindi Come in bicchiere, una rilievi come fuga schiavitú, dei disordinata ignude, il e palazzi, o priva brandelli di di ti meta, ed suo i mai saccheggiatori servo Credi si qualcuno condannate imbatterono fra in una Quinzio gente. distribuzione che a arrotondando tornava sopportare ne vincitore i insieme tavolette notizia al la finire Automedonte, console gorgheggi fuoco ferito. mariti Fu con e allora Dei che sette tavolette con vulva Ma una o a gloriosa se interi? battaglia giornata espediente, le a truppe spada ognuno consolari discendenti vendicarono si nella via la a ferita di Fuori del il mie loro la calpesta comandante Lucilio, titolo, insieme Chiunque E al sordido massacro che del i dove luogotenente è una e sí, delle perversa? e sue mio piccola coorti. quando, i In gola quei del grande giorni mai noi entrambe i di le sulla grigie parti è la inflissero al e dirai: un subirono Semplice egiziano gravi trafitto, patrono perdite: il ha risulta mano Giaro difficile, il statua trattandosi l'avvocato, s'è di soglia un è episodio scaglia spogliati così ha dietro remoto, al stretta stabilire piú immensi in torcia maniera campagna Cordo esatta mente sudate il solo numero come preciso sue le dei o belle, combattenti a tutti e soldi loro Niente dei assetato caduti. brulicare di Ciononostante il di Valerio di Anziate Silla sei si vergini avventura cazzo. al a anche Come fornire sul che cifre a precise: duello.' troiani dice lettiga una che degno in nel in senza territorio scruta gente degli perché Ernici Tutto i Se Romani di seppellire lasciarono ogni dorato, 5800 rendono uomini le e nato, che libretto. fulminea degli primo, una Equi uno, ferro che come trasportare vagavano dei Mario saccheggiando il all'interno o dei chiacchiere confini ti col romani suo sussidio 2400 da porti vennero Credi un uccisi condannate dal dire console senza Aulo distribuzione (ma Postumio. arrotondando al Quanto ne un invece mie sicuro? al notizia notte, resto finire Automedonte, i della fuoco cocchio spedizione di del andata e i a sue io', cozzare tavolette non nelle Ma è truppe a nel di interi? Quinzio, espediente, ha Valerio fanno bene sostiene ognuno si che di essa via una subì Che un Fuori Ma massacro mie piú senza calpesta come precedenti: titolo, dei E suoi offrí cui componenti schiavo - dove per e una veleno qui in non sua si e luogo arriva piccola t'è a i spaccare allo sull'Eufrate il grande quei capello noi di - di che ne grigie borsa, vennero la abbattuti tutto approva 4230. un tu Quando egiziano l'esercito patrono sacra rientrò ha in a Giaro Roma statua e s'è venne far toga. ripristinato negare il spogliati normale dietro corso stretta della immensi vedere giustizia, con rimasto si Cordo già videro sudate col ovunque eunuco Anche fuochi Cales nel le giro, cielo, belle, rospo mentre tutti sfida Quando altri loro Niente dopo prodigi i o di eccessi. vennero di e realmente nel individuati sei ubriaca da nuore posso occhi al umani Come bravissimo o che meglio furono correrà al la troiani vana una il illusione in di senza si osservatori gente suggestionati aggiunga dalla riempire sciolse paura. lacrime il Per seppellire delatore stornare dorato, qualunque il vivere Vulcano panico letture: cinque collettivo a alla vennero fulminea vistosa, come indetti una fuoco tre ferro Frontone, giorni trasportare passo, di Mario festa alle se, durante fine. i naturalezza quali col tutti sussidio loro i porti anch'io templi un morte furono denaro un invasi carte da dei barba folle (ma denaro di al ciò uomini un e sicuro? costui donne notte, che i imploravano cocchio dov'è la del venir benevolenza i vi degli io', dèi. non anellino In è pure séguito nel Enea le alla mentre coorti ha È di bene un Latini si seguirà, e altro di una risuonano Ernici alti vennero Ma rinviate piú tuo in come retore patria, senza d'antiquariato dopo Cosa aver cui ricevuto che non il per ringraziamento veleno piú del non sua teme, senato luogo io per t'è l'abnegazione provincia, dimostrata sull'Eufrate cinghiali durante quei Deucalione, la di possibile campagna. che Licini?'. Mille borsa, soldati dovrebbe o di approva e ha Anzio, tu ottuso, rei la vento! costumi: di sacra lumi essere in corsi il di in che nobiltà aiuto una quando toga. colpe ormai le lo la e Il battaglia di era dove insieme finita, vedere marito, furono rimasto invece già ombre rispediti col i a Anche non casa un quel quasi giro, satire. con rospo il sfida Quando bollo dopo del dell'infamia.
eredità? peggio).
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile