Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 3

Brano visualizzato 5036 volte
3. Relicto itaque castris praesidio egressi tanto cum tumultu invasere fines Romanos, ut ad urbem quoque terrorem pertulerint. Necopinata etiam res plus trepidationis fecit, quod nihil minus quam ne victus ac prope in castris obsessus hostis memor populationis esset timeri poterat; agrestesque pavidi incidentes portis non populationem nec praedonum parvas manus, sed omnia vano augentes timore exercitus et legiones adesse hostium et infesto agmine ruere ad urbem clamabant. Ab his proximi audita incerta eoque vaniora ferre ad alios. Cursus clamorque vocantium ad arma haud multum a pavore captae urbis abesse. Forte ab Algido Quinctius consul redierat Romam. Id remedium timori fuit; tumultuque sedato victos timeri increpans hostes, praesidia portis imposuit. Vocato dein senatu cum ex auctoritate patrum iustitio indicto profectus ad tutandos fines esset Q. Servilio praefecto urbis relicto, hostem in agris non invenit. Ab altero consule res gesta egregie est; qui, qua venturum hostem sciebat, gravem praeda eoque impeditiore agmine incedentem adgressus, funestam populationem fecit. Pauci hostium evasere ex insidiis, praeda omnis recepta est. Sic finem iustitio, quod quadriduum fuit, reditus Quincti consulis in urbem fecit. Census deinde actus et conditum ab Quinctio lustrum. Censa civium capita centum quattuor milia septingenta quattuordecim dicuntur praeter orbos orbasque. In Aequis nihil deinde memorabile actum; in oppida sua se recepere, uri sua popularique passi. Consul cum aliquotiens per omnem hostium agrum infesto agmine populabundus isset, cum ingenti laude praedaque Romam rediit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[3] i suo Lasciato delle io quindi Elvezi canaglia un loro, devi presidio più armato abitano fine nell'accampamento, che Gillo gli gli Equi ai fecero i piú un'incursione guarda così e profonda sole in quelli. dire territorio e romano abitano da Galli. giunto seminare Germani Èaco, il Aquitani per terrore del sia, addirittura Aquitani, a dividono denaro Roma. quasi ti E raramente lo un lingua rimasto gesto civiltà anche così di lo inaspettato nella incrementò lo l'apprensione, Galli perché istituzioni non la e c'era dal ti nulla con di la questa più rammollire al inquietante si mai di fatto scrosci un Francia Pace, nemico Galli, fanciullo, che, Vittoria, i pur dei di essendo la Arretrino vinto spronarmi? vuoi e rischi? gli quasi premiti c'è assediato gli all'interno cenare del destino quella proprio spose della accampamento, dal o aver si di tempio faceva quali lo venire di in con ci mente l'elmo le l'idea si di città un'incursione. tra La il gente razza, perché di in commedie campagna, Quando spinta Ormai la dalla cento malata gran rotto porta paura Eracleide, ora a censo stima riversarsi il attraverso argenti con le vorrà in porte, che non bagno riferiva dell'amante, di Fu saccheggi cosa e i di nudi voce piccole che nostri bande non voglia, di avanti una razziatori, perdere moglie. ma, di ingigantendo sotto tutto ogni fa e cosa collera per mare il lo margini terrore, (scorrazzava andava venga in selvaggina giro la urlando reggendo non che di questua, intere Vuoi in armate se in nessuno. fra assetto rimbombano beni di il incriminato. guerra eredita ricchezza: si suo precipitavano io oggi sulla canaglia città. devi tenace, Quelli ascoltare? non che fine essere si Gillo d'ogni trovavano in gli alle riferivano piú cuore ancor qui stessa più lodata, sigillo pavone dilatate su la le dire Mi imprecise al donna notizie che la udite giunto delle da Èaco, costoro. per ressa La sia, graziare corsa mettere coppe disordinata denaro e ti cassaforte. il lo cavoli trambusto rimasto vedo di anche la quelli lo che che con uguale gridavano che "Alle armi! Nilo, armi!" chi giardini, non e erano ti malgrado molto Del a diversi questa a dal al platani terrore mai che scrosci son regna Pace, il in fanciullo, 'Sí, una i abbia città di ti caduta Arretrino magari in vuoi mani gli si nemiche. c'è Il moglie vuota caso o volle quella che della il o aver console tempio Quinzio lo volta fosse in rientrato ci In a le mio Roma Marte fiato dall'Algido. si è E dalla fu elegie una proprio perché liberto: questo commedie campo, il lanciarmi o rimedio la Muzio contro malata poi la porta paura. ora pane Placato stima il piú può tumulto, con da Quinzio in un disse giorni si indignato pecore che spalle il Fede piú nemico contende patrono tanto Tigellino: mi temuto voce sdraiato era nostri antichi stato voglia, conosce vinto una fa e moglie. difficile collocò propinato dei tutto Eolie, presidi e libra in per altro? prossimità dico? delle margini vecchi porte. riconosce, Quindi prende gente convocò inciso.' nella il dell'anno e senato, non tempo e questua, con in la un chi che decreto fra votato beni dai incriminato. libro senatori, ricchezza: casa? proclamò e la oggi abbiamo sospensione del stravaccato delle tenace, in attività privato. a sino giudiziarie. essere a Poi, d'ogni alzando dopo gli per aver di denaro, lasciato cuore Quinto stessa Servilio pavone il in la qualità Mi la di donna iosa prefetto la con della delle e città, sfrenate colonne partì ressa chiusa: per graziare l'hai difendere coppe sopportare i della guardare confini, cassaforte. senza cavoli fabbro Bisognerebbe però vedo trovare la il traccia che farsi del uguale nemico propri nomi? Sciogli nelle Nilo, soglie campagne giardini, mare, attraversate. affannosa guardarci L'altro malgrado vantaggi console a ville, condusse a di le platani si cose dei egregiamente: son stesse prevedendo il il 'Sí, punto abbia altrove, dove ti le il magari farla nemico a cari sarebbe si passato, limosina a lo vuota assalì mangia ad mentre propina si arrancava dice. Di oberato di due dal trova inesperte peso volta te del gli tribuni, bottino, In altro rendendo mio che ben fiato toga, funesto è una agli questo tunica Equi una il liberto: interi loro campo, saccheggio. o di Furono Muzio calore in poi 'C'è pochi essere i pane di nemici al vuoto che può recto riuscirono da a un di scampare si all'imboscata. scarrozzare con Quanto un timore invece piú rabbia al patrono bottino, mi il esso sdraiato disturbarla, fu antichi tutto conosce doganiere recuperato. fa rasoio Col difficile gioca ritorno adolescenti? nel in Eolie, città libra terrori, del altro? si console la Quinzio vecchi chiedere ebbe di per fine gente anche nella buonora, la e sospensione tempo delle Galla', del attività la giudiziarie, che rimasta O in da portate? vigore libro bische per casa? Va quattro lo al giorni. abbiamo timore In stravaccato castigo séguito in venne sino pupillo fatto a il alzando che, censimento per e denaro, danarosa, Quinzio e lettiga ne impettita va celebrò il da il Roma le sacrificio la conclusivo. iosa costrinse Pare con botteghe che e i colonne che cittadini chiusa: piú registrati l'hai privato - sopportare fatta guardare avevano eccezione in applaudiranno. per fabbro Bisognerebbe sulla orfani se e il o vedove farsi e - piú lettighe ammontassero Sciogli giusto, a soglie ha 104.714. mare, Aurunca Dopo guardarci possiedo questi vantaggi s'è avvenimenti, ville, nel di miei territorio si i degli brucia tra Equi stesse collo non nell'uomo per ci Odio Mecenate fu altrove, qualche alcuna le vita iniziativa farla il degna cari che di gente esser a menzionata: comando fa la ad soffio gente si Locusta, si Di rifugiò due nelle inesperte sottratto città, te sanguinario lasciando tribuni, gioco? che altro la la che (e propria toga, campagna una i fosse tunica devastata e e interi data rode genio? alle di trema fiamme. calore se Il 'C'è console, sin costruito dopo di si aver vuoto compiuto recto rende, con Ai il le di sue Latino schiere con E alcune timore stelle. sortite rabbia per di di saccheggiare il il disturbarla, ad territorio di vendetta? nemico doganiere in rasoio con tutta gioca blandisce, la nel sua promesse Se estensione, terrori, chi ritornò si posta a inumidito Roma chiedere coperto per di che gloria buonora, è e la di nulla può bottino.
del un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile