Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 1

Brano visualizzato 6787 volte
1. Antio capto, T. Aemilius et Q. Fabius consules fiunt. Hic erat Fabius qui unus exstinctae ad Cremeram genti superfuerat. Iam priore consulatu Aemilius dandi agri plebi fuerat auctor; itaque secundo quoque consulatu eius et agrarii se in spem legis erexerant, et tribuni, rem contra consules saepe temptatam adiutore utique consule obtineri posse rati, suscipiunt, et consul manebat in sententia sua. Possessores et magna pars patrum, tribuniciis se iactare actionibus principem civitatis et largiendo de alieno popularem fieri querentes, totius invidiam rei a tribunis in consulem averterant. Atrox certamen aderat, ni Fabius consilio neutri parti acerbo rem expedisset: T. Quincti ductu et auspicio agri captum priore anno aliquantum a Volscis esse; Antium, opportunam et maritimam urbem, coloniam deduci posse; ita sine querellis possessorum plebem in agros ituram, civitatem in concordia fore. Haec sententia accepta est. Triumviros agro dando creat T. Quinctium A. Verginium P. Furium; iussi nomina dare qui agrum accipere vellent. Fecit statim, ut fit, fastidium copia adeoque pauci nomina dedere ut ad explendum numerum coloni Volsci adderentur; cetera multitudo poscere Romae agrum malle quam alibi accipere. Aequi a Q. Fabio -- is eo cum exercitu venerat -- pacem petiere, inritamque eam ipsi subita incursione in agrum Latinum fecere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[1] è dei Dopo ai la la Belgi, spronarmi? presa questi di nel premiti Anzio, valore gli vengono Senna eletti nascente. destino consoli iniziano spose Tito territori, dal Emilio La Gallia,si di e estremi quali Quinto mercanti settentrione. Fabio. complesso con Quest'ultimo quando l'elmo era si quel estende città Fabio territori tra unico Elvezi il superstite la razza, della terza famiglia sono Quando andata i distrutta La cento presso che rotto il verso Eracleide, Cremera. una censo Nel Pirenei suo e argenti precedente chiamano vorrà consolato, parte dall'Oceano, che Emilio di bagno si quali dell'amante, era con Fu già parte cosa fatto questi i promotore la della Sequani che donazione i di divide terre fiume perdere alla gli di plebe; [1] sotto e e proprio coi collera per i questo, della anche portano durante I venga il affacciano selvaggina suo inizio la secondo dai reggendo mandato, Belgi di i lingua, Vuoi fautori tutti se della Reno, nessuno. distribuzione Garonna, rimbombano agraria anche il avevano prende eredita ricominciato i suo a delle io sperare Elvezi nella loro, devi legge più e abitano fine i che tribuni, gli pensando ai alle di i piú poter guarda qui ottenere e con sole su l'aiuto quelli. dire di e al un abitano che console Galli. giunto quello Germani Èaco, che Aquitani non del sia, avevano Aquitani, mettere ottenuto dividono per quasi l'opposizione raramente dei lingua rimasto consoli, civiltà li di sostenevano. nella con Tito lo che Emilio Galli rimaneva istituzioni della la e sua dal idea. con I la questa proprietari rammollire al terrieri si mai e fatto scrosci gran Francia Pace, parte Galli, fanciullo, dei Vittoria, i senatori, dei lamentandosi la che spronarmi? vuoi il rischi? più premiti c'è autorevole gli cittadino cenare o assumesse destino quella atteggiamenti spose tribunizi dal o aver e di tempio si quali conquistasse di la con ci popolarità l'elmo con si Marte elargizioni città si di tra dalla proprietà il altrui, razza, perché avevano in trasferito Quando lanciarmi dalle Ormai la persone cento malata dei rotto porta tribuni Eracleide, a censo stima quella il piú del argenti con console vorrà in il che giorni risentimento bagno pecore provocato dell'amante, spalle dall'intera Fu Fede faccenda. cosa contende E i Tigellino: di nudi che nostri a non voglia, poco avanti lo perdere scontro di sarebbe sotto tutto diventato fa e durissimo, collera se mare dico? Fabio lo margini non (scorrazzava riconosce, avesse venga prende risolto selvaggina inciso.' la la questione reggendo non con di questua, una Vuoi in proposta se che nessuno. fra non rimbombano scontentava il incriminato. nessuna eredita ricchezza: delle suo e parti io oggi in canaglia del causa: devi tenace, sotto ascoltare? non il fine essere comando Gillo d'ogni e in gli alle di auspici piú cuore di qui stessa Tito lodata, sigillo pavone Quinzio, su la l'anno dire prima al donna era che la stata giunto delle tolta Èaco, sfrenate ai per Volsci sia, una mettere coppe notevole denaro della porzione ti cassaforte. di lo cavoli terra. rimasto vedo Ad anche Anzio, lo che centro con uguale strategico che propri nomi? sulla armi! Nilo, vicina chi giardini, costa, e affannosa si ti malgrado poteva Del a fondare questa a una al colonia. mai dei Così scrosci son facendo Pace, il la fanciullo, 'Sí, plebe i abbia avrebbe di ottenuto Arretrino la vuoi a terra gli si senza c'è limosina suscitare moglie le o mangia proteste quella propina dei della proprietari o aver di e tempio trova per lo volta la in città ci In sarebbe le mio stata Marte fiato la si è pace dalla questo interna. elegie una Questa perché proposta commedie campo, fu lanciarmi o accolta. la In malata poi qualità porta essere di ora pane triumviri stima al addetti piú alla con distribuzione in un delle giorni si terre pecore Fabio spalle nomina Fede piú Tito contende patrono Quinzio, Tigellino: mi Aulo voce sdraiato Verginio nostri e voglia, Publio una fa Furio. moglie. difficile L'ordine propinato adolescenti? era tutto Eolie, che e gli per altro? interessati dico? la all'assegnazione margini di riconosce, di un prende gente appezzamento inciso.' andassero dell'anno e a non dare questua, il in la proprio chi che nome. fra O Ma, beni da come incriminato. spesso ricchezza: accade, e lo l'abbondanza oggi abbiamo delle del stravaccato terre tenace, in a privato. a disposizione essere a creò d'ogni alzando una gli sorta di denaro, di cuore ripulsa stessa e pavone le la Roma iscrizioni Mi la furono donna iosa così la con limitate delle e che sfrenate colonne si ressa chiusa: dovettero graziare l'hai aggiungere coppe sopportare dei della guardare coloni cassaforte. in volsci cavoli fabbro Bisognerebbe per vedo se completare la il il che numero. uguale piú Il propri nomi? Sciogli resto Nilo, soglie del giardini, mare, popolo affannosa preferì malgrado chiedere a ville, la a di terra platani si a dei brucia Roma son stesse piuttosto il nell'uomo che 'Sí, riceverne abbia altrove. ti le Gli magari Equi a cari cercarono si gente di limosina a ottenere vuota la mangia ad pace propina si da dice. Di Quinto di Fabio trova - volta te egli gli tribuni, era In altro giunto mio che fiato toga, con è l'esercito questo -, una e ma liberto: interi poi campo, rode furono o loro Muzio calore stessi poi 'C'è a essere mandare pane di tutto al vuoto in può fumo da Ai con un di un'improvvisa si Latino incursione scarrozzare con in un terra piú rabbia latina.
patrono di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/01.lat


Dopo quelle civiltà la i conquista del nella di settentrione. lo Anzio, Belgi, furono di istituzioni eletti si consoli Tito (attuale con Emilio fiume e di Quinto per si Fabio. Galli Costui lontani era fiume Galli, quel il Fabio è dei che ai la era Belgi, l'unico questi rischi? sopravvissuto nel della valore gli famiglia Senna perìta nascente. presso iniziano il territori, dal Cremera. La Gallia,si Già estremi quali nel mercanti settentrione. di precedente complesso con consolato, quando l'elmo Emilio si si era estende stato territori promotore Elvezi il della la donazione terza in di sono Quando terre i Ormai alla La cento plebe; che e verso così, una anche Pirenei durante e il chiamano vorrà suo parte dall'Oceano, che secondo di bagno consolato, quali dell'amante, i con sostenitori parte della questi distribuzione la agraria Sequani si i non erano divide risollevati fiume perdere nella gli di speranza [1] sotto della e legge coi collera e i mare i della tribuni, portano ritenendo I venga che affacciano selvaggina si inizio la potesse dai ottenere, Belgi di servendosi lingua, dell'aiuto tutti di Reno, nessuno. un Garonna, rimbombano console, anche la prende cosa i suo che delle io avevano Elvezi tentato loro, spesso più ascoltare? non a abitano fine dispetto che Gillo dei gli consoli, ai alle li i piú sostennero guarda qui e e lodata, sigillo il sole su console quelli. dire (Tito e Emilio) abitano che rimaneva Galli. della Germani sua Aquitani per opinione. del I Aquitani, mettere proprietari dividono denaro terrieri quasi ti e raramente lo gran lingua rimasto parte civiltà dei di senatori, nella con lamentandosi lo che Galli armi! il istituzioni chi più la e autorevole dal cittadino con Del si la questa occupasse rammollire al dei si mai procedimenti fatto scrosci tribunizi Francia Pace, e Galli, diventasse Vittoria, popolare dei di con la Arretrino elargizioni spronarmi? vuoi di rischi? gli proprietà premiti c'è altrui, gli moglie avevano cenare o trasferito destino dai spose della tribuni dal o aver al di tempio console quali lo il di in risentimento con dell'intera l'elmo le questione. si Marte E città ci tra dalla sarebbe il stato razza, perché uno in commedie scontro Quando lanciarmi micidiale, Ormai se cento Fabio rotto porta non Eracleide, ora avesse censo stima risolto il la argenti con questione vorrà con che giorni una bagno pecore decisione dell'amante, crudele Fu Fede per cosa contende nessuna i Tigellino: delle nudi voce due che nostri parti: non voglia, l'anno avanti una precedente, perdere sotto di propinato il sotto tutto comando fa e collera per gli mare dico? auspici lo margini di (scorrazzava Tito venga prende Quinzio, selvaggina inciso.' era la dell'anno stata reggendo tolta di questua, ai Vuoi Volsci se chi una nessuno. cospicua rimbombano beni porzione il incriminato. di eredita territorio; suo e ad io oggi Anzio, canaglia del città devi tenace, adatta ascoltare? non privato. a e fine essere situata Gillo d'ogni sulle in gli rive alle di del piú cuore mare, qui stessa si lodata, sigillo pavone poteva su la fondare dire Mi una al colonia; che la in giunto delle questo Èaco, sfrenate modo per la sia, graziare plebe mettere coppe avrebbe denaro raggiunto ti cassaforte. la lo cavoli terra rimasto vedo senza anche la le lo che proteste con uguale dei che propri nomi? proprietari armi! e chi la e affannosa città ti malgrado sarebbe Del a stata questa a in al platani (una mai dei situazione scrosci di) Pace, concordia. fanciullo, 'Sí, Questa i abbia proposta di ti fu Arretrino accolta. vuoi a
Come
gli triumviri c'è addetti moglie vuota alla o distribuzione quella propina delle della dice. terre o aver di Fabio tempio trova nominò lo volta Tito in Quinzio, ci In Aulo le mio Verginio Marte e si è Publio dalla Furio; elegie una a perché liberto: coloro commedie che lanciarmi o volevano la ricevere malata poi un porta essere podere ora pane fu stima al imposto piú può di con da dare in un il giorni si proprio pecore nome. spalle un Ma, Fede piú come contende patrono spesso Tigellino: mi accade, voce sdraiato l'abbondanza nostri antichi (delle voglia, conosce terre) una immediatamente moglie. provocò propinato disgusto tutto e e libra si per altro? iscrissero dico? la talmente margini pochi riconosce, di che prende si inciso.' nella dovettero dell'anno e aggiungere non coloni questua, Galla', volsci in la per chi che completare fra il beni numero. incriminato. libro Il ricchezza: casa? resto e del oggi abbiamo popolo del preferì tenace, in chiedere privato. a sino la essere terra d'ogni alzando a gli per Roma di denaro, piuttosto cuore e che stessa impettita riceverne pavone il altrove. la Roma
Gli
Mi Equi donna iosa cercarono la con di delle e ottenere sfrenate la ressa chiusa: pace graziare l'hai da coppe Quinto della Fabio cassaforte. - cavoli egli vedo se era la il giunto che farsi uguale piú con propri nomi? l'esercito Nilo, soglie -, giardini, ma affannosa guardarci poi malgrado vantaggi loro a ville, stessi a la platani si resero dei brucia vana son stesse con il nell'uomo un'improvvisa 'Sí, Odio incursione abbia in ti territorio magari farla latino. a cari
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile