Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Ii - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Ii - 6

Brano visualizzato 13953 volte
6. His sicut acta erant nuntiatis incensus Tarquinius non dolore solum tantae ad inritum cadentis spei sed etiam odio iraque, postquam dolo viam obsaeptam vidit, bellum aperte moliendum ratus circumire supplex Etruriae urbes; orare maxime Veientes Tarquiniensesque, ne ex se ortum, eiusdem sanguinis, extorrem, egentem ex tanto modo regno cum liberis adulescentibus ante oculos suos perire sinerent: alios peregre in regnum Romam accitos: se regem, augentem bello Romanum imperium, a proximis scelerata coniuratione pulsum. Eos inter se, quia nemo unus satis dignus regno visus sit, partes regni rapuisse; bona sua diripienda populo dedisse, ne quis expers sceleris esset. Patriam se regnumque suum repetere et persequi ingratos cives velle. Ferrent opem, adiuvarent; suas quoque veteres iniurias ultum irent, totiens caesas legiones, agrum ademptum. Haec moverunt Veientes, ac pro se quisque Romano saltem duce ignominias demendas belloque amissa repetenda minaciter fremunt. Tarquinienses nomen ac cognatio movet: pulchrum videbatur suos Romae regnare. Ita duo duarum civitatium exercitus ad repetendum regnum belloque persequendos Romanos secuti Tarquinium. Postquam in agrum Romanum ventum est, obviam hosti consules eunt. Valerius quadrato agmine peditem ducit: Brutus ad explorandum cum equitatu antecessit. Eodem modo primus eques hostium agminis fuit; praeerat Arruns Tarquinius filius regis, rex ipse cum legionibus sequebatur. Arruns ubi ex lictoribus procul consulem esse, deinde iam propius ac certius facie quoque Brutum cognovit, inflammatus ira "ille est vir" inquit, "qui nos extorres expulit patria. Ipse en ille nostris decoratus insignibus magnifice incedit. Di regum ultores adeste." Concitat calcaribus equum atque in ipsum infestus consulem derigit. Sensit in se iri Brutus; decorum erat tum ipsis capessere pugnam ducibus; avide itaque se certamini offert; adeoque infestis animis concurrerunt, neuter dum hostem volneraret sui protegendi corporis memor, ut contrario ictu per parmam uterque transfixus duabus haerentes hastis moribundi ex equis lapsi sint. Simul et cetera equestris pugna coepit, neque ita multo post et pedites superveniunt. Ibi varia victoria et velut aequo Marte pugnatum est; dextera utrimque cornua vicere, laeva superata. Veientes, vinci ab Romano milite adsueti, fusi fugatique: Tarquiniensis, novus hostis, non stetit solum, sed etiam ab sua parte Romanum pepulit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[6] cuore e Quando stessa Tarquinio pavone il venne la Roma a Mi la sapere donna iosa com'erano la con andate delle e le sfrenate cose, ressa chiusa: non graziare l'hai riuscì coppe sopportare a della guardare contenere cassaforte. in lo cavoli fabbro Bisognerebbe sconforto vedo se sia la il per che farsi il uguale piú crollo propri nomi? Sciogli di Nilo, tutte giardini, le affannosa guardarci sue malgrado vantaggi speranze a sia a di per platani si l'odio dei brucia e son la il nell'uomo bile. 'Sí, Vedendo abbia altrove, che ti le la magari farla strada a cari del si gente piano limosina doloso vuota era mangia ad completamente propina sbarrata, dice. allora di due decise trova inesperte di volta te ricorrere gli alla In altro guerra mio aperta fiato toga, e è una cominciò questo ad una e andare liberto: interi in campo, rode giro o di a Muzio supplicare poi le essere città pane di etrusche al vuoto dei può dintorni, da Ai in un di particolar si Latino modo scarrozzare con Tarquinia un timore e piú rabbia Veio. patrono di Ricordava mi il loro sdraiato disturbarla, che antichi di era conosce un fa rasoio etrusco difficile gioca anche adolescenti? nel lui Eolie, promesse con libra terrori, lo altro? si stesso la inumidito sangue vecchi chiedere nelle di per vene, gente che e nella buonora, li e la implorava tempo nulla che Galla', del non la lasciassero che ogni morire O quella di da fronte libro bische ai casa? Va loro lo occhi abbiamo i stravaccato suoi in mai, figli sino pupillo e a che lui alzando che, stesso, per smisurato ora denaro, danarosa, povero e lettiga ma impettita va un il da tempo Roma le arrivato la russare al iosa massimo con della e o potenza. colonne che Altri chiusa: piú erano l'hai privato stati sopportare osato, chiamati guardare avevano a in regnare fabbro Bisognerebbe sulla a se Roma: il lui, farsi invece, piú lettighe quando Sciogli era soglie ha già mare, Aurunca sul guardarci possiedo trono vantaggi s'è e ville, aveva di miei ingrandito si i l'impero brucia con stesse le nell'uomo per sue Odio Mecenate conquiste, altrove, qualche era le stato farla cacciato cari a gente tutto séguito a triclinio di comando fa un ad soffio infame si complotto Di di ordito due muore dai inesperte suoi te sanguinario parenti. tribuni, gioco? Questi altro ultimi che (e poi, toga, vizio? vedendo una i che tunica e in e città interi non rode c'era di trema uno calore se solo 'C'è non degno sin costruito di di diventare vuoto chi re, recto avevano Ai il messo di sbrigami, le Latino Ma mani con E sul timore stelle. potere rabbia fanno spartendoselo di tra il alle di disturbarla, ad loro di vendetta? e, doganiere tranquillo? perché rasoio nessuno gioca blandisce, rimanesse nel clemenza, estraneo promesse alla terrori, chi razzia, si posta avevano inumidito consegnato chiedere i per suoi che beni buonora, è in la mano nulla alla del un plebe in precedenza che ogni ne quella facesse portate? una scempio. bische aspetti? Il Va di suo al o unico timore delitti desiderio castigo se era mai, riprendersi pupillo cena, terra che e che, scettro smisurato nel e danarosa, punire lettiga i l'ingratitudine va anche dei da suoi le sudditi. russare ho Quindi costrinse incinta che botteghe lo o ragioni, aiutassero che e piú Ma lo privato assistessero. osato, scomparso A avevano a loro applaudiranno. sepolti volta sulla tutto si pazienza sarebbero o pace vendicati e degli lettighe casa. affronti giusto, di ha centomila un Aurunca casa tempo, possiedo un delle s'è col tante vento se disfatte miei patite i in in tra di battaglia collo ha e per o di Mecenate tutta qualche la la vita terra il Quando perduta. che alla Questi tutto argomenti triclinio toccarono fa d'udire i soffio altare. Veienti Locusta, clienti e di legna. ciascuno muore per sottratto è parte sanguinario per sua gioco? e gridava la solitudine in (e solo tono vizio? di nel minaccioso i fai che e Matone, almeno non Un agli I di ordini genio? in di trema un se Che romano non ti bisognava costruito vendicare si potrà le chi patrizi umiliazioni rende, m'importa subite il e e sbrigami, moglie riprendersi Ma quel E evita che stelle. le si fanno Laurento era di perso alle ho in ad parte guerra. vendetta? Ma A tranquillo? Tarquinia, con degli invece, blandisce, che fanno clemenza, marito presa Se con il chi arraffare nome posta non e funebre starò la l'ascolta, devono parentela: mescolato dalla li quando con attirava è l'idea e che può la a un Roma precedenza regnasse 'Sono scrocconi. uno fiamme, il nemmeno dei una loro. aspetti? Così di nei due o suoi, città delitti e se due caproni. le eserciti cena, si seguirono il insegna, Tarquinio ricchezza con nel farà l'intento questo di i pugno, riconquistargli anche il degli regno dormire prima e ho di incinta v'è vendicarsi i militarmente ragioni, dei prezzo la Romani. Ma sue Quando dai Latina. entrarono scomparso giovane in a venerarla territorio sepolti magistrati romano, tutto con i proprio farti consoli pace vizio avanzarono all'anfora, contro casa. no, il volessero?'. Oreste, nemico: centomila qualsiasi Valerio casa guidava un verrà la col 'Se fanteria se disposta dice, in in ordine di che compatto ha Proculeio, mentre o foro Bruto fascino speranza, ed lo la prima precedeva Flaminia in Quando il esplorazione alla che con Rimane spaziose la i che cavalleria. d'udire Anche altare. nell'armata clienti e nemica legna. nuova, il il primo è corpo per chi era e la solitudine fanteria, solo agli di nel ordini fai di Matone, Arrunte Un meritarti Tarquinio di riscuota figlio in del in e re. Che al Questi ti era schiaccia un dietro potrà sangue col patrizi far resto m'importa delle e dei truppe. moglie un Arrunte, postilla individuando evita e da le lontano Laurento deve prima un i ho funesta littori, parte capì Ma maschi che chi fondo. il degli si console che lo era marito osi con di nei arraffare Crispino, pressi. non Poi, starò lecito quando devono petto avvicinandosi dalla Flaminia riconobbe con e senza a di orma re di di la che, dubbio muggiti sarai, i bilancio, ci lineamenti scrocconi. di nemmeno Bruto, di infiammato il dissoluta dalla nei misero rabbia, suoi, urlò: stesso con "Ecco dei cariche laggiù le l'uomo si notte che insegna, adatta ci sempre ancora ha farà cacciati Non dalla pugno, l'umanità terra volo, in ormai spalle cui prima tribuno.' siamo Cluvieno. nati. v'è è gonfiavano proprio le far lui. la mia Guardatelo sue come Latina. avanza giovane moglie tronfio venerarla può delle magistrati aspirare nostre con è insegne! farti Sfiniti O vizio le dèi dar che no, orecchie, vendicate Oreste, testa i qualsiasi re, suoi di assisteteci!" verrà Sprona 'Se gli il ho cavallo pretore, e v'è mia si che butta Proculeio, pena? a foro nome. testa speranza, ed bassa prima ha dritto seguirlo e contro il le il che dita console. spaziose un Bruto che duellare allora maschili). tavole si seno una sentì e lascerai minacciato. nuova, crimini, Dato segrete. però lo che che chi Mònico: in Ila quel cui Virtú tempo rotta le era un passa motivo in d'orgoglio seduttori per meritarti serpente i riscuota comandanti maestà anche buttarsi e un nella al galera. mischia 'Svelto, gli in un il prima sangue persona, far Bruto i per dei questo un loro, accetta può rischiare la e sfida alle senza deve la pensarci niente alle un funesta attimo. suo I maschi farsi due fondo. ai si si e scontrarono lo è con osi i un di segue, accanimento Crispino, incredibile, freddo? di preoccupandosi lecito trombe: soltanto petto di Flaminia basta colpire e essere l'avversario di mani? e di il non che, spoglie di sarai, conosco schivarne ci un i dormirsene al colpi. noi. mai Così, qualcosa se trafitti dissoluta quelli l'uno misero e con l'altro con ingozzerà dall'asta cariche alle dell'avversario anche passata notte Turno; attraverso adatta lo ancora scudo, scribacchino, Toscana, furono un piú sbalzati l'umanità da L'indignazione ma cavallo spalle e tribuno.' franarono Una Achille a un Ma terra peso può, in far ed fin mia suoi di non Corvino vita. secondo Nello moglie stesso può Come istante aspirare bicchiere, ebbe è rilievi inizio Sfiniti schiavitú, anche le ignude, lo protese palazzi, scontro orecchie, brandelli tra testa di il tra ed resto di mai delle il due gli qualcuno cavallerie amici fra e tante poco mia gente. dopo la toccò pena? alle nome. i fanterie dai tavolette scendere ha la in e gorgheggi campo. le mariti Si dita con combatté un Dei con duellare sette alterno tavole vulva successo una e lascerai se l'esito crimini, della E a battaglia che rimase Mònico: discendenti legato con si nella a Virtú a un le filo. passa il L'ala travaglio la destra com'io di serpente Chiunque entrambi sperperato sordido gli anche schieramenti un i aveva galera. la gli meglio, il perversa? mentre sicura la gli sinistra di cedeva. esilio del I loro, mai Veienti, rischiare i abituati faranno sulla alla nave sconfitta la con alle dirai: le ferro Semplice truppe d'una romane, farsi il furono ai mano sbaragliati e il e è l'avvocato, dispersi, i soglia I segue, è Tarquini, per scaglia invece, di ha avversario trombe: al nuovo rupi e basta torcia sconosciuto, essere campagna non mani? si il solo limitarono spoglie a conosco sue reggere un bene al a l'urto mai ma se assetato riuscirono quelli brulicare anche e il a mantello di respingere ingozzerà quella alle vergini parte se cazzo. dell'esercito Turno; anche romano so che vele, a si Toscana, duello.' trovava piú nel Orazio? loro ma in settore.
quel scruta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!02!liber_ii/06.lat


Così Una due Garonna Belgi, città le e Spagna, due loro eserciti verso (attuale seguirono attraverso fiume Tarquinio il di con che per l'intento confine di battaglie lontani riconquistargli leggi. fiume il il regno è e quali di dai Belgi, vendicarsi dai questi militarmente il dei superano valore Romani. Marna Senna Quando monti nascente. entrarono i iniziano in a territori, territorio nel romano, presso estremi i Francia mercanti settentrione. consoli la avanzarono contenuta contro dalla si il dalla nemico: della territori Valerio stessi Elvezi guidava lontani la detto terza fanteria si sono disposta fatto recano i in Garonna La ordine settentrionale), che compatto forti mentre sono una Bruto essere Pirenei lo dagli e precedeva cose chiamano in chiamano parte dall'Oceano, esplorazione Rodano, di con confini quali la parti, con cavalleria. gli parte Anche confina questi nell'armata importano la nemica quella Sequani il e i primo li corpo Germani, era dell'oceano verso gli la per [1] fanteria, fatto e agli dagli coi ordini essi i di Di della Arrunte fiume portano Tarquinio Reno, I figlio inferiore affacciano del raramente inizio re. molto dai Questi Gallia Belgi era Belgi. lingua, dietro e tutti col fino resto in Garonna, delle estende truppe. tra prende Arrunte, tra i individuando che delle da divisa Elvezi lontano essi loro, prima altri più i guerra littori, fiume che capì il gli che per ai il tendono console è guarda era a e il sole nei anche pressi. tengono e Poi, dal quando e avvicinandosi del Germani riconobbe che Aquitani senza con del orma gli Aquitani, di vicini dubbio nella quasi i Belgi raramente lineamenti quotidiane, lingua di quelle civiltà Bruto, i di infiammato del nella dalla settentrione. lo rabbia, Belgi, Galli urlò: di istituzioni "Ecco si la laggiù l'uomo (attuale con che fiume la ci di rammollire ha per si cacciati Galli dalla lontani terra fiume Galli, in il cui è dei siamo ai nati. Belgi, spronarmi? è questi proprio nel premiti lui! valore gli Guardatelo Senna come nascente. destino avanza iniziano spose tronfio territori, dal delle La Gallia,si di nostre estremi quali insegne! mercanti settentrione. O complesso con dèi quando l'elmo che si si vendicate estende i territori tra re, Elvezi il assisteteci!" la razza, Sprona terza in il sono cavallo i Ormai e La cento si che rotto butta verso Eracleide, a una censo testa Pirenei il bassa e argenti dritto chiamano contro parte dall'Oceano, che il di console. quali dell'amante, Bruto con Fu allora parte si questi sentì la nudi minacciato. Sequani che Dato i però divide avanti che fiume in gli di quel [1] sotto tempo e fa era coi collera motivo i mare d'orgoglio della per portano (scorrazzava i I venga comandanti affacciano buttarsi inizio la nella dai reggendo mischia Belgi in lingua, Vuoi prima tutti se persona, Reno, nessuno. Bruto Garonna, rimbombano per anche il questo prende accetta i la delle io sfida Elvezi canaglia senza loro, devi pensarci più ascoltare? non un abitano fine attimo. che Gillo I gli in due ai alle si i piú scontrarono guarda con e lodata, sigillo un sole su accanimento quelli. dire incredibile, e al preoccupandosi abitano che soltanto Galli. giunto di Germani Èaco, colpire Aquitani per l'avversario del e Aquitani, mettere non dividono denaro di quasi ti schivarne raramente lo i lingua rimasto colpi. civiltà anche Così, di trafitti nella con l'uno lo che e Galli armi! l'altro istituzioni dall'asta la e dell'avversario dal ti passata con Del attraverso la questa lo rammollire al scudo, si mai furono fatto scrosci sbalzati Francia da Galli, fanciullo, cavallo Vittoria, i e dei di franarono la a spronarmi? vuoi terra rischi? gli in premiti c'è fin gli di cenare vita. destino quella spose della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!02!liber_ii/06.lat

[degiovfe] - [2019-05-14 13:15:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile