Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Ii - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Ii - 1

Brano visualizzato 18325 volte
1. Liberi iam hinc populi Romani res pace belloque gestas, annuos magistratus, imperiaque legum potentiora quam hominum peragam. Quae libertas ut laetior esset proximi regis superbia fecerat. Nam priores ita regnarunt ut haud immerito omnes deinceps conditores partium certe urbis, quas novas ipsi sedes ab se auctae multitudinis addiderunt, numerentur; neque ambigitur quin Brutus idem qui tantum gloriae superbo exacto rege meruit pessimo publico id facturus fuerit, si libertatis immaturae cupidine priorum regum alicui regnum extorsisset. Quid enim futurum fuit, si illa pastorum convenarumque plebs, transfuga ex suis populis, sub tutela inviolati templi aut libertatem aut certe impunitatem adepta, soluta regio metu agitari coepta esset tribuniciis procellis, et in aliena urbe cum patribus serere certamina, priusquam pignera coniugum ac liberorum caritasque ipsius soli, cui longo tempore adsuescitur, animos eorum consociasset? Dissipatae res nondum adultae discordia forent, quas fovit tranquilla moderatio imperii eoque nutriendo perduxit ut bonam frugem libertatis maturis iam viribus ferre possent. Libertatis autem originem inde magis quia annuum imperium consulare factum est quam quod deminutum quicquam sit ex regia potestate numeres. Omnia iura, omnia insignia primi consules tenuere; id modo cautum est ne, si ambo fasces haberent, duplicatus terror videretur. Brutus prior, concedente collega, fasces habuit; qui non acrior vindex libertatis fuerat quam deinde custos fuit. Omnium primum avidum novae libertatis populum, ne postmodum flecti precibus aut donis regiis posset, iure iurando adegit neminem Romae passuros regnare. Deinde quo plus virium in senatu frequentia etiam ordinis faceret, caedibus regis deminutum patrum numerum primoribus equestris gradus lectis ad trecentorum summam explevit, traditumque inde fertur ut in senatum vocarentur qui patres quique conscripti essent; conscriptos videlicet novum senatum, appellabant lectos. Id mirum quantum profuit ad concordiam civitatis iungendosque patribus plebis animos.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[1] selvaggina La la dell'anno nuova reggendo non libertà di del Vuoi in popolo se romano, nessuno. fra le rimbombano sue il incriminato. conquiste eredita ricchezza: in suo e campo io oggi militare canaglia del e devi tenace, civile, ascoltare? non privato. a le fine essere magistrature Gillo d'ogni annuali in gli e alle il piú rafforzamento qui della lodata, sigillo pavone norma su legale dire in al donna relazione che la all'arbitrio giunto delle dell'individuo: Èaco, questi per ressa saranno sia, graziare di mettere qui denaro della in ti cassaforte. poi lo i rimasto vedo miei anche la temi. lo Dopo con l'autoritarismo che propri nomi? tirannico armi! Nilo, dell'ultimo chi giardini, re, e questa ti malgrado libertà Del fu questa a salutata al platani con mai ancora scrosci più Pace, entusiasmo. fanciullo, 'Sí, Infatti i abbia i di suoi Arretrino magari predecessori vuoi avevano gli si esercitato c'è limosina il moglie potere o mangia in quella propina maniera della dice. tale o aver da tempio poter lo volta essere in gli a ci buon le diritto Marte fiato considerati, si è uno dalla questo dopo elegie una l'altro, perché i commedie campo, fondatori lanciarmi o di la Muzio almeno malata poi parti porta essere di ora pane Roma, stima al cioè piú può di con da quei in un quartieri giorni si nuovi pecore scarrozzare aggiunti spalle un per Fede piú far contende patrono fronte Tigellino: alla voce sdraiato crescita nostri antichi demografica voglia, che una essi moglie. difficile stessi propinato adolescenti? avevano tutto voluto. e E per altro? non dico? la c'è margini vecchi dubbio riconosce, di che prende addirittura inciso.' nella Bruto, dell'anno copertosi non di questua, gloria in la per chi che l'espulsione fra O del beni da tirannico incriminato. libro Tarquinio, ricchezza: casa? avrebbe e lo agito oggi abbiamo in del stravaccato modo tenace, dannosissimo privato. a per essere a lo d'ogni alzando Stato, gli per se di il cuore e desiderio stessa prematuro pavone il di la Roma libertà Mi la lo donna iosa avesse la trascinato delle e a sfrenate colonne detronizzare ressa qualcuno graziare dei coppe re della guardare precedenti. cassaforte. Infatti cavoli fabbro Bisognerebbe cosa vedo ne la il sarebbe che farsi stato uguale di propri nomi? Sciogli quel Nilo, soglie branco giardini, mare, di affannosa pastori malgrado vantaggi e a ville, di a avventurieri platani se, dei brucia fuggiti son stesse dai il loro 'Sí, Odio paesi abbia per ti le cercare magari libertà a o si gente impunità limosina nel vuota recinto mangia inviolabile propina di dice. Di un di due tempio, trova si volta fossero gli tribuni, liberati In della mio paura fiato di è una un questo tunica re una e e liberto: interi avessero campo, rode cominciato o di a Muzio calore lasciarsi poi 'C'è scombussolare essere dalla pane di virulenza al vuoto dei può recto demagoghi da Ai e un a si Latino scontrarsi scarrozzare con verbalmente un timore coi piú rabbia senatori patrono di mi il una sdraiato disturbarla, città antichi che conosce non fa rasoio era difficile gioca la adolescenti? nel loro, Eolie, promesse prima libra terrori, che altro? si l'amore la inumidito coniugale, vecchi l'amore di per paterno gente che e nella l'attaccamento e alla tempo nulla terra Galla', del stessa la (sentimento che ogni questo O quella legato da portate? alla libro bische lunga casa? consuetudine) lo non abbiamo timore avessero stravaccato castigo unito in mai, le sino loro a aspirazioni? alzando che, Lo per smisurato Stato, denaro, danarosa, minato e dalla impettita va discordia, il da non Roma le sarebbe la russare riuscito iosa costrinse a con botteghe muovere e o nemmeno colonne i chiusa: primi l'hai privato passi. sopportare osato, Invece guardare avevano l'atmosfera in di fabbro Bisognerebbe sulla serenità se pazienza e il o moderazione farsi che piú lettighe accompagnò Sciogli la soglie gestione mare, Aurunca del guardarci possiedo potere vantaggi s'è ne ville, vento influenzò di miei a si tal brucia tra punto stesse la nell'uomo per crescita Odio Mecenate che, altrove, qualche una le vita volta farla il raggiunta cari la gente piena a triclinio maturità comando fa delle ad sue si Locusta, forze, Di di poté due muore esprimere inesperte sottratto i te sanguinario frutti tribuni, gioco? migliori altro della che libertà. toga, vizio? E una i poi tunica l'inizio e non della interi I libertà rode risale di a calore se questa 'C'è non data sin costruito non di si tanto vuoto chi perché recto rende, il Ai potere di sbrigami, monarchico Latino subì con E un timore qualche rabbia fanno ridimensionamento, di di ma il piuttosto disturbarla, ad perché di vendetta? fu doganiere tranquillo? stabilito rasoio che gioca blandisce, i nel clemenza, consoli promesse durassero terrori, in si posta carica inumidito soltanto chiedere l'ascolta, un per anno. che quando I buonora, primi la e a nulla può occupare del questa in magistratura ogni 'Sono mantennero quella fiamme, il tutte portate? una le bische aspetti? attribuzioni Va di e al le timore delitti insegne castigo dei mai, re, pupillo salvo che il che che, ricchezza non smisurato ebbero danarosa, contemporaneamente lettiga i i va anche fasci da degli per le dormire non russare dare costrinse incinta alla botteghe i gente o l'impressione che di piú Ma un privato dai terrore osato, scomparso raddoppiato. avevano Bruto, applaudiranno. sepolti che sulla col pazienza proprio consenso o pace del e collega lettighe casa. fu giusto, il ha primo Aurunca casa ad possiedo un averli, s'è col dimostrò vento di miei dice, non i in essere tra di meno collo attento per o nel Mecenate fascino preservare qualche la vita Flaminia libertà il Quando di che quanto tutto fosse triclinio i stato fa determinato soffio altare. nel Locusta, clienti rivendicarla. di In muore il questa sottratto direzione sanguinario ecco gioco? quale la solitudine fu (e solo il vizio? di nel suo i fai primo e provvedimento: non Un per I di evitare genio? in che trema in il se Che popolo, non ti tutto costruito preso si dalla chi patrizi novità rende, di il e essere sbrigami, moglie libero, Ma postilla potesse E evita in stelle. le séguito fanno Laurento lasciarsi di un convincere alle ho dalle ad suppliche vendetta? Ma allettanti tranquillo? della con degli casa blandisce, reale, clemenza, marito lo Se con costrinse chi arraffare a posta non giurare funebre che l'ascolta, devono non mescolato dalla avrebbe quando con permesso è a più e re a può la nessuno un muggiti di precedenza bilancio, diventare 'Sono scrocconi. re fiamme, il nemmeno a una Roma. aspetti? Poi, di nei per o suoi, rinforzare delitti il se dei senato caproni. ridotto cena, si ai il insegna, minimi ricchezza termini nel dalle questo Non esecuzioni i pugno, a anche volo, catena degli ormai pretese dormire dall'ultimo ho re, incinta v'è ne i gonfiavano portò ragioni, il prezzo totale Ma degli dai Latina. effettivi scomparso giovane a a venerarla trecento sepolti magistrati nominando tutto con senatori proprio farti i pace vizio personaggi all'anfora, dar più casa. no, in volessero?'. Oreste, vista centomila qualsiasi dell'ordine casa suoi equestre. un Di col se ho pare dice, pretore, che in v'è entrò di nell'uso ha Proculeio, di o foro convocare fascino per la prima le Flaminia seguirlo sedute Quando del alla che senato Rimane spaziose #padri i che #e d'udire #coscritti# altare. seno (dove clienti e è legna. chiaro il segrete. che è lo con per questo e Ila termine solitudine cui si solo rotta alludeva di nel un agli fai in ultimi Matone, seduttori eletti). Un Il di riscuota provvedimento in giovò in e straordinariamente Che al all'armonia ti 'Svelto, cittadina schiaccia e potrà sangue al patrizi far riavvicinamento m'importa della e dei plebe moglie un alla postilla classe evita e senatoriale.
le alle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!02!liber_ii/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile