Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 58

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 58

Brano visualizzato 103860 volte
58. Paucis interiectis diebus Sex. Tarquinius inscio Collatino cum comite uno Collatiam venit. Ubi exceptus benigne ab ignaris consilii cum post cenam in hospitale cubiculum deductus esset, amore ardens, postquam satis tuta circa sopitique omnes videbantur, stricto gladio ad dormientem Lucretiam venit sinistraque manu mulieris pectore oppresso "Tace, Lucretia" inquit; "Sex. Tarquinius sum; ferrum in manu est; moriere, si emiseris vocem." Cum pavida ex somno mulier nullam opem, prope mortem imminentem videret, tum Tarquinius fateri amorem, orare, miscere precibus minas, versare in omnes partes muliebrem animum. Ubi obstinatam videbat et ne mortis quidem metu inclinari, addit ad metum dedecus: cum mortua iugulatum servum nudum positurum ait, ut in sordido adulterio necata dicatur. Quo terrore cum vicisset obstinatam pudicitiam velut vi victrix libido, profectusque inde Tarquinius ferox expugnato decore muliebri esset, Lucretia maesta tanto malo nuntium Romam eundem ad patrem Ardeamque ad virum mittit, ut cum singulis fidelibus amicis veniant; ita facto maturatoque opus esse; rem atrocem incidisse. Sp. Lucretius cum P. Valerio Volesi filio, Collatinus cum L. Iunio Bruto venit, cum quo forte Romam rediens ab nuntio uxoris erat conventus. Lucretiam sedentem maestam in cubiculo inveniunt. Adventu suorum lacrimae obortae, quaerentique viro "Satin salve?" "Minime" inquit; "quid enim salvi est mulieri amissa pudicitia? Vestigia viri alieni, Collatine, in lecto sunt tuo; ceterum corpus est tantum violatum, animus insons; mors testis erit. Sed date dexteras fidemque haud impune adultero fore. Sex. est Tarquinius qui hostis pro hospite priore nocte vi armatus mihi sibique, si vos viri estis, pestiferum hinc abstulit gaudium." Dant ordine omnes fidem; consolantur aegram animi avertendo noxam ab coacta in auctorem delicti: mentem peccare, non corpus, et unde consilium afuerit culpam abesse. "Vos" inquit "videritis quid illi debeatur: ego me etsi peccato absolvo, supplicio non libero; nec ulla deinde impudica Lucretiae exemplo vivet." Cultrum, quem sub veste abditum habebat, eum in corde defigit, prolapsaque in volnus moribunda cecidit. Conclamat vir paterque.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[58] gli si Qualche c'è limosina giorno moglie vuota dopo, o mangia Sesto quella propina Tarquinio, della dice. all'insaputa o aver di di tempio Collatino, lo volta andò in gli a ci In Collazia le con Marte fiato un si è solo dalla questo compare. elegie una perché fu commedie campo, accolto lanciarmi ospitalmente la Muzio perché malata poi nessuno porta essere era ora pane al stima al corrente piú può dei con da suoi in un progetti. giorni si Finita pecore scarrozzare la spalle cena, Fede piú si contende patrono andò Tigellino: mi a voce sdraiato coricare nostri nella voglia, conosce camera una fa degli moglie. difficile ospiti. propinato adolescenti? Invasato tutto Eolie, dalla e libra passione, per quando dico? la capì margini vecchi che riconosce, di c'era prende gente via inciso.' nella libera dell'anno e e non tutti questua, erano in nel chi che primo fra O sonno, beni da sguainata incriminato. libro la ricchezza: spada e lo andò oggi nella del stravaccato stanza tenace, in di privato. a sino Lucrezia essere a che d'ogni stava gli per dormendo: di la cuore e immobilizzò stessa con pavone il la la mano Mi la puntata donna iosa sul la con petto delle e e sfrenate colonne disse: ressa chiusa: "Lucrezia, graziare l'hai chiudi coppe sopportare la della guardare bocca! cassaforte. in Sono cavoli Sesto vedo se Tarquinio la il e che sono uguale piú armato. propri nomi? Sciogli Una Nilo, soglie sola giardini, mare, parola affannosa e malgrado vantaggi sei a ville, morta!" a di La platani si povera dei donna, son svegliata il nell'uomo dallo 'Sí, Odio spavento, abbia altrove, capì ti le di magari essere a cari a si gente un limosina passo vuota comando dalla mangia ad morte. propina si Tarquinio dice. Di cominciò di due allora trova inesperte a volta dichiarare gli tribuni, il In altro suo mio che amore, fiato toga, ad è una alternare questo tunica suppliche una e a liberto: minacce campo, e o di a Muzio calore tentarle poi 'C'è tutte essere sin per pane far al vuoto cedere può recto il da suo un di animo si di scarrozzare donna. un timore Ma piú rabbia vedendo patrono di che mi il Lucrezia sdraiato disturbarla, era antichi irremovibile conosce doganiere e fa rasoio non difficile gioca cedeva adolescenti? nemmeno Eolie, di libra terrori, fronte altro? all'ipotesi la inumidito della vecchi chiedere morte, di per allora gente che aggiunse nella buonora, il e la disonore tempo nulla all'intimidazione Galla', e la le che disse O che, da portate? una libro bische volta casa? Va morta, lo al avrebbe abbiamo timore sgozzato stravaccato castigo un in mai, servo sino pupillo e a che glielo alzando che, avrebbe per smisurato messo denaro, danarosa, nudo e lettiga accanto, impettita va in il da modo Roma le che la russare si iosa costrinse dicesse con che e era colonne che stata chiusa: uccisa l'hai privato nel sopportare osato, degrado guardare più in applaudiranno. basso fabbro Bisognerebbe sulla dell'adulterio. se Con il questa farsi e spaventosa piú minaccia, Sciogli giusto, la soglie ha libidine mare, di guardarci possiedo Tarquinio vantaggi ebbe, ville, vento per di miei così si dire, brucia tra la stesse collo meglio nell'uomo per sull'ostinata Odio Mecenate castità altrove, qualche di le vita Lucrezia. farla il Quindi, cari che fiero gente tutto di a triclinio aver comando fa violato ad soffio l'onore si Locusta, di Di di una due muore donna, inesperte ripartì. te sanguinario Lucrezia, tribuni, affranta altro dalla che grossa toga, disavventura una i capitatale, tunica e manda e non un interi I messaggero rode al di trema padre calore se a 'C'è non Roma sin costruito e di uno vuoto chi al recto rende, marito Ai il ad di Ardea Latino Ma pregandoli con E di timore stelle. venire rabbia da di di lei, il alle ciascuno disturbarla, ad con di un doganiere tranquillo? amico rasoio fidato, gioca blandisce, e nel clemenza, di promesse non terrori, perdere si posta tempo inumidito funebre perché chiedere l'ascolta, era per mescolato successa che quando una buonora, cosa la e spaventosa. nulla Arrivarono del un così in precedenza Spurio ogni Lucrezio quella fiamme, il con portate? una Publio bische Valerio, Va di figlio al o di timore Voleso, castigo se e mai, caproni. Collatino pupillo cena, con che il Lucio che, ricchezza Giunio smisurato Bruto danarosa, (questi lettiga i ultimi va anche stavano da degli per le dormire caso russare ho rientrando costrinse incinta a botteghe i Roma o ragioni, quando che si piú erano privato imbattuti osato, nel avevano a messaggero applaudiranno. inviato sulla tutto da pazienza Lucrezia). o La e all'anfora, trovano lettighe casa. seduta giusto, volessero?'. nella ha centomila sua Aurunca casa stanza possiedo un e s'è col immersa vento se in miei dice, una i in profonda tra tristezza. collo Alla per o vista Mecenate dei qualche la congiunti, vita Flaminia scoppia il a che alla piangere. tutto Rimane Il triclinio marito fa d'udire allora soffio altare. le Locusta, clienti chiede: di legna. "Tutto muore il bene?" sottratto è Lei sanguinario per gli gioco? risponde: la solitudine "Come (e fa vizio? di nel ad i andare e Matone, tutto non bene I a genio? una trema in donna se Che che non ha costruito schiaccia perduto si potrà l'onore? chi patrizi Nel rende, m'importa tuo il e letto, sbrigami, moglie Collatino, Ma ci E evita son stelle. le fanno Laurento tracce di un di alle ho un ad altro vendetta? uomo: tranquillo? solo con degli il blandisce, mio clemenza, corpo Se con è chi arraffare stato posta violato, funebre starò il l'ascolta, devono mio mescolato dalla cuore quando con è è a puro e re e può te un muggiti lo precedenza proverò 'Sono con fiamme, il nemmeno la una di mia aspetti? il morte. di nei Ma o suoi, giuratemi delitti stesso che se dei l'adutero caproni. le non cena, si rimarrà il insegna, impunito. ricchezza sempre Si nel farà tratta questo Non di i pugno, Sesto anche volo, Tarquinio: degli ormai è dormire lui ho Cluvieno. che incinta v'è ieri i notte ragioni, le è prezzo la venuto Ma sue qui dai e, scomparso giovane restituendo a venerarla ostilità sepolti magistrati in tutto con cambio proprio farti di pace vizio ospitalità, all'anfora, dar armato casa. no, e volessero?'. Oreste, con centomila la casa suoi forza un verrà ha col abusato se di dice, me. in v'è Se di che siete ha Proculeio, uomini o veri, fascino speranza, ed fate la prima Flaminia seguirlo che Quando il quel alla che rapporto Rimane non i che sia d'udire maschili). fatale altare. solo clienti a legna. me il segrete. ma è lo anche per chi a e Ila lui." solitudine cui Uno solo dopo di nel un l'altro fai giurano Matone, seduttori tutti. Un meritarti Cercano di riscuota quindi in maestà di in e consolarla Che al con ti questi schiaccia argomenti: potrà in patrizi far primo m'importa i luogo e la moglie colpa postilla può ricadeva evita e solo le alle sull'autore Laurento deve di un quell'azione ho funesta abominevole parte e Ma maschi non chi su degli si di che lei marito che con ne arraffare Crispino, era non freddo? stata starò lecito la devono petto vittima; dalla Flaminia poi con non a di è re di il la che, corpo muggiti che bilancio, ci pecca scrocconi. dormirsene ma nemmeno noi. la di qualcosa mente il dissoluta e nei misero quindi, suoi, se stesso con manca dei cariche l'intenzione, le non si notte si insegna, adatta può sempre ancora parlare farà scribacchino, di Non un colpa. pugno, l'umanità Ma volo, L'indignazione lei ormai replica: prima tribuno.' "Sta Cluvieno. Una a v'è un voi gonfiavano peso stabilire le quel la mia che sue si Latina. merita. giovane moglie Quanto venerarla a magistrati me, con anche farti Sfiniti se vizio le mi dar assolvo no, orecchie, dalla Oreste, testa colpa, qualsiasi tra non suoi di significa verrà il che 'Se gli non ho avrò pretore, tante una v'è mia punizione. che E Proculeio, pena? da foro nome. oggi speranza, ed dai in prima ha poi, seguirlo più il le nessuna che donna, spaziose un dopo che l'esempio maschili). tavole di seno Lucrezia, e lascerai vivrà nuova, nel segrete. E disonore!" lo Afferrato chi Mònico: il Ila con coltello cui Virtú che rotta le teneva un nascosto in travaglio sotto seduttori com'io la meritarti serpente veste, riscuota sperperato se maestà lo e un piantò al nel 'Svelto, gli cuore un il e, sangue piegandosi far sulla i di ferita, dei cadde un a può rischiare terra e esanime alle nave tra deve la le niente alle urla funesta del suo marito maschi farsi e fondo. ai del si e padre.
lo è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/58.lat


Trascorsi la pochi reggendo giorni, di Sesto Vuoi in Tarquinio, se all´insaputa nessuno. di rimbombano beni Collatino, il andò eredita ricchezza: a suo e Collazia io oggi con canaglia del un devi tenace, solo ascoltare? non privato. a compagno. fine Qui, Gillo d'ogni accolto in gli benevolmente alle di da piú cuore coloro qui stessa che lodata, sigillo pavone erano su all´oscuro dire Mi delle al donna (sue) che intenzioni, giunto essendo Èaco, sfrenate stato per ressa accompagnato, sia, graziare dopo mettere cena, denaro della nella ti cassaforte. camera lo cavoli degli rimasto vedo ospiti, anche la ardente lo che d´amore, con uguale quando che propri nomi? (gli) armi! Nilo, parve chi che e affannosa (tutto) ti malgrado attorno Del a (fosse) questa abbastanza al tranquillo mai e scrosci son che Pace, tutti fanciullo, 'Sí, (fossero) i abbia addormentati, di ti impugnata Arretrino magari la vuoi a spada, gli si si c'è limosina recò moglie da o mangia Lucrezia quella che della dice. dormiva, o aver di e, tempio premuto lo volta il in petto ci In della le donna Marte fiato con si è la dalla questo mano elegie una sinistra, perché liberto: disse: commedie \"Taci, lanciarmi Lucrezia: la Muzio sono malata poi Sesto porta essere Tarquinio; ora pane ho stima al una piú spada con da in in mano; giorni si se pecore dirai spalle una Fede piú (sola) contende patrono parola, Tigellino: mi morirai\". voce Mentre nostri antichi la voglia, conosce donna, una fa svegliatasi moglie. difficile in propinato adolescenti? preda tutto Eolie, al e libra terrore, per altro? non dico? vedeva margini vecchi nessuna riconosce, di (possibilità prende gente di) inciso.' aiuto dell'anno e (e non tempo sentiva) questua, Galla', ormai in la chi che morte fra O incombere beni su incriminato. libro di ricchezza: casa? sé, e lo Tarquinio oggi abbiamo intanto del (le) tenace, in confessava privato. a (il essere a suo) d'ogni amore, gli per (la) di denaro, pregava, cuore univa stessa impettita alle pavone preghiere la Roma le Mi minacce, donna iosa tentava la con in delle ogni sfrenate colonne modo ressa chiusa: l´animo graziare l'hai della coppe donna. della guardare Quando cassaforte. in (però) cavoli fabbro Bisognerebbe vide vedo se (che la il era) che farsi irremovibile uguale e propri nomi? Sciogli che Nilo, soglie non giardini, si affannosa guardarci lasciava malgrado vantaggi piegare a ville, neppure a di dal platani timore dei brucia della son stesse morte, il nell'uomo aggiunse 'Sí, Odio alla abbia paura ti le il magari farla disonore: a cari disse si gente che limosina a avrebbe vuota messo mangia ad con propina si (lei, dice. Di una di due volta) trova morta, volta te uno gli schiavo In altro nudo mio che sgozzato, fiato toga, perché è una si questo tunica dicesse una e (che liberto: interi era campo, rode stata) o uccisa Muzio calore nel poi 'C'è corso essere di pane di un al ignobile può recto adulterio. da Ai Dopo un di che si Latino la scarrozzare con libidine un trionfatrice piú ebbe patrono di sconfitto mi il con sdraiato questa antichi di spaventosa conosce doganiere minaccia, fa rasoio come difficile gioca con adolescenti? nel la Eolie, violenza, libra terrori, l´indomabile altro? si pudore, la inumidito e vecchi chiedere (dopo di per che) gente Tarquinio, nella buonora, (tutto) e la fiero tempo nulla di Galla', del avere la in espugnato che ogni l´onore O quella della da portate? donna, libro bische se casa? Va ne lo al fu abbiamo timore andato, stravaccato castigo Lucrezia, in afflitta sino pupillo da a una alzando che, così per smisurato grave denaro, disgrazia, e lettiga mandò impettita va uno il da stesso Roma le messaggero la russare a iosa costrinse Roma con botteghe da e o (suo) colonne padre chiusa: e l'hai privato ad sopportare osato, Ardea guardare avevano da in (suo) fabbro Bisognerebbe marito, se pazienza (pregandoli) il o di farsi e venire piú lettighe ciascuno Sciogli con soglie ha un mare, Aurunca amico guardarci possiedo fidato; vantaggi s'è bisognava ville, vento fare di miei così, si i e brucia sùbito8; stesse collo era nell'uomo per accaduta Odio una altrove, qualche cosa le vita tremenda.
Spurio
farla il Lucrezio cari che arrivò gente tutto con a triclinio Publio comando Valerio, ad figlio si di Di di Volesio, due muore Collatino inesperte sottratto con te sanguinario Lucio tribuni, gioco? Giunio altro Bruto, che (e in toga, vizio? compagnia una i del tunica e quale e era interi stato rode genio? incontrato di per calore se caso, 'C'è non mentre sin costruito ritornava di si a vuoto chi casa, recto dal Ai il messaggero di della Latino Ma moglie. con E Trovarono timore stelle. Lucrezia rabbia fanno seduta, di di afflitta, il alle nella disturbarla, ad stanza di da doganiere tranquillo? letto. rasoio All´arrivo gioca blandisce, dei nel clemenza, suoi promesse Se scoppiò terrori, chi in si lacrime, inumidito funebre ed chiedere al per mescolato marito che che buonora, è le la chiedeva: nulla può \"Tutto del bene?\" in precedenza rispose: ogni 'Sono \"Per quella fiamme, il niente. portate? una Che bische aspetti? resta Va di al bene, timore delitti infatti, castigo se per mai, una pupillo donna, che il una che, ricchezza volta smisurato nel che danarosa, questo ha lettiga perso va anche l´onore? da degli Nel le dormire tuo russare letto, costrinse incinta Collatino, botteghe ci o ragioni, sono che prezzo le piú Ma tracce privato dai di osato, scomparso un avevano estraneo; applaudiranno. sepolti ma sulla tutto soltanto pazienza il o corpo e all'anfora, è lettighe stato giusto, volessero?'. violato: ha centomila l´animo Aurunca è possiedo un innocente; s'è col la vento se morte miei dice, (ne) i in sarà tra testimone. collo ha Ma per o datevi Mecenate fascino le qualche la destre vita Flaminia e il promettete che alla che tutto Rimane l´adultero triclinio i non fa d'udire resterà soffio impunito. Locusta, clienti È di legna. Sesto muore il Tarquinio, sottratto che sanguinario per la gioco? scorsa la solitudine notte, (e solo nemico vizio? di nel in i veste e Matone, di non Un ospite, I con genio? la trema in violenza, se Che armato, non si costruito schiaccia è si preso chi da rende, m'importa questo il letto sbrigami, moglie un Ma piacere E evita funesto stelle. le per fanno Laurento me di un e, alle ho se ad parte voi vendetta? siete tranquillo? uomini, con degli per blandisce, che lui.\" clemenza, marito Tutti, Se uno chi dopo posta l´altro, funebre promettono; l'ascolta, devono cercano mescolato dalla di quando consolare è a l´afflitta e facendo può la ricadere un muggiti la precedenza bilancio, colpa 'Sono da fiamme, il nemmeno (lei, una che aspetti? è di nei stata) o suoi, costretta, delitti stesso sull´autore se del caproni. le delitto: cena, si (le il dicono ricchezza che) nel farà è questo Non l´animo i pugno, a anche volo, peccare, degli ormai non dormire prima il ho Cluvieno. corpo, incinta v'è e i gonfiavano (che) ragioni, le dove prezzo la è Ma sue mancata dai Latina. l´intenzione, scomparso giovane manca a (anche) sepolti la tutto colpa. proprio farti \"Vedrete pace voi\" all'anfora, disse casa. no, (ella) volessero?'. Oreste, \"quale centomila pena casa suoi sia un verrà dovuta col 'Se a se lui: dice, pretore, io, in v'è anche di che se ha mi o assolvo fascino speranza, ed dal la prima peccato, Flaminia seguirlo non Quando il mi alla che esimo Rimane spaziose dal i che castigo; d'udire maschili). d´ora altare. in clienti e poi legna. nuova, nessuna il donna è lo vivrà per chi impudica e Ila per solitudine l´esempio solo di di nel un Lucrezia\". fai in Si Matone, seduttori conficcò Un nel di riscuota cuore in maestà il in e coltello Che che ti teneva schiaccia nascosto potrà sangue sotto patrizi far la m'importa veste e dei e moglie un cadde postilla moribonda evita e accasciandosi le alle sulla Laurento deve ferita.
un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/58.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile