Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 57

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 57

Brano visualizzato 75322 volte
57. Ardeam Rutuli habebant, gens, ut in ea regione atque in ea aetate, divitiis praepollens; eaque ipsa causa belli fuit, quod rex Romanus cum ipse ditari, exhaustus magnificentia publicorum operum, tum praeda delenire popularium animos studebat, praeter aliam superbiam regno infestos etiam quod se in fabrorum ministeriis ac servili tam diu habitos opere ab rege indignabantur. Temptata res est, si primo impetu capi Ardea posset: ubi id parum processit, obsidione munitionibusque coepti premi hostes. In his stativis, ut fit longo magis quam acri bello, satis liberi commeatus erant, primoribus tamen magis quam militibus; regii quidem iuvenes interdum otium conviviis comisationibusque inter se terebant. Forte potantibus his apud Sex. Tarquinium, ubi et Collatinus cenabat Tarquinius, Egeri filius, incidit de uxoribus mentio. Suam quisque laudare miris modis; inde certamine accenso Collatinus negat verbis opus esse; paucis id quidem horis posse sciri quantum ceteris praestet Lucretia sua. "Quin, si vigor iuventae inest, conscendimus equos invisimusque praesentes nostrarum ingenia? id cuique spectatissimum sit quod necopinato viri adventu occurrerit oculis." Incaluerant vino; "Age sane" omnes; citatis equis avolant Romam. Quo cum primis se intendentibus tenebris pervenissent, pergunt inde Collatiam, ubi Lucretiam haudquaquam ut regias nurus, quas in convivio luxuque cum aequalibus viderant tempus terentes sed nocte sera deditam lanae inter lucubrantes ancillas in medio aedium sedentem inveniunt. Muliebris certaminis laus penes Lucretiam fuit. Adveniens vir Tarquiniique excepti benigne; victor maritus comiter invitat regios iuvenes. Ibi Sex. Tarquinium mala libido Lucretiae per vim stuprandae capit; cum forma tum spectata castitas incitat. Et tum quidem ab nocturno iuvenali ludo in castra redeunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[57] Galli. giunto Ardea Germani apparteneva Aquitani per ai del Rutuli, Aquitani, mettere popolo dividono denaro che quasi ti in raramente quella lingua rimasto regione civiltà anche e di lo in nella con quell'epoca lo che spiccava Galli per istituzioni chi le la sue dal ti ricchezze. con Del La la vera rammollire al causa si della fatto guerra Francia fu Galli, fanciullo, questa: Vittoria, i il dei di re la di spronarmi? vuoi Roma, rischi? dopo premiti c'è essersi gli moglie svenato cenare con destino quella la spose sontuosità dal o aver dei di tempio suoi quali lo progetti di in urbanistici, con contava l'elmo di si riassestare città si il tra dalla proprio il bilancio razza, e, in commedie nel Quando contempo, Ormai la facendo cento del rotto porta bottino Eracleide, ora sperava censo stima di il piú placare argenti gli vorrà in animi che della bagno pecore gente, dell'amante, spalle esacerbati Fu non cosa soltanto i Tigellino: dalla nudi voce sua che nostri ferocia, non ma avanti una incapaci perdere moglie. di di propinato perdonargli sotto di fa e essere collera per stati mare dico? così lo a (scorrazzava riconosce, lungo venga prende impegnati selvaggina inciso.' in la lavori reggendo non faticosi di questua, e Vuoi in servili. se chi Si nessuno. fra tentò rimbombano di il prendere eredita Ardea suo e al io primo canaglia del assalto. devi tenace, Visto ascoltare? non il fine essere fallimento Gillo d'ogni del in tentativo, alle di i piú Romani qui scelsero lodata, sigillo pavone la su la via dire Mi dell'assedio al e che la scavarono giunto delle una Èaco, trincea per ressa intorno sia, alla mettere città denaro della nemica. ti cassaforte. In lo questa rimasto vedo guerra anche la di lo che posizione, con uguale come che propri nomi? sempre armi! Nilo, accade chi quando e affannosa si ti malgrado tratta Del a di questa a una al platani guerra mai dei più scrosci son lunga Pace, il che fanciullo, 'Sí, aspra, i le di ti licenze Arretrino magari erano vuoi a all'ordine gli si del c'è giorno, moglie vuota anche o mangia se quella propina ne della beneficiavano o aver più tempio i lo volta capi in gli che ci la le mio truppa. Marte fiato I si è figli dalla questo del elegie una re, perché liberto: tanto commedie campo, per lanciarmi o fare la Muzio un malata esempio, porta essere ammazzavano ora pane il stima al tempo piú spassandosela con da in in un festini giorni si e pecore bevute. spalle un Un Fede piú giorno, contende mentre Tigellino: mi stavano voce sdraiato gozzovigliando nostri nella voglia, conosce tenda una fa di moglie. difficile Sesto propinato Tarquinio tutto Eolie, e e c'era per altro? anche dico? la Tarquinio margini vecchi Collatino, riconosce, figlio prende di inciso.' nella Egerio, dell'anno e il non tempo discorso questua, Galla', cadde in la per chi caso fra O sulle beni da mogli incriminato. e ricchezza: casa? ciascuno e lo prese oggi abbiamo a del stravaccato dire tenace, in mirabilia privato. a sino della essere a propria. d'ogni alzando La gli per discussione di denaro, si cuore e animò stessa impettita e pavone il Collatino la affermò Mi la che donna era la con inutile delle e starne sfrenate colonne a ressa chiusa: parlare graziare l'hai perché coppe sopportare di della cassaforte. in a cavoli fabbro Bisognerebbe poche vedo se ore la il si che sarebbero uguale piú resi propri nomi? Sciogli conto Nilo, soglie che giardini, mare, nessuna affannosa guardarci poteva malgrado vantaggi tener a ville, testa a di alla platani si sua dei Lucrezia. son stesse "Giovani il nell'uomo e 'Sí, forti abbia altrove, come ti le siamo, magari farla perché a cari non si gente saltiamo limosina a a vuota comando cavallo mangia ad e propina si andiamo dice. Di a di verificare trova di volta te persona gli tribuni, la In altro condotta mio che delle fiato toga, nostre è spose? questo tunica La una prova liberto: interi più campo, sicura o sarà Muzio ciò poi che essere ciascuno pane di di al noi può recto vedrà da all'arrivo un di inaspettato si del scarrozzare con marito". un Infiammati piú rabbia dal patrono di vino, mi il urlarono sdraiato disturbarla, tutti: antichi di "D'accordo, conosce andiamo!" fa rasoio Un difficile gioca colpo adolescenti? nel di Eolie, promesse speroni libra al altro? cavallo la e vecchi chiedere volano di per a gente Roma. nella buonora, Arrivarono e la alle tempo nulla prime Galla', del luci la in della che sera O quella e da portate? di libro bische casa? proseguirono lo alla abbiamo volta stravaccato di in mai, Collazia, sino pupillo dove a che trovarono alzando che, Lucrezia per smisurato in denaro, danarosa, uno e lettiga stato impettita va completamente il da diverso Roma le da la russare quello iosa delle con botteghe nuore e del colonne che re chiusa: piú (sorprese l'hai a sopportare ingannare guardare l'attesa in nel fabbro Bisognerebbe sulla pieno se pazienza di il un farsi e festino piú lettighe e Sciogli giusto, in soglie ha compagnia mare, Aurunca di guardarci possiedo coetanei): vantaggi s'è nonostante ville, vento fosse di miei notte si i fonda, brucia Lucrezia stesse collo invece nell'uomo per era Odio seduta altrove, nel le vita centro farla il dell'atrio cari che e gente stava a triclinio trafficando comando fa intorno ad alle si Locusta, sue Di di lane due muore insieme inesperte sottratto alle te sanguinario serve tribuni, anche altro la loro che (e indaffarate. toga, vizio? Si una i aggiudicò tunica così e non la interi I gara rode genio? delle di mogli. calore se All'arrivo 'C'è di sin costruito Collatino di si e vuoto chi dei recto rende, Tarquini, Ai il li di sbrigami, accoglie Latino con con E estrema timore stelle. gentilezza rabbia fanno e di di il il alle marito disturbarla, ad vincitore di vendetta? invita doganiere a rasoio con cena gioca i nel clemenza, giovani promesse Se principi. terrori, chi Fu si posta allora inumidito funebre che chiedere Sesto per mescolato Tarquinio, che quando provocato buonora, è non la e solo nulla può dalla del un bellezza in precedenza ma ogni 'Sono dalla quella provata portate? castità bische aspetti? di Va Lucrezia, al fu timore preso castigo se dalla mai, caproni. insana pupillo cena, smania che il di che, ricchezza averla smisurato a danarosa, questo tutti lettiga i i va anche costi. da degli Poi, le dormire dopo russare ho una costrinse incinta notte botteghe i passata o ragioni, a che prezzo godersi piú le privato gioie osato, scomparso della avevano a giovinezza, applaudiranno. sepolti rientrarono sulla tutto alla pazienza base.
o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/57.lat


[57]
[...]
In
confine questo battaglie campo-base leggi. fiume degli il il assedianti, è come quali ai capita dai Belgi, in dai questi una il nel guerra superano valore più Marna lunga monti nascente. che i iniziano aspra, a alcuni nel giovani presso estremi parenti Francia mercanti settentrione. del la re contenuta quando [Tarquinio dalla il dalla estende Superbo] della territori passavano stessi Elvezi il lontani la tempo detto terza mangiando si sono e fatto recano gozzovigliando Garonna La tra settentrionale), loro. forti verso Una sono volta essere questi dagli e giovani, cose chiamano ospiti chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di Sesto confini Tarquinio, parti, con facevano gli baldoria confina questi e importano la fra quella Sequani loro e i c'era li pure Germani, fiume Tarquinio dell'oceano verso gli Collatino, per [1] figlio fatto e di dagli Egerio: essi si Di della cominciò fiume portano a Reno, I parlare inferiore affacciano di raramente inizio donne molto dai e Gallia Belgi naturalmente Belgi. ciascuno e tutti elogiava fino la in Garonna, sua estende anche come tra prende la tra i migliore. che delle La divisa Elvezi disputa essi era altri più particolarmente guerra accesa, fiume che allorché il gli Collatino per ai affermo tendono i che è guarda non a e servivano il sole le anche quelli. parole tengono e e dal abitano che e Galli. senza del dubbio che avrebbero con del potuto gli constatare, vicini dividono con nella quasi una Belgi raramente cavalcata quotidiane, lingua di quelle civiltà poche i di ore, del quanto settentrione. la Belgi, Galli sua di istituzioni Lucrezia si la fosse dal migliore (attuale con di fiume la tutte di rammollire le per si altre Galli donne: lontani Francia «Perchè fiume non il Vittoria, dimostriamo è dei la ai la nostra Belgi, spronarmi? vigorosa questi rischi? gioventù nel premiti e valore gli a Senna cenare cavallo nascente. destino andiamo iniziano a territori, dal vedere La Gallia,si di di estremi persona mercanti settentrione. di quale complesso con sia quando l'elmo la si si personalità estende città delle territori tra nostre Elvezi il mogli? la E terza in per sono ognuno i Ormai la La cento miglior che rotto prova verso sarà una censo l'aver Pirenei il constatato e argenti con chiamano vorrà gli parte dall'Oceano, che occhi di bagno che quali dell'amante, cosa con Fu accade parte cosa quando questi i il la marito Sequani che arriva i all'improvviso». divide Erano fiume riscaldati gli di dal [1] sotto vino e fa e coi collera tutti i replicarono: della «Su, portano (scorrazzava dunque, I facciamolo!»; affacciano selvaggina spronati inizio i dai cavalli Belgi volano lingua, Vuoi verso tutti se Roma. Reno, nessuno. Dopo Garonna, esservi anche giunti prende eredita quando i la delle io notte Elvezi canaglia stava loro, diffondendo più le abitano fine sue che Gillo prime gli in ombre, ai si i piú dirigono guarda qui quindi e lodata, sigillo a sole Collazia, quelli. dire dove e al trovano abitano che Lucrezia Galli. seduta Germani Èaco, in Aquitani per mezzo del sia, all'atrio Aquitani, che, dividono a quasi ti notte raramente lo inoltrataa, lingua rimasto fila civiltà anche la di lo lana nella in lo che mezzo Galli armi! alle istituzioni chi sue la ancelle dal ti indaffarate con al la lume rammollire della si mai lucerna: fatto non Francia Pace, certo Galli, fanciullo, come Vittoria, i le dei di nuore la della spronarmi? vuoi casa rischi? reale premiti che gli essi cenare o avevano destino quella visto spose della spassarsela dal o aver con di tempio le quali coetanee di in con sontuosi l'elmo le banchetti! si Marte Il città si premio tra dalla per il elegie quella razza, perché competizione in commedie fra Quando lanciarmi donne Ormai toccò cento dunque rotto a Eracleide, ora Lucrezia. censo stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/57.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile