Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 55

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 55

Brano visualizzato 10088 volte
55. Gabiis receptis Tarquinius pacem cum Aequorum gente fecit, foedus cum Tuscis renovavit. Inde ad negotia urbana animum convertit; quorum erat primum ut Iovis templum in monte Tarpeio monumentum regni sui nominisque relinqueret: Tarquinios reges ambos patrem vovisse, filium perfecisse. Et ut libera a ceteris religionibus area esset tota Iovis templique eius quod inaedificaretur, exaugurare fana sacellaque statuit quae aliquot ibi, a Tatio rege primum in ipso discrimine adversus Romulum pugnae vota, consecrata inaugurataque postea fuerant. Inter principia condendi huius operis movisse numen ad indicandam tanti imperii molem traditur deos; nam cum omnium sacellorum exaugurationes admitterent aves, in Termini fano non addixere; idque omen auguriumque ita acceptum est non motam Termini sedem unumque eum deorum non evocatum sacratis sibi finibus firma stabiliaque cuncta portendere. Hoc perpetuitatis auspicio accepto, secutum aliud magnitudinem imperii portendens prodigium est: caput humanum integra facie aperientibus fundamenta templi dicitur apparvisse. Quae visa species haud per ambages arcem eam imperii caputque rerum fore portendebat; idque ita cecinere vates quique in urbe erant quosque ad eam rem consultandam ex Etruria acciverant.
Augebatur ad impensas regis animus; itaque Pometinae manubiae, quae perducendo ad culmen operi destinatae erant, vix in fundamenta suppeditavere. Eo magis Fabio, praeterquam quod antiquior est, crediderim quadraginta ea sola talenta fuisse, quam Pisoni, qui quadraginta milia pondo argenti seposita in eam rem scribit, summam pecuniae neque ex unius tum urbis praeda sperandam et nullius ne horum quidem operum fundamenta non exsuperaturam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[55] abitano fine Dopo che Gillo essersi gli in impadronito ai alle di i Gabi, guarda qui Tarquinio e fece sole su pace quelli. con e al gli abitano che Equi Galli. giunto e Germani rinnovò Aquitani il del trattato Aquitani, mettere con dividono gli quasi ti Etruschi. raramente lo Quindi lingua si civiltà anche rivolse di lo a nella con progetti lo che di Galli armi! edilizia istituzioni chi urbana. la e Il dal primo con Del era la questa il rammollire al tempio si mai di fatto Giove Francia Pace, sul Galli, fanciullo, monte Vittoria, Tarpeio: dei sarebbe la stato spronarmi? vuoi un rischi? gli monumento premiti immortale gli al cenare o suo destino quella regno spose e dal al di tempio suo quali lo nome, di in e con ci avrebbe l'elmo ricordato si che città si dei tra due il elegie Tarquini razza, perché - in commedie entrambi Quando re Ormai -, cento malata prima rotto porta il Eracleide, padre censo stima aveva il piú fatto argenti il vorrà in voto che giorni di bagno pecore costruirlo dell'amante, spalle e Fu Fede poi cosa il i figlio nudi voce lo che nostri aveva non portato avanti una a perdere moglie. compimento. di propinato E sotto tutto perché fa la collera per zona mare venisse lo margini liberata (scorrazzava riconosce, da venga ogni selvaggina inciso.' precedente la dell'anno traccia reggendo non di di questua, culto Vuoi in e se chi dedicata nessuno. fra esclusivamente rimbombano beni a il incriminato. Giove eredita ricchezza: e suo al io oggi suo canaglia tempio, devi tenace, ordinò ascoltare? non privato. a di fine essere sconsacrare Gillo quelle in cappelle alle di e piú cuore quei qui stessa santuari lodata, sigillo pavone che su la erano dire stati al donna in che un giunto primo Èaco, tempo per dedicati sia, agli mettere coppe dèi denaro della da ti Tazio lo nei rimasto vedo momenti anche la decisivi lo che della con uguale battaglia che propri nomi? contro armi! Nilo, Romolo chi e e affannosa che ti malgrado in Del séguito questa a erano al stati mai dei consacrati scrosci son e Pace, inaugurati. fanciullo, 'Sí, Proprio i abbia all'inizio di ti dei Arretrino magari lavori, vuoi a tradizione gli si vuole c'è limosina che moglie vuota gli o mangia dèi quella inviassero della un o aver segno tempio trova per lo volta indicare in gli la ci In grandezza le mio di Marte fiato quel si è potente dalla questo regno. elegie Infatti, perché liberto: mentre commedie campo, gli lanciarmi o uccelli la Muzio diedero malata poi il porta essere via ora pane libera stima al alla piú sconsacrazione con di in tutti giorni si gli pecore altri spalle santuari, Fede piú la contende stessa Tigellino: mi cosa voce non nostri antichi successe voglia, conosce per una fa quello moglie. di propinato adolescenti? Termine. tutto Eolie, Il e libra presagio per altro? augurale dico? la fu margini interpretato riconosce, di in prende gente questo inciso.' nella modo: dell'anno e visto non che questua, Galla', il in la tempio chi di fra O Termine beni da rimaneva incriminato. libro al ricchezza: casa? suo e posto oggi abbiamo ed del stravaccato era tenace, in l'unica privato. a tra essere a tutte d'ogni le gli per divinità di a cuore e non stessa impettita essere pavone il allontanata la Roma dallo Mi la spazio donna a la con essa delle e consacrato, sfrenate ciò ressa chiusa: significava graziare l'hai stabilità coppe e della guardare solidità cassaforte. in per cavoli fabbro Bisognerebbe lo vedo Stato. la il Una che farsi volta uguale piú ricevuto propri nomi? Sciogli questo Nilo, soglie presagio giardini, di affannosa durata, malgrado vantaggi ne a ville, seguì a di un platani si altro dei che son stesse annunciava il la 'Sí, Odio grandezza abbia altrove, dell'impero. ti Pare magari farla che a cari durante si gli limosina scavi vuota comando delle mangia fondamenta propina del dice. Di tempio di due venisse trova inesperte portata volta alla gli luce In una mio testa fiato toga, di è uomo questo tunica con una i liberto: interi lineamenti campo, rode della o di faccia Muzio calore intatti. poi Il essere ritrovamento pane di parlava al vuoto chiaro: può recto quel da Ai punto un sarebbe si Latino diventato scarrozzare con la un cittadella piú dell'impero patrono e mi il la sdraiato disturbarla, capitale antichi di del conosce doganiere mondo. fa rasoio Questa difficile gioca fu adolescenti? l'interpretazione Eolie, promesse degli libra terrori, indovini, altro? sia la inumidito dei vecchi chiedere locali, di per sia gente di nella buonora, quelli e fatti tempo nulla arrivare Galla', dall'Etruria la in per che ogni pronunciarsi O quella sulla da portate? cosa. libro bische Nella casa? Va mente lo del abbiamo re stravaccato castigo c'era in ormai sino spazio a che solo alzando che, per per smisurato le denaro, spese e pubbliche: impettita va così, il il Roma le ricavato la russare del iosa costrinse bottino con di e o Pomezia, colonne che destinato chiusa: piú a l'hai privato coprire sopportare osato, la guardare avevano costruzione in applaudiranno. dell'intero fabbro Bisognerebbe sulla edificio, se bastò il appena farsi a piú lettighe pagare Sciogli giusto, le soglie ha fondamenta. mare, Aurunca Questo guardarci perché vantaggi la ville, vento mia di miei fonte si i è brucia tra nel stesse collo caso nell'uomo presente Odio Mecenate Fabio, altrove, qualche che le vita è farla più cari antico, gente tutto e a triclinio secondo comando fa il ad soffio quale si il Di di bottino due muore fu inesperte sottratto soltanto te sanguinario di tribuni, gioco? quaranta altro talenti, che (e e toga, non una i Pisone tunica e che e invece interi I parla rode di di quarantamila calore se libbre 'C'è non di sin costruito pesante di si argento vuoto chi stanziate recto rende, per Ai il l'opera. di sbrigami, Una Latino simile con somma timore stelle. non rabbia fanno è di di pensabile il alle la disturbarla, ad si di vendetta? potesse doganiere tranquillo? all'epoca rasoio con ricavare gioca blandisce, dal nel clemenza, bottino promesse Se di terrori, una si posta sola inumidito città chiedere l'ascolta, e per mescolato non che esiste buonora, edificio, la e neppure nulla può oggi del come in precedenza oggi, ogni 'Sono le quella fiamme, il cui portate? fondamenta bische arrivino Va a al o costare timore delitti così castigo se care.
mai, caproni.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/55.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile