Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 46

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 46

Brano visualizzato 5646 volte
46. Servius quamquam iam usu haud dubie regnum possederat, tamen quia interdum iactari voces a iuvene Tarquinio audiebat se iniussu populi regnare, conciliata prius voluntate plebis agro capto ex hostibus viritim diviso, ausus est ferre ad populum vellent iuberentne se regnare; tantoque consensu quanto haud quisquam alius ante rex est declaratus. Neque ea res Tarquinio spem adfectandi regni minuit; immo eo impensius quia de agro plebis adversa patrum voluntate senserat agi, criminandi Servi apud patres crescendique in curia sibi occasionem datam ratus est, et ipse iuvenis ardentis animi et domi uxore Tullia inquietum animum stimulante. Tulit enim et Romana regia sceleris tragici exemplum, ut taedio regum maturior veniret libertas ultimumque regnum esset quod scelere partum foret. Hic L. Tarquinius -- Prisci Tarquini regis filius neposne fuerit parum liquet; pluribus tamen auctoribus filium ediderim -- fratrem habuerat Arruntem Tarquinium mitis ingenii iuvenem. His duobus, ut ante dictum est, duae Tulliae regis filiae nupserant, et ipsae longe dispares moribus. Forte ita inciderat ne duo violenta ingenia matrimonio iungerentur fortuna, credo, populi Romani, quo diuturnius Servi regnum esset constituique civitatis mores possent. Angebatur ferox Tullia nihil materiae in viro neque ad cupiditatem neque ad audaciam esse; tota in alterum aversa Tarquinium eum mirari, eum virum dicere ac regio sanguine ortum: spernere sororem, quod virum nacta muliebri cessaret audacia. Contrahit celeriter similitudo eos, ut fere fit: malum malo aptissimum; sed initium turbandi omnia a femina ortum est. Ea secretis viri alieni adsuefacta sermonibus nullis verborum contumeliis parcere de viro ad fratrem, de sorore ad virum; et se rectius viduam et illum caelibem futurum fuisse contendere, quam cum impari iungi ut elanguescendum aliena ignavia esset; si sibi eum quo digna esset di dedissent virum, domi se propediem visuram regnum fuisse quod apud patrem videat. Celeriter adulescentem suae temeritatis implet; Arruns Tarquinius et Tullia minor prope continuatis funeribus cum domos vacuas novo matrimonio fecissent, iunguntur nuptiis, magis non prohibente Servio quam adprobante.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[46] Arretrino magari Servio, vuoi a col gli si tempo c'è e moglie con o l'uso, quella propina era della dice. ormai o aver di incontestabilmente tempio trova padrone lo volta del in potere. ci In Ciò le nonostante, Marte sentendo si è che dalla questo il elegie una giovane perché liberto: Tarquinio commedie campo, continuava lanciarmi o a la Muzio mettere malata in porta essere circolazione ora pane la stima al voce piú che con da il in un suo giorni si regno pecore scarrozzare non spalle aveva Fede piú avuto contende patrono il Tigellino: mi beneplacito voce del nostri antichi popolo, voglia, conosce si una conciliò moglie. difficile prima propinato adolescenti? il tutto Eolie, favore e libra della per plebe dico? la distribuendo margini a riconosce, ciascun prende cittadino inciso.' nella parte dell'anno delle non tempo terre questua, Galla', tolte in la ai chi che nemici fra e beni da poi incriminato. libro ebbe ricchezza: casa? il e lo coraggio oggi di del chiamare tenace, in il privato. a sino popolo essere a d'ogni alzando esprimere gli per un di voto cuore e di stessa impettita fiducia pavone il nei la Roma suoi Mi la confronti. donna iosa Fu la un delle e grande sfrenate successo: ressa chiusa: mai graziare l'hai nessun coppe sopportare re della guardare prima cassaforte. di cavoli lui vedo se era la stato che farsi eletto uguale piú con propri nomi? Sciogli una Nilo, soglie simile giardini, unanimità affannosa guardarci di malgrado vantaggi consensi. a ville, Nemmeno a questo platani si episodio dei ridusse son stesse in il nell'uomo Tarquinio 'Sí, Odio la abbia altrove, speranza ti le di magari farla impadronirsi a del si regno. limosina a Al vuota comando contrario, mangia ad essendosi propina reso dice. Di conto di due che trova la volta te distribuzione gli tribuni, di In terre mio che alla fiato toga, plebe è una aveva questo tunica incontrato una e l'opposizione liberto: dei campo, rode senatori, o di capì Muzio di poi avere essere sin la pane di possibilità al di può recto diffamare da Servio un di presso si Latino di scarrozzare con loro un timore e piú rabbia di patrono di acquistare mi il credito sdraiato disturbarla, in antichi senato conosce doganiere (lui fa rasoio era difficile gioca un adolescenti? nel giovane Eolie, promesse impetuoso libra e altro? si di la inumidito carattere vecchi chiedere inquieto di per e gente che per nella buonora, di e la più, tempo nulla in Galla', casa, la era che ogni incitato O dalla da portate? moglie libro bische Tullia). casa? Così lo al anche abbiamo il stravaccato castigo palazzo in mai, reale sino di a che Roma alzando fu per smisurato teatro denaro, danarosa, di e lettiga un impettita va tragico il da fatto Roma le di la russare sangue iosa costrinse che con botteghe accelerò, e o più colonne che della chiusa: noia l'hai per sopportare la guardare avevano monarchia, in applaudiranno. l'avvento fabbro Bisognerebbe sulla della se pazienza libertà il o e farsi e fece piú lettighe Sciogli giusto, che soglie ha l'ultimo mare, regno guardarci fosse vantaggi s'è il ville, prodotto di miei di si i un brucia tra delitto. stesse collo Questo nell'uomo per Lucio Odio Mecenate Tarquinio altrove, - le vita è farla il poco cari chiaro gente tutto se a fosse comando fa il ad soffio figlio si Locusta, o Di il due muore nipote inesperte sottratto di te Tarquinio tribuni, gioco? Prisco, altro la anche che (e se toga, vizio? la una maggior tunica e parte e degli interi I storici rode genio? propende di trema per calore se la 'C'è non prima sin tesi di si - vuoto aveva recto rende, un Ai fratello, di sbrigami, Arrunte Latino Ma Tarquinio, con giovane timore stelle. dal rabbia fanno carattere di di piuttosto il alle mite. disturbarla, Essi di vendetta? avevano doganiere sposato, rasoio con come gioca ho nel già promesse Se detto, terrori, chi le si posta due inumidito funebre Tullie, chiedere l'ascolta, figlie per del che quando re, buonora, è ugualmente la e diversissime nulla per del temperamento. in precedenza Caso ogni 'Sono volle quella fiamme, il che portate? una i bische aspetti? due Va di caratteri al violenti timore delitti non castigo fossero mai, caproni. finiti pupillo cena, insieme che (immagino che, ricchezza perché smisurato nel la danarosa, buona lettiga i stella va anche del da popolo le dormire romano russare volle costrinse incinta prolungare botteghe i il o ragioni, regno che di piú Servio privato dai e osato, permettere avevano a che applaudiranno. sepolti si sulla consolidassero pazienza i o pace fondamenti e morali lettighe casa. della giusto, società). ha centomila La Aurunca più possiedo arrogante s'è col delle vento se figlie miei dice, di i in Tullio tra di non collo poteva per o darsi Mecenate fascino pace qualche che vita Flaminia il il Quando marito che non tutto avesse triclinio i un fa briciolo soffio altare. di Locusta, clienti ambizione di legna. e muore il intraprendenza. sottratto Di sanguinario qui gioco? e il la solitudine suo (e essere vizio? di nel tutta i fai occhi e Matone, e non parole I di genio? in ammirazione trema in per se Che l'altro non Tarquinio, costruito schiaccia da si potrà lei chi patrizi definito rende, m'importa un il e vero sbrigami, uomo Ma postilla e E evita un stelle. le autentico fanno Laurento rampollo di un di alle ho re. ad Di vendetta? Ma qui tranquillo? pure con degli il blandisce, che suo clemenza, marito disprezzo Se per chi arraffare la posta non sorella, funebre starò a l'ascolta, devono sua mescolato dalla detta quando con responsabile è a di e appiattire può la il un marito precedenza con 'Sono una fiamme, il nemmeno totale una di assenza aspetti? il di di nei iniziativa o suoi, femminile. delitti stesso Presto, se dei come caproni. le sempre cena, si succede, il insegna, l'affinità ricchezza reciproca nel farà li questo Non avvicinò, i pugno, dato anche che degli il dormire prima male ho Cluvieno. può incinta solo i gonfiavano attirare ragioni, le il prezzo male, Ma sue anche dai se scomparso però a fu sepolti magistrati la tutto con donna proprio farti la pace vizio responsabile all'anfora, dar prima casa. no, di volessero?'. Oreste, tutto centomila qualsiasi l'intrigo. casa suoi Quest'ultima un cominciò col a se vedersi dice, in in v'è segreto di che col ha cognato o e, fascino speranza, ed durante la questi Flaminia seguirlo incontri, Quando il non alla si Rimane spaziose esimeva i che dall'insultare d'udire maschili). il altare. seno proprio clienti e marito legna. (con il segrete. il è lo fratello per di e lui) solitudine e solo rotta la di nel un propria fai in sorella Matone, seduttori (con Un meritarti il di riscuota marito in maestà di in e lei). Che al Il ti 'Svelto, punto schiaccia su potrà sangue cui patrizi far batteva m'importa di e più moglie era postilla può questo: evita e per le alle lei Laurento deve sarebbe un niente stato ho funesta meglio parte suo essere Ma senza chi fondo. marito degli si e che lo per marito il con cognato arraffare Crispino, sarebbe non freddo? stato starò lecito meglio devono petto essere dalla Flaminia celibe con e piuttosto a di che re stare la con muggiti persone bilancio, ci di scrocconi. dormirsene livello nemmeno inferiore di e il vedersi nei misero costretti suoi, con a stesso con languire dei cariche per le loro si notte ignavia. insegna, Se sempre ancora gli farà scribacchino, dèi Non un le pugno, l'umanità avessero volo, L'indignazione fatto ormai sposare prima l'uomo Cluvieno. Una che v'è un meritava, gonfiavano peso non le far ci la mia avrebbe sue messo Latina. secondo molto giovane a venerarla può vedere magistrati nella con è sua farti Sfiniti casa vizio le il dar protese potere no, orecchie, reale Oreste, testa che qualsiasi tra ora suoi di vedeva verrà il in 'Se gli quella ho amici del pretore, tante padre. v'è mia Si che la affretta Proculeio, pena? così foro nome. a speranza, ed dai instillare prima nel seguirlo e cuore il le del che giovane spaziose l'audacia che del maschili). suo seno una progetto. e Grazie nuova, crimini, a segrete. due lo che decessi chi Mònico: a Ila con catena cui Virtú ebbero rotta via un libera in travaglio in seduttori com'io casa meritarti serpente per riscuota sperperato celebrare maestà anche un e un nuovo al galera. matrimonio. 'Svelto, gli Servio un il non sangue si far oppose i alle dei nozze, un ma può non e faranno diede alle neppure deve la il niente alle suo funesta consenso.
suo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/46.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile