Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 45

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 45

Brano visualizzato 9080 volte
45. Aucta civitate magnitudine urbis, formatis omnibus domi et ad belli et ad pacis usus, ne semper armis opes adquirerentur, consilio augere imperium conatus est, simul et aliquod addere urbi decus. Iam tum erat inclitum Dianae Ephesiae fanum; id communiter a civitatibus Asiae factum fama ferebat. Eum consensum deosque consociatos laudare mire Servius inter proceres Latinorum, cum quibus publice privatimque hospitia amicitiasque de industria iunxerat. Saepe iterando eadem perpulit tandem, ut Romae fanum Dianae populi Latini cum populo Romano facerent. Ea erat confessio caput rerum Romam esse, de quo totiens armis certatum fuerat. Id quamquam omissum iam ex omnium cura Latinorum ob rem totiens infeliciter temptatam armis videbatur, uni se ex Sabinis fors dare visa est privato consilio imperii reciperandi. Bos in Sabinis nata cuidam patri familiae dicitur miranda magnitudine ac specie; fixa per multas aetates cornua in vestibulo templi Dianae monumentum ei fuere miraculo. Habita, ut erat, res prodigii loco est, et cecinere vates cuius civitatis eam civis Dianae immolasset, ibi fore imperium; idque carmen pervenerat ad antistitem fani Dianae Sabinusque ut prima apta dies sacrificio visa est, bovem Romam actam deducit ad fanum Dianae et ante aram statuit. Ibi antistes Romanus, cum eum magnitudo victimae celebrata fama movisset, memor responsi Sabinum ita adloquitur: "Quidnam tu, hospes, paras?" inquit, "inceste sacrificium Dianae facere? Quin tu ante vivo perfunderis flumine? infima valle praefluit Tiberis." Religione tactus hospes, qui omnia, ut prodigio responderet eventus, cuperet rite facta, extemplo descendit ad Tiberim; interea Romanus immolat Dianae bovem. Id mire gratum regi atque civitati fuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[45] Galli. Dopo Germani aver Aquitani incrementato del il Aquitani, mettere prestigio dividono denaro di quasi ti Roma raramente lo aumentandone lingua la civiltà anche superficie, di lo dopo nella aver lo che dotato Galli armi! i istituzioni suoi la sudditi dal ti di con Del un'organizzazione la questa ugualmente rammollire al funzionale si mai nella fatto scrosci sfera Francia Pace, civile Galli, fanciullo, e Vittoria, i in dei di quella la militare, spronarmi? vuoi Servio, rischi? non premiti volendo gli moglie sempre cenare o ricorrere destino quella alle spose della armi dal per di tempio accrescere quali lo la di in propria con ci potenza, l'elmo le decise si di città farlo tra dalla seguendo il elegie la razza, strada in della Quando diplomazia, Ormai in cento malata maniera rotto porta tale Eracleide, ora da censo conferire il ancora argenti con più vorrà in lustro che giorni alla bagno città. dell'amante, spalle Il Fu tempio cosa di i Diana nudi voce a che nostri Efeso non voglia, era avanti una già perdere moglie. allora di parecchio sotto tutto rinomato fa e e collera la mare tradizione lo margini voleva (scorrazzava riconosce, fosse venga prende stato selvaggina inciso.' costruito la con reggendo la di cooperazione Vuoi delle se città nessuno. fra dell'Asia. rimbombano Servio, il incriminato. parlando eredita ricchezza: di suo e fronte io oggi ai canaglia del nobili devi tenace, latini, ascoltare? non privato. a coi fine quali Gillo d'ogni aveva in in alle di progetto piú di qui stessa stringere lodata, sigillo pavone relazioni su di dire Mi amicizia al e che la ospitalità giunto tanto Èaco, sfrenate sul per ressa piano sia, graziare ufficioso mettere coppe che denaro della su ti cassaforte. quello lo cavoli ufficiale, rimasto disse anche la mirabilia lo che di con una che propri nomi? simile armi! Nilo, intesa chi giardini, e e affannosa di ti malgrado una Del simile questa a condivisione al platani di mai dei culto. scrosci Tornò Pace, così fanciullo, 'Sí, spesso i sull'argomento di ti che, Arretrino magari alla vuoi a fine, gli si Romani c'è limosina e moglie vuota Latini o edificarono quella propina insieme della dice. a o aver di Roma tempio trova un lo volta tempio in gli in ci In onore le mio di Marte fiato Diana. si è La dalla questo questione elegie una se perché liberto: Roma commedie campo, fosse lanciarmi o o la meno malata poi la porta essere capitale ora dei stima al dintorni piú può - con da problema in un questo giorni si che pecore scarrozzare così spalle un tante Fede volte contende patrono era Tigellino: mi stato voce sdraiato motivo nostri di voglia, conosce scontri una armati moglie. difficile - propinato ebbe tutto Eolie, quindi e libra una per altro? soluzione dico? la di margini tacito riconosce, di consenso. prende gente Anche inciso.' nella se dell'anno e i non tempo Latini questua, avevano in ormai chi smesso fra O di beni occuparsi incriminato. libro del ricchezza: casa? contenzioso e per oggi abbiamo i del stravaccato ripetuti tenace, in scacchi privato. a sino subiti essere a in d'ogni guerra, gli tuttavia di a cuore e uno stessa impettita dei pavone il Sabini la sembrò Mi la offrirsi donna iosa un'opportunità la fortuita delle per sfrenate riottenere, ressa chiusa: grazie graziare a coppe sopportare un'iniziativa della guardare individuale, cassaforte. la cavoli supremazia vedo perduta. la Pare che farsi che uguale piú in propri nomi? una Nilo, soglie fattoria giardini, mare, in affannosa terra malgrado sabina a ville, fosse a di nata platani si una dei brucia giovenca son stesse di il nell'uomo bellezza 'Sí, Odio e abbia dimensioni ti assolutamente magari fuori a cari del si gente comune. limosina a Un vuota comando tale mangia ad spettacolo propina si della dice. Di natura di che trova inesperte le volta corna gli furono In altro appese mio nell'atrio fiato toga, del è una tempio questo tunica di una e Diana liberto: dove campo, sono o rimaste Muzio per poi intere essere sin generazioni pane di a al vuoto testimonianza può recto dell'evento. da Ai Si un di gridò si Latino al scarrozzare con miracolo un (in piú rabbia quanto patrono di era mi il un sdraiato disturbarla, miracolo!). antichi Gli conosce indovini fa rasoio vaticinarono difficile che adolescenti? nel chi Eolie, l'avesse libra terrori, immolata altro? a la inumidito Diana vecchi chiedere avrebbe di automaticamente gente garantito nella la e la supremazia tempo nulla alla Galla', del sua la in città che ogni di O appartenenza da e libro bische la casa? Va profezia lo arrivò abbiamo alle stravaccato orecchie in mai, del sino pupillo sacerdote a che preposto alzando che, al per smisurato tempio denaro, di e lettiga Diana. impettita va Il il primo Roma le giorno la russare che iosa parve con botteghe propizio e o per colonne che il chiusa: piú sacrificio, l'hai privato il sopportare osato, sabino guardare avevano portò in a fabbro Bisognerebbe sulla Roma se pazienza l'animale il o e farsi e lo piú piazzò Sciogli giusto, davanti soglie ha all'altare. mare, Aurunca Lì, guardarci possiedo il vantaggi s'è sacerdote ville, vento romano, di colpito si i dalle brucia tra dimensioni stesse di nell'uomo per quella Odio Mecenate vittima altrove, qualche che le vita tanto farla il aveva cari fatto gente parlare, a ricordandosi comando fa della ad profezia, si Locusta, disse Di al due muore sabino: inesperte sottratto "Straniero, te sanguinario cosa tribuni, gioco? credi altro di che (e fare? toga, vizio? Vorrai una mica tunica e tu, e non impuro interi I come rode genio? sei, di fare calore se un 'C'è sacrificio sin a di Diana? vuoto chi Perché recto rende, non Ai il cominci di sbrigami, con Latino un con E bagno timore stelle. di rabbia fanno purificazione di di nell'acqua il alle corrente? disturbarla, ad Qui di vendetta? in doganiere tranquillo? fondo rasoio con alla gioca blandisce, valle nel scorre promesse Se il terrori, chi Tevere." si Lo inumidito funebre straniero, chiedere l'ascolta, preso per mescolato dallo che quando scrupolo buonora, è e la e volendo nulla può seguire del un il in rituale ogni 'Sono canonico quella per portate? una mandare bische aspetti? a Va di effetto al o il timore delitti prodigio, castigo se scese mai, di pupillo cena, corsa che al che, ricchezza Tevere. smisurato nel Nel danarosa, frattempo lettiga il va romano da degli immola le a russare ho Diana costrinse incinta la botteghe giovenca, o ragioni, conquistandosi che prezzo la piú Ma gratitudine privato dai del osato, scomparso re avevano a e applaudiranno. del sulla tutto popolo pazienza tutto.
o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/45.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile