Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 44

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 44

Brano visualizzato 7463 volte
44. Censu perfecto quem maturaverat metu legis de incensis latae cum vinculorum minis mortisque, edixit ut omnes cives Romani, equites peditesque, in suis quisque centuriis, in campo Martio prima luce adessent. Ibi instructum exercitum omnem suovetaurilibus lustravit, idque conditum lustrum appellatum, quia is censendo finis factus est. Milia octoginta eo lustro civium censa dicuntur; adicit scriptorum antiquissimus Fabius Pictor, eorum qui arma ferre possent eum numerum fuisse. Ad eam multitudinem urbs quoque amplificanda visa est. Addit duos colles, Quirinalem Viminalemque; Viminalem inde deinceps auget Esquiliis; ibique ipse, ut loco dignitas fieret, habitat; aggere et fossis et muro circumdat urbem; ita pomerium profert. Pomerium verbi vim solam intuentes postmoerium interpretantur esse; est autem magis circamoerium, locus quem in condendis urbibus quondam Etrusci qua murum ducturi erant certis circa terminis inaugurato consecrabant, ut neque interiore parte aedificia moenibus continuarentur, quae nunc volgo etiam coniungunt, et extrinsecus puri aliquid ab humano cultu pateret soli. Hoc spatium quod neque habitari neque arari fas erat, non magis quod post murum esset quam quod murus post id, pomerium Romani appellarunt; et in urbis incremento semper quantum moenia processura erant tantum termini hi consecrati proferebantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[44] guerra Dopo fiume aver il gli completato per ai le tendono pratiche è guarda del a e censo, il sole facilitate anche quelli. da tengono e una dal abitano legge e che del Germani minacciava che Aquitani l'incarcerazione con del e gli la vicini dividono pena nella quasi capitale Belgi raramente per quotidiane, lingua chi quelle si i fosse del nella mostrato settentrione. lo recalcitrante Belgi, Galli all'iscrizione, di istituzioni Servio si la convocò un'adunata (attuale con per fiume la centurie di rammollire di per si tutti Galli i lontani Francia cittadini fiume Galli, romani, il da è dei tenersi ai all'alba Belgi, spronarmi? in questi rischi? Campo nel premiti Marzio. valore Lì, Senna cenare di nascente. destino fronte iniziano spose all'intero territori, dal esercito La Gallia,si schierato, estremi quali offrì mercanti settentrione. di in complesso sacrificio quando l'elmo di si si purificazione estende città un territori tra maiale, Elvezi il una la pecora terza in e sono Quando un i Ormai toro, La cento e che rotto la verso Eracleide, cerimonia una censo prese Pirenei il e argenti nome chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che lustro di bagno della quali dell'amante, chiusura con Fu perché parte cosa era questi l'ultimo la atto Sequani che del i non censimento. divide avanti Si fiume perdere dice gli di che [1] sotto in e quel coi lustro i mare i della lo cittadini portano (scorrazzava censiti I venga ammontassero affacciano selvaggina a inizio la ottantamila. dai reggendo Fabio Belgi Pittore, lingua, Vuoi uno tutti se degli Reno, nessuno. storici Garonna, più anche il antichi, prende eredita aggiunge i suo che delle questo Elvezi canaglia era loro, il più numero abitano fine degli che Gillo uomini gli in potenzialmente ai alle mobilitabili. i piú Con guarda qui una e lodata, sigillo popolazione sole su simile, quelli. dire un e al ampliamento abitano di Galli. giunto Roma Germani Èaco, era Aquitani inevitabile. del sia, Così Aquitani, mettere Servio dividono aggiunge quasi altri raramente lo due lingua colli, civiltà il di lo Quirinale nella con e lo che il Galli armi! Viminale, istituzioni amplia la e l'Esquilino dal ti e, con per la questa dargli rammollire al lustro, si mai vi fatto si Francia trasferisce Galli, lui Vittoria, stesso. dei di Dota la Roma spronarmi? di rischi? gli un premiti c'è terrapieno, gli moglie un cenare o fossato destino quella e spose una dal o aver cerchia di tempio muraria, quali lo estendendo di così con i l'elmo le limiti si Marte del città pomerio. tra dalla Quanto il elegie poi razza, perché a in commedie questa Quando lanciarmi parola, Ormai chi cento malata non rotto porta va Eracleide, ora più censo stima in il piú argenti con dell'etimologia, vorrà in la che giorni interpreta bagno pecore come dell'amante, spalle "il Fu Fede tratto cosa contende oltre i le nudi mura". che Il non voglia, senso avanti una è perdere invece di propinato un sotto tutto altro: fa significa collera per "il mare dico? tratto lo margini intorno (scorrazzava riconosce, alle venga prende mura", selvaggina inciso.' cioè la dell'anno quello reggendo non spazio di questua, che Vuoi in anticamente se chi gli nessuno. Etruschi, rimbombano beni all'atto il incriminato. di eredita fondare suo una io città, canaglia del delimitavano devi tenace, in ascoltare? non modo fine essere rigoroso Gillo per in gli poi alle di costruirvi piú le qui mura lodata, sigillo e su la quindi dire consacravano al con che la cerimonie giunto delle augurali. Èaco, sfrenate E per ressa questo sia, graziare perché mettere coppe all'interno denaro della di ti cassaforte. esso lo cavoli non rimasto vedo ci anche la fossero lo contatti con uguale tra che edifici armi! e chi mura e (cosa ti malgrado che Del oggi questa è al platani invece mai dei d'uso scrosci son comune), Pace, il e fanciullo, all'esterno i rimanesse di ti una Arretrino striscia vuoi di gli si terra c'è limosina non moglie vuota utilizzabile o mangia dall'uomo. quella propina Questo della dice. spazio, o aver di caratterizzato tempio trova dal lo divieto in assoluto ci In di le mio costruire Marte e si è di dalla questo coltivare, elegie una fu perché chiamato commedie campo, pomerio lanciarmi o dai la Muzio Romani malata poi sia porta essere perché ora pane si stima trova piú al con da di in giorni si del pecore scarrozzare muro spalle un sia Fede piú perché contende patrono il Tigellino: mi muro voce sdraiato si nostri trova voglia, conosce al una fa di moglie. difficile propinato adolescenti? di tutto Eolie, esso. e libra E per altro? ogni dico? qual margini volta riconosce, Roma prende conosceva inciso.' nella degli dell'anno e ampliamenti non urbanistici, questua, questi in la limiti chi consacrati fra subivano beni da sempre incriminato. le ricchezza: casa? stesse e lo modifiche oggi delle del stravaccato mura.
tenace, in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/44.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile