Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 41

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 41

Brano visualizzato 9616 volte
41a. Tarquinium moribundum cum qui circa erant excepissent, illos fugientes lictores comprehendunt. Clamor inde concursusque populi, mirantium quid rei esset. Tanaquil inter tumultum claudi regiam iubet, arbitros eiecit. Simul quae curando volneri opus sunt, tamquam spes subesset, sedulo comparat, simul si destituat spes, alia praesidia molitur. Servio propere accito cum paene exsanguem virum ostendisset, dextram tenens orat ne inultam mortem soceri, ne socrum inimicis ludibrio esse sinat. "Tuum est" inquit, "Servi, si vir es, regnum, non eorum qui alienis manibus pessimum facinus fecere. Erige te deosque duces sequere qui clarum hoc fore caput divino quondam circumfuso igni portenderunt. Nunc te illa caelestis excitet flamma; nunc expergiscere vere. Et nos peregrini regnavimus; qui sis, non unde natus sis reputa. Si tua re subita consilia torpent, at tu mea consilia sequere." Cum clamor impetusque multitudinis vix sustineri posset, ex superiore parte aedium per fenestras in Novam viam versas -- habitabat enim rex ad Iovis Statoris -- populum Tanaquil adloquitur. Iubet bono animo, esse; sopitum fuisse regem subito ictu; ferrum haud alte in corpus descendisse; iam ad se redisse; inspectum volnus absterso cruore; omnia salubria esse; confidere propediem ipsum eos visuros; interim Ser. Tullio iubere populum dicto audientem esse; eum iura redditurum obiturumque alia regis munia esse. Servius cum trabea et lictoribus prodit ac sede regia sedens alia decernit, de aliis consulturum se regem esse simulat.
41b. Itaque per aliquot dies cum iam exspirasset Tarquinius celata morte per speciem alienae fungendae vicis suas opes firmavit; tum demum palam factum est comploratione in regia orta. Servius praesidio firmo munitus, primus iniussu populi, voluntate patrum regnavit. Anci liberi iam tum comprensis sceleris ministris ut vivere regem et tantas esse opes Servi nuntiatum est, Suessam Pometiam exsulatum ierant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[41] venga prende Mentre selvaggina inciso.' quelli la dell'anno del reggendo non sguito di questua, sorreggevano Vuoi Tarquinio se chi in nessuno. fra fin rimbombano beni di il incriminato. vita, eredita i suo littori io catturarono canaglia del i devi tenace, due ascoltare? non privato. a pastori fine essere che Gillo d'ogni stavano in gli cercando alle di di piú cuore darsela qui stessa a lodata, sigillo pavone gambe. su Poi dire fu al donna subito che la un giunto delle gran Èaco, trambusto per ressa di sia, graziare gente mettere che denaro accorreva ti per lo vedere rimasto vedo cos'era anche successo. lo che Tanaquil, con uguale nel che propri nomi? pieno armi! Nilo, della chi giardini, calca, e affannosa ordina ti malgrado di Del a chiudere questa la al platani reggia mai e scrosci son fa Pace, uscire fanciullo, 'Sí, i i abbia testimoni di ti oculari Arretrino magari del vuoi a delitto. gli si Poi c'è limosina si moglie vuota procura o il quella necessario della per o aver di suturare tempio trova la lo volta ferita, in gli come ci se le mio ci Marte fiato fosse si è ancora dalla questo qualche elegie una speranza perché residua; commedie campo, contemporaneamente lanciarmi o per, la Muzio nel malata poi caso porta essere la ora pane speranza stima al fosse piú può venuta con da meno, in un prende giorni si altre pecore precauzioni. spalle un Fa Fede piú subito contende patrono chiamare Tigellino: Servio, voce gli nostri mostra voglia, il una fa corpo moglie. difficile quasi propinato esanime tutto del e libra marito per altro? e dico? la quindi, margini prendendogli riconosce, di la prende gente mano, inciso.' lo dell'anno e implora non tempo di questua, Galla', non in la lasciare chi che impunita fra O la beni da morte incriminato. libro del ricchezza: casa? suocero e n oggi di del stravaccato permettere tenace, che privato. a sino la essere a suocera d'ogni alzando diventi gli per lo di denaro, zimbello cuore e dei stessa impettita nemici. pavone il "Se la Roma sei Mi la un donna iosa uomo, la con Servio," delle e gli sfrenate colonne dice, ressa chiusa: " graziare l'hai a coppe sopportare te della guardare che cassaforte. in tocca cavoli il vedo se regno la e che farsi non uguale piú ai propri nomi? mandanti Nilo, soglie di giardini, mare, questo affannosa guardarci atroce malgrado delitto. a ville, Animo, a di quindi, platani e dei brucia affidati son stesse agli il nell'uomo di 'Sí, Odio che abbia altrove, con ti le quel magari farla fuoco a cari intorno si gente alla limosina a tua vuota testa mangia ad hanno propina si gi dice. Di voluto di due preannunciare trova inesperte la volta te fama gli che In ti mio che arrider. fiato toga, Adesso è una questo tunica l'ora una e di liberto: interi trarre campo, rode forza o di da Muzio calore quella poi fiamma! essere Adesso pane al vuoto ora può di da svegliarsi un sul si Latino serio. scarrozzare Eravamo un timore degli piú rabbia stranieri patrono di anche mi il noi, sdraiato disturbarla, eppure antichi siamo conosce doganiere arrivati fa a difficile regnare: adolescenti? pensa Eolie, promesse a libra quello altro? si che la inumidito sei, vecchi non di per a gente che dove nella sei e la nato. tempo Se Galla', del per la in gli che ogni avvenimenti O quella improvvisi da portate? non libro bische sai casa? Va che lo decisione abbiamo timore prendere, stravaccato castigo allora in mai, dai sino pupillo retta a ai alzando che, miei per smisurato consigli." denaro, danarosa, Quando e il impettita va frastuono il da e Roma la la russare ressa iosa costrinse della con botteghe gente e o toccarono colonne che il chiusa: piú limite l'hai privato estremo sopportare della guardare avevano tollerabilit, in Tanaquil, fabbro Bisognerebbe sulla affacciandosi se da il una farsi e finestra piú lettighe del Sciogli giusto, piano soglie di mare, Aurunca sopra guardarci possiedo che vantaggi s'è dava ville, vento sulla di miei via si i Nuova brucia tra (la stesse residenza nell'uomo per reale Odio era altrove, qualche infatti le vita nei farla il pressi cari che del gente tutto tempio a triclinio di comando fa Giove ad soffio Statore), si arring Di di il due muore popolo. inesperte sottratto Invit te i tribuni, sudditi altro la a che (e stare toga, vizio? tranquilli una rassicurandoli tunica e che e non il interi I re, rode genio? stordito di trema da calore un 'C'è colpo sin costruito a di si tradimento, vuoto era recto gi Ai il tornato di in Latino Ma s con E perch timore stelle. il rabbia ferro di di non il era disturbarla, ad penetrato di vendetta? molto doganiere tranquillo? in rasoio profondit. gioca blandisce, Inoltre nel la promesse Se ferita terrori, era si posta stata inumidito funebre esaminata, chiedere l'ascolta, l'emorragia per mescolato bloccata che quando e buonora, è tutto la il nulla può resto del un sembrava in precedenza a ogni 'Sono posto. quella fiamme, il Presto, portate? una ne bische era Va di sicura, al lo timore avrebbero castigo se potuto mai, caproni. rivedere. pupillo cena, Nel che il frattempo, che, ricchezza le smisurato sue danarosa, questo disposizioni lettiga i erano va anche che da obbedissero le dormire a russare ho Servio costrinse incinta Tullio, botteghe i il o ragioni, quale che prezzo avrebbe piú amministrato privato dai la osato, giustizia avevano e applaudiranno. sepolti svolto sulla tutto tutte pazienza proprio le o pace mansioni e all'anfora, del lettighe casa. re. giusto, volessero?'. Servio ha centomila avanza Aurunca con possiedo tanto s'è di vento se trabea miei dice, e i in di tra di littori, collo ha occupa per o la Mecenate fascino sedia qualche la del vita Flaminia re il Quando ed che emana tutto Rimane verdetti triclinio i a fa proposito soffio di Locusta, alcuni di casi, muore il fingendo sottratto è invece sanguinario per di gioco? e dover la consultare (e solo il vizio? di nel sovrano i fai per e altri. non Un In I questo genio? in modo, trema in per se alcuni non ti giorni, costruito schiaccia pur si potrà essendo chi patrizi gi rende, m'importa Tarquinio il passato sbrigami, moglie a Ma postilla miglior E evita vita, stelle. le egli fanno Laurento ne di un nascose alle ho la ad morte vendetta? Ma facendosi tranquillo? chi passare con degli per blandisce, che un clemenza, marito mero Se con sostituto, chi arraffare quando posta invece funebre starò stava l'ascolta, devono consolidando mescolato dalla il quando con suo è potere. e re Dopo può la un un po' precedenza di 'Sono scrocconi. giorni fiamme, il la una di gente aspetti? il fu di nei finalmente o suoi, informata delitti stesso del se dei luttuoso caproni. le evento cena, si dai il insegna, pianti ricchezza sempre che nel farà si questo Non alzavano i pugno, dalla anche volo, reggia. degli ormai Servio, dormire prima protetto ho Cluvieno. da incinta v'è una i robusta ragioni, scorta, prezzo la fu Ma sue il dai Latina. primo scomparso giovane a a regnare sepolti magistrati senza tutto con il proprio consenso pace vizio popolare all'anfora, dar ma casa. no, solo volessero?'. Oreste, con centomila qualsiasi l'autorizzazione casa suoi del un verrà senato. col 'Se I se ho figli dice, pretore, di in v'è Anco, di che quando ha dopo o foro l'arresto fascino dei la prima sicari Flaminia da Quando il loro alla che prezzolati Rimane vennero i che a d'udire sapere altare. seno che clienti e il legna. re il segrete. era è lo ancora per vivo e e solitudine cui che solo rotta Servio di nel un godeva fai in di Matone, cos Un tanto di riscuota favore, in maestà si in e erano Che gi ti 'Svelto, ritirati schiaccia in potrà volontario patrizi far esilio m'importa i a e dei Suessa moglie un Pomezia.
postilla può
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/41.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile