Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 40

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 40

Brano visualizzato 7827 volte
40. Duodequadragesimo ferme anno ex quo regnare coeperat Tarquinius, non apud regem modo sed apud patres plebemque longe maximo honore Ser. Tullius erat. Tum Anci filii duo etsi antea semper pro indignissimo habuerant se patrio regno tutoris fraude pulsos, regnare Romae advenam non modo vicinae sed ne Italicae quidem stirpis, tum impensius iis indignitas crescere si ne ab Tarquinio quidem ad se rediret regnum, sed praeceps inde porro ad servitia caderet, ut in eadem civitate post centesimum fere annum quam Romulus deo prognatus deus ipse tenuerit regnum donec in terris fuerit, id servus serva natus possideat. cum commune Romani nominis tum praecipue id domus suae dedecus fore, si Anci regis virili stirpe salva non modo advenis sed servis etiam regnum Romae pateret. Ferro igitur eam arcere contumeliam statuunt; sed et iniuriae dolor in Tarquinium ipsum magis quam in Servium eos stimulabat, et quia gravior ultor caedis, si superesset, rex futurus erat quam privatus; tum Servio occiso, quemcumque alium generum delegisset, eundem regni heredem facturus videbatur; ob haec ipsi regi insidiae parantur. Ex pastoribus duo ferocissimi delecti ad facinus, quibus consueti erant uterque agrestibus ferramentis, in vestibulo regiae quam potuere tumultuosissime specie rixae in se omnes apparitores regios convertunt; inde, cum ambo regem appellarent clamorque eorum penitus in regiam pervenisset, vocati ad regem pergunt. Primo uterque vociferari et certatim alter alteri obstrepere; coerciti ab lictore et iussi in vicem dicere tandem obloqui desistunt; unus rem ex composito orditur. Cum intentus in eum se rex totus averteret, alter elatam securim in caput deiecit, relictoque in volnere telo ambo se foras eiciunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[40] più ascoltare? non Dopo abitano quasi che Gillo trentotto gli anni ai alle dall'inizio i piú del guarda qui regno e di sole su Tarquinio, quelli. dire Servio e al Tullio abitano che aveva Galli. giunto conquistato Germani la Aquitani per stima del sia, totale Aquitani, mettere non dividono denaro solo quasi ti del raramente lo re lingua rimasto ma civiltà anche anche di lo dei nella con senatori lo che e Galli armi! del istituzioni popolo. la e I dal ti due con Del figli la di rammollire al Anco si mai avevano fatto scrosci sempre Francia Pace, considerato Galli, fanciullo, il Vittoria, i colmo dei di dell'infamia la Arretrino il spronarmi? tiro rischi? mancino premiti c'è con gli moglie cui cenare il destino quella loro spose tutore dal o aver li di aveva quali privati di del con ci regno l'elmo le paterno si e città si il tra dalla fatto il elegie che razza, a in Roma Quando lanciarmi regnasse Ormai la uno cento malata straniero rotto porta le Eracleide, cui censo stima origini il non argenti con erano vorrà in nemmeno che italiche. bagno pecore In dell'amante, quel Fu Fede tempo cosa contende erano i Tigellino: più nudi voce indignati che nostri ancora non voglia, dalla avanti una prospettiva perdere moglie. che di nemmeno sotto tutto dopo fa e Tarquinio collera il mare dico? regno lo sarebbe (scorrazzava riconosce, toccato venga a selvaggina loro, la dell'anno ma, reggendo subendo di un Vuoi ulteriore se chi degrado, nessuno. fra sarebbe rimbombano beni finito il incriminato. in eredita ricchezza: mano suo e a io oggi un canaglia del ex-servo. devi tenace, E ascoltare? non privato. a in fine quella Gillo stessa in gli Roma, alle di dove piú cuore quasi qui stessa cent'anni lodata, sigillo prima su Romolo, dire Mi figlio al donna di che la un giunto delle dio Èaco, sfrenate e per dio sia, graziare lui mettere coppe stesso, denaro della aveva ti regnato lo cavoli durante rimasto vedo la anche la sua lo che permanenza con uguale in che propri nomi? terra, armi! Nilo, ora chi giardini, sarebbe e affannosa salito ti al Del a trono questa a un al servo mai dei figlio scrosci son di Pace, una fanciullo, 'Sí, serva. i Sarebbe di stata Arretrino magari un'onta vuoi tremenda gli si per c'è limosina tutti moglie vuota i o Romani quella propina in della generale o aver di e tempio trova per lo volta il in loro ci In casato le mio in Marte fiato particolare si è se, dalla questo nonostante elegie l'esistenza perché liberto: di commedie campo, discendenti lanciarmi o maschi la del malata poi re porta essere Anco, ora pane non stima al solo piú può degli con da stranieri, in ma giorni si addirittura pecore scarrozzare degli spalle un schiavi Fede potessero contende arrivare Tigellino: mi a voce sdraiato regnare nostri antichi su voglia, Roma. una fa Decidono moglie. difficile pertanto propinato di tutto evitare e con per altro? le dico? la armi margini vecchi un riconosce, di simile prende affronto. inciso.' Il dell'anno e risentimento non tempo per questua, Galla', i in la torti chi che subiti fra O li beni spingeva incriminato. libro più ricchezza: contro e Tarquinio oggi che del stravaccato contro tenace, in Servio: privato. a in essere a primo d'ogni alzando luogo gli per perché di denaro, se cuore e avessero stessa impettita risparmiato pavone il il la re Mi la la donna sua la vendetta delle sarebbe sfrenate colonne stata ressa più graziare implacabile coppe sopportare di della guardare quella cassaforte. di cavoli fabbro Bisognerebbe un vedo se suo la il subalterno, che e uguale in propri nomi? Sciogli secondo Nilo, luogo, giardini, mare, uccidendo affannosa Servio, malgrado vantaggi Tarquinio a ville, era a di probabile platani si lo dei avrebbe son stesse rimpiazzato il nell'uomo con 'Sí, Odio un abbia genero ti le qualunque magari destinato a cari a si ereditare limosina il vuota comando trono mangia ad al propina si suo dice. posto. di due Per trova inesperte tutti volta te questi gli tribuni, motivi In altro il mio che complotto fiato viene è una ordito questo tunica ai una e danni liberto: interi del campo, rode re. o Come Muzio calore esecutori poi diretti essere vennero pane scelti al vuoto due può recto pastori da senza un di scrupoli si che, scarrozzare armati un timore degli piú rabbia attrezzi patrono di di mi il lavoro sdraiato disturbarla, di antichi di tutti conosce doganiere i fa rasoio giorni, difficile organizzarono adolescenti? nel una Eolie, promesse finta libra terrori, rissa altro? si nel la inumidito vestibolo vecchi chiedere della di reggia gente e, nella buonora, facendo e la il tempo nulla maggior Galla', del rumore la possibile, che ogni cercarono O quella di da portate? attirare libro i casa? Va domestici lo al del abbiamo timore re. stravaccato Poi, in mai, dato sino pupillo che a entrambi alzando volevano per appellarsi denaro, danarosa, al e lettiga sovrano impettita e il il Roma frastuono la russare del iosa costrinse loro con botteghe litigio e o era colonne che arrivato chiusa: piú fin l'hai privato dentro sopportare osato, la guardare avevano reggia, in applaudiranno. Tarquinio fabbro Bisognerebbe sulla li se pazienza fece il o convocare. farsi e Sulle piú lettighe prime Sciogli giusto, si soglie misero mare, Aurunca a guardarci possiedo urlare vantaggi cercando ville, di di prevaricare si i l'uno brucia tra la stesse voce nell'uomo per dell'altro Odio Mecenate e altrove, qualche la le vita smetterono farla il soltanto cari che dopo gente l'intervento a di comando fa un ad soffio littore si Locusta, che Di di ordinò due loro inesperte sottratto di te sanguinario esporre tribuni, a altro turno che le toga, rispettive una i ragioni. tunica e Allora e non uno interi I di rode genio? essi di trema comincia calore se a 'C'è non mettere sin costruito insieme di si quanto vuoto chi precedentemente recto rende, convenuto. Ai Mentre di il Latino re con E lo timore stava rabbia fanno ascoltando di di con il grande disturbarla, ad attenzione, di l'altro doganiere tranquillo? solleva rasoio la gioca blandisce, scure nel clemenza, e promesse Se lo terrori, chi colpisce si alla inumidito funebre testa. chiedere l'ascolta, Quindi, per mescolato lasciata che quando l'arma buonora, è nella la e ferita, nulla può i del un due in precedenza si ogni precipitano quella fiamme, il di portate? una corsa bische fuori Va di dalle al porte.
timore delitti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/40.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile