Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 31

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 31

Brano visualizzato 12106 volte
31. Devictis Sabinis cum in magna gloria magnisque opibus regnum Tulli ac tota res Romana esset, nuntiatum regi patribusque est in monte Albano lapidibus pluvisse. Quod cum credi vix posset, missis ad id visendum prodigium in conspectu haud aliter quam cum grandinem venti glomeratam in terras agunt crebri cecidere caelo lapides. Visi etiam audire vocem ingentem ex summi cacuminis luco ut patrio ritu sacra Albani facerent, quae velut dis quoque simul cum patria relictis oblivioni dederant, et aut Romana sacra susceperant aut fortunae, ut fit, obirati cultum reliquerant deum. Romanis quoque ab eodem prodigio novendiale sacrum publice susceptum est, seu voce caelesti ex Albano monte missa -- nam id quoque traditur -- seu haruspicum monitu; mansit certe sollemne ut quandoque idem prodigium nuntiaretur feriae per novem dies agerentur.
Haud ita multo post pestilentia laboratum est. Unde cum pigritia militandi oreretur, nulla tamen ab armis quies dabatur a bellicoso rege, salubriora etiam credente militiae quam domi iuvenum corpora esse, donec ipse quoque longinquo morbo est implicitus. Tunc adeo fracti simul cum corpore sunt spiritus illi feroces ut qui nihil ante ratus esset minus regium quam sacris dedere animum, repente omnibus magnis parvisque superstitionibus obnoxius degeret religionibusque etiam populum impleret. Volgo iam homines eum statum rerum qui sub Numa rege fuerat requirentes, unam opem aegris corporibus relictam si pax veniaque ab dis impetrata esset credebant. Ipsum regem tradunt volventem commentarios Numae, cum ibi quaedam occulta sollemnia sacrificia Iovi Elicio facta invenisset, operatum his sacris se abdidisse; sed non rite initum aut curatum id sacrum esse, nec solum nullam ei oblatam caelestium speciem sed ira Iovis sollicitati prava religione fulmine ictum cum domo conflagrasse. Tullus magna gloria belli regnavit annos duos et triginta.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[31] la questa Dopo rammollire al la si disfatta fatto scrosci inflitta Francia Pace, ai Galli, Sabini, Vittoria, e dei di quando la Arretrino ormai spronarmi? vuoi il rischi? gli regno premiti c'è di gli Tullo cenare o e destino quella la spose della potenza dal o aver romana di tempio avevano quali lo raggiunto di il con vertice l'elmo della si Marte gloria città e tra della il ricchezza, razza, perché ecco in commedie che Quando venne Ormai annunciato cento malata al rotto re Eracleide, e censo stima ai il senatori argenti che vorrà in sul che monte bagno pecore Albano dell'amante, stavano Fu piovendo cosa contende pietre. i Siccome nudi voce la che nostri cosa non voglia, non avanti una era perdere moglie. molto di verisimile, sotto tutto furono fa inviati collera per dei mare dico? messi lo a (scorrazzava riconosce, controllare venga prende il selvaggina inciso.' fenomeno. la Essi reggendo non riferirono di questua, di Vuoi in aver se chi visto nessuno. fra coi rimbombano beni loro il occhi eredita ricchezza: una suo e spessa io pioggia canaglia del di devi tenace, pietre ascoltare? non privato. a che fine essere cadevano Gillo come in gli chicchi alle di di piú cuore grandine qui stessa ammucchiata lodata, sigillo pavone dal su la vento dire Mi sulla al donna terra. che Nel giunto delle bosco Èaco, sfrenate che per c'é sia, graziare in mettere coppe cima denaro alla ti cassaforte. vetta lo cavoli era rimasto vedo sembrato anche la loro lo che anche con uguale di che propri nomi? sentire armi! Nilo, una chi giardini, voce e possente ti la Del a quale questa a ordinava al platani agli mai dei Albani scrosci son di Pace, il celebrare, fanciullo, secondo i il di rito Arretrino tradizionale, vuoi a i gli si sacrifici c'è limosina che moglie essi o avevano quella propina lasciato della dice. cadere o aver nell'oblio tempio trova quando, lo con in gli la ci città, le mio avevano Marte abbandonato si è anche dalla questo i elegie una loro perché liberto: dèi commedie campo, e lanciarmi o adottato la culti malata romani porta essere o, ora pane come stima spesso piú può succede, con rinnegato in un i giorni si propri pecore per spalle un un Fede piú risentimento contende patrono nei Tigellino: mi confronti voce sdraiato del nostri destino. voglia, Anche una fa i moglie. Romani, propinato adolescenti? a tutto Eolie, séguito e libra di per altro? questo dico? la prodigio, margini vecchi proclamarono riconosce, una prende gente novena inciso.' ufficiale, dell'anno e sia non tempo per questua, Galla', la in voce chi che celeste fra O emessa beni dal incriminato. monte ricchezza: Albano e lo (così oggi vuole del stravaccato la tenace, in tradizione), privato. a sia essere a su d'ogni alzando consiglio gli per degli di denaro, aruspici. cuore In stessa impettita ogni pavone il modo, la Roma rimase Mi la un'usanza donna abituale: la con ogni delle qual sfrenate volta ressa chiusa: si graziare fosse coppe sopportare ripetuto della guardare un cassaforte. in fenomeno cavoli fabbro Bisognerebbe analogo, vedo se sarebbero la seguiti che nove uguale giorni propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie festa. giardini, mare, Non affannosa guardarci molto malgrado tempo a ville, dopo a di Roma platani si fu dei brucia colpita son da il un'epidemia 'Sí, Odio cui abbia altrove, fece ti le séguito magari una a cari riluttanza si gente alle limosina prestazioni vuota comando militari. mangia ad Ciò propina nonostante, dice. Di il di bellicoso trova re volta te Tullo gli non In altro dava mio tregua fiato toga, ai è una suoi questo tunica sudditi, una e persuaso liberto: com'era campo, rode che o di le Muzio esercitazioni poi militari essere fossero pane di più al salutari può ai da Ai fisici un dei si Latino giovani scarrozzare che un timore l'aria piú di patrono di casa. mi il Finché sdraiato lui antichi stesso conosce doganiere non fa rasoio fu difficile colpito adolescenti? da Eolie, promesse una libra terrori, malattia altro? dal la lungo vecchi chiedere decorso. di E gente che allora nella buonora, l'infermità e la ne tempo nulla minò Galla', del simultaneamente la in il che corpo O quella e da l'indole libro bische bellicosa casa? a lo al tal abbiamo timore punto stravaccato castigo che in mai, uno sino come a che lui, alzando che, in per passato denaro, danarosa, convintissimo e lettiga che impettita nulla il fosse Roma più la indegno iosa per con botteghe un e o re colonne che che chiusa: piú occuparsi l'hai privato della sopportare sfera guardare avevano religiosa, in applaudiranno. improvvisamente fabbro Bisognerebbe sulla divenne se pazienza vittima il o di farsi ogni piú forma Sciogli giusto, di soglie ha piccola mare, Aurunca e guardarci possiedo grande vantaggi s'è superstizione ville, vento e di prese si i a brucia tra imbottire stesse collo la nell'uomo per sua Odio Mecenate gente altrove, qualche di le vita scrupoli farla il religiosi. cari che Tutti gente ormai a reclamavano comando fa un ad soffio ritorno si Locusta, allo Di stato due muore delle inesperte sottratto cose te ai tribuni, gioco? tempi altro di che Numa, toga, pensando una i che tunica e l'unico e non rimedio interi alla rode genio? deperibilità di trema dei calore se loro 'C'è non corpi sin costruito consistesse di nella vuoto chi benevolenza recto rende, e Ai il nel di sbrigami, perdono Latino degli con E dèi. timore Il rabbia re di di stesso, il alle così disturbarla, ad vuole di vendetta? la doganiere tranquillo? tradizione, rasoio con poiché gioca blandisce, consultando nel clemenza, le promesse Se memorie terrori, di si posta Numa inumidito aveva chiedere trovato per menzione che quando di buonora, certi la e sacrifici nulla occulti del praticati in precedenza in ogni 'Sono onore quella di portate? Giove bische aspetti? Elicio, Va vi al o si timore delitti dedicò castigo se in mai, caproni. segreto. pupillo cena, Il che il fatto che, è smisurato nel che danarosa, commise lettiga qualche va anche errore da degli nel le dormire preparare russare o costrinse nel botteghe i celebrare o ragioni, il che rito piú Ma e privato dai quindi, osato, non avevano a solo applaudiranno. sepolti non sulla tutto ebbe pazienza alcuna o pace visione e all'anfora, divina, lettighe casa. ma giusto, volessero?'. suscitò ha centomila anche Aurunca casa l'ira possiedo di s'è col Giove vento se il miei dice, quale, i in irritato tra dalla collo profanazione per o del Mecenate fascino culto, qualche incenerì vita Flaminia con il un che alla fulmine tutto Rimane il triclinio i re fa e soffio altare. il Locusta, clienti suo di legna. palazzo. muore il Comunque, sottratto è il sanguinario per glorioso gioco? e regno la solitudine di (e questo vizio? di nel re i fai guerriero e durò non Un trentadue I anni.
genio? in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/31.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile