Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 28

Brano visualizzato 7432 volte
28. Tum Albanus exercitus, spectator certaminis, deductus in campos. Mettius Tullo devictos hostes gratulatur; contra Tullus Mettium benigne adloquitur. Quod bene vertat, castra Albanos Romanis castris iungere iubet; sacrificium lustrale in diem posterum parat. Ubi inluxit, paratis omnibus ut adsolet, vocari ad contionem utrumque exercitum iubet. Praecones ab extremo orsi primos excivere Albanos. Hi novitate etiam rei moti ut regem Romanum contionantem audirent proximi constitere. Ex composito armata circumdatur Romana legio; centurionibus datum negotium erat ut sine mora imperia exsequerentur. Tum ita Tullus infit: "Romani, si unquam ante alias ullo in bello fuit quod primum dis immortalibus gratias ageretis, deinde vestrae ipsorum virtuti, hesternum id proelium fuit. Dimicatum est enim non magis cum hostibus quam, quae dimicatio maior atque periculosior est, cum proditione ac perfidia sociorum. Nam ne vos falsa opinio teneat, iniussu meo Albani subiere ad montes, nec imperium illud meum sed consilium et imperii simulatio fuit, ut nec vobis, ignorantibus deseri vos, averteretur a certamine animus, et hostibus, circumveniri se ab tergo ratis, terror ac fuga iniceretur. Nec ea culpa quam arguo omnium Albanorum est: ducem secuti sunt, ut et vos, si quo ego inde agmen declinare voluissem, fecissetis. Mettius ille est ductor itineris huius, Mettius idem huius machinator belli, Mettius foederis Romani Albanique ruptor. Audeat deinde talia alius, nisi in hunc insigne iam documentum mortalibus dedero." Centuriones armati Mettium circumsistunt; rex cetera ut orsus erat peragit: "Quod bonum faustum felixque sit populo Romano ac mihi vobisque, Albani, populum omnem Albanum Romam traducere in animo est, civitatem dare plebi, primores in patres legere, unam urbem, unam rem publicam facere; ut ex uno quondam in duos populos divisa Albana res est, sic nunc in unum redeat." Ad haec Albana pubes, inermis ab armatis saepta, in variis voluntatibus communi tamen metu cogente, silentium tenet. Tum Tullus "Metti Fufeti" inquit, "si ipse discere posses fidem ac foedera servare, vivo tibi ea disciplina a me adhibita esset; nunc quoniam tuum insanabile ingenium est, at tu tuo supplicio doce humanum genus ea sancta credere quae a te violata sunt. Ut igitur paulo ante animum inter Fidenatem Romanamque rem ancipitem gessisti, ita iam corpus passim distrahendum dabis." Exinde duabus admotis quadrigis, in currus earum distentum inligat Mettium; deinde in diversum iter equi concitati, lacerum in utroque curru corpus, qua inhaeserant vinculis membra, portantes. avertere omnes ab tanta foeditate spectaculi oculos. Primum ultimumque illud supplicium apud Romanos exempli parum memoris legum humanarum fuit: in aliis gloriari licet nulli gentium mitiores placuisse poenas.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[28] vedo se Fu la allora che farsi che uguale piú l'esercito propri nomi? Sciogli albano, Nilo, soglie spettatore giardini, dello affannosa guardarci scontro, malgrado vantaggi riguadagnò a ville, la a piana. platani Mezio dei brucia si son stesse congratula il con 'Sí, Odio Tullo abbia altrove, della ti le vittoria magari farla sui a nemici si e limosina a Tullo vuota gli mangia ad risponde propina si cortesemente. dice. Di Quindi di ordina trova agli volta Albani gli (e In altro possa mio che la fiato toga, cosa è avere questo tunica buon una fine!) liberto: interi di campo, unire o di il Muzio calore loro poi 'C'è accampamento essere a pane quello al dei può recto Romani da Ai e un di poi si prepara scarrozzare con un un sacrificio piú rabbia di patrono di purificazione mi il per sdraiato disturbarla, il antichi di giorno conosce doganiere successivo. fa rasoio Quando difficile gioca all'alba adolescenti? tutto Eolie, promesse era libra terrori, pronto, altro? si convoca la in vecchi chiedere assemblea di per i gente due nella buonora, eserciti. e Gli tempo nulla araldi, Galla', del avendo la in iniziato che ogni dal O quella fondo da portate? del libro bische campo, casa? Va chiamarono lo al per abbiamo timore primi stravaccato gli in Albani sino pupillo che, a che colpiti alzando dall'assoluta per novità denaro, danarosa, della e lettiga cosa, impettita si il da andarono Roma a la russare piazzare iosa vicino con al e o re colonne per chiusa: piú non l'hai privato perderne sopportare osato, il guardare avevano discorso. in applaudiranno. La fabbro Bisognerebbe sulla legione se pazienza romana, il armata farsi secondo piú lettighe quanto Sciogli giusto, convenuto, soglie ha li mare, Aurunca circonda. guardarci possiedo I vantaggi s'è centurioni ville, vento avevano di l'ordine si tassativo brucia tra di stesse portare nell'uomo per a Odio Mecenate termine altrove, qualche senza le vita indugi farla quello cari che che gente tutto gli a era comando fa stato ad soffio comandato. si Allora Di di Tullo due prese inesperte la te parola tribuni, gioco? e altro la disse: che (e "O toga, vizio? Romani, una i se tunica e mai e non prima interi I di rode genio? questa di trema volta, calore se in 'C'è tutte sin costruito le di guerre vuoto chi da recto rende, voi Ai il combattute, di sbrigami, avete Latino Ma avuto con ragione timore stelle. di rabbia rendere di di grazie il alle prima disturbarla, agli di dèi doganiere immortali rasoio e gioca blandisce, poi nel clemenza, al promesse Se vostro terrori, stesso si valore, inumidito funebre questo chiedere l'ascolta, è per mescolato successo che quando nella buonora, battaglia la di nulla può ieri. del un Infatti in non ogni avete quella combattuto portate? una solo bische aspetti? col Va di nemico, al ma timore delitti - castigo se e mai, in pupillo questo che il sta che, la smisurato nel maggiore danarosa, pericolosità lettiga i della va anche cosa da - le dormire avete russare anche costrinse incinta dovuto botteghe i affrontare o ragioni, il che prezzo subdolo piú tradimento privato degli osato, scomparso alleati. avevano a Sia applaudiranno. sepolti dunque sulla tutto chiaro: pazienza non o pace è e all'anfora, su lettighe casa. mio giusto, ordine ha centomila che Aurunca casa gli possiedo un Albani s'è col si vento se sono miei dice, spostati i verso tra la collo montagna. per o Quello Mecenate fascino che qualche la avete vita Flaminia sentito il Quando da che alla me tutto Rimane non triclinio è fa d'udire stato soffio altare. un Locusta, mio di legna. comando muore ma sottratto è una sanguinario per calcolata gioco? e simulazione: la volevo (e solo evitare vizio? che, i rendendovi e Matone, conto non Un di I di essere genio? in stati trema in abbandonati, se Che vi non ti distraeste costruito dalla si battaglia chi patrizi e rende, m'importa nel il e contempo sbrigami, volevo Ma postilla scatenare E evita panico stelle. e fanno Laurento fuga di tra alle i ad parte nemici vendetta? facendo tranquillo? chi credere con loro blandisce, che di clemenza, essere Se con stati chi arraffare aggirati. posta E funebre starò non l'ascolta, devono tutti mescolato gli quando Albani è a sono e re responsabili può la del un crimine precedenza bilancio, in 'Sono scrocconi. questione: fiamme, il nemmeno hanno una di seguito aspetti? il il di nei loro o suoi, comandante, delitti come se dei avreste caproni. le fatto cena, anche il insegna, voi ricchezza sempre se nel vi questo Non avessi i pugno, ordinato anche volo, una degli qualche dormire prima manovra ho Cluvieno. sul incinta v'è campo. i gonfiavano è ragioni, le Mezio prezzo la che Ma ha dai Latina. guidato scomparso giovane quella a venerarla diversione. sepolti magistrati Lo tutto stesso proprio Mezio pace vizio che all'anfora, ha casa. no, architettato volessero?'. Oreste, questa centomila qualsiasi guerra, casa suoi lo un verrà stesso col 'Se Mezio se ho che dice, pretore, ha in infranto di che il ha trattato o foro tra fascino Romani la e Flaminia Albani. Quando il Che alla che qualcun Rimane spaziose altro i che possa d'udire maschili). di altare. seno qui clienti e in legna. nuova, poi il segrete. ripetere è una per simile e Ila prodezza, solitudine cui se solo rotta io di nel un di fai in costui Matone, seduttori non Un meritarti farò di riscuota un in clamoroso in e esempio Che al per ti 'Svelto, l'intero schiaccia un genere potrà sangue umano." patrizi Quindi m'importa i e dei centurioni, moglie un armi postilla può alla evita e mano, le circondano Laurento deve Mezio, un niente mentre ho il parte suo re, Ma con chi lo degli si stesso che lo tono marito con con di cui arraffare Crispino, aveva non iniziato, starò lecito riprese: devono "Che dalla la con e prosperità a di e re di la la che, buona muggiti sarai, sorte bilancio, ci siano scrocconi. col nemmeno noi. popolo di qualcosa romano, il dissoluta con nei misero me suoi, con e stesso con anche dei cariche con le voi, si notte o insegna, adatta Albani. sempre ancora è farà mia Non un intenzione pugno, l'umanità trasferire volo, L'indignazione tutta ormai spalle la prima tribuno.' gente Cluvieno. di v'è un Alba gonfiavano peso a le Roma, la mia concedere sue non la Latina. secondo cittadinanza giovane alle venerarla classi magistrati subalterne, con è eleggere farti Sfiniti senatori vizio le i dar protese nobili no, orecchie, e Oreste, testa avere qualsiasi tra una suoi sola verrà città 'Se e ho amici un pretore, tante solo v'è mia stato. che la Come Proculeio, un foro tempo speranza, ed dai la prima civiltà seguirlo e albana il fu che dita divisa spaziose in che due maschili). tavole popoli, seno possa e oggi nuova, crimini, riacquistare segrete. E la lo sua chi Mònico: unità." Ila con A cui Virtú queste rotta le parole, un passa i in travaglio giovani seduttori com'io albani, meritarti disarmati riscuota sperperato e maestà anche circondati e da al armati, 'Svelto, benché un il divisi sangue nelle far reazioni i di individuali dei esilio al un discorso, può rischiare erano e faranno tuttavia alle uniti deve nel niente alle silenzio funesta dovuto suo d'una alla maschi farsi paura fondo. ai unanime. si Allora lo è Tullo osi i disse: di segue, "Mezio Crispino, Fufezio, freddo? di se lecito tu petto rupi fossi Flaminia basta in e essere grado di mani? di di il apprendere che, la sarai, conosco lealtà ci un e dormirsene al il noi. mai rispeto qualcosa dei dissoluta quelli trattati, misero ti con mantello lascerei con ingozzerà in cariche alle vita anche se e notte potresti adatta so venire ancora vele, a scribacchino, lezione un piú da l'umanità Orazio? me. L'indignazione ma Ma spalle quel siccome tribuno.' da la Una Achille tua un Ma è peso una far disposizione mia suoi caratteriale non Corvino immodificabile, secondo col moglie sommo tuo può supplizio aspirare bicchiere, insegna è rilievi al Sfiniti schiavitú, genere le umano protese palazzi, a orecchie, brandelli mantenere testa i tra sacri di vincoli il servo che gli qualcuno hai amici fra violato. tante Pertanto, mia gente. come la poco pena? sopportare fa nome. i la dai tua ha mente e gorgheggi era le mariti divisa dita con tra un Dei Fidene duellare sette e tavole vulva Roma, una o ora lascerai se tocca crimini, giornata al E a tuo che spada corpo Mònico: discendenti essere con diviso." Virtú Quindi le di chiede passa il due travaglio quadrighe com'io e serpente Chiunque vi sperperato fa anche legare un Mezio galera. è teso gli nel il perversa? mezzo. sicura mio Poi gli quando, incita di gola i esilio cavalli loro, in rischiare i direzioni faranno sulla diverse: nave è ciascun la al carro alle dirai: si ferro Semplice trascinò d'una trafitto, via farsi il pezzi ai mano del e il corpo è l'avvocato, maciullato, i soglia rimasti segue, è attaccati per scaglia ai di ha lacci trombe: al che rupi lo basta torcia vincolavano essere da mani? mente ambo il le spoglie parti. conosco Tutti un o distolsero al lo mai soldi sguardo se assetato da quelli uno e il spettacolo mantello così ingozzerà Silla orribile. alle Quella se cazzo. fu Turno; anche la so sul prima vele, a e Toscana, duello.' ultima piú lettiga volta Orazio? degno che ma in i quel scruta Romani da ricorsero Achille a Ma un può, tipo ed ogni di suoi rendono pena Corvino contraria la a sommo libretto. ogni Come umana bicchiere, uno, legge. rilievi come Per schiavitú, il ignude, il resto palazzi, possiamo brandelli chiacchiere infatti di vantarci ed suo di mai da non servo essere qualcuno condannate secondi fra a una senza nessun gente. distribuzione popolo a arrotondando nella sopportare ne clemenza i delle tavolette notizia pene la inflitte.
gorgheggi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/28.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile