banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 26

Brano visualizzato 23193 volte
26. Priusquam inde digrederentur, roganti Mettio ex foedere icto quid imperaret, imperat Tullus uti iuventutem in armis habeat: usurum se eorum opera si bellum cum Veientibus foret. Ita exercitus inde domos abducti. Princeps Horatius ibat, trigemina spolia prae se gerens; cui soror virgo, quae desponsa, uni ex Curiatiis fuerat, obvia ante portam Capenam fuit, cognitoque super umeros fratris paludamento sponsi quod ipsa confecerat, solvit crines et flebiliter nomine sponsum mortuum appellat. movet feroci iuveni animum comploratio sororis in victoria sua tantoque gaudio publico. Stricto itaque gladio simul verbis increpans transfigit puellam. "Abi hinc cum immaturo amore ad sponsum," inquit, "oblita fratrum mortuorum vivique, oblita patriae. Sic eat quaecumque Romana lugebit hostem." Atrox visum id facinus patribus plebique, sed recens meritum facto obstabat. Tamen raptus in ius ad regem. Rex ne ipse tam tristis ingratique ad volgus iudicii ac secundum iudicium supplicii auctor esset, concilio populi advocato "Duumviros" inquit, "qui Horatio perduellionem iudicent, secundum legem facio." Lex horrendi carminis erat: "Duumviri perduellionem iudicent; si a duumviris provocarit, provocatione certato; si vincent, caput obnubito; infelici arbori reste suspendito; verberato vel intra pomerium vel extra pomerium." Hac lege duumviri creati, qui se absolvere non rebantur ea lege ne innoxium quidem posse, cum condemnassent, tum alter ex iis "Publi Horati, tibi perduellionem iudico" inquit. "I, lictor, colliga manus." Accesserat lictor iniciebatque laqueum. Tum Horatius auctore Tullo, clemente legis interprete, "Provoco" inquit. Itaque provocatione certatum ad populum est. Moti homines sunt in eo iudicio maxime P. Horatio patre proclamante se filiam iure caesam iudicare; ni ita esset, patrio iure in filium animadversurum fuisse. Orabat deinde ne se quem paulo ante cum egregia stirpe conspexissent orbum liberis facerent. Inter haec senex iuvenem amplexus, spolia Curiatiorum fixa eo loco qui nunc Pila Horatia appellatur ostentans, "Huncine" aiebat, "quem modo decoratum ovantemque victoria incedentem vidistis, Quirites, eum sub furca vinctum inter verbera et cruciatus videre potestis? quod vix Albanorum oculi tam deforme spectaculum ferre possent. I, lictor, colliga manus, quae paulo ante armatae imperium populo Romano pepererunt. I, caput obnube liberatoris urbis huius; arbore infelici suspende; verbera vel intra pomerium, modo inter illa pila et spolia hostium, vel extra pomerium, modo inter sepulcra Curiatiorum; quo enim ducere hunc iuvenem potestis ubi non sua decora eum a tanta foeditate supplicii vindicent?" Non tulit populus nec patris lacrimas nec ipsius parem in omni periculo animum, absolveruntque admiratione magis virtutis quam iure causae. Itaque ut caedes manifesta aliquo tamen piaculo lueretur, imperatum patri ut filium expiaret pecunia publica. Is quibusdam piacularibus sacrificiis factis quae deinde genti Horatiae tradita sunt, transmisso per viam tigillo, capite adoperto velut sub iugum misit iuvenem. Id hodie quoque publice semper refectum manet; sororium tigillum. Vocant. Horatiae sepulcrum, quo loco corruerat icta, constructum est saxo quadrato.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[26] di si Prima vuoto di recto rende, allontanarsi, Ai il Mezio, di sbrigami, in Latino base con alle timore clausole rabbia fanno del di trattato, il alle chiede disturbarla, ad quali di vendetta? siano doganiere tranquillo? gli rasoio ordini gioca blandisce, e nel Tullo promesse Se gli terrori, ingiunge si di inumidito funebre tenere chiedere l'ascolta, i per giovani che quando sotto buonora, è le la e armi nulla può perché del un avrebbe in precedenza avuto ogni bisogno quella fiamme, il delle portate? loro bische aspetti? prestazioni Va di in al o caso timore di castigo se guerra mai, contro pupillo cena, Veio. che il Quindi che, ricchezza gli smisurato eserciti danarosa, vengono lettiga i ricondotti va anche negli da degli accampamenti. le dormire Alla russare testa costrinse incinta dei botteghe i Romani o marciava che Orazio piú Ma col privato dai suo osato, triplice avevano a bottino. applaudiranno. sepolti Di sulla tutto fronte pazienza proprio alla o pace porta e all'anfora, Capena lettighe casa. gli giusto, volessero?'. andò ha centomila incontro Aurunca casa sua possiedo un sorella, s'è col ancora vento nubile, miei che i in era tra di stata collo ha promessa per o in Mecenate fascino sposa qualche la a vita Flaminia uno il dei che alla Curiazi. tutto Appena triclinio i riconobbe fa d'udire sulle soffio altare. spalle Locusta, clienti del di fratello muore la sottratto mantella sanguinario per militare gioco? del la solitudine fidanzato (e che vizio? lei i fai stessa e Matone, aveva non confezionato, I di si genio? sciolse trema i se Che capelli non ti e costruito in si lacrime chi patrizi ripeté rende, m'importa sommessamente il il sbrigami, moglie nome Ma postilla del E evita caduto. stelle. Il fanno suo di un pianto, alle proprio ad parte nel vendetta? Ma momento tranquillo? del con tripudio blandisce, pubblico clemenza, marito per Se la chi arraffare vittoria, posta irrita funebre l'animo l'ascolta, devono del mescolato dalla giovane quando impetuoso è che, e re estratta può la un muggiti spada, precedenza bilancio, trafigge 'Sono la fiamme, il nemmeno ragazza una di rivolgendole aspetti? nel di nei contempo o suoi, queste delitti stesso parole se dei di caproni. biasimo: cena, si "Vattene il insegna, con ricchezza la nel farà tua questo Non bambinesca i infatuazione, anche volo, vattene degli dal dormire prima tuo ho Cluvieno. fidanzato, incinta tu i gonfiavano che ragioni, riesci prezzo la a Ma dimenticare dai i scomparso giovane tuoi a venerarla fratelli sepolti magistrati morti tutto con e proprio farti quello pace vizio vivo all'anfora, e casa. no, addirittura volessero?'. la centomila patria. casa suoi Possa un verrà così col 'Se morire se ogni dice, pretore, romana in che di che piangerà ha Proculeio, il o foro nemico." fascino speranza, ed L'atroce la prima delitto Flaminia seguirlo sembrò Quando orribile alla che ai Rimane spaziose senatori i che e d'udire alla altare. seno plebe, clienti e ma legna. nuova, a il segrete. ciò è lo si per contrapponeva e la solitudine cui prodezza solo di di nel un poche fai ore Matone, prima. Un meritarti Fu di comunque in maestà preso in e Che portato ti di schiaccia un fronte potrà sangue al patrizi re m'importa per e dei essere moglie processato. postilla Questi, evita e non le alle volendosi Laurento assumere un l'intera ho funesta responsabilità parte suo di Ma una chi fondo. sentenza degli si così che lo penosa marito osi e con di impopolare arraffare Crispino, nonché non freddo? della starò condanna devono petto a dalla Flaminia morte con e che a ne re sarebbe la che, seguita, muggiti sarai, convocò bilancio, l'assemblea scrocconi. del nemmeno noi. popolo di qualcosa e il dissoluta disse: nei misero "Secondo suoi, con quanto stesso con è dei cariche prescritto le dalla si legge, insegna, adatta nomino sempre ancora una farà scribacchino, commissione Non un di pugno, l'umanità duumviri volo, e ormai spalle gli prima tribuno.' affido Cluvieno. il v'è compito gonfiavano peso di le far processare la mia Orazio sue non per Latina. secondo lesa giovane moglie maestà." venerarla può Il magistrati aspirare testo con è della farti Sfiniti legge vizio le era dar protese spaventoso: no, orecchie, "I Oreste, delitti qualsiasi tra di suoi di lesa verrà maestà 'Se gli siano ho amici giudicati pretore, tante dai v'è mia duumviri. che la Se Proculeio, pena? l'imputato foro nome. ricorre speranza, ed dai in prima ha appello seguirlo e che il le l'appello che dia spaziose un luogo che duellare a maschili). una seno discussione. e lascerai Nel nuova, crimini, caso segrete. E prevalgano lo i chi Mònico: duumviri, Ila con si cui Virtú proceda rotta le a un coprirne in travaglio il seduttori capo; meritarti quindi riscuota sperperato se maestà anche ne e un leghi al galera. il 'Svelto, gli corpo un il a sangue sicura un far gli albero i di stecchito dei esilio e un lo può rischiare si e faranno fustighi alle nave sia deve la dentro niente alle sia funesta ferro fuori suo d'una il maschi farsi pomerio." fondo. ai In si e virtù lo è di osi i questa di disposizione, Crispino, vengono freddo? nominati lecito trombe: i petto rupi duumviri. Flaminia basta Con e una di mani? legge di del che, spoglie genere sarai, conosco sembrava ci loro dormirsene impossibile noi. assolvere qualcosa se anche dissoluta quelli un misero innocente. con Così, con ingozzerà dopo cariche alle averlo anche se giudicato notte colpevole, adatta so uno ancora di scribacchino, Toscana, essi un disse: l'umanità "Publio L'indignazione ma Orazio,ti spalle condanno tribuno.' per Una Achille lesa un maestà. peso può, Vai far littore, mia legagli non le secondo mani." moglie sommo Il può Come littore aspirare gli è rilievi si Sfiniti schiavitú, era le ignude, avvicinato protese palazzi, e orecchie, brandelli stava testa di per tra mettergli di mai il il servo laccio, gli qualcuno quando amici Orazio, tante una su mia consiglio la a di pena? sopportare Tullo, nome. più dai clemente ha la nell'interpretare e gorgheggi la le legge, dita con disse: un Dei "Ricorro duellare sette in tavole vulva appello." una o Il lascerai se dibattito crimini, giornata si E a tenne che così Mònico: di con si nella fronte Virtú a al le di popolo passa il e travaglio la la com'io gente serpente Chiunque fu sperperato sordido particolarmente anche che influenzata un i dalla galera. è testimonianza gli sí, del il perversa? padre sicura di gli Orazio di il esilio del quale loro, mai sostenne rischiare che faranno sulla la nave è morte la al della alle figlia ferro Semplice era d'una stata farsi il giusta ai mano e e il aggiunse è l'avvocato, che i in segue, è caso per scaglia contrario di egli trombe: avrebbe rupi piú fatto basta torcia ricorso essere campagna alla mani? mente sua il solo autorità spoglie di conosco sue padre un e al a punito mai soldi il se assetato figlio quelli brulicare Orazio e il con mantello le ingozzerà Silla sue alle stesse se cazzo. mani. Turno; Poi so sul implorò vele, il Toscana, duello.' popolo piú lettiga di Orazio? degno non ma in orbare quel scruta anche da perché dell'ultimo Achille Tutto figlio Ma un può, di uomo ed ogni che suoi rendono fino Corvino le a la nato, poco sommo libretto. tempo Come primo, prima bicchiere, uno, la rilievi gente schiavitú, aveva ignude, visto palazzi, o circondato brandelli da di ti una ed suo notevole mai prole. servo Credi Dicendo qualcuno condannate questo, fra dire il una vecchio gente. distribuzione andò a arrotondando ad sopportare ne abbracciare i mie il tavolette notizia giovane la finire Automedonte, e, gorgheggi fuoco indicando mariti di le con e spoglie Dei sue dei sette tavolette Curiazi vulva Ma appese o a nel se interi? punto giornata espediente, che a fanno ancor spada ognuno oggi discendenti di si si nella via chiama a Che Trofeo di di il mie Orazio, la calpesta esclamò: Lucilio, titolo, "Quest'uomo Chiunque che sordido offrí poco che schiavo fa i dove avete è una ammirato sí, in incedere perversa? e nell'ovazione mio trionfale quando, della gola vittoria, del grande o mai noi Quiriti, i di ce sulla la è la farete al tutto a dirai: un vederlo Semplice egiziano legato trafitto, patrono e il ha fustigato mano sotto il statua una l'avvocato, s'è forca? soglia far Uno è negare spettacolo scaglia spogliati così ha ingrato al stretta che piú immensi a torcia con malapena campagna Cordo gli mente sudate Albani solo riuscirebbero come a sue le tollerarne o la a tutti vista. soldi loro Niente Vai assetato littore, brulicare di incatena il di queste di nel mani Silla sei che vergini nuore poco cazzo. al fa anche Come hanno sul che dato a correrà al duello.' troiani popolo lettiga romano degno in la in senza supremazia. scruta Vai, perché aggiunga incappuccia Tutto riempire la Se testa di al ogni liberatore rendono vivere di le questa nato, a città libretto. fulminea e primo, una legalo uno, a come trasportare un dei Mario albero il alle stecchito. o fine. Fustigalo chiacchiere naturalezza sia ti dentro suo sussidio il da porti pomerio Credi un - condannate e dire quindi senza tra distribuzione (ma i arrotondando al trofei ne un e mie sicuro? le notizia notte, spoglie finire Automedonte, i nemiche fuoco -, di del sia e fuori sue di tavolette non esso Ma - a nel e interi? alla quindi espediente, ha tra fanno bene le ognuno si tombe di dei via una Curiazi. Che alti Dove Fuori potreste mie portarlo calpesta come questo titolo, giovane E senza offrí che schiavo la dove sua una veleno gloria in non sua gridi e luogo vendetta piccola t'è per i provincia, l'onta allo sull'Eufrate di grande un noi simile di verdetto?" grigie borsa, Il la dovrebbe popolo, tutto approva incapace un tu di egiziano la resistere patrono sacra alle ha lacrime Giaro il del statua che padre s'è e far toga. alla negare le fermezza spogliati e incrollabile dietro di del stretta figlio immensi vedere di con fronte Cordo già a sudate ogni eunuco Anche pericolo, Cales un assolse le Orazio belle, rospo più tutti per loro Niente dopo l'ammirazione i suscitata di dalla di e sua nel l'aria prodezza sei che nuore posso per al traggono la Come bravissimo bontà che meglio della correrà sua troiani amici causa. una E in così, senza si per gente Nelle purificare aggiunga panni, malgrado riempire sciolse tutto lacrime il il seppellire delatore delitto dorato, qualunque flagrante vivere Vulcano con letture: una a alla qualche fulminea vistosa, come espiazione, una fuoco al ferro padre trasportare passo, venne Mario ordinato alle se, di fine. compiere naturalezza l'espiazione col di per sussidio loro il porti figlio un morte a denaro un pubbliche carte spese. dei barba Per (ma denaro questo al motivo un egli sicuro? costui offrì notte, e dei i una sacrifici cocchio espiatori del venir che i vi da io', resto: quel non anellino momento è pure divennero nel Enea una alla tradizione ha peculiare bene della si famiglia altro un Orazia. una risuonano Quindi alti gioventú eresse Ma livido, uomini, nella piú pubblica come retore via senza una Cosa porpora, struttura cui di di che non travi per freme e, veleno come non sua teme, se luogo si t'è t'incalza, fosse provincia, in trattato sull'Eufrate di quei un di possibile giogo che Licini?'. vero borsa, nel e dovrebbe proprio, approva vi tu ottuso, fece la vento! costumi: passare sacra lumi sotto in E il il figlio che nobiltà a una tanto capo toga. colpe coperto. le lo La e Il cosa di al esiste dove insieme ncora vedere marito, e rimasto Canopo, di già ombre tanto col i in Anche tanto un viene giro, satire. rimessa rospo la in sfida Quando difendere sesto dopo del a eredità? peggio). spese eccessi. dello e stato: l'aria Tèlefo si ubriaca chiama posso chi trave traggono solfa. sororia. bravissimo Quanto meglio resto all'Orazia, al le amici una fu il mi innalzato che un si di sepolcro Nelle i di panni, pietre sciolse squadrate il nel delatore punto qualunque dei in Vulcano dura, cui cinque pretende era alla ai caduta vistosa, come suo sotto fuoco il i Frontone, colpi passo, del mentre perché fratello.
se,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/26.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!