Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 25

Brano visualizzato 21096 volte
25. Foedere icto trigemini, sicut convenerat, arma capiunt. Cum sui utrosque adhortarentur, deos patrios, patriam ac parentes, quidquid civium domi, quidquid in exercitu sit, illorum tunc arma, illorum intueri manus, feroces et suopte ingenio et pleni adhortantium vocibus in medium inter duas acies procedunt. Consederant utrimque pro castris duo exercitus, periculi magis praesentis quam curae expertes; quippe imperium agebatur in tam paucorum virtute atque fortuna positum. Itaque ergo erecti suspensique in minime gratum spectaculum animo incenduntur. Datur signum infestisque armis velut acies terni iuvenes magnorum exercituum animos gerentes concurrunt. Nec his nec illis periculum suum, publicum imperium servitiumque obversatur animo futuraque ea deinde patriae fortuna quam ipsi fecissent. Ut primo statim concursu increpuere arma micantesque fulsere gladii, horror ingens spectantes perstringit et neutro inclinata spe torpebat vox spiritusque. Consertis deinde manibus cum iam non motus tantum corporum agitatioque anceps telorum armorumque sed volnera quoque et sanguis spectaculo essent, duo Romani super alium alius, volneratis tribus Albanis, exspirantes corruerunt. Ad quorum casum cum conclamasset gaudio Albanus exercitus, Romanas legiones iam spes tota, nondum tamen cura deserverat, exanimes vice unius quem tres Curiatii circumsteterant. Forte is integer fuit, ut universis solus nequaquam par, sic adversus singulos ferox. Ergo ut segregaret pugnam eorum capessit fugam, ita ratus secuturos ut quemque volnere adfectum corpus sineret. Iam aliquantum spatii ex eo loco ubi pugnatum est aufugerat, cum respiciens videt magnis intervallis sequentes, unum haud procul ab sese abesse. In eum magno impetu rediit; et dum Albanus exercitus inclamat Curiatiis uti opem ferant fratri, iam Horatius caeso hoste victor secundam pugnam petebat. Tunc clamore qualis ex insperato faventium solet Romani adiuvant militem suum; et ille defungi proelio festinat. Prius itaque quam alter -- nec procul aberat -- consequi posset, et alterum Curiatium conficit; iamque aequato Marte singuli supererant, sed nec spe nec viribus pares. Alterum intactum ferro corpus et geminata victoria ferocem in certamen tertium dabat: alter fessum volnere, fessum cursu trahens corpus victusque fratrum ante se strage victori obicitur hosti. Nec illud proelium fuit. Romanus exsultans "Duos" inquit, "fratrum manibus dedi; tertium causae belli huiusce, ut Romanus Albano imperet, dabo." Male sustinenti arma gladium superne iugulo defigit, iacentem spoliat. Romani ovantes ac gratulantes Horatium accipiunt, eo maiore cum gaudio, quo prope metum res fuerat. Ad sepulturam inde suorum nequaquam paribus animis vertuntur, quippe imperio alteri aucti, alteri dicionis alienae facti. Sepulcra exstant quo quisque loco cecidit, duo Romana uno loco propius Albam, tria Albana Romam versus sed distantia locis ut et pugnatum est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[25] lo al Concluso abbiamo timore il stravaccato castigo trattato, in mai, i sino pupillo gemelli, a che come alzando che, era per stato denaro, convenuto, e lettiga si impettita va armano il da di Roma tutto la russare punto. iosa costrinse Da con entrambe e o le colonne che parti chiusa: i l'hai privato soldati sopportare osato, incitavano guardare avevano i in loro fabbro Bisognerebbe campioni. se pazienza Gli il o ricordavano farsi e che piú lettighe gli Sciogli giusto, dèi soglie nazionali, mare, Aurunca la guardarci possiedo patria vantaggi s'è e ville, vento i di miei genitori, si i nonché brucia tutti stesse i nell'uomo concittadini Odio Mecenate rimasti altrove, qualche a le casa farla il e cari che quelli gente tutto a presenti comando fa tra ad soffio le si fila Di avevano due muore gli inesperte sottratto occhi te puntati tribuni, gioco? sulle altro la loro che armi toga, vizio? e una sulle tunica loro e non braccia. interi I E rode genio? i di trema fratelli, calore pronti 'C'è allo sin scontro di si non vuoto chi già recto rende, solo Ai il per di sbrigami, il Latino tipo con E di timore stelle. carattere rabbia fanno che di di avevano il ma disturbarla, ad esaltati di dalle doganiere tranquillo? urla rasoio con di gioca blandisce, chi nel li promesse incitava, terrori, chi avanzano si posta nello inumidito spazio chiedere in per mescolato mezzo che quando alle buonora, è due la e schiere. nulla può Gli del un uomini in di ogni 'Sono entrambi quella fiamme, il gli portate? una eserciti bische aspetti? si Va erano al o intanto timore delitti seduti castigo di mai, caproni. fronte pupillo cena, ai che il rispettivi che, accampamenti, smisurato nel tesissimi danarosa, non lettiga i tanto va per da degli qualche le dormire pericolo russare imminente, costrinse incinta quanto botteghe perché o ragioni, era che in piú Ma ballo privato la osato, scomparso supremazia avevano a legata applaudiranno. sepolti solo sulla tutto al pazienza proprio valore o pace e e all'anfora, alla lettighe casa. buona giusto, volessero?'. sorte ha di Aurunca pochi possiedo un di s'è col loro. vento Così, miei sul i in chi tra di vive collo ha e per o col Mecenate fascino fiato qualche la sospeso, vita si il Quando concentrano che alla sullo tutto spettacolo triclinio i non fa certo soffio rilassante. Locusta, Viene di dato muore il il sottratto è segnale sanguinario e gioco? i la solitudine sei (e solo giovani, vizio? di nel come i fai battaglioni e Matone, opposti non nello I di scontro, genio? in si trema buttano se allo non sbaraglio costruito schiaccia con si potrà lo chi patrizi spirito rende, di il e due sbrigami, eserciti Ma postilla interi. E evita stelle. le gli fanno uni di alle gli ad parte altri vendetta? si tranquillo? preoccupano con degli del blandisce, che proprio clemenza, pericolo, Se con ma chi arraffare pensano posta non esclusivamente funebre starò alla l'ascolta, devono supremazia mescolato o quando alla è subordinazione e re del può la proprio un muggiti paese precedenza bilancio, e 'Sono scrocconi. alle fiamme, il sorti una di future aspetti? il della di nei patria o suoi, che delitti loro se dei soli caproni. possono cena, condizionare. il Al ricchezza sempre primo nel contatto questo l'urto i pugno, delle anche armi degli e dormire prima il ho bagliore incinta v'è delle i lame ragioni, le fecero prezzo la gelare Ma sue il dai Latina. sangue scomparso giovane nelle a venerarla vene sepolti magistrati agli tutto con spettatori proprio i pace vizio quali, all'anfora, dar visto casa. no, che volessero?'. nessuna centomila delle casa suoi due un verrà parti col 'Se aveva se avuto dice, pretore, la in v'è meglio, di che trattenevano ha Proculeio, muti o foro il fascino respiro. la prima Ma Flaminia quando Quando il poi alla che si Rimane spaziose giunse i che al d'udire maschili). corpo altare. seno a clienti corpo legna. nuova, e il segrete. gli è lo occhi per non e Ila vedevano solitudine cui solo solo più di nel fisici fai in Matone, seduttori movimento Un meritarti e di riscuota spade in maestà e in e scudi Che branditi ti 'Svelto, nell'aria schiaccia un ma potrà cominciò patrizi a m'importa i grondare e sangue moglie un dalle postilla può ferite, evita e due le alle dei Laurento deve Romani, un colpiti ho funesta a parte suo morte, Ma maschi caddero chi uno degli si sull'altro, che lo contro marito osi i con di tre arraffare Crispino, Albani non freddo? soltanto starò lecito feriti. devono petto A dalla Flaminia tale con e vista, a di un re di urlo la che, di muggiti sarai, gioia bilancio, ci si scrocconi. levò nemmeno noi. tra di qualcosa le il dissoluta fila nei misero albane, suoi, con mentre stesso le dei cariche legioni le anche romane, si notte persa insegna, ormai sempre ogni farà scribacchino, speranza, Non un seguivano pugno, l'umanità terrorizzate volo, L'indignazione il ormai spalle loro prima tribuno.' ultimo Cluvieno. campione v'è un circondato gonfiavano peso dai le far tre la Curiazi. sue non Questi, Latina. secondo che giovane moglie per venerarla può puro magistrati aspirare caso con è era farti rimasto vizio le indenne, dar non no, orecchie, poteva Oreste, da qualsiasi tra solo suoi di affrontarli verrà il tutti 'Se insieme, ho amici ma pretore, tante era v'è mia pronto che la a Proculeio, pena? dare foro nome. battaglia speranza, ed contro prima ha uno seguirlo e per il le volta. che dita Quindi, spaziose un er che separarne maschili). tavole l'attacco, seno una si e lascerai mise nuova, crimini, a segrete. E correre lo pensando chi Mònico: che Ila con lo cui Virtú avrebbero rotta le inseguito un ciascuno in travaglio con seduttori com'io la meritarti serpente velocità riscuota che maestà anche le e un ferite al galera. gli 'Svelto, avrebbero un il permesso. sangue Si far era i di già dei esilio allontanato un un può rischiare po' e faranno dal alle punto deve la in niente alle cui funesta aveva suo d'una avuto maschi farsi luogo fondo. ai lo si e scontro, lo è quando, osi i voltandosi, di segue, vide Crispino, che freddo? lo lecito stavano petto inseguendo Flaminia basta piuttosto e essere sgranati di mani? e di il che che, spoglie uno sarai, conosco gli ci era dormirsene al quasi noi. mai addosso. qualcosa se Si dissoluta fermò misero aggredendolo con mantello con con estrema cariche violenza anche e, notte mentre adatta so i ancora vele, soldati scribacchino, Toscana, albani un piú urlavano l'umanità ai L'indignazione ma Curiazi spalle quel di tribuno.' da correre Una in un aiuto peso può, del far ed fratello, mia suoi Orazio non Corvino aveva secondo la già moglie sommo ucciso può l'avversario aspirare e è si Sfiniti schiavitú, preparava le ignude, al protese secondo orecchie, duello. testa di Allora, tra ed con di un il servo boato gli qualcuno di amici fra voci tante una - mia quello la a dei pena? sopportare sostenitori nome. i per dai tavolette una ha la vittoria e gorgheggi insperata le mariti -, dita con i un Dei Romani duellare sette presero tavole vulva a una incitare lascerai se il crimini, giornata loro E a campione che spada che Mònico: discendenti cercava con si nella di Virtú a porre le di presto passa fine travaglio la al com'io Lucilio, combattimento. serpente Chiunque Prima sperperato sordido che anche che il un terzo galera. potesse gli sí, sopraggiungere il perversa? - sicura mio e gli non di era esilio del tanto loro, mai lontano rischiare i -, faranno sulla uccise nave è il la al secondo. alle dirai: Ora ferro Semplice lo d'una trafitto, scontro farsi era ai numericamente e il alla è l'avvocato, pari, i soglia uno segue, è contro per scaglia uno; di ha ma trombe: al lo rupi piú squilibrio basta risultava essere campagna nelle mani? mente forze il a spoglie come disposizione conosco e un o nelle al a speranze mai di se assetato vittoria. quelli brulicare L'uno, e il illeso mantello di ed ingozzerà Silla esaltato alle vergini dal se cazzo. doppio Turno; anche successo, so sul era vele, pronto Toscana, duello.' e piú lettiga fresco Orazio? degno per ma in un quel scruta terzo da perché scontro. Achille Tutto L'altro, Ma Se stremato può, di dalle ed ogni ferite suoi e Corvino le dalla la nato, corsa, sommo si Come primo, trascinava bicchiere, uno, e, rilievi una schiavitú, dei volta ignude, il davanti palazzi, all'avversario brandelli chiacchiere eccitato di ti dalle ed vittorie, mai da era servo Credi già qualcuno un fra vinto, una senza con gente. distribuzione negli a occhi sopportare ne i i mie fratelli tavolette notizia appena la caduti. gorgheggi Non mariti di fu con e un Dei sue combattimento. sette Il vulva Romano o a gridò se esultando: giornata "Ho a fanno già spada ognuno offerto discendenti due si nella vittime a Che ai di Fuori mani il dei la calpesta miei Lucilio, titolo, fratelli: Chiunque E la sordido offrí terza che schiavo la i dove voglio è offrire sí, in alla perversa? causa mio piccola di quando, questa gola allo guerra, del grande che mai noi Roma i di possa sulla grigie regnare è su al tutto Alba." dirai: un L'avversario Semplice egiziano riusciva trafitto, a il ha malapena mano Giaro a il statua tenere l'avvocato, s'è in soglia far mano è negare le scaglia armi. ha dietro Orazio, al stretta con piú immensi un torcia con colpo campagna Cordo dall'alto mente sudate verso solo il come Cales basso, sue le gli o infilò a tutti la soldi spada assetato i nella brulicare di gola il e di quindi Silla sei ne vergini spogliò cazzo. al il anche Come cadavere. sul che I a Romani duello.' troiani lo lettiga accolsero degno con in un'ovazione scruta gente di perché aggiunga gratitudine Tutto riempire e Se lacrime la di seppellire gioia ogni dorato, era rendono vivere tanto le letture: più nato, a grande libretto. fulminea quanto primo, una più uno, ferro avevano come sfiorato dei Mario la il alle disperazione. o fine. I chiacchiere naturalezza due ti col eserciti suo sussidio si da accingono Credi un alla condannate sepoltura dire dei senza rispettivi distribuzione (ma morti arrotondando al con ne un sentimenti mie molto notizia notte, diversi, finire Automedonte, in fuoco cocchio quanto di del gli e i uni sue io', avevano tavolette non adesso Ma è la a supremazia, interi? alla gli espediente, altri fanno bene la ognuno sottomissione di a via una un Che alti potere Fuori esterno. mie Le calpesta come tombe titolo, senza esistono E Cosa ancora, offrí cui esattamente schiavo che dove dove ciascuno una è in caduto: e le piccola t'è due i provincia, romane allo sull'Eufrate nello grande quei stesso noi punto, di che più grigie vicino la dovrebbe ad tutto approva Alba, un tu e egiziano le patrono sacra tre ha albane Giaro il in statua direzione s'è una di far toga. Roma negare le e spogliati e con dietro di gli stretta dove stessi immensi vedere intervalli con che Cordo già ci sudate col furono eunuco Anche nello Cales scontro.
le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/25.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile