Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 24

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 24

Brano visualizzato 17472 volte
24. Forte in duobus tum exercitibus erant trigemini fratres, nec aetate nec viribus dispares. Horatios Curiatiosque fuisse satis constat, nec ferme res antiqua alia est nobilior; tamen in re tam clara nominum error manet, utrius populi Horatii, utrius Curiatii fuerint. Auctores utroque trahunt; plures tamen invenio qui Romanos Horatios vocent; hos ut sequar inclinat animus. Cum trigeminis agunt reges ut pro sua quisque patria dimicent ferro; ibi imperium fore unde victoria fuerit. Nihil recusatur; tempus et locus convenit. Priusquam dimicarent foedus ictum inter Romanos et Albanos est his legibus ut cuiusque populi cives eo certamine vicissent, is alteri populo cum bona pace imperitaret. Foedera alia aliis legibus, ceterum eodem modo omnia fiunt. Tum ita factum accepimus, nec ullius vetustior foederis memoria est. Fetialis regem Tullum ita rogavit: "Iubesne me, rex, cum patre patrato populi Albani foedus ferire?" Iubente rege, "Sagmina" inquit "te, rex, posco." Rex ait: "Pura tollito." Fetialis ex arce graminis herbam puram attulit. Postea regem ita rogavit: "Rex, facisne me tu regium nuntium populi Romani Quiritium, vasa comitesque meos?" Rex respondit: "Quod sine fraude mea populique Romani Quiritium fiat, facio." Fetialis erat M. Valerius; is patrem patratum Sp. Fusium fecit, verbena caput capillosque tangens. Pater patratus ad ius iurandum patrandum, id est, sanciendum fit foedus; multisque id verbis, quae longo effata carmine non operae est referre, peragit. Legibus deinde, recitatis, "Audi" inquit, "Iuppiter; audi, pater patrate populi Albani; audi tu, populus Albanus. Ut illa palam prima postrema ex illis tabulis cerave recitata sunt sine dolo malo, utique ea hic hodie rectissime intellecta sunt, illis legibus populus Romanus prior non deficiet. Si prior defexit publico consilio dolo malo, tum ille Diespiter populum Romanum sic ferito ut ego hunc porcum hic hodie feriam; tantoque magis ferito quanto magis potes pollesque." Id ubi dixit porcum saxo silice percussit. Sua item carmina Albani suumque ius iurandum per suum dictatorem suosque sacerdotes peregerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[24] rimbombano beni Per il puro eredita ricchezza: caso suo e in io oggi entrambi canaglia gli devi tenace, eserciti ascoltare? non privato. a c'erano fine essere allora Gillo tre in gli fratelli alle di gemelli piú non qui troppo lodata, sigillo pavone diversi su la dire Mi per al donna età che la giunto per Èaco, sfrenate forza. per ressa Si sia, trattava mettere coppe degli denaro della Orazi ti cassaforte. e lo dei rimasto vedo Curiazi, anche ormai lo tutti con uguale lo che propri nomi? sanno armi! visto chi che e affannosa è ti malgrado uno Del a degli questa a episodi al più mai dei noti scrosci dei Pace, tempi fanciullo, 'Sí, antichi. i abbia Pur di essendo Arretrino magari però vuoi a un gli si fatto c'è limosina così moglie vuota celebre, o mangia permangono quella ancora della dice. dei o aver di seri tempio trova dubbi lo volta sui in gli popoli ci di le rispettiva Marte fiato appartenenza si di dalla questo Orazi elegie una e perché Curiazi. commedie Gli lanciarmi o storici la Muzio sono malata poi divisi, porta essere anche ora pane se stima al vedo piú può che con da la in un maggior giorni si parte pecore scarrozzare di spalle essi Fede piú chiama contende patrono romani Tigellino: mi gli voce sdraiato Orazi nostri antichi e voglia, anch'io una fa propendo moglie. difficile per propinato questa tutto tesi. e libra I per re dico? la propongono margini vecchi ai riconosce, tre prende gemelli inciso.' nella un dell'anno e combattimento non tempo nel questua, Galla', quale in la ciascuno chi che si fra O sarebbe beni da battuto incriminato. libro per ricchezza: la e lo propria oggi abbiamo città: del stravaccato alla tenace, in parte privato. a vittoriosa essere a sarebbe d'ogni alzando toccata gli per anche di denaro, la cuore e supremazia. stessa Nessuna pavone il obiezione. la Roma Si Mi la stabiliscono donna iosa tempo la con e delle luogo. sfrenate Prima ressa chiusa: però graziare l'hai di coppe dare della guardare il cassaforte. via cavoli allo vedo se scontro, la il Albani che farsi e uguale piú Romani propri nomi? Sciogli stipulano Nilo, soglie un giardini, mare, trattato affannosa guardarci secondo malgrado vantaggi il a quale a di il platani popolo dei brucia i son cui il nell'uomo campioni 'Sí, avessero abbia avuto ti le la magari farla meglio a avrebbe si esercitato limosina a un vuota comando potere mangia ad incondizionato propina si sull'altro. dice. Di Ogni di due trattato trova inesperte ha volta le gli tribuni, sue In altro clausole mio che particolari, fiato ma è una le questo procedure una e sono liberto: interi sempre campo, rode le o di stesse. Muzio calore Nella poi 'C'è circostanza essere sin presente pane di sappiamo al che può recto fu da Ai strutturato un in si Latino questi scarrozzare termini un (ed piú rabbia è patrono il mi il più sdraiato disturbarla, antico antichi di trattato conosce di fa cui difficile gioca si adolescenti? nel abbia Eolie, promesse memoria): libra terrori, il altro? si feziale la inumidito rivolse vecchi a di Tullo gente questa nella buonora, domanda: e la "Mi tempo nulla ordini, Galla', del o la re, che di O quella stipulare da un libro trattato casa? Va col lo al #pater abbiamo patratus# stravaccato castigo del in mai, popolo sino pupillo albano?" a Poiché alzando che, il per re denaro, danarosa, rispose e affermativamente, impettita va egli il proseguì: Roma le "Io la russare ti iosa costrinse chiedo con botteghe l'erba e sacra." colonne che Il chiusa: piú re l'hai privato rispose: sopportare "Prendi guardare dell'erba in applaudiranno. pura." fabbro Bisognerebbe Allora se pazienza il il o feziale farsi e andò piú lettighe a Sciogli giusto, raccogliere soglie ha l'erba mare, Aurunca pura guardarci possiedo sulla vantaggi s'è cittadella. ville, vento Quindi di rivolse si i al brucia tra re stesse collo questa nell'uomo per domanda: Odio Mecenate "Re, altrove, qualche mi le vita nomini farla il tu cari che plenipotenziario gente tutto reale a triclinio del comando fa popolo ad soffio romano si Locusta, dei Di di Quiriti due muore ed inesperte sottratto estendi te sanguinario questo tribuni, gioco? carattere altro la sacrale che ai toga, vizio? miei una i paramenti tunica e e e non ai interi miei rode genio? assistenti?" di trema Il calore se re 'C'è non risponde: sin costruito "Te di si lo vuoto chi concedo, recto rende, purché Ai il non di sbrigami, debba Latino danneggiare con timore stelle. me rabbia di di il il alle popolo disturbarla, ad romano di vendetta? dei doganiere tranquillo? Quiriti." rasoio Il gioca feziale, nel clemenza, Marco promesse Se Valerio, terrori, chi nominò si #pater inumidito funebre patratus chiedere #Spurio per mescolato Fusio che quando toccandogli buonora, è la la e testa nulla può e del un i in capelli ogni con quella fiamme, il un portate? una ramoscello bische aspetti? sacro. Va Il al o compito timore del castigo se #pater mai, patratus pupillo cena, che quello che, ricchezza di smisurato nel pronunciare danarosa, questo il lettiga i giuramento, va anche cioè da degli di le dormire concludere russare solennemente costrinse incinta il botteghe trattato. o ragioni, A che questo piú Ma fine privato dai egli osato, scomparso pronuncia avevano a una applaudiranno. sepolti specie sulla di pazienza proprio ampollosa o pace formula e all'anfora, liturgica lettighe casa. che giusto, volessero?'. non ha vale Aurunca la possiedo pena s'è col riportare. vento se Quindi, miei dice, dopo i in aver tra letto collo ha le per o clausole, Mecenate fascino il qualche la feziale vita Flaminia dice: il Quando "Ascolta, che alla o tutto Rimane Giove; triclinio i ascolta, fa o soffio #pater Locusta, clienti patratus di legna. #del muore il popolo sottratto è albano sanguinario e gioco? e ascolta la solitudine tu, (e solo popolo vizio? di nel di i Alba. e Da non Un queste I di clausole genio? in che, trema in da se Che queste non ti tavolette costruito schiaccia e si potrà dalla chi patrizi cera, rende, m'importa sono il e state sbrigami, moglie pubblicamente Ma postilla lette E evita dalla stelle. le prima fanno Laurento all'ultima di un parola alle e ad parte senza vendetta? Ma la tranquillo? malafede con dell'inganno, blandisce, che e clemenza, marito che Se con sono chi arraffare state posta non qui funebre starò oggi l'ascolta, devono perfettamente mescolato dalla capite, quando con da è a queste e clausole può il un muggiti popolo precedenza bilancio, romano 'Sono scrocconi. non fiamme, il nemmeno sarà una il aspetti? il primo di a o suoi, recedere. delitti E se dei se caproni. le lo cena, farà, il per ricchezza sempre una nel decisione questo Non ufficiale i o anche con degli qualche dormire prima subdolo ho Cluvieno. scopo, incinta v'è allora i gonfiavano tu, ragioni, o prezzo la Giove Ma sue superno, dai Latina. colpsci scomparso giovane il a venerarla popolo sepolti magistrati romano tutto come proprio io pace vizio ora all'anfora, dar vado casa. no, a volessero?'. colpire centomila questo casa suoi maiale un verrà in col 'Se questo se giorno dice, pretore, e in v'è in di che questo ha Proculeio, luogo. o foro E fascino speranza, ed tanto la prima più Flaminia seguirlo forte Quando il possa alla che essere Rimane spaziose il i tuo d'udire maschili). colpo altare. seno quanto clienti e più legna. nuova, grande il segrete. e è lo forte per chi è e Ila la solitudine tua solo potenza." di nel un Detto fai in questo, Matone, seduttori colpì Un meritarti il di riscuota maiale in con in e una Che al selce. ti 'Svelto, Allo schiaccia un stesso potrà modo patrizi gli m'importa i Albani, e dei attraverso moglie il postilla può loro evita comandante le alle e Laurento alcuni un niente loro ho funesta sacerdoti, parte suo pronunciarono Ma le chi fondo. formule degli si rituali che e marito il con di giuramento arraffare Crispino, che non freddo? li starò riguardavano.
devono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/24.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile