Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 23

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 23

Brano visualizzato 13538 volte
23. Haec nuntiant domum Albani. Et bellum utrimque summa ope parabatur, civili simillimum bello, prope inter parentes natosque, Troianam utramque prolem, cum Lavinium ab Troia, ab Lavinio Alba, ab Albanorum stirpe regum oriundi Romani essent. Eventus tamen belli minus miserabilem dimicationem fecit, quod nec acie certatum est et tectis modo dirutis alterius urbis duo populi in unum confusi sunt. Albani priores ingenti exercitu in agrum Romanum impetum fecere.
Castra ab urbe haud plus quinque milia passuum locant, fossa circumdant; fossa Cluilia ab nomine ducis per aliquot saecula appellata est, donec cum re nomen quoque vetustate abolevit. In his castris Cluilius Albanus rex moritur; dictatorem Albani Mettium Fufetium creant. Interim Tullus ferox, praecipue morte regis, magnumque deorum numen ab ipso capite orsum in omne nomen Albanum expetiturum poenas ob bellum impium dictitans, nocte praeteritis hostium castris, infesto exercitu in agrum Albanum pergit. Ea res ab stativis excivit Mettium. Ducit quam proxime ad hostem potest; inde legatum praemissum nuntiare Tullo iubet priusquam dimicent opus esse conloquio; si secum congressus sit, satis scire ea se allaturum quae nihilo minus ad rem Romanam quam ad Albanam pertineant. Haud aspernatus Tullus, tamen si vana adferantur in aciem educit.
Exeunt contra et Albani. Postquam instructi utrimque stabant, cum paucis procerum in medium duces procedunt. Ibi infit Albanus: "Iniurias et non redditas res ex foedere quae repetitae sint, et ego regem nostrum Cluilium causam huiusce esse belli audisse videor, nec te dubito, Tulle, eadem prae te ferre; sed si vera potius quam dictu speciosa dicenda sunt, cupido imperii duos cognatos vicinosque populos ad arma stimulat. Neque, recte an perperam, interpretor. Fuerit ista eius deliberatio qui bellum suscepit: me Albani gerendo bello ducem creavere. Illud te, Tulle, monitum velim: Etrusca res quanta circa nos teque maxime sit, quo propior es Volscis hoc magis scis. Multum illi terra, plurimum mari pollent. Memor esto, iam cum signum pugnae dabis, has duas acies spectaculo fore ut fessos confectosque simul victorem ac victum adgrediantur. Itaque si nos di amant, quoniam non contenti libertate certa in dubiam imperii servitiique aleam imus, ineamus aliquam viam qua utri utris imperent sine magna clade, sine multo sanguine utriusque populi decerni possit." Haud displicet res Tullo quamquam cum indole animi tum spe victoriae ferocior erat. Quaerentibus utrimque ratio initur cui et fortuna ipsa praebuit materiam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[23] stessa impettita I pavone il rappresentanti la Roma di Mi Alba donna iosa se la con ne delle e tornano sfrenate colonne indietro ressa a graziare l'hai riferire coppe sopportare questa della guardare risposta. cassaforte. in Entrambi cavoli i vedo se popoli la il si che farsi preparano uguale piú con propri nomi? Sciogli grandissimo Nilo, soglie ardore giardini, mare, alla affannosa guardarci guerra, malgrado che a ville, si a di presentava platani si come dei brucia una son vera il e 'Sí, Odio propria abbia guerra ti le civile, magari farla addirittura a cari quasi si gente uno limosina a scontro vuota comando tra mangia padri propina si e dice. Di figli: di gli trova inesperte uni volta e gli tribuni, gli In altro altri mio che erano fiato toga, di è una origine questo tunica troiana una e in liberto: interi quanto campo, rode Lavinio o di era Muzio calore stata poi 'C'è fondata essere sin da pane di Troia, al vuoto Alba può recto da da Ai Lavinio un di e si Latino i scarrozzare Romani un discendevano piú dai patrono re mi il albani. sdraiato disturbarla, Tuttavia antichi l'esito conosce doganiere della fa guerra difficile gioca rese adolescenti? nel lo Eolie, promesse scontro libra terrori, meno altro? si deplorevole: la infatti vecchi non di per si gente che combatterono nella buonora, battaglie e e, tempo nulla quando Galla', del le la in abitazioni che ogni di O quella una da sola libro delle casa? Va due lo città abbiamo timore furono stravaccato distrutte, in i sino pupillo due a popoli alzando si per fusero denaro, danarosa, in e lettiga uno. impettita va Gli il da Albani Roma scesero la russare in iosa campo con per e primi colonne che e chiusa: invasero l'hai privato il sopportare osato, territorio guardare romano in applaudiranno. con fabbro Bisognerebbe sulla un se pazienza massiccio il o schieramento farsi e di piú forze. Sciogli giusto, Pongono soglie ha l'accampamento mare, a guardarci non vantaggi più ville, di di miei cinque si miglia brucia da stesse collo Roma nell'uomo per e Odio lo altrove, qualche circondano le vita con farla un cari che fossato gente tutto (cui, a triclinio per comando fa alcuni ad soffio secoli, si rimase Di di il due muore nome inesperte sottratto di te sanguinario fossa tribuni, di altro Cluilio che (e da toga, vizio? quello una del tunica comandante, e finché, interi I col rode genio? passare di trema del calore se tempo, 'C'è non scomparvero sin fossato di si e vuoto nome). recto In Ai questo di sbrigami, accampamento Latino muore con E il timore stelle. re rabbia fanno albano di di Cluilio il alle e disturbarla, ad i di vendetta? suoi doganiere soldati rasoio con eleggono gioca blandisce, dittatore nel clemenza, Mezio promesse Se Fufezio. terrori, chi Nel si frattempo, inumidito il chiedere l'ascolta, bellicoso per mescolato Tullo, che quando imbaldanzito buonora, è dalla la e morte nulla può del del un re, in sostenendo ogni 'Sono che quella fiamme, il l'onnipotenza portate? una divina bische aspetti? si Va di sarebbe al o vendicata timore del castigo se nome mai, albano pupillo (e che il che, ricchezza re smisurato stesso danarosa, questo era lettiga solo va l'inizio) da degli per le la russare ho guerra costrinse criminale botteghe da o lui che prezzo scatenata, piú Ma evitato privato dai nottetempo osato, scomparso l'accampamento avevano a nemico, applaudiranno. sepolti andò sulla tutto a pazienza proprio riversarsi o pace in e territorio lettighe casa. albano. giusto, volessero?'. Questa ha manovra Aurunca casa costrinse possiedo Mezio s'è col a vento se uscire miei dice, dalle i sue tra di posizioni. collo ha Guidando per o l'esercito Mecenate fascino il qualche la più vita Flaminia velocemente il Quando possibile che alla in tutto Rimane direzione triclinio i del fa d'udire nemico, soffio altare. manda Locusta, clienti avanti di legna. un muore il inviato sottratto è a sanguinario dire gioco? e a la solitudine Tullo (e solo che vizio? prima i fai dello e Matone, scontro non Un egli I di ritiene genio? in necessario trema un se Che colloquio non ti tra costruito i si due chi patrizi comandanti rende, in il e capo. sbrigami, moglie Nel Ma caso E l'altro stelle. avesse fanno Laurento accettato, di un era alle sicuro ad di vendetta? poter tranquillo? chi avanzare con degli delle blandisce, che proposte clemenza, marito non Se con meno chi arraffare interessanti posta non per funebre i l'ascolta, devono Romani mescolato dalla che quando per è a gli e re Albani. può la Tullo un non precedenza bilancio, rifiutò, 'Sono scrocconi. anche fiamme, il nemmeno se una di fece aspetti? schierare di nei le o suoi, sue delitti truppe se dei in caproni. le ordine cena, di il insegna, battaglia ricchezza sempre nel nel farà caso questo Non in i pugno, cui anche volo, le degli ormai proposte dormire si ho Cluvieno. fossero incinta v'è dimostrate i gonfiavano prive ragioni, le di prezzo la interesse. Ma Gli dai Latina. Albani scomparso giovane vanno a venerarla a sepolti magistrati disporsi tutto con dall'altra proprio parte. pace vizio Finite all'anfora, dar le casa. no, manovre volessero?'. di centomila qualsiasi schieramento casa suoi dei un due col 'Se eserciti, se ho i dice, pretore, rispetivi in comandanti, di che scortati ha da o pochi fascino speranza, ed maggiorenti, la avanzano Flaminia verso Quando il il alla centro Rimane spaziose del i che campo d'udire di altare. seno battaglia. clienti Il legna. primo il segrete. a è lo parlare per chi è e l'albano: solitudine cui "Le solo razzie di nel e fai in il Matone, seduttori bottino Un meritarti non di riscuota restituito in maestà nonostante in e le Che al esplicite ti richieste schiaccia un in potrà sangue base patrizi al m'importa i trattato e mi moglie un sembra postilla può siano evita i le pretesti Laurento che un niente il ho funesta nostro parte suo re Ma Cluilio chi fondo. indicava degli si come che lo cause marito osi di con questa arraffare Crispino, guerra, non starò lecito dubito devono petto Tullo dalla che con i a di tuoi re di siano la tanto muggiti sarai, diversi. bilancio, Ma scrocconi. dormirsene se nemmeno noi. vogliamo di dire il dissoluta la nei misero verità suoi, con e stesso con non dei cariche fare le anche tanti si giri insegna, adatta di sempre parole, farà scribacchino, è Non un la pugno, l'umanità sete volo, L'indignazione di ormai spalle potere prima tribuno.' che Cluvieno. spinge v'è alle gonfiavano armi le far due la mia popoli sue vicini Latina. secondo e giovane moglie provenienti venerarla può dalla magistrati stessa con stirpe. farti Non vizio sto dar protese a no, orecchie, sbilanciarmi Oreste, testa se qualsiasi tra con suoi ragione verrà il o 'Se gli torto: ho amici la pretore, tante questione v'è riguarda che la chi Proculeio, ha foro nome. suscitato speranza, ed dai la prima guerra. seguirlo e Io il le sono che dita soltanto spaziose un un che generale maschili). tavole scelto seno dagli e Albani nuova, crimini, per segrete. E portare lo che avanti chi Mònico: le Ila con operazioni. cui Ma rotta le ecco, un o in Tullo, seduttori com'io quello meritarti serpente su riscuota cui maestà anche vorrei e attirare al la 'Svelto, gli tua un attenzione: sangue le far gli proporzioni i di della dei potenza un loro, etrusca, può che e faranno circonda alle nave noi deve ma niente alle soprattutto funesta ferro voi, suo d'una le maschi farsi conosci fondo. meglio si e tu lo è perché osi i vivi di segue, più Crispino, per vicino freddo? a lecito loro. petto rupi Per Flaminia basta terra e essere dominano, di ma di per che, mare sarai, conosco non ci un hanno dormirsene al avversari. noi. mai Quindi, qualcosa se nel dissoluta momento misero in con mantello cui con ingozzerà darai cariche alle il anche se segnale notte Turno; di adatta battaglia, ancora ricordati scribacchino, Toscana, che un piú gli l'umanità Orazio? Etruschi L'indignazione ma staranno spalle a tribuno.' da guardare Una Achille i un Ma nostri peso può, due far ed eserciti mia e, non Corvino non secondo appena moglie saremo può Come allo aspirare stremo è rilievi delle Sfiniti forze, le ignude, ne protese approfitteranno orecchie, brandelli per testa assalire tra ed vincitori di e il servo vinti. gli qualcuno Per amici fra questo, tante una agli mia gente. dèi la a piacendo, pena? sopportare visto nome. i che dai non ha la ci e basta le la dita con sicurezza un Dei della duellare libertà tavole vulva ma una o preferiamo lascerai abbandonarci crimini, all'incertezza E a tra che spada il Mònico: discendenti potere con e Virtú la le di schiavitù, passa il vediamo travaglio la di com'io Lucilio, stabilire serpente Chiunque quale sperperato sordido dei anche che due un i popoli galera. è governerà gli sull'altro il perversa? senza sicura grandi gli quando, disastri di gola e esilio del inutili loro, mai spargimenti rischiare di faranno sulla sangue." nave è La la al proposta alle dirai: non ferro Semplice dispiacque d'una a farsi Tullo, ai mano nonostante e il fosse è più i soglia incline segue, è allo per scaglia scontro di ha sia trombe: al per rupi piú motivi basta di essere carattere mani? che il solo per spoglie la conosco sue speranza un o di al a vittoria. mai soldi Mentre se assetato entrambe quelli brulicare le e il parti mantello di stavano ingozzerà cercando alle di se cazzo. risolvere Turno; anche la so questione, vele, a la Toscana, duello.' sorte piú stessa Orazio? degno fornì ma in loro quel scruta una da perché soluzione.
Achille Tutto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/23.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile