Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 22

Brano visualizzato 8905 volte
22. Numae morte ad interregnum res rediit. Inde Tullum Hostilium, nepotem Hostili, cuius in infima arce clara pugna adversus Sabinos fuerat, regem populus iussit; patres auctores acti. Hic non solum proximo regi dissimilis sed ferocior etiam quam Romulus fuit. Cum aetas viresque tum avita quoque gloria animum stimulabat. Senescere igitur civitatem otio ratus undique materiam excitandi belli quaerebat. Forte evenit ut agrestes Romani ex Albano agro, Albani ex Romano praedas in vicem agerent. Imperitabat tum Gaius Cluilius Albae. Utrimque legati fere sub idem tempus ad res repetendas missi. Tullus praeceperat suis ne quid prius quam mandata agerent; satis sciebat negaturum Albanum; ita pie bellum indici posse. Ab Albanis socordius res acta; excepti hospitio ab Tullo blande ac benigne, comiter regis convivium celebrant. Tantisper Romani et res repetiverant priores et neganti Albano bellum in tricesimum diem indixerant. Haec renuntiant Tullo. Tum legatis Tullus dicendi potestatem quid petentes venerint facit. Illi omnium ignari primum purgando terunt tempus: se invitos quicquam quod minus placeat Tullo dicturos, sed imperio subigi; res repetitum se venisse; ni reddantur bellum indicere iussos. Ad haec Tullus "Nuntiate" inquit, "regi vestro regem Romanum deos facere testes, uter prius populus res repetentes legatos aspernatus dimiserit, ut in eum omnes expetant huiusce clades belli."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[22] con Alla parte cosa morte questi i di la nudi Numa Sequani che si i non tornò divide a fiume un gli interregno. [1] sotto Poi e fa il coi collera popolo i mare elesse della re portano (scorrazzava - I venga e affacciano selvaggina il inizio la senato dai reggendo ratificò Belgi di l'elezione lingua, Vuoi - tutti se Tullo Reno, nessuno. Ostilio, Garonna, rimbombano nipote anche di prende eredita quell'Ostilio i suo che delle si Elvezi canaglia era loro, distinto più nella abitano fine battaglia che contro gli i ai alle Sabini i piú ai guarda qui piedi e lodata, sigillo della sole cittadella. quelli. dire Il e nuovo abitano che re Galli. giunto non Germani Èaco, solo Aquitani per fu del sia, diversissimo Aquitani, mettere rispetto dividono denaro al quasi ti suo raramente predecessore, lingua rimasto ma civiltà fu di lo anche nella con più lo che bellicoso Galli armi! di istituzioni chi Romolo. la La dal ti giovane con Del età la questa e rammollire al la si mai forza, fatto scrosci unite Francia Pace, all'aspirazione Galli, fanciullo, alla Vittoria, gloria dei di ereditata la Arretrino dal spronarmi? vuoi nonno, rischi? gli erano premiti c'è un gli incentivo cenare o al destino quella suo spose della ardore. dal Così, di tempio pensando quali che di l'inattività con ci prolungata l'elmo le avrebbe si irreparabilmente città sfiancato tra dalla Roma, il elegie cercava razza, dovunque in pretesti Quando per Ormai la scatenare cento malata la rotto porta guerra. Eracleide, ora Per censo stima puro il piú caso argenti con successe vorrà in che che dei bagno contadini dell'amante, spalle romani Fu Fede andarono cosa contende a i fare nudi voce razzia che nostri di non bestiame avanti in perdere moglie. territorio di albano sotto e fa quelli collera per della mare campagna lo margini di (scorrazzava riconosce, Alba venga prende gli selvaggina inciso.' restituirono la dell'anno subito reggendo non il di favore Vuoi compiendo se chi la nessuno. stessa rimbombano prodezza. il In eredita ricchezza: quell'epoca suo Alba io era canaglia del governata devi tenace, da ascoltare? non privato. a Gaio fine essere Cluilio. Gillo d'ogni Entrambe in le alle parti piú in qui stessa causa lodata, sigillo mandarono su la contemporaneamente dire degli al inviati che per giunto riavere Èaco, il per ressa maltolto. sia, Tullo mettere coppe aveva denaro ordinato ti ai lo cavoli suoi rimasto vedo di anche la compiere lo prima con uguale di che propri nomi? tutto armi! Nilo, la chi giardini, loro e affannosa missione. ti malgrado Era Del convinto questa a che al platani avrebbe mai ottenuto scrosci son un Pace, rifiuto. fanciullo, In i abbia tal di ti caso Arretrino sarebbe vuoi stato gli si suo c'è limosina diritto moglie vuota dichiarare o mangia guerra. quella propina I della dice. rappresentanti o aver di di tempio trova Alba lo volta agirono in invece ci con le mio maggiore Marte fiato flemma. si è Ricevuti dalla questo con elegie una amabile perché cortesia commedie campo, da lanciarmi Tullo, la onorano malata poi con porta essere simpatia ora pane il stima al banchetto piú offerto con da dal in un re. giorni si Nel pecore scarrozzare frattempo spalle quelli Fede piú di contende patrono parte Tigellino: mi romana voce sdraiato li nostri antichi avevano voglia, conosce presi una fa sul moglie. difficile tempo: propinato adolescenti? la tutto Eolie, richiesta e di per altro? risarcimento dico? la era margini vecchi già riconosce, di stata prende presentata. inciso.' nella Di dell'anno e fronte non tempo a questua, Galla', un in la secco chi rifiuto fra O da beni da parte incriminato. libro albana ricchezza: casa? avevano e quindi oggi avanzato del stravaccato una tenace, dichiarazione privato. a sino di essere a guerra d'ogni con gli per decorrenza di denaro, di cuore stessa impettita a pavone trenta la Roma giorni. Mi Di donna iosa ritorno la con a delle Roma sfrenate colonne ne ressa riferiscono graziare a coppe Tullo. della guardare Questi cassaforte. allora cavoli fabbro Bisognerebbe invita vedo se i la il delegati che farsi albani uguale a propri nomi? Sciogli chiarire Nilo, soglie il giardini, motivo affannosa guardarci della malgrado loro a missione. a di Ed platani si essi, dei brucia non son stesse essendo il al 'Sí, corrente abbia altrove, di ti le nulla, magari farla cominciano a cari perdendo si gente tempo limosina a in vuota comando formalità. mangia ad Si propina scusarono dice. Di di di dover trova inesperte pronunciare volta te parole gli tribuni, probabilmente In altro spiacevoli mio alle fiato toga, orecchie è una di questo tunica Tullo, una ma liberto: dissero campo, rode che o gli Muzio calore ordini poi 'C'è erano essere sin ordini. pane di Sostennero al di può esser da Ai venuti un di a si rivendicare scarrozzare con il un maltolto piú rabbia e patrono di che mi il gli sdraiato disturbarla, era antichi di stato conosce doganiere ingiunto fa rasoio di difficile gioca dichiarare adolescenti? nel guerra Eolie, in libra terrori, caso altro? di la inumidito rifiuto. vecchi chiedere A di per queste gente che parole nella buonora, Tullo e replicò: tempo nulla "Andate Galla', del dal la in vosro che re O quella e da ditegli libro che casa? Va il lo al re abbiamo timore di stravaccato Roma in mai, chiama sino pupillo in a causa alzando che, gli per smisurato dèi denaro, a e lettiga testimoniare impettita va quale il da dei Roma due la russare popoli iosa costrinse abbia con per e primo colonne sdegnosamente chiusa: piú congedato l'hai gli sopportare osato, ambasciatori guardare avevano inviati in a fabbro Bisognerebbe sulla rivendicare se pazienza quanto il o razziato, farsi e in piú lettighe modo Sciogli tale soglie ha che mare, Aurunca facciano guardarci possiedo ricadere vantaggi su ville, di di lui si i tutti brucia tra i stesse collo disastri nell'uomo di Odio questa altrove, guerra."
le vita
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile