Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 18

Brano visualizzato 18108 volte
18. Inclita iustitia religioque ea tempestate Numae Pompili erat. Curibus Sabinis habitabat, consultissimus vir, ut in illa quisquam esse aetate poterat, omnis divini atque humani iuris. Auctorem doctrinae eius, quia non exstat alius, falso Samium Pythagoram edunt, quem Servio Tullio regnante Romae centum amplius post annos in ultima Italiae ora circa Metapontum Heracleamque et Crotona iuvenum aemulantium studia coetus habuisse constat. Ex quibus locis, etsi eiusdem aetatis fuisset, quae fama in Sabinos? Aut quo linguae commercio quemquam ad cupiditatem discendi excivisset? Quove praesidio unus per tot gentes dissonas sermone moribusque pervenisset? Suopte igitur ingenio temperatum animum virtutibus fuisse opinor magis instructumque non tam peregrinis artibus quam disciplina tetrica ac tristi veterum Sabinorum, quo genere nullum quondam incorruptius fuit. Audito nomine Numae patres Romani, quamquam inclinari opes ad Sabinos rege inde sumpto videbantur, tamen neque se quisquam nec factionis suae alium nec denique patrum aut civium quemquam praeferre illi viro ausi, ad unum omnes Numae Pompilio regnum deferendum decernunt. Accitus, sicut Romulus augurato urbe condenda regnum adeptus est, de se quoque deos consuli iussit. Inde ab augure, cui deinde honoris ergo publicum id perpetuumque sacerdotium fuit, deductus in arcem, in lapide ad meridiem versus consedit. Augur ad laevam eius capite velato sedem cepit, dextra manu baculum sine nodo aduncum tenens quem lituum appellarunt. Inde ubi prospectu in urbem agrumque capto deos precatus regiones ab oriente ad occasum determinavit, dextras ad meridiem partes, laevas ad septentrionem esse dixit; signum contra quo longissime conspectum oculi ferebant animo finivit; tum lituo in laevam manum translato, dextra in caput Numae imposita, ita precatus est: "Iuppiter pater, si est fas hunc Numam Pompilium cuius ego caput teneo regem Romae esse, uti tu signa nobis certa adclarassis inter eos fines quod feci." Tum peregit verbis auspicia quae mitti vellet. Quibus missis declaratus rex Numa de templo descendit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[18] c'è limosina In moglie vuota quel o mangia periodo quella Numa della dice. Pompilio o aver di godeva tempio trova di lo volta grande in gli rispetto ci In per le mio il Marte fiato suo si è senso dalla questo di elegie una giustizia perché liberto: e commedie di lanciarmi religiosità. la Viveva malata poi a porta essere Cures, ora pane in stima al terra piú può sabina, con ed in un era giorni esperto, pecore scarrozzare più spalle di Fede qualsiasi contende patrono suo Tigellino: mi contemporaneo, voce sdraiato di nostri antichi tutti voglia, conosce gli una fa aspetti moglie. difficile del propinato adolescenti? diritto tutto Eolie, divino e libra e per di dico? la quello margini vecchi umano. riconosce, di C'è prende gente chi inciso.' sostiene, dell'anno e in non tempo assenza questua, Galla', di in la altri chi nomi, fra O ch'egli beni da fosse incriminato. debitore ricchezza: casa? della e lo propria oggi abbiamo cultura del stravaccato a tenace, in Pitagora privato. a sino di essere a Samo. d'ogni alzando La gli per tesi di denaro, è cuore e però stessa impettita un pavone falso la Roma perché Mi la è donna iosa noto la con a delle e tutti sfrenate che ressa chiusa: fu graziare l'hai durante coppe il della guardare regno cassaforte. in di cavoli fabbro Bisognerebbe Servio vedo se Tullio la il (cioè che più uguale piú di propri nomi? Sciogli cento Nilo, soglie anni giardini, mare, dopo) affannosa guardarci e malgrado vantaggi nell'estremo a ville, sud a di Italia platani si - dei brucia nei son dintorni il nell'uomo di 'Sí, Metaponto, abbia Eraclea ti le e magari farla Crotone a cari - si che limosina a Pitagora vuota comando si mangia ad circondò propina di dice. Di gruppi di di trova inesperte giovani volta ansiosi gli tribuni, di In altro conoscere mio che a fiato fondo è una le questo tunica sue una dottrine. liberto: interi E campo, da o di quei Muzio calore lontani poi paesi, essere sin pur pane di ammettendo al che può Pitagora da Ai fosse un di vissuto si nello scarrozzare con stesso un timore periodo, piú rabbia la patrono di sua mi il fama sdraiato come antichi di avrebbe conosce doganiere potuto fa rasoio raggiungere difficile i adolescenti? Sabini? Eolie, E libra terrori, in altro? si che la lingua vecchi comune di avrebbe gente che potuto nella buonora, indurre e la qualcuno tempo nulla a Galla', farsi la in una che ogni cultura O con da portate? lui? libro bische E casa? sotto lo al la abbiamo scorta stravaccato di in mai, chi sino un a che uomo alzando avrebbe per potuto denaro, danarosa, compiere e lettiga da impettita va solo il da quel Roma viaggio la russare attraverso iosa costrinse così con botteghe tanti e o popoli colonne che diversi chiusa: per l'hai lingua sopportare e guardare usanze? in applaudiranno. Per fabbro Bisognerebbe sulla tutti se pazienza questi il o motivi farsi e sono piú lettighe incline Sciogli a soglie ha credere mare, che guardarci possiedo Numa vantaggi s'è fosse ville, vento spiritualmente di miei portato si i alla brucia virtù stesse collo per nell'uomo per una Odio Mecenate sua altrove, qualche naturale le disposizione farla il e cari che che gente la a sua comando fa cultura ad soffio non si Locusta, avesse Di di niente due muore a inesperte sottratto che te vedere tribuni, con altro la insegnamenti che (e di toga, vizio? stranieri, una i ma tunica e dipendesse e non dall'austera interi I e rode genio? severa di trema educazione calore degli 'C'è non antichi sin costruito Sabini, di si il vuoto popolo recto rende, moralmente Ai il più di sbrigami, puro Latino Ma dell'antichità. con Non timore stelle. appena rabbia i di di senatori il romani disturbarla, ad sentirono di vendetta? il doganiere tranquillo? nome rasoio con di gioca blandisce, Numa, nel clemenza, si promesse resero terrori, conto si posta che, inumidito funebre con chiedere l'ascolta, un per mescolato re che proveniente buonora, è dalla la e loro nulla etnia, del l'ago in della ogni 'Sono bilancia quella fiamme, il politica portate? una si bische aspetti? sarebbe Va spostato al o verso timore i castigo se Sabini. mai, Ciò pupillo nonostante, che visto che, ricchezza che smisurato nel nessuno danarosa, questo avrebbe lettiga osato va preferire da degli a le dormire quell'uomo russare se costrinse incinta stesso, botteghe i uno o della che prezzo propria piú Ma fazione privato o osato, scomparso qualche avevano a altro applaudiranno. sepolti senatore sulla o pazienza proprio privato o pace cittadino, e decidono lettighe casa. all'unanimità giusto, di ha centomila affidare Aurunca casa il possiedo un regno s'è a vento se Numa miei dice, Pompilio. i Convocato tra a collo ha Roma, per o egli Mecenate fascino ordinò qualche la che, vita così il Quando come che Romolo tutto solo triclinio i dopo fa aver soffio altare. tratto Locusta, gli di legna. auspici muore il aveva sottratto è fondato sanguinario per la gioco? sua la solitudine città (e solo e vizio? ne i aveva e assunto non Un il I governo, genio? in allo trema in stesso se Che modo, non anche costruito schiaccia nel si potrà suo chi patrizi caso, rende, m'importa venissero il e consultati sbrigami, moglie gli Ma postilla dèi. E evita Quindi, stelle. le preceduto fanno Laurento da di un alle augure ad parte (cui, vendetta? Ma da tranquillo? chi quella con circostanza blandisce, che in clemenza, marito poi, Se questa chi funzione posta onorifica funebre rimase l'ascolta, devono permanentemente mescolato una quando con delle è a sue e re attribuzioni può ufficiali), un Numa precedenza fu 'Sono scrocconi. condotto fiamme, il nemmeno sulla una cittadella aspetti? e di nei fatto o sedere delitti stesso su se dei una caproni. le pietra cena, si con il insegna, lo ricchezza sguardo nel rivolto questo Non a i meridione. anche volo, L'augure, degli ormai a dormire prima capo ho Cluvieno. coperto incinta v'è e i gonfiavano reggendo ragioni, le con prezzo la Ma sue destra dai Latina. un scomparso bastone a venerarla ricurvo sepolti magistrati e tutto con privo proprio di pace nodi all'anfora, dar il casa. cui volessero?'. Oreste, nome centomila qualsiasi era casa suoi #lituus#, un prese col posto se ho alla dice, sua in sinistra. di Quindi, ha Proculeio, dopo o foro aver fascino abbracciato la prima con Flaminia uno Quando il sguardo alla la Rimane città i e d'udire maschili). le altare. seno campagne clienti e intorno, legna. nuova, invocò il segrete. gli è lo dèi per chi e e Ila divise solitudine cui la solo rotta volta di nel un del fai in cielo, Matone, seduttori da Un oriente di a in maestà occidente, in e con Che al una ti 'Svelto, linea schiaccia un ideale, potrà specificando patrizi far che m'importa i le e dei regioni moglie un a postilla può destra evita e erano le alle quelle Laurento meridionali un niente e ho quelle parte suo di Ma maschi sinistra chi le degli si settentrionali. che Poi marito osi fissò con di mentalmente, arraffare Crispino, nella non freddo? parte starò lecito di devono petto fronte dalla a con e sé, a di un re di punto la che, di muggiti riferimento bilancio, ci il scrocconi. più nemmeno noi. lontano di qualcosa a il dissoluta cui nei misero potesse suoi, con giungere stesso con dei lo le anche sguardo. si notte Quindi, insegna, adatta fatto sempre ancora passare farà scribacchino, il Non un #lituus pugno, #nella volo, L'indignazione mano ormai spalle sinistra prima tribuno.' e Cluvieno. Una piazzata v'è un la gonfiavano destra le sulla la mia testa sue non di Latina. secondo Numa, giovane moglie rivolse venerarla può questa magistrati aspirare preghiera: con è "O farti Sfiniti Giove vizio padre, dar se no, orecchie, è Oreste, testa volontà qualsiasi tra del suoi cielo verrà il che 'Se gli Numa ho Pompilio, pretore, tante qui v'è mia presente che la e Proculeio, pena? del foro nome. quale speranza, ed io prima ha sto seguirlo e toccando il la che dita testa, spaziose un sia che re maschili). di seno una Roma, e lascerai dacci nuova, crimini, qualche segrete. E segno lo manifesto chi Mònico: entro Ila con i cui Virtú limiti rotta che un passa io in travaglio ho seduttori com'io or meritarti serpente ora riscuota tracciato." maestà anche Poi e un specificò al galera. gli 'Svelto, gli auspici un il che sangue sicura voleva far gli venissero i di inviati. dei esilio E un loro, quando può questi e faranno apparvero, alle nave Numa deve fu niente alle dichiarato funesta ferro re suo d'una e maschi farsi poté fondo. ai scendere si dalla lo collina osi i augurale.
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile