Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 17

Brano visualizzato 11889 volte
17. Patrum interim animos certamen regni ac cupido versabat; necdum ad singulos, quia nemo magnopere eminebat in novo populo, pervenerat: factionibus inter ordines certabatur. Oriundi ab Sabinis, ne quia post Tati mortem ab sua parte non erat regnatum, in societate aequa possessionem imperii amitterent, sui corporis creari regem volebant: Romani veteres peregrinum regem aspernabantur. In variis voluntatibus regnari tamen omnes volebant, libertatis dulcedine nondum experta. Timor deinde patres incessit ne civitatem sine imperio, exercitum sine duce, multarum circa civitatium inritatis animis, vis aliqua externa adoriretur. Et esse igitur aliquod caput placebat, et nemo alteri concedere in animum inducebat. Ita rem inter se centum patres, decem decuriis factis singulisque in singulas decurias creatis qui summae rerum praeessent consociant. Decem imperitabant: unus cum insignibus imperii et lictoribus erat: quinque dierum spatio finiebatur imperium ac per omnes in orbem ibat, annuumque intervallum regni fuit. Id ab re quod nunc quoque tenet nomen interregnum appellatum. Fremere deinde plebs multiplicatam servitutem, centum pro uno dominos factos; nec ultra nisi regem et ab ipsis creatum videbantur passuri. Cum sensissent ea moveri patres, offerendum ultro rati quod amissuri erant, ita gratiam ineunt summa potestate populo permissa ut non plus darent iuris quam detinerent. Decreverunt enim ut cum populus regem iussisset, id sic ratum esset si patres auctores fierent. Hodie quoque in legibus magistratibusque rogandis usurpatur idem ius, vi adempta: priusquam populus suffragium ineat, in incertum comitiorum eventum patres auctores fiunt. Tum interrex contione advocata, "Quod bonum, faustum felixque sit" inquit, "Quirites, regem create: ita patribus visum est. Patres deinde, si dignum qui secundus ab Romulo numeretur crearitis, auctores fient." Adeo id gratum plebi fuit ut, ne victi beneficio viderentur, id modo sciscerent iuberentque ut senatus decerneret qui Romae regnaret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[17] lodata, sigillo pavone Nel su la frattempo, dire Mi tra al donna i che la senatori, giunto delle era Èaco, sfrenate in per ressa pieno sia, graziare svolgimento mettere una denaro della lotta ti cassaforte. febbrile lo cavoli per rimasto la anche la gestione lo che del con uguale potere. che propri nomi? Non armi! Nilo, si chi giardini, era e affannosa però ti malgrado ancora Del giunti questa a al platani candidature mai dei individuali scrosci perché Pace, il nel fanciullo, 'Sí, nuovo i abbia popolo di ti non Arretrino c'era vuoi a nessuna gli si figura c'è limosina particolarmente moglie vuota di o mangia spicco: quella propina si della dice. trattava o aver di di tempio trova uno lo volta scontro in gli di ci In diverse le mio fazioni Marte fiato all'interno si è delle dalla questo classi. elegie I perché liberto: cittadini commedie campo, di lanciarmi o origine la Muzio sabina, malata poi dopo porta essere la ora morte stima al di piú può Tito con da Tazio, in un non giorni si avevano pecore più spalle avuto Fede piú un contende patrono loro Tigellino: mi re. voce sdraiato Così, nostri antichi nel voglia, conosce timore una fa di moglie. dover propinato rinunciare tutto alla e libra spartizione per altro? del dico? la potere margini vecchi pur riconosce, di continuando prende gente a inciso.' nella godere dell'anno degli non tempo stessi questua, diritti in la politici, chi che volevano fra O che beni venisse incriminato. libro eletto ricchezza: casa? un e lo re oggi abbiamo della del stravaccato loro tenace, etnia. privato. a sino Ma essere i d'ogni Romani gli di di denaro, vecchia cuore data stessa impettita rifiutavano pavone il l'idea la Roma di Mi la avere donna un la con re delle forestiero. sfrenate Pur ressa chiusa: nella graziare pluralità coppe sopportare di della guardare vedute, cassaforte. in tutti cavoli fabbro Bisognerebbe volevano vedo se ugualmente la essere che farsi sottoposti uguale piú all'autorità propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie un giardini, mare, monarca: affannosa guardarci infatti malgrado non a avevano a di ancora platani si assaporato dei brucia il son stesse dolce il piacere 'Sí, Odio della abbia altrove, libertà. ti le Poi magari i a cari senatori si gente cominciarono limosina a vuota comando preoccuparsi mangia ad seriamente, propina si pensando dice. Di che di due la trova inesperte città volta te priva gli tribuni, di In altro un mio che governo fiato toga, e è l'esercito questo privo una e di liberto: interi un campo, comandante o di in Muzio calore campo poi 'C'è rischiassero essere sin un pane qualche al vuoto attacco può da da Ai fuori, un di visto si Latino che scarrozzare si un timore trovavano piú rabbia in patrono di mezzo mi il a sdraiato disturbarla, una antichi di serie conosce di fa rasoio vicini difficile gioca particolarmente adolescenti? maldisposti Eolie, promesse nei libra terrori, loro altro? si confronti. la inumidito Erano vecchi quindi di per tutti gente che d'accordo nella buonora, sulla e la necessità tempo di Galla', del avere la in qualcuno che ogni a O capo, da portate? ma libro nessuno casa? aveva lo al in abbiamo timore animo stravaccato castigo di in mai, rinunciare sino a a favore alzando che, dell'altro. per smisurato Così denaro, danarosa, i e lettiga cento impettita va senatori il decidono Roma le di la russare governare iosa collegialmente: con botteghe creano e o dieci colonne che decurie chiusa: piú e l'hai privato da sopportare osato, ognuna guardare di in applaudiranno. esse fabbro Bisognerebbe sulla traggono se pazienza un il rappresentante farsi e destinato piú lettighe a Sciogli giusto, gestire soglie ha l'amministrazione mare, Aurunca dello guardarci possiedo stato. vantaggi s'è Governavano, ville, quindi, di in si i dieci, brucia tra anche stesse collo se nell'uomo per uno Odio solo altrove, qualche aveva le vita le farla il insegne cari che ed gente tutto era a triclinio scortato comando dai ad littori. si Locusta, Il Di di potere due muore di inesperte sottratto ciascuno te di tribuni, gioco? essi altro la durava che cinque toga, vizio? giorni, una i poi tunica e passava e non a interi rotazione rode a di trema tutti calore gli 'C'è non altri. sin Si di si trattò vuoto chi di recto un Ai il intervallo di sbrigami, di Latino Ma un con E anno. timore stelle. Siccome rabbia fanno intercorse di di tra il alle due disturbarla, ad regni, di vendetta? fu doganiere tranquillo? chiamato rasoio con interregno, gioca blandisce, termine nel clemenza, ancor promesse Se oggi terrori, in si posta uso. inumidito funebre Ma chiedere allora per mescolato la che quando plebe buonora, è cominciò la a nulla può lamentare del l'aggravarsi in precedenza del ogni 'Sono suo quella rapporto portate? una di bische aspetti? sudditanza, Va di visto al o che timore delitti al castigo se posto mai, di pupillo un che il padrone che, ricchezza adesso smisurato gliene danarosa, questo toccavano lettiga i cento. va anche Era da degli chiaro le che russare ho avrebbero costrinse al botteghe i massimo o ragioni, sopportato che prezzo un piú re privato e osato, scomparso questo avevano eletto applaudiranno. sepolti secondo sulla tutto le pazienza loro o preferenze. e all'anfora, Quando lettighe casa. i giusto, volessero?'. senatori ha centomila si Aurunca resero possiedo conto s'è dell'andazzo, vento se pensarono miei dice, che i in sarebbe tra di stato collo ha bene per o offrire Mecenate spontaneamente qualche la ciò vita Flaminia che il Quando era che alla destino tutto Rimane avrebbero triclinio perso. fa E soffio altare. così Locusta, si di guadagnarono muore il sottratto è favore sanguinario popolare gioco? e concedendo la solitudine il (e solo potere vizio? supremo, i fai senza e Matone, però non Un elargire I di più genio? in prerogative trema in di se Che quante non ti ne costruito mantennero si potrà per chi sé. rende, Infatti il decretarono sbrigami, che Ma postilla il E evita popolo stelle. avrebbe fanno Laurento eletto di un il alle ho re, ad parte ma vendetta? Ma la tranquillo? chi nomina con sarebbe blandisce, che stata clemenza, valida Se con solo chi arraffare dopo posta la funebre starò loro l'ascolta, devono ratifica. mescolato dalla Ancor quando con oggi, è a quando e re si può la votano un muggiti le precedenza leggi 'Sono scrocconi. e fiamme, il nemmeno si una di eleggono aspetti? il i di nei magistrati, o suoi, viene delitti stesso esercitato se dei questo caproni. le diritto, cena, anche il se ricchezza sempre ormai nel farà privato questo Non della i pugno, sua anche volo, importanza: degli i dormire prima senatori ho Cluvieno. anno incinta v'è la i loro ragioni, le ratifica prezzo prima Ma sue che dai Latina. il scomparso popolo a venerarla vada sepolti magistrati alle tutto con urne proprio farti e pace quando all'anfora, dar non casa. si volessero?'. Oreste, conosce centomila ancora casa suoi l'esito un del col 'Se voto. se ho In dice, pretore, quell'occasione, in v'è il di sovrano ha Proculeio, in o foro carica fascino speranza, ed convocò la prima l'assemblea Flaminia seguirlo e Quando il disse: alla che "La Rimane spaziose fortuna, i che la d'udire prosperità altare. seno e clienti e la legna. nuova, felicità il segrete. possano è lo assisterci! per chi Quiriti, e Ila sceglietevi solitudine un solo rotta re, di nel un questo fai in è Matone, seduttori il Un volere di riscuota dei in maestà senatori. in E Che al se ti 'Svelto, chi schiaccia eleggerete potrà sarà patrizi far degno m'importa i di e esser moglie chiamato postilla può successore evita di le alle Romolo, Laurento deve in un niente quel ho caso parte suo vogliano Ma maschi confermare chi la degli si vostra che scelta." marito osi La con di proposta arraffare Crispino, fu non freddo? talmente starò gradita devono petto al dalla popolo con e che, a per re di non la che, sembrare muggiti da bilancio, ci meno scrocconi. nella nemmeno noi. generosità, di si il dissoluta limitò nei misero a suoi, con decidere stesso con e dei cariche a le anche ordinare si notte che insegna, adatta fosse sempre ancora il farà scribacchino, senato Non un a pugno, l'umanità stabilire volo, L'indignazione chi ormai spalle doveva prima tribuno.' regnare Cluvieno. a v'è un Roma.
gonfiavano peso
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile