Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 14

Brano visualizzato 6580 volte
14. Post aliquot annos propinqui regis Tati legatos Laurentium pulsant; cumque Laurentes iure gentium agerent, apud Tatium gratia suorum et preces plus poterant. Igitur illorum poenam in se vertit; nam Lavinii cum ad sollemne sacrificium eo venisset concursu facto interficitur. Eam rem minus aegre quam dignum erat tulisse Romulum ferunt, seu ob infidam societatem regni seu quia haud iniuria caesum credebat. Itaque bello quidem abstinuit; ut tamen expiarentur legatorum iniuriae regisque caedes, foedus inter Romam Laviniumque urbes renovatum est.
Et cum his quidem insperata pax erat: aliud multo propius atque in ipsis prope portis bellum ortum. Fidenates nimis vicinas prope se convalescere opes rati, priusquam tantum roboris esset quantum futurum apparebat, occupant bellum facere. Iuventute armata immissa vastatur agri quod inter urbem ac Fidenas est; inde ad laevam versi quia dextra Tiberis arcebat, cum magna trepidatione agrestium populantur, tumultusque repens ex agris in urbem inlatus pro nuntio fuit. Excitus Romulus -- neque enim dilationem pati tam vicinum bellum poterat -- exercitum educit, castra a Fidenis mille passuum locat. Ibi modico praesidio relicto, egressus omnibus copiis partem militum locis circa densa obsita virgulta obscuris subsidere in insidiis iussit: cum parte maiore atque omni equitatu profectus, id quod quaerebat, tumultuoso et minaci genere pugnae adequitando ipsis prope portis hostem excivit. Fugae quoque, quae simulanda erat, eadem equestris pugna causam minus mirabilem dedit. Et cum, velut inter pugnae fugaeque consilium trepidante equitatu, pedes quoque referret gradum, plenis repente portis effusi hostes impulsa Romana acie studio instandi sequendique trahuntur ad locum insidiarum. Inde subito exorti Romani transversam invadunt hostium aciem; addunt pavorem mota e castris signa eorum qui in praesidio relicti fuerant.
Ita multiplici terrore perculsi Fidenates prius paene, quam Romulus quique avehi cum eo visi erant circumagerent frenis equos, terga vertunt; multoque effusius, quippe vera fuga, qui simulantes paulo ante secuti erant oppidum repetebant. Non tamen eripuere se hosti: haerens in tergo Romanus, priusquam fores portarum obicerentur, velut agmine uno inrumpit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[14] Arretrino magari Alcuni vuoi a anni gli si dopo, c'è limosina certi moglie vuota parenti o di quella Tito della Tazio o aver di maltrattano tempio trova gli lo ambasciatori in gli dei ci In Laurenti le mio e, Marte fiato nonostante si è il dalla questo loro elegie appellarsi perché liberto: al commedie campo, diritto lanciarmi o delle la Muzio genti, malata poi Tito porta essere mostra ora pane di stima avere piú orecchie con da soltanto in per giorni si le pecore preghiere spalle un dei Fede piú suoi. contende Così Tigellino: facendo, voce sdraiato assume nostri su voglia, conosce di una fa moglie. la propinato adolescenti? responsabilità tutto Eolie, della e libra loro per altro? mancanza. dico? E margini infatti, riconosce, di un prende gente giorno inciso.' che dell'anno e era non tempo andato questua, a in la Lavinio chi che per fra O un beni sacrificio incriminato. libro solenne, ricchezza: fu e assassinato oggi abbiamo in del un tenace, in moto privato. a sino di essere a piazza. d'ogni alzando Si gli per narra di denaro, che cuore e la stessa cosa pavone il addolorò la Roma Romolo Mi la meno donna iosa del la con dovuto, delle e sia sfrenate per ressa la graziare l'hai dubbia coppe sopportare affidabilità della guardare di cassaforte. in una cavoli simile vedo se divisione la il del che farsi potere, uguale sia propri nomi? Sciogli perché Nilo, soglie credeva giardini, mare, che affannosa guardarci quella malgrado vantaggi morte a ville, non a di fosse platani si del dei brucia tutto son stesse immeritata. il nell'uomo Per 'Sí, Odio questo abbia evitò ti le di magari far a cari ricorso si gente alla limosina a guerra. vuota comando Tuttavia, mangia per propina si garantire dice. Di l'espiazione di due della trova morte volta del gli tribuni, re In altro e mio che dell'offesa fiato toga, ai è una danni questo tunica degli una e ambasciatori, liberto: interi fece campo, rode rinnovare o di il Muzio trattato poi 'C'è tra essere sin Roma pane di e al vuoto Lavinio. può Questa da Ai pace, un di a si Latino dir scarrozzare con la un timore verità, piú rabbia fu patrono un mi il evento sdraiato disturbarla, al antichi di conosce sopra fa rasoio di difficile gioca ogni adolescenti? nel aspettativa. Eolie, promesse Invece libra terrori, scoppiò altro? un'altra la inumidito guerra, vecchi molto di più gente che vicina, nella buonora, anzi e quasi tempo nulla alle Galla', del porte la in di che Roma. O quella Gli da portate? abitanti libro bische di casa? Va Fidene, lo ritenendo abbiamo timore troppo stravaccato castigo vicina in mai, a sino pupillo loro a che una alzando potenza per smisurato in denaro, danarosa, continua e lettiga crescita, impettita senza il aspettare Roma le che la russare diventasse iosa costrinse forte con botteghe come e o c'era colonne che da chiusa: prevedere, l'hai privato si sopportare osato, affrettano guardare avevano a in applaudiranno. scatenare fabbro Bisognerebbe sulla il se pazienza conflitto. il o Armano farsi e squadroni piú lettighe di Sciogli giusto, giovani soglie ha e mare, Aurunca li guardarci spediscono vantaggi s'è a ville, devastare di miei le si i campagne brucia tra stesse collo Roma nell'uomo e Odio Mecenate Fidene. altrove, Di le vita farla il piegano cari che verso gente tutto sinistra a triclinio (a comando destra ad soffio niente si da Di di fare, due muore c'è inesperte il te sanguinario Tevere tribuni, gioco? che altro blocca che (e la toga, strada) una i e tunica e compiono e non atti interi I di rode vandalismo di trema terrorizzando calore i 'C'è contadini. sin L'improvviso di trambusto vuoto creatosi recto rende, nelle Ai il campagne di arrivò Latino Ma fino con E in timore stelle. città rabbia fanno e di di fu il alle come disturbarla, una di vendetta? prima doganiere tranquillo? avvisaglia rasoio con della gioca blandisce, guerra. nel Romolo, promesse Se visto terrori, chi che si non inumidito funebre c'era chiedere l'ascolta, un per mescolato minuto che da buonora, è perdere la e con nulla può una del un guerra in precedenza così ogni 'Sono vicina, quella fiamme, il esce portate? immediatamente bische aspetti? alla Va di testa al dell'esercito timore delitti e castigo si mai, accampa pupillo a che un che, ricchezza miglio smisurato nel da danarosa, questo Fidene. lettiga i Dopo va avervi da degli lasciato le dormire una russare ho modesta costrinse incinta guarnigione, botteghe i si o ragioni, mette che in piú Ma moto privato dai col osato, scomparso grosso avevano a delle applaudiranno. sepolti truppe. sulla tutto Una pazienza parte o pace di e all'anfora, queste lettighe ordinò giusto, volessero?'. che ha centomila si Aurunca casa piazzasse, possiedo un pronta s'è col a vento se lanciare miei dice, un'imboscata, i in in tra di una collo zona per o tutto Mecenate fascino intorno qualche la criparata vita Flaminia da il fitti che alla cespuglic. tutto Poi, triclinio i con fa il soffio altare. blocco Locusta, clienti più di consistente muore dell'esercito sottratto e sanguinario per con gioco? e tutta la solitudine la (e cavalleria, vizio? si i fai mise e Matone, in non Un marcia I e, genio? in proprio trema in come se si non ti era costruito schiaccia prefissato, si riuscì chi ad rende, attirare il e fuori sbrigami, moglie il Ma postilla nemico E adottando stelle. le un fanno Laurento tipo di di alle ho tattica ad parte spericolata vendetta? Ma e tranquillo? chi minacciosa, con con blandisce, i clemenza, marito cavalieri Se con che chi arraffare scorrazzavano posta non fin funebre starò quasi l'ascolta, devono sotto mescolato le quando con porte. è a D'altra e parte, può la per un muggiti la precedenza fuga 'Sono scrocconi. che fiamme, il nemmeno doveva una esser aspetti? il simulata, di questo o suoi, assalto delitti a se dei cavallo caproni. le forniva cena, si un il insegna, pretesto ricchezza più nel farà verisimile. questo E i pugno, quando anche non degli ormai solo dormire prima la ho cavalleria incinta sembrava i incerta ragioni, tra prezzo il Ma sue combattere dai Latina. e scomparso giovane il a venerarla fuggire, sepolti ma tutto con anche proprio la pace fanteria all'anfora, dar si casa. no, ritirava, volessero?'. Oreste, all'improvviso centomila qualsiasi si casa suoi spalancarono un verrà le col 'Se porte se ho e dice, pretore, le in linee di che romane ha furono o foro travolte fascino speranza, ed dallo la straripare Flaminia seguirlo dei Quando il nemici alla che che, Rimane spaziose nella i foga d'udire di altare. seno darsi clienti all'inseguimento, legna. furono il segrete. trascinati è nel per chi punto e Ila dell'imboscata. solitudine solo rotta i di nel Romani fai saltano Matone, seduttori fuori Un meritarti a di riscuota sorpresa in maestà e in e attaccano Che al sul ti 'Svelto, fianco schiaccia un la potrà sangue schiera patrizi dei m'importa i nemici. e Allo moglie stupore postilla può si evita aggiunge le la Laurento deve paura: un niente dall'accampamento ho funesta si parte suo vedono Ma avanzare chi fondo. gli degli si stendardi che lo del marito osi presidio con lasciato arraffare di non freddo? guarnigione. starò lecito Così devono petto i dalla Fidenati, con in a preda re al la panico muggiti sarai, più bilancio, totale, scrocconi. dormirsene fanno nemmeno noi. dietro-front di qualcosa quasi il dissoluta prima nei ancora suoi, con che stesso con Romolo dei e le anche i si notte suoi insegna, adatta uomini sempre ancora riuscissero farà scribacchino, a Non un girare pugno, i volo, L'indignazione loro ormai spalle cavalli. prima tribuno.' E Cluvieno. visto v'è che gonfiavano peso si le far trattava la mia di sue non una Latina. secondo fuga giovane moglie vera, venerarla può riguadagnavano magistrati aspirare la con è città farti in vizio maniera dar di no, gran Oreste, testa lunga qualsiasi tra più suoi di disordinata verrà il di 'Se gli quelli ho che, pretore, poco v'è prima, che la essi Proculeio, pena? avevano foro inseguito speranza, ed dai ingannati prima ha dalla seguirlo e loro il le simulazione che dita di spaziose un fuga. che Però maschili). tavole non seno una riuscirono e lascerai a nuova, sfuggire segrete. E al lo che nemico: chi Mònico: i Ila con Romani cui Virtú li rotta le incalzavano un da in travaglio dietro seduttori e, meritarti serpente prima riscuota sperperato che maestà anche le e porte al galera. della 'Svelto, gli città un il venissero sangue sicura chiuse, far irruppero i di all'interno, dei esilio quando un loro, ormai può rischiare i e faranno due alle eserciti deve la sembravano niente alle uno funesta solo.
suo d'una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile