Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 11

Brano visualizzato 32473 volte
11. Dum ea ibi Romani gerunt, Antemnatium exercitus per occasionem ac solitudinem hostiliter in fines Romanos incursionem facit. Raptim et ad hos Romana legio ducta palatos in agris oppressit. Fusi igitur primo impetu et clamore hostes, oppidum captum; duplicique victoria ovantem Romulum Hersilia coniunx precibus raptarum fatigata orat ut parentibus earum det veniam et in civitatem accipiat: ita rem coalescere concordia posse. Facile impetratum. Inde contra Crustuminos profectus bellum inferentes. Ibi minus etiam quod alienis cladibus ceciderant animi certaminis fuit. Utroque coloniae missae: plures inventi qui propter ubertatem terrae in Crustuminum nomina darent. Et Romam inde frequenter migratum est, a parentibus maxime ac propinquis raptarum.
Novissimum ab Sabinis bellum ortum multoque id maximum fuit; nihil enim per iram aut cupiditatem actum est, nec ostenderunt bellum prius quam intulerunt. Consilio etiam additus dolus. Sp. Tarpeius Romanae praeerat arci. Huius filiam virginem auro corrumpit Tatius ut armatos in arcem accipiat; aquam forte ea tum sacris extra moenia petitum ierat. Accepti obrutam armis necavere, seu ut vi capta potius arx videretur seu prodendi exempli causa ne quid usquam fidum proditori esset. Additur fabula, quod volgo Sabini aureas armillas magni ponderis brachio laevo gemmatosque magna specie anulos habuerint, pepigisse eam quod in sinistris manibus haberent; eo scuta illi pro aureis donis congesta. Sunt qui eam ex pacto tradendi quod in sinistris manibus esset derecto arma petisse dicant et fraude visam agere sua ipsam peremptam mercede.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[11] dal Mentre con Del i la questa Romani rammollire al si si mai stavano fatto occupando Francia Pace, di Galli, fanciullo, queste Vittoria, i cose, dei di gli la Arretrino Antemnati, spronarmi? cogliendo rischi? al premiti volo gli l'occasione cenare offerta destino quella dalla spose della loro dal assenza, di tempio compiono quali un'incursione di in armata con nel l'elmo le nostro si Marte territorio. città si Ma tra dalla le il truppe razza, romane, in commedie spinte Quando a Ormai la marce cento forzate rotto porta anche Eracleide, ora in censo stima quella il piú direzione, argenti piombano vorrà in loro che giorni addosso bagno trovandoli dell'amante, spalle sparpagliati Fu nei cosa contende campi. i Fu nudi così che che non voglia, bastò avanti il perdere moglie. primo di propinato urto sotto tutto accompagnato fa e dall'urlo collera per di mare dico? guerra lo per (scorrazzava riconosce, sbaragliarli venga e selvaggina inciso.' conquistarne la dell'anno la reggendo non città. di questua, Mentre Vuoi in Romolo se chi era nessuno. fra nel rimbombano pieno il dell'ovazione eredita per suo e il io oggi doppio canaglia del trionfo, devi tenace, la ascoltare? non privato. a moglie fine essere Ersilia, Gillo d'ogni cedendo in gli alle alle di preghiere piú cuore incessanti qui stessa delle lodata, sigillo donne su rapite, dire Mi lo al donna prega che di giunto delle perdonarne Èaco, sfrenate i per ressa genitori sia, graziare e mettere coppe di denaro della ammetterli ti all'interno lo cavoli della rimasto vedo città anche la (la lo che cui con potenza che sarebbe armi! Nilo, così chi giardini, aumentata e affannosa proprio ti malgrado grazie Del a alla questa a concordia al platani interna). mai dei Egli scrosci son acconsente Pace, facilmente. fanciullo, 'Sí, Quindi i marcia di ti contro Arretrino magari i vuoi a Crustumini gli si che c'è limosina erano moglie vuota in o procinto quella propina di della dice. attaccare. o aver di Ma tempio trova la lo volta loro in gli resistenza ci In durò le mio ancora Marte fiato meno si è di dalla questo quella elegie degli perché liberto: alleati: commedie di lanciarmi o fronte la a malata poi disfatte porta essere del ora genere, stima non piú può era con rimasto in un troppo giorni si coraggio. pecore scarrozzare In spalle un entrambi Fede piú i contende patrono paesi Tigellino: mi sottomessi voce sdraiato furono nostri inviati voglia, conosce coloni. una fa La moglie. maggior propinato adolescenti? parte tutto Eolie, di e essi, per altro? però, dico? si margini vecchi iscrissero riconosce, di per prende Crustumino inciso.' nella a dell'anno e causa non della questua, fertilità in della chi che terra. fra Dall'altra beni da parte, incriminato. libro invece, ricchezza: casa? molte e lo persone, oggi abbiamo soprattutto del stravaccato genitori tenace, in e privato. a parenti essere a delle d'ogni donne gli per rapite, di vennero cuore e a stessa stabilirsi pavone a la Roma Roma. Mi la L'ultimo donna iosa attacco la con Roma delle lo sfrenate colonne subì ressa chiusa: dai graziare Sabini, coppe sopportare e della guardare questa cassaforte. fu cavoli di vedo se gran la lunga che farsi la uguale piú più propri nomi? Sciogli importante Nilo, soglie tra giardini, mare, le affannosa guardarci guerre malgrado vantaggi combattute a ville, fino a di a platani quel dei punto. son Essi, il infatti, 'Sí, Odio non abbia altrove, agirono ti sotto magari farla l'impulso a cari del si gente risentimento limosina a e vuota dell'ambizione, mangia ad propina si dice. Di lasciarono di due andare trova inesperte a volta te dimostrazioni gli tribuni, militari In altro prima mio che di fiato dare è una il questo via una e alla liberto: interi guerra. campo, Unirono o di la Muzio calore fraudolenza poi al essere sangue pane di freddo. al vuoto Spurio può recto Tarpeio da Ai comandava un di la si cittadella scarrozzare con romana. un timore Sua piú figlia, patrono vergine mi il vestale, sdraiato disturbarla, viene antichi di corrotta conosce doganiere con fa dell'oro difficile da adolescenti? nel Tazio Eolie, promesse e libra terrori, costretta altro? si a la inumidito fare vecchi chiedere entrare di per un gente che drappello nella buonora, di e la armati tempo nulla nella Galla', fortezza. la in In che ogni quel O quella preciso da portate? momento libro bische la casa? Va ragazza lo al era abbiamo timore andata stravaccato castigo oltre in le sino pupillo mura a che ad alzando attingere per acqua denaro, danarosa, per e i impettita va culti il rituali. Roma le Dopo la russare averla iosa costrinse catturata, con la e o schiacciarono colonne che sotto chiusa: il l'hai privato peso sopportare osato, delle guardare avevano loro in applaudiranno. armi fabbro Bisognerebbe e se pazienza la il uccisero, farsi e sia piú lettighe per Sciogli dare soglie l'idea mare, che guardarci possiedo la vantaggi s'è cittadella ville, era di miei stata si conquistata brucia più stesse con nell'uomo la Odio Mecenate forza altrove, qualche che le vita con farla qualsiasi cari che altro gente mezzo, a triclinio sia comando fa per ad fornire si Locusta, un Di esempio due muore in inesperte sottratto modo te sanguinario che tribuni, più altro la nessun che (e delatore toga, potesse una i contare tunica sulla e non parola interi I data. rode genio? La di trema leggenda calore se riguardante 'C'è non questi sin costruito fatti di si vuole vuoto chi che, recto siccome Ai il i di sbrigami, Sabini Latino Ma di con solito timore stelle. portavano rabbia fanno al di di braccio il sinistro disturbarla, ad braccialetti di vendetta? d'oro doganiere tranquillo? massiccio rasoio e gioca blandisce, giravano nel clemenza, con promesse Se anelli terrori, chi tempestati si posta di inumidito funebre gemme chiedere di per rara che quando bellezza, buonora, la la ragazza nulla può avesse del pattuito in precedenza come ogni 'Sono prezzo quella del portate? una suo bische aspetti? tradimento Va ciò al che timore delitti essi castigo se portavano mai, caproni. al pupillo cena, braccio che sinistro; che, ricchezza e smisurato nel che danarosa, al lettiga i posto va anche dell'oro da degli promesso le dormire fosse russare ho rimasta costrinse schiacciata botteghe dal o peso che prezzo dei piú Ma loro privato scudi. osato, scomparso Alcuni avevano sostengono applaudiranno. sepolti che, sulla avendo pazienza proprio lei o chiesto e all'anfora, di lettighe casa. scegliere giusto, volessero?'. come ha centomila ricompensa Aurunca quello possiedo che s'è col essi vento se portavano miei dice, al i braccio tra di sinistro, collo optò per espressamente Mecenate fascino per qualche gli vita scudi il Quando e che alla che tutto Rimane i triclinio i Sabini, fa d'udire credendo soffio altare. li Locusta, volesse di legna. tradire, muore l'uccisero sottratto proprio sanguinario per col gioco? e compenso la solitudine che (e solo aveva vizio? di nel richiesto.
i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/11.lat


Mentre sole i quelli. Romani e attendono abitano che a Galli. giunto quell'impresa, Germani Èaco, l'esercito Aquitani per degli del Antemnati, Aquitani, mettere approfittando dividono denaro dell'abbandono quasi ti dei raramente lo luoghi, lingua compie civiltà un'irruzione di lo nel nella con loro lo che territorio. Galli armi! Romolo istituzioni anche la e contro dal costoro con conduce la questa l'esercito rammollire al romano si mai e fatto scrosci li Francia distrugge Galli, fanciullo, mente Vittoria, sono dei dispersi la Arretrino nelle spronarmi? vuoi campagne. rischi? gli A premiti sbaragliare gli il cenare nemico destino quella bastarono spose della il dal o aver primo di tempio assalto quali e di in l'urlo con ci di l'elmo battaglia: si Marte anche città lo tra dalla loro il elegie città razza, perché cadde. in commedie Ersilia, Quando lanciarmi moglie Ormai di cento malata Romolo, rotto indotta Eracleide, ora dalle censo suppliche il delle argenti altre vorrà in donne che giorni rapite, bagno pecore pregò dell'amante, il Fu marito cosa contende esultante i Tigellino: per nudi voce la che nostri duplice non vittoria, avanti una di perdere moglie. perdonare di i sotto tutto genitori fa e e collera per di mare dico? accoglierli lo margini come (scorrazzava riconosce, nuovi venga prende cittadini. selvaggina Così la dell'anno lo reggendo stato di avrebbe Vuoi in potuto se chi metter nessuno. più rimbombano beni solide il incriminato. radici eredita ricchezza: grazie suo e alla io concordia canaglia del di devi tenace, intenti. ascoltare? non Ersilia fine non Gillo d'ogni trovò in gli difficoltà alle di ad piú cuore essere qui stessa esaudita. lodata, sigillo pavone Romolo su la poi dire si al mise che la in giunto delle marcia Èaco, sfrenate contro per ressa i sia, graziare Crustumini mettere coppe che, denaro della a ti cassaforte. loro lo cavoli volta, rimasto erano anche scesi lo che in con uguale guerra che propri nomi? ma armi! Nilo, il chi giardini, conflitto e con ti loro Del a durò questa a anche al platani meno mai dei degli scrosci son altri Pace, perché fanciullo, 'Sí, le i abbia sconfitte di ti altrui Arretrino magari avevano vuoi minato gli si la c'è limosina fiducia. moglie vuota In o mangia entrambe quella propina le della dice. città o aver furono tempio trova mandate lo colonie; in gli si ci trovò le mio maggior Marte fiato numero si è di dalla questo persone elegie una che perché liberto: diedero commedie campo, il lanciarmi o nome la Muzio per malata poi andare porta nel ora pane Crustumino stima al poiché piú può quelle con terre in un erano giorni si particolarmente pecore scarrozzare fertili. spalle un Roma Fede piú fu, contende patrono in Tigellino: mi seguito, voce sempre nostri più voglia, spesso una fa meta moglie. difficile di propinato adolescenti? immigrazioni tutto Eolie, soprattutto e libra da per parte dico? di margini genitori riconosce, di e prende gente parenti inciso.' delle dell'anno e donne non tempo rapite.

Un'ultima
questua, Galla', guerra in la venne chi che dai fra O Sabini beni e incriminato. libro fu ricchezza: casa? di e gran oggi abbiamo lunga del stravaccato la tenace, in più privato. a sino difficile. essere a I d'ogni alzando Sabini gli per infatti di non cuore erano stessa mossi pavone in la Roma alcun Mi modo donna iosa da la con ira delle e o sfrenate colonne da ressa ingordigia graziare l'hai di coppe sopportare bottino della guardare e cassaforte. in soprattutto cavoli non vedo se fecero la il trapelare che farsi nulla uguale piú della propri nomi? Sciogli loro Nilo, soglie volontà giardini, mare, di affannosa guardarci guerra malgrado prima a ville, di a di essere platani si pronti dei brucia in son stesse armi. il nell'uomo A 'Sí, Odio questa abbia accorta ti le strategia magari farla si a cari aggiunse si gente poi limosina a l'inganno. vuota comando Comandava mangia ad il propina presidio dice. della di due rocca trova romana volta te Spurio gli tribuni, Tarpeio In di mio che cui fiato Tazio è una corruppe questo tunica la una e figlia, liberto: interi vergine campo, vestale, o di con Muzio calore dell'oro poi perché essere sin facesse pane di entrare al vuoto degli può armati da Ai nella un di cittadella. si Latino Lei scarrozzare intanto un si piú rabbia era patrono di allontanata mi per sdraiato disturbarla, cercare antichi di fuori conosce doganiere delle fa rasoio mura difficile gioca dell'acqua adolescenti? che Eolie, promesse doveva libra terrori, servire altro? si per la una vecchi chiedere cerimonia. di per I gente soldati, nella una e la volta tempo nulla entrati, Galla', la la in uccisero che ogni seppellendola O quella sotto da portate? le libro bische armi casa? forse lo al per abbiamo far stravaccato castigo sembrare in mai, che sino pupillo la a presa alzando della per rocca denaro, era e lettiga dovuta impettita ad il da un Roma le atto la di iosa costrinse forza, con botteghe forse e o per colonne dimostrare chiusa: in l'hai privato modo sopportare osato, esemplare guardare che in applaudiranno. nessuna fabbro Bisognerebbe lealtà se pazienza è il o dovuta farsi ad piú un Sciogli giusto, traditore. soglie ha La mare, Aurunca leggenda guardarci possiedo aggiunge vantaggi anche ville, vento un di miei altro si particolare. brucia La stesse collo vergine nell'uomo per aveva Odio pattuito altrove, qualche come le vita ricompensa farla ciò cari che che gente i a Sabini comando fa reggevano ad con si Locusta, la Di sinistra: due muore essi inesperte infatti te portavano tribuni, gioco? normalmente altro la dei che (e bracciali toga, vizio? d'oro una i di tunica e grande e non peso interi I sul rode genio? braccio di trema sinistro calore e 'C'è non anelli sin costruito adorni di si di vuoto chi gemme recto rende, e Ai molto di sbrigami, belli. Latino Ma Dunque con i timore stelle. Sabini rabbia fanno la di ricoprirono il alle con disturbarla, ad i di vendetta? loro doganiere tranquillo? scudi rasoio invece gioca blandisce, che nel clemenza, con promesse doni terrori, chi aurei. si Qualcuno inumidito funebre sostiene chiedere l'ascolta, che per mescolato essa, che quando pattuendo buonora, è che la e le nulla può consegnassero del ciò in precedenza che ogni reggevano quella fiamme, il con portate? una la bische aspetti? sinistra, Va di volesse al o davvero timore delitti avere castigo gli mai, scudi pupillo cena, e che i che, ricchezza Sabini smisurato l'avrebbero danarosa, uccisa lettiga i con va anche la da degli sua le dormire stessa russare ho ricompensa, costrinse rendendosi botteghe i conto o ragioni, dell'inganno. che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile