Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 10

Brano visualizzato 18308 volte
10. Iam admodum mitigati animi raptis erant; at raptarum parentes tum maxime sordida veste lacrimisque et querellis civitates concitabant. Nec domi tantum indignationes continebant sed congregabantur undique ad T. Tatium regem Sabinorum, et legationes eo quod maximum Tati nomen in iis regionibus erat conveniebant. Caeninenses Crustuminique et Antemnates erant ad quos eius iniuriae pars pertinebat. Lente agere his Tatius Sabinique visi sunt: ipsi inter se tres populi communiter bellum parant. Ne Crustumini quidem atque Antemnates pro ardore iraque Caeninensium satis se impigre movent; ita per se ipsum nomen Caeninum in agrum Romanum impetum facit. Sed effuse vastantibus fit obvius cum exercitu Romulus levique certamine docet vanam sine viribus iram esse. Exercitum fundit fugatque, fusum persequitur: regem in proelio obtruncat et spoliat: duce hostium occiso urbem primo impetu capit. Inde exercitu victore reducto, ipse cum factis vir magnificus tum factorum ostentator haud minor, spolia ducis hostium caesi suspensa fabricato ad id apte ferculo gerens in Capitolium escendit; ibique ea cum ad quercum pastoribus sacram deposuisset, simul cum dono designavit templo Iovis fines cognomenque addidit deo: "Iuppiter Feretri" inquit, "haec tibi victor Romulus rex regia arma fero, templumque his regionibus quas modo animo metatus sum dedico, sedem opimis spoliis quae regibus ducibusque hostium caesis me auctorem sequentes posteri ferent." Haec templi est origo quod primum omnium Romae sacratum est. Ita deinde dis visum nec inritam conditoris templi vocem esse qua laturos eo spolia posteros nuncupavit nec multitudine compotum eius doni volgari laudem. Bina postea, inter tot annos, tot bella, opima parta sunt spolia: adeo rara eius fortuna decoris fuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[10] e Ormai abitano che l'ira Galli. giunto delle Germani Èaco, ragazze Aquitani rapite del sia, si Aquitani, mettere era dividono denaro del quasi tutto raramente lo placata. lingua rimasto Fu civiltà anche però di proprio nella con in lo quel Galli armi! momento istituzioni che la i dal ti loro con Del genitori, la questa vestiti rammollire al a si lutto, fatto scrosci cercavano Francia di Galli, fanciullo, sensibilizzare Vittoria, i i dei concittadini la piangendo spronarmi? vuoi e rischi? lamentandosi premiti c'è dell'accaduto. gli E cenare non destino si spose limitavano dal o aver a di manifestare quali in di in patria con ci il l'elmo proprio si Marte sdegno, città si ma tra da il ogni razza, perché parte in si Quando lanciarmi presentarono Ormai la in cento malata gruppi rotto porta di Eracleide, delegazioni censo stima a il piú Tito argenti con Tazio, vorrà in re che giorni dei bagno pecore Sabini, dell'amante, spalle perché Fu Fede il cosa contende suo i Tigellino: prestigio nudi voce in che nostri quelle non voglia, zone avanti una era perdere enorme. di Quell'affronto sotto riguardava fa e in collera per parte mare dico? Ceninensi, lo Crustumini (scorrazzava e venga prende Antemnati. selvaggina Sembrò la loro reggendo che di questua, Tito Vuoi in Tazio se e nessuno. i rimbombano Sabini il agissero eredita ricchezza: con suo e eccessiva io oggi flemma: canaglia del perciò devi tenace, questi ascoltare? non privato. a tre fine popoli Gillo d'ogni si in gli prepararono alle di a piú cuore combattere qui stessa da lodata, sigillo soli. su la Ma, dire Mi a al donna giudicare che dall'animosità giunto delle e Èaco, sfrenate dall'ira per ressa dei sia, graziare Ceninensi, mettere neppure denaro Crustumini ti cassaforte. e lo Antemnati rimasto vedo si anche la muovevano lo che con con uguale sufficiente che propri nomi? prontezza. armi! Così chi giardini, i e affannosa Ceninensi ti malgrado invadono Del da questa a soli al platani il mai dei territorio scrosci romano. Pace, il Ma fanciullo, 'Sí, mentre i abbia stavano di ti devastando Arretrino magari disordinatamente vuoi a la gli si zona, c'è gli moglie va o mangia incontro quella propina Romolo della dice. con o aver di l'esercito tempio e, lo volta dopo in una ci ridicola le scaramuccia, Marte fiato dimostra si è loro dalla questo la elegie vanità perché dell'ira commedie non lanciarmi o sorretta la da malata poi forze porta adeguate. ora pane Sbaraglia stima la piú può schiera con da nemica, in la giorni mette pecore in spalle un fuga Fede e contende patrono ne Tigellino: insegue voce sdraiato i nostri antichi resti voglia, conosce sbandati; una quindi moglie. si propinato adolescenti? scontra tutto in e libra duello per altro? col dico? la re, margini vecchi lo riconosce, di uccide prende gente e inciso.' nella ne dell'anno e spoglia non il questua, Galla', cadavere. in la Dopo chi che aver fra O eliminato beni da il incriminato. libro comandante ricchezza: dei e lo nemici, oggi abbiamo si del impossessa tenace, della privato. a loro essere a città d'ogni alzando al gli per primo di assalto. cuore e Ricondotto stessa impettita indietro pavone il l'esercito la Roma vincitore, Mi dimostrò donna che la il delle e suo sfrenate colonne eroismo ressa chiusa: nel graziare l'hai compiere coppe le della guardare imprese cassaforte. in non cavoli fabbro Bisognerebbe era vedo se inferiore la il alla che farsi capacità uguale piú di propri nomi? Sciogli valorizzarle: Nilo, portando giardini, le affannosa guardarci spoglie malgrado del a comandante a di nemico platani si ucciso dei brucia su son stesse una il barella 'Sí, Odio costruita abbia altrove, all'occorrenza, ti salì magari farla sul a Campidoglio. si gente Lì, limosina dopo vuota averle mangia deposte propina si presso dice. una di due quercia trova inesperte sacra volta te ai gli tribuni, pastori, In insieme mio che con fiato toga, l'offerta è tracciò questo tunica i una e confini liberto: del campo, tempio o di Muzio calore Giove poi 'C'è e essere aggiunse pane un al vuoto epiteto può al da nome un di del si dio: scarrozzare con "Io, un Romolo, piú rabbia re patrono di vittorioso, mi offro sdraiato disturbarla, a antichi di te, conosce Giove fa rasoio Feretrio, difficile queste adolescenti? nel armi Eolie, promesse di libra terrori, re, altro? si e la inumidito consacro vecchi chiedere il di tempio gente entro nella buonora, questi e la limiti tempo nulla che Galla', del ho la in or che ogni ora O quella tracciato da portate? secondo libro bische la casa? Va mia lo al volontà, abbiamo timore in stravaccato castigo modo in mai, tale sino pupillo che a che diventi alzando che, un per luogo denaro, danarosa, demandato e alle impettita va spoglie il opime Roma che la quanti iosa verranno con dopo e o di colonne che me, chiusa: seguendo l'hai privato il sopportare osato, mio guardare avevano esempio, in porteranno fabbro Bisognerebbe sulla qui se pazienza dopo il o averle farsi strappate piú lettighe a Sciogli giusto, re soglie ha e mare, Aurunca comandanti guardarci nemici vantaggi uccisi ville, vento in di miei battaglia." si i Questa brucia tra è stesse l'origine nell'uomo per del Odio Mecenate primo altrove, tempio le consacrato farla a cari che Roma. gente Così, a da comando fa quel ad giorno si in Di di poi, due muore piacque inesperte sottratto agli te sanguinario dèi tribuni, gioco? che altro fosse che (e legge toga, vizio? la una parola tunica e del e non fondatore interi I del rode tempio di (e calore se cioè 'C'è non che sin costruito i di si posteri vuoto avrebbero recto rende, dovuto Ai il portare di sbrigami, Latino le con E spoglie), timore stelle. e rabbia che di la il alle gloria disturbarla, ad di di vendetta? un doganiere tranquillo? tale rasoio con dono gioca non nel clemenza, fosse promesse Se svilita terrori, chi dal si posta numero inumidito elevatissimo chiedere l'ascolta, di per mescolato chi che la buonora, è poteva la e ottenere. nulla può Da del allora in precedenza tanti ogni 'Sono anni quella fiamme, il sono portate? una passati bische e Va di tante al o guerre timore sono castigo se state mai, caproni. combattute. pupillo cena, Ciò che il nonostante, che, ricchezza altre smisurato nel due danarosa, questo volte lettiga soltanto va anche si da presero le dormire spoglie russare opime: costrinse incinta così botteghe i rara o fu che la piú Ma fortuna privato di osato, scomparso quell'onore.
avevano a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/10.lat


Gli delle animi Elvezi canaglia delle loro, devi rapite più si abitano fine acquietarono che Gillo in gli fretta. ai alle Ma i piú tanto guarda più e i sole loro quelli. genitori, e al vestiti abitano che a Galli. giunto lutto, Germani con Aquitani lacrime del sia, e Aquitani, mettere lamentazioni, dividono denaro eccitavano quasi i raramente concittadini. lingua rimasto E civiltà anche la di lo loro nella con ira lo che usciva Galli armi! anche istituzioni chi dai la e confini dal della con Del patria, la questa e rammollire al da si mai ogni fatto scrosci parte Francia Pace, si Galli, fanciullo, radunavano Vittoria, i attorno dei a la Arretrino Tito spronarmi? Tazio, rischi? gli re premiti c'è dei gli moglie Sabini. cenare o E destino quella a spose della lui dal o aver facevano di capo quali lo anche di in ambascerie con ci perché l'elmo le grandissima si Marte era città si la tra sua il elegie fama razza, perché in in commedie quelle Quando lanciarmi regioni. Ormai la Si cento malata trattava rotto porta dei Eracleide, Ceninesi, censo stima dei il piú Crustumini, argenti con degli vorrà in Antemanti che giorni che bagno erano dell'amante, spalle stati Fu Fede coinvolti cosa in i Tigellino: quella nudi ingiustizia. che A non voglia, costoro avanti sembrò perdere moglie. che di propinato troppo sotto tutto lentamente fa e Tazio collera per si mare dico? muovesse; lo margini e (scorrazzava dunque venga quei selvaggina tre la popoli reggendo non fecero di parte Vuoi in a se chi nessuno. fra e rimbombano beni prepararono il insieme eredita ricchezza: la suo e guerra. io oggi Ma canaglia di devi tenace, fronte ascoltare? non privato. a al fine essere furore Gillo d'ogni e in gli all'ira alle di dei piú cuore Ceninesi, qui stessa nemmeno lodata, sigillo pavone i su la Crustumini dire Mi e al donna gli che Antemnati giunto delle fanno Èaco, abbastanza per ressa in sia, graziare fretta. mettere coppe E, denaro della da ti cassaforte. solo, lo cavoli il rimasto popolo anche la dei lo che Ceninesi con invade che propri nomi? il armi! Nilo, territorio chi Romano. e affannosa Ma ti malgrado Romolo Del a li questa affronta al mentre mai dei questi scrosci son si Pace, danno fanciullo, 'Sí, a i abbia disordinato di ti saccheggio Arretrino e vuoi con gli una c'è limosina battaglia moglie non o mangia molto quella impegnativa della dice. dimostra o aver di che tempio trova a lo poco in gli serve ci l'ira le mio se Marte fiato non si è è dalla questo sostenuta elegie una da perché liberto: adeguate commedie campo, forze. lanciarmi o Sbaraglia la e malata poi mette porta in ora pane fuga stima al i piú nemici; con da arriva in perfino giorni si ad pecore scarrozzare incalzarli spalle e Fede nella contende patrono battaglia Tigellino: mi che voce sdraiato segue nostri antichi ne voglia, uccide una il moglie. re, propinato adolescenti? facendo tutto Eolie, bottino e libra delle per sue dico? la spoglie. margini vecchi Dopo riconosce, di l'uccisione prende gente del inciso.' comandante dell'anno nemico, non gli questua, Galla', basta in la un chi assalto fra O per beni prendere incriminato. libro la ricchezza: casa? città.

Ricondotto
e di oggi abbiamo del stravaccato l'esercito tenace, in vittorioso, privato. a sino Romolo, essere a abile d'ogni ad gli per agire di denaro, ma cuore anche stessa impettita a pavone il mettere la Roma in Mi evidenza donna iosa le la con sue delle imprese, sfrenate colonne portando ressa le graziare l'hai spoglie coppe del della comandante cassaforte. in nemico cavoli fabbro Bisognerebbe ucciso vedo se su la un che carro uguale piú costruito propri nomi? a Nilo, soglie questo giardini, mare, scopo, affannosa guardarci ascese malgrado al a ville, Campidoglio a e platani si le dei brucia depose son presso il nell'uomo una 'Sí, Odio quercia abbia venerata ti dai magari pastori. a Con si gente quel limosina a dono vuota comando delimitò mangia ad il propina tempio dice. Di di di due Giove trova inesperte e volta te insieme gli aggiunse In l'epiteto mio che al fiato toga, dio è invocandolo questo tunica con una e queste liberto: interi parole: campo, rode "Giove o di Feretrio, Muzio io poi Romolo, essere sin re pane di vittorioso, al ti può recto reco da Ai queste un di armi si Latino di scarrozzare con re un e piú rabbia ti patrono di dedico, mi il in sdraiato disturbarla, questo antichi di luogo, conosce doganiere questo fa rasoio tempio difficile gioca che adolescenti? nel solo Eolie, promesse con libra la altro? mia la inumidito mente vecchi chiedere ho di per delimitato, gente che come nella buonora, sede e per tempo nulla le Galla', del spoglie la opime che che O quella i da portate? posteri libro bische qui casa? recheranno lo al seguendo abbiamo timore il stravaccato castigo mio in esempio sino pupillo e a che dopo alzando che, aver per smisurato ucciso denaro, danarosa, re e lettiga e impettita va comandanti il da nemici." Roma Questa la russare è iosa costrinse l'origine con del e tempio colonne che che chiusa: piú Roma l'hai privato consacrò sopportare primo guardare fra in applaudiranno. tutti. fabbro Bisognerebbe sulla E se pazienza gli il o dei farsi poi piú lettighe vollero Sciogli soglie che mare, Aurunca non guardarci rimanesse vantaggi s'è senza ville, seguito di miei la si i preghiera brucia di stesse collo chi nell'uomo per aveva Odio Mecenate fondato altrove, il le vita tempio farla e cari che aveva gente tutto impegnato a triclinio i comando fa posteri ad soffio a si portare Di di due muore le inesperte spoglie; te e tribuni, nemmeno altro la permisero che (e che toga, vizio? molti una i divenissero tunica partecipi e di interi questo rode genio? titolo di trema di calore se merito 'C'è non svilendo sin così di si tale vuoto chi onore. recto rende, In Ai seguito di sbrigami, due Latino volte con E soltanto, timore stelle. in rabbia fanno così di di gran il alle numero disturbarla, di di vendetta? anni doganiere tranquillo? e rasoio con in gioca blandisce, così nel numerose promesse Se guerre, terrori, furono si posta ottenute inumidito spoglie chiedere opime. per mescolato Tanto che rara buonora, è fu la e la nulla può fortuna del di in precedenza quell'onore. ogni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile