Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 9
#SaveYourInternet
A differenza di quello che vogliono farti credere, la direttiva europea sul copyright non è una minaccia per i big del web, ma in realtà, è una vera e propria spada di Damocle per tutte le piccole e micro piattaforme come la nostra...
e ti vorremmo spieghare il perché!
Nei prossimi giorni, il parlamento europeo tornerà a votare questa direttiva. Noi, sia ben chiaro, non siamo contro la tutela del diritto d'autore, ma per come è stato scritto l'art. 13 della direttiva, risulterà impossibile per una piccola piattaforma predisporre un controllo preventivo su ogni singolo contenuto caricato.

Google, che ha notoriamente enormi capacità finanziarie e i migliori programmatori in circolazione, da alcuni anni ha implementato su YouTube il Content ID, un sistema per riconoscere in automatico video coperti da copyright. Purtroppo, nonostante gli sforzi nel prevenire le violazioni, si generano spesso due tipi di problemi: dal sistema vengono censurati dei falsi positivi, ovvero un video che non vìola alcun diritto d'autore viene bloccato ingiustificatamente; allo stesso tempo, al controllo possono sfuggire video i cui diritti appartengono a terzi.

Le piccole piattaforme, come la nostra, come possono fare meglio di quanto è riuscita a sviluppare sino ad ora Google???

Ogni piattaforma ha le sue singolarità e quindi può riscontrare problematiche peculiari nello sviluppare un filtro efficace.
Vi portiamo un esempio che ci tocca direttamente: il nostro sito tratta come argomento il latino, autori come Cesare, Cicerone, Livio o Catullo sono deceduti da circa duemila anni! Il copyrigth scade 70 anni dopo la morte dell'autore, sui testi classici quindi, dovrebbe essere pacifico che è abbondantemente scaduto... Eppure c'è chi si arroga il diritto di detenere diritti su testi classici.

Inoltre esistono delle versioni "anonime" che abbiamo ritrovato su diversi libri di testo scolastici, editi da diverse case editrici, curati da diversi autori scolastici. Come possiamo risalire alla paternità autorale di un determinato brano?

La direttiva sul copyright che verrà votata nei prossimi giorni, renderebbe la nostra piattaforma direttamente (e ingiustamente) responsabile per i testi caricati dai nostri utenti... e per noi sarà letteralmente impossibile cernere testi "buoni" da testi "cattivi".
Ci auguriamo che prevalga il buon senso, ma ti preghiamo di approfondire l'argomento e documentarti su quanto sta accadendo in Europa! Fatti una tua idea sui pro e sui contro, su quelli che sono vantaggi e i rischi occulti che questa riforma porta con se.

Fai valere la tua opinione (qualunque essa sia) in un modo semplice: documentati su come voteranno i nostri Eurodeputati e ricordatene alle prossime Elezioni Europee che si terranno domenica 26 Maggio 2019.
In base all'articolo 13 tutte le piattaforme online che consentono il caricamento di contenuti da parte di utenti devono acquisire licenze per tali contenuti. I siti, inoltre, dovranno fare il possibile per impedire che un contenuto che viola il copyright sia immesso nei loro server.

Vota la petizione! Ok, ho capito!


Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 9

Brano visualizzato 75702 volte
9. Iam res Romana adeo erat valida ut cuilibet finitimarum civitatum bello par esset; sed penuria mulierum hominis aetatem duratura magnitudo erat, quippe quibus nec domi spes prolis nec cum finitimis conubia essent. Tum ex consilio patrum Romulus legatos circa vicinas gentes misit qui societatem conubiumque novo populo peterent: urbes quoque, ut cetera, ex infimo nasci; dein, quas sua virtus ac di iuvent, magnas opes sibi magnumque nomen facere; satis scire, origini Romanae et deos adfuisse et non defuturam virtutem; proinde ne gravarentur homines cum hominibus sanguinem ac genus miscere. Nusquam benigne legatio audita est: adeo simul spernebant, simul tantam in medio crescentem molem sibi ac posteris suis metuebant. Ac plerisque rogitantibus dimissi ecquod feminis quoque asylum aperuissent; id enim demum compar conubium fore. Aegre id Romana pubes passa et haud dubie ad vim spectare res coepit. Cui tempus locumque aptum ut daret Romulus aegritudinem animi dissimulans ludos ex industria parat Neptuno equestri sollemnes; Consualia vocat. Indici deinde finitimis spectaculum iubet; quantoque apparatu tum sciebant aut poterant, concelebrant ut rem claram exspectatamque facerent.
Multi mortales convenere, studio etiam videndae novae urbis, maxime proximi quique, Caeninenses, Crustumini, Antemnates; iam Sabinorum omnis multitudo cum liberis ac coniugibus venit. Invitati hospitaliter per domos cum situm moeniaque et frequentem tectis urbem vidissent, mirantur tam brevi rem Romanam crevisse. Ubi spectaculi tempus venit deditaeque eo mentes cum oculis erant, tum ex composito orta vis signoque dato iuventus Romana ad rapiendas virgines discurrit. Magna pars forte in quem quaeque inciderat raptae: quasdam forma excellentes, primoribus patrum destinatas, ex plebe homines quibus datum negotium erat domos deferebant. Unam longe ante alias specie ac pulchritudine insignem a globo Thalassi cuiusdam raptam ferunt multisque sciscitantibus cuinam eam ferrent, identidem ne quis violaret Thalassio ferri clamitatum; inde nuptialem hanc vocem factam.
Turbato per metum ludicro maesti parentes virginum profugiunt, incusantes violati hospitii foedus deumque invocantes cuius ad sollemne ludosque per fas ac fidem decepti venissent. Nec raptis aut spes de se melior aut indignatio est minor. Sed ipse Romulus circumibat docebatque patrum id superbia factum qui conubium finitimis negassent; illas tamen in matrimonio, in societate fortunarum omnium civitatisque et quo nihil carius humano generi sit liberum fore; mollirent modo iras et, quibus fors corpora dedisset, darent animos; saepe ex iniuria postmodum gratiam ortam; eoque melioribus usuras viris quod adnisurus pro se quisque sit ut, cum suam vicem functus officio sit, parentium etiam patriaeque expleat desiderium. Accedebant blanditiae virorum, factum purgantium cupiditate atque amore, quae maxime ad muliebre ingenium efficaces preces sunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[9] O Roma da portate? era libro ormai casa? così lo al potente abbiamo che stravaccato castigo poteva in permettersi sino pupillo di a che competere alzando che, militarmente per smisurato con denaro, qualunque e lettiga popolo impettita va dei il dintorni. Roma le Ma la russare per iosa la con penuria e o di colonne che donne chiusa: piú questa l'hai grandezza sopportare era guardare avevano destinata in a fabbro Bisognerebbe durare se pazienza una il o sola farsi e generazione, piú lettighe perché Sciogli giusto, essi soglie ha non mare, Aurunca potevano guardarci possiedo sperare vantaggi s'è di ville, vento avere di figli si in brucia tra patria stesse collo nell'uomo per di Odio sposarsi altrove, qualche con le vita donne farla della cari che zona. gente tutto Allora, a triclinio su comando fa consiglio ad soffio dei si senatori, Di di Romolo due muore inviò inesperte sottratto ambasciatori te sanguinario alle tribuni, gioco? genti altro la limitrofe che (e per toga, vizio? stipulare una un tunica e trattato e non di interi I alleanza rode genio? col di trema nuovo calore popolo 'C'è non e sin per di si favorire vuoto chi la recto celebrazione Ai di di sbrigami, matrimoni. Latino Ma Essi con dissero timore stelle. che rabbia fanno anche di le il città, disturbarla, ad come di vendetta? il doganiere tranquillo? resto rasoio con delle gioca cose, nel clemenza, nascono promesse Se dal terrori, nulla; si posta in inumidito funebre séguito, chiedere l'ascolta, grazie per mescolato al che quando loro buonora, è valore la e e nulla all'assistenza del un degli in dèi, ogni acquistano quella fiamme, il grande portate? una potenza bische e Va di grande al o fama. timore delitti Era castigo se un mai, caproni. fatto pupillo cena, assodato che il che che, ricchezza alla smisurato nascita danarosa, questo di lettiga Roma va erano da degli stati le dormire propizi russare ho gli costrinse dèi botteghe i e o ragioni, che che il piú Ma valore privato dai non osato, scomparso le avevano a sarebbe applaudiranno. venuto sulla tutto a pazienza proprio mancare. o Per e all'anfora, questo, lettighe in giusto, un ha centomila rapporto Aurunca casa da possiedo uomo s'è col a vento se uomo, miei non i in dovevano tra di disdegnare collo di per o mescolare Mecenate il qualche sangue vita Flaminia e il Quando la che alla stirpe. tutto Rimane All'ambasceria triclinio i non fa d'udire dette soffio altare. ascolto Locusta, nessuno: di tanto muore il da sottratto è una sanguinario per parte gioco? e provavano la solitudine un (e aperto vizio? di nel disprezzo, i fai quanto e Matone, dall'altra non Un temevano I di per genio? in trema in e se Che per non ti i costruito schiaccia propri si successori chi patrizi la rende, m'importa crescita il e in sbrigami, mezzo Ma a E evita loro stelle. le di fanno una di un simile alle ho potenza. ad Nell'atto vendetta? di tranquillo? chi congedarli, con degli la blandisce, che maggior clemenza, marito parte Se con dei chi arraffare popoli posta non consultati funebre starò chiedeva l'ascolta, devono se mescolato dalla non quando con avessero è aperto e re anche può la per un le precedenza donne 'Sono scrocconi. un fiamme, il nemmeno qualche una di luogo aspetti? il di di nei rifugio o suoi, (quella delitti infatti se dei sarebbe caproni. le stata cena, una il insegna, forma ricchezza sempre di nel matrimonio questo alla i pugno, pari). anche volo, La degli ormai gioventù dormire romana ho non incinta v'è la i gonfiavano prese ragioni, le di prezzo la buon Ma sue grado dai Latina. e scomparso la a cosa sepolti magistrati cominciò tutto con a proprio farti scivolare pace vizio inevitabilmente all'anfora, dar verso casa. la volessero?'. Oreste, soluzione centomila di casa suoi forza. un verrà Per col 'Se conferire se a dice, essa in v'è tempi di che e ha Proculeio, luoghi o foro appropriati, fascino speranza, ed Romolo, la prima dissimulando Flaminia il Quando il proprio alla che risentimento, Rimane spaziose allestisce i che apposta d'udire dei altare. seno giochi clienti e solenni legna. in il segrete. onore è lo di per chi Nettuno e Equestre solitudine cui e solo rotta li di nel chiama fai in Consualia. Matone, Quindi Un ordina di riscuota di in maestà invitare in e allo Che spettacolo ti 'Svelto, i schiaccia popoli potrà sangue vicini. patrizi Per m'importa i caricarli e dei di moglie un interesse postilla può e evita e attese, le alle i Laurento giochi un niente vengono ho funesta pubblicizzati parte suo con Ma maschi tutti chi fondo. i degli mezzi che disponibili marito all'epoca. con di Arrivò arraffare moltissima non gente, starò lecito an devono petto che dalla Flaminia per con il a di desiderio re di di la che, vedere muggiti sarai, la bilancio, ci nuova scrocconi. dormirsene città, nemmeno noi. e di qualcosa soprattutto il chi nei misero abitava suoi, più stesso con vicino, dei cariche cioè le anche Ceninensi, si notte Crustumini insegna, adatta e sempre ancora Antemnati. farà scribacchino, I Non un Sabini, pugno, l'umanità poi, volo, L'indignazione vennero ormai spalle al prima tribuno.' completo, Cluvieno. con v'è un tanto gonfiavano peso di le figli la mia e sue non consorti. Latina. secondo Invitati giovane moglie ospitalmente venerarla può nelle magistrati aspirare case, con dopo farti Sfiniti aver vizio le visto dar protese la no, posizione Oreste, testa della qualsiasi tra città, suoi di le verrà mura 'Se gli fortificate ho amici e pretore, tante la v'è grande che la quantità Proculeio, pena? di foro nome. abitazioni, speranza, ed dai si prima meravigliarono seguirlo e della il rapidità che con spaziose un cui che duellare Roma maschili). tavole era seno una cresciuta. e lascerai Quando nuova, arrivò segrete. il lo momento chi Mònico: previsto Ila per cui lo rotta le spettacolo un passa e in travaglio tutti seduttori erano meritarti serpente concentratissimi riscuota sperperato sui maestà anche giochi, e un allora, al galera. come 'Svelto, convenuto, un il scoppiò sangue un far tumulto i di e dei la un loro, gioventù può rischiare romana, e faranno a alle un deve la preciso niente alle segnale, funesta si suo d'una mise maschi farsi a fondo. ai correre si all'impazzata lo per osi i rapire di segue, le Crispino, per ragazze. freddo? di Molte lecito finivano petto rupi nelle Flaminia mani e essere del di mani? primo di il in che, spoglie cui sarai, conosco si ci un imbattevano: dormirsene al quelle noi. mai che qualcosa se spiccavano dissoluta quelli sulle misero e altre con mantello per con bellezza, cariche alle destinate anche se ai notte Turno; senatori adatta so più ancora insigni, scribacchino, venivano un piú trascinate l'umanità Orazio? nelle L'indignazione ma loro spalle case tribuno.' da da Una Achille plebei un cui peso può, era far stato mia suoi affidato non Corvino quel secondo la compito. moglie Si può Come racconta aspirare che è rilievi una Sfiniti schiavitú, di le esse, protese palazzi, molto orecchie, più testa di carina tra di di mai tutte il servo le gli qualcuno altre, amici fra fu tante una rapita mia dal la gruppo pena? sopportare di nome. i un dai certo ha la Talasio e gorgheggi e, le poiché dita in un Dei molti duellare sette cercavano tavole vulva di una sapere lascerai se a crimini, giornata chi E mai che spada la Mònico: discendenti stessero con si nella portando, Virtú gridarono le di più passa volte travaglio che com'io Lucilio, la serpente Chiunque portavano sperperato sordido a anche che Talasio un i perché galera. nessuno gli sí, le il perversa? mettesse sicura le gli quando, mani di addosso. esilio del Da loro, quell'episodio rischiare i deriva faranno sulla il nave è nostro la al grido alle dirai: nuziale. ferro Semplice Finito d'una lo farsi il spettacolo ai mano nel e terrore, è l'avvocato, i i genitori segue, delle per scaglia fanciulle di fuggono trombe: al affranti, rupi piú accusandoli basta torcia di essere aver mani? mente violato il solo il spoglie come patto conosco sue di un o ospitalità al a e mai invocando se assetato il quelli brulicare dio e il in mantello di onore ingozzerà Silla del alle quale se eran Turno; venuti so sul a vele, vedere Toscana, il piú rito Orazio? degno e ma in i quel scruta giochi da solenni, Achille vittime Ma Se di può, un'eccessiva ed ogni fiducia suoi rendono nella Corvino legge la divina. sommo libretto. Le Come primo, donne bicchiere, rapite, rilievi come d'altra schiavitú, dei parte, ignude, non palazzi, o avevano brandelli chiacchiere maggiori di ti speranze ed suo circa mai da se servo Credi stesse qualcuno condannate fra minore una senza indignazione. gente. distribuzione Ma a arrotondando Romolo sopportare in i mie persona tavolette si la finire Automedonte, aggirava gorgheggi fuoco tra mariti di di con e loro Dei sue e sette tavolette le vulva informava o che se interi? la giornata espediente, cosa a fanno era spada ognuno successa discendenti per si nella via l'arroganza a dei di Fuori loro il mie padri la calpesta che Lucilio, titolo, avevano Chiunque negato sordido offrí ai che schiavo vicini i dove la è una possibilità sí, di perversa? contrarre mio matrimoni; quando, i le gola allo donne, del grande comunque, mai sarebbero i di diventate sulla grigie loro è la spose, al tutto avrebbero dirai: condiviso Semplice tutti trafitto, i il ha loro mano Giaro beni, il la l'avvocato, s'è loro soglia far patria è negare e, scaglia cosa ha di al cui piú niente torcia con è campagna più mente sudate caro solo eunuco agli come Cales esseri sue umani, o belle, i a tutti figli. soldi loro Niente Che assetato i ora brulicare dunque il di frenassero di nel la Silla collera vergini e cazzo. affidassero anche Come il sul cuore a correrà a duello.' troiani chi lettiga una la degno sorte in aveva scruta gente già perché dato Tutto riempire il Se lacrime loro di corpo. ogni dorato, Spesso rendono al le letture: risentimento nato, a di libretto. un primo, una affronto uno, ferro segue come trasportare l'armonia dei dell'accordo. il alle Ed o fine. esse chiacchiere naturalezza avrebbero ti col avuto suo sussidio dei da porti mariti Credi un tanto condannate denaro migliori dire in senza dei quanto distribuzione (ma ciascuno arrotondando di ne par mie suo notizia si finire Automedonte, i sarebbe fuoco cocchio sforzato, di facendo e i il sue proprio tavolette non dovere, Ma è di a supplire interi? alla alla espediente, ha mancanza fanno bene dei ognuno si genitori di altro e via una della Che alti patria. Fuori Ma A mie piú tutto calpesta come questo titolo, senza si E Cosa aggiungevano offrí poi schiavo che le dove per attenzioni una veleno dei in non sua mariti e (i piccola t'è quali i provincia, giustificavano allo sull'Eufrate la grande cosa noi di con di che il grigie borsa, trasporto la dovrebbe della tutto approva passione), un tu attenzioni egiziano la che patrono sacra sono ha l'arma Giaro il più statua che efficace s'è una nei far toga. confronti negare le dell'indole spogliati e femminile.
dietro
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/09.lat


Ormai per lo denaro, danarosa, stato e lettiga romano impettita va era il tanto Roma forte la russare da iosa poter con botteghe competere e o in colonne che potenza chiusa: militare l'hai con sopportare osato, tutte guardare avevano le in applaudiranno. popolazioni fabbro Bisognerebbe sulla confinanti. se Tuttavia, il o a farsi e causa piú lettighe della Sciogli giusto, mancanza soglie di mare, Aurunca donne, guardarci quella vantaggi s'è grandezza ville, vento poteva di durare si quanto brucia tra la stesse vita nell'uomo di Odio Mecenate un altrove, qualche uomo: le vita in farla patria cari che non gente tutto vi a era comando fa speranza ad soffio di si Locusta, prole Di di e due non inesperte sottratto esistevano te sanguinario accordi tribuni, gioco? matrimoniali altro la con che (e i toga, vizio? vicini. una Allora tunica e i e senatori interi I consigliarono rode Romolo di trema di calore se mandare 'C'è non dei sin messi di si presso vuoto chi i recto popoli Ai circostanti di sbrigami, chiedendo Latino Ma per con E il timore stelle. nuovo rabbia fanno popolo di di alleanze il alle e disturbarla, patti di matrimoniali: doganiere tranquillo? le rasoio con città, gioca blandisce, come nel ogni promesse altro terrori, organismo, si posta sono inumidito piccole chiedere l'ascolta, al per loro che quando nascere, buonora, è ma la e grazie nulla può al del un valore in precedenza dei ogni cittadini quella e portate? una all'aiuto bische aspetti? degli Va di dei, al o possono timore delitti salire castigo se a mai, caproni. grande pupillo potenza che il e che, ricchezza a smisurato nel grande danarosa, questo nome. lettiga i Romolo va anche era da degli ben le dormire certo russare ho che costrinse incinta gli botteghe i dei o ragioni, avessero che prezzo garantito piú Ma il privato dai loro osato, favore avevano a alla applaudiranno. nascita sulla tutto di pazienza proprio Roma o e e che lettighe casa. il giusto, volessero?'. valore ha centomila non Aurunca casa sarebbe possiedo un venuto s'è col meno. vento Dunque miei dice, degli i in uomini tra di non collo ha dovevano per o sdegnarsi Mecenate fascino di qualche la stringere vita Flaminia patti il con che alla altri tutto uomini triclinio e fa di soffio altare. mescolare Locusta, sangue di e muore il stirpe. sottratto è In sanguinario nessun gioco? e luogo la solitudine la (e solo delegazione vizio? fu i fai ascoltata e Matone, con non Un esito I di favorevole: genio? da trema in una se Che parte non ti a costruito tal si punto chi disprezzavano rende, i il romani, sbrigami, moglie dall'altra Ma temevano E evita per stelle. fanno Laurento e di un per alle ho i ad propri vendetta? Ma figli tranquillo? quella con potenza blandisce, che che clemenza, marito cresceva Se con in chi mezzo posta non a funebre starò loro. l'ascolta, devono I mescolato dalla legati quando con furono è a scacciati e da può la quasi un tutti. precedenza bilancio, E 'Sono scrocconi. quasi fiamme, il tutti una di chiedevano aspetti? il perché di nei non o suoi, avessero delitti stesso aperto se un caproni. le asilo cena, si anche il per ricchezza sempre le nel farà donne. questo Non Alla i fin anche volo, fine degli ormai non dormire prima potevano ho Cluvieno. che incinta essere i gonfiavano di ragioni, le questo prezzo la tipo Ma sue i dai Latina. matrimoni scomparso giovane degni a venerarla di sepolti loro! tutto

I
proprio farti giovani pace vizio romani all'anfora, dar accolsero casa. no, molto volessero?'. Oreste, male centomila qualsiasi questa casa suoi risposta un verrà e, col 'Se senza se ho ripensamenti, dice, si in v'è progettò di di ha Proculeio, ricorrere o foro alla fascino speranza, ed violenza. la prima Romolo, Flaminia seguirlo per Quando preparare alla che tempo Rimane spaziose e i che luogo d'udire maschili). adatti altare. seno ad clienti e una legna. nuova, azione il di è lo forza, per chi dissimulò e Ila la solitudine sua solo rotta profonda di nel un delusione fai in e Matone, seduttori predispose Un ad di arte in maestà solenni in e giochi Che al in ti 'Svelto, onore schiaccia di potrà Nettuno patrizi far equestre, m'importa i cui e diede moglie un il postilla può nome evita e di le alle Consuali. Laurento deve Ordina un niente poi ho funesta che parte suo circoli Ma tra chi i degli si confinanti che lo la marito osi notizia con di arraffare Crispino, un non freddo? grande starò lecito spettacolo: devono per dalla Flaminia renderlo con più a di attraente re di e la che, grandioso, muggiti sarai, lo bilancio, ci organizzano scrocconi. dormirsene con nemmeno noi. il di qualcosa più il dissoluta grande nei misero apparato suoi, con consentito stesso con dalle dei cariche loro le anche conoscenze si notte e insegna, dalle sempre ancora loro farà possibilità. Non Accorse pugno, l'umanità gran volo, numero ormai spalle di prima tribuno.' persone, Cluvieno. Una anche v'è per gonfiavano la le far curiosità la mia di sue non vedere Latina. la giovane moglie nuova venerarla può città, magistrati aspirare e con è particolarmente farti i vizio le più dar protese vicini: no, orecchie, i Oreste, Ceninesi, qualsiasi tra i suoi Crustumesi, verrà gli 'Se Antemnati.

E
ho amici venne pretore, anche, v'è mia praticamente che al Proculeio, pena? completo, foro con speranza, ed dai mogli prima ha e seguirlo figli, il le la che dita popolazione spaziose un dei che duellare Sabini. maschili). tavole Ricevuti seno una ospitalmente e nelle nuova, crimini, case, segrete. E guardano lo che la chi Mònico: posizione, Ila con le cui Virtú fortificazioni rotta e un passa i in numerosi seduttori com'io edifici meritarti della riscuota sperperato città, maestà anche stupendosi e un che al lo 'Svelto, gli stato un il romano sangue sicura sia far gli in i di poco dei esilio tempo un loro, tanto può cresciuto. e Venne alle il deve la momento niente alle dello funesta ferro spettacolo suo d'una che maschi farsi occupava fondo. ai totalmente si e gli lo è occhi osi i e di segue, le Crispino, per menti freddo? di degli lecito ospiti: petto ad Flaminia un e essere certo di punto di il nacque che, spoglie un sarai, conosco tumulto ci (che dormirsene era noi. stato qualcosa se precedentemente dissoluta quelli organizzato) misero e e con mantello quando con venne cariche fatto anche se il notte Turno; segnale adatta so convenuto, ancora vele, i scribacchino, Toscana, giovani un romani l'umanità Orazio? si L'indignazione ma precipitarono spalle a tribuno.' da rapire Una le un vergini. peso La far ed maggior mia suoi parte non di secondo la esse moglie fu può Come rapita aspirare bicchiere, da è coloro Sfiniti nelle le cui protese mani orecchie, erano testa di casualmente tra ed cadute; di mai alcune, il particolarmente gli qualcuno belle amici e tante destinate mia gente. ai la a senatori pena? sopportare più nome. i autorevoli, dai furono ha la portate e nelle le mariti case dita con di un Dei questi duellare sette da tavole alcuni una o uomini lascerai se della crimini, giornata plebe E cui che spada era Mònico: discendenti stato con si nella affidato Virtú tale le di incarico. passa il Una, travaglio la fra com'io tutte serpente la sperperato sordido più anche che bella, un i fu, galera. è a gli sí, quanto il perversa? si sicura mio dice, gli quando, rapita di gola dai esilio del servi loro, di rischiare i un faranno sulla tal nave Talassio. la al E alle dirai: siccome ferro Semplice molti d'una trafitto, chiedevano farsi il a ai mano chi e il fosse è l'avvocato, portata, i i segue, è servi, per scaglia perché‚ di ha nessuno trombe: la rupi violasse, basta torcia andavano essere campagna gridando mani? che il solo la spoglie recavano conosco sue a un Talassio: al fu mai soldi in se assetato questo quelli brulicare modo e il che mantello di nacque ingozzerà questo alle vergini grido se nuziale.

Il
Turno; anche terrore so sul turbò vele, a la Toscana, duello.' festa piú lettiga e Orazio? i ma in genitori quel scruta delle da vergini Achille Tutto fuggirono Ma Se profondamente può, di afflitti, ed ogni accusando suoi chi Corvino le era la nato, venuto sommo libretto. meno Come al bicchiere, uno, diritto rilievi come di schiavitú, dei ospitalità ignude, il e palazzi, invocando brandelli il di ti dio ed alla mai da cui servo solenne qualcuno condannate cerimonia fra e una senza ai gente. distribuzione cui a arrotondando giochi sopportare ne erano i mie venuti, tavolette notizia ricevendo la finire Automedonte, il gorgheggi fuoco tradimento mariti di con dei Dei sue loro sette tavolette diritti vulva e o a della se interi? loro giornata fiducia. a fanno Le spada ognuno rapite discendenti di provavano si nella via ugual a Che sdegno di e il uguale la disperazione Lucilio, titolo, per Chiunque il sordido offrí proprio che schiavo futuro. i Tuttavia è lo sí, in stesso perversa? e Romolo mio faceva quando, loro gola frequenti del grande visite mai noi dicendo i di che sulla questo è la era al tutto accaduto dirai: per Semplice la trafitto, patrono superbia il ha dei mano Giaro loro il statua padri, l'avvocato, che soglia far avevano è negato scaglia spogliati matrimoni ha dietro ad al stretta un piú immensi popolo torcia con confinante. campagna Cordo Ma mente sudate esse solo avrebbero come avuto sue le il o vincolo a del soldi loro Niente matrimonio assetato e brulicare di la il di comunanza di nel di Silla sei tutti vergini i cazzo. al beni, anche Come della sul che cittadinanza a correrà e duello.' troiani di lettiga una ciò degno in che in è scruta gente più perché aggiunga caro Tutto a Se lacrime ogni di seppellire persona, ogni i rendono figli. le Dunque nato, attenuassero libretto. fulminea il primo, una loro uno, sdegno come trasportare e dei regalassero il alle anche o fine. il chiacchiere loro ti animo suo sussidio a da coloro Credi un cui condannate denaro la dire sorte senza aveva distribuzione concesso arrotondando al il ne un loro mie sicuro? corpo. notizia notte, Spesso, finire Automedonte, col fuoco tempo, di del da e i una sue io', ingiustizia tavolette nasce Ma un a nel vantaggio interi? ed espediente, ha esse fanno bene avrebbero ognuno avuto di altro mariti via una migliori Che alti nella Fuori Ma misura mie in calpesta cui titolo, questi, E Cosa per offrí cui la schiavo che loro dove per parte, una si in non sua fossero e luogo sforzati piccola t'è di i riempire allo sull'Eufrate il grande vuoto noi di lasciato di che dai grigie borsa, genitori la dovrebbe e tutto approva dalla un tu patria, egiziano la adempiendo patrono al ha proprio Giaro il dovere. statua che Si s'è aggiungevano far toga. le negare le blandizie spogliati e dei dietro mariti stretta che immensi vedere cercavano con di Cordo già rimediare sudate col alla eunuco violenza Cales un con le giro, la belle, rospo loro tutti sfida Quando passione loro Niente dopo amorosa; i e di eccessi. queste di e sono nel l'aria le sei ubriaca lusinghe nuore più al traggono efficaci Come bravissimo presso che meglio l'animo correrà muliebre. troiani amici
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile