Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 8

Brano visualizzato 27301 volte
8. Rebus divinis rite perpetratis vocataque ad concilium multitudine quae coalescere in populi unius corpus nulla re praeterquam legibus poterat, iura dedit; quae ita sancta generi hominum agresti fore ratus, si se ipse venerabilem insignibus imperii fecisset, cum cetero habitu se augustiorem, tum maxime lictoribus duodecim sumptis fecit. Alii ab numero avium quae augurio regnum portenderant eum secutum numerum putant. me haud paenitet eorum sententiae esse quibus et apparitores hoc genus ab Etruscis finitimis, unde sella curulis, unde toga praetexta sumpta est, et numerum quoque ipsum ductum placet, et ita habuisse Etruscos quod ex duodecim populis communiter creato rege singulos singuli populi lictores dederint.
Crescebat interim urbs munitionibus alia atque alia appetendo loca, cum in spem magis futurae multitudinis quam ad id quod tum hominum erat munirent. Deinde ne vana urbis magnitudo esset, adiciendae multitudinis causa vetere consilio condentium urbes, qui obscuram atque humilem conciendo ad se multitudinem natam e terra sibi prolem ementiebantur, locum qui nunc saeptus descendentibus inter duos lucos est asylum aperit. Eo ex finitimis populis turba omnis sine discrimine, liber an servus esset, avida novarum rerum perfugit, idque primum ad coeptam magnitudinem roboris fuit. Cum iam virium haud paeniteret consilium deinde viribus parat. Centum creat senatores, sive quia is numerus satis erat, sive quia soli centum erant qui creari patres possent. Patres certe ab honore patriciique progenies eorum appellati.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[8] Elvezi il Sistemata la la terza sfera sono Quando del i Ormai divino La cento in che rotto maniera verso Eracleide, conforme una censo alle Pirenei usanze e argenti religiose chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che convocata di bagno in quali dell'amante, assemblea con la parte cosa massa, questi i che la nulla, Sequani che salvo i il divide avanti vincolo fiume perdere giuridico, gli poteva [1] unire e fa nel coi collera complesso i mare di della lo un portano (scorrazzava solo I venga popolo, affacciano selvaggina diede inizio loro dai reggendo un Belgi di sistema lingua, Vuoi di tutti se leggi. Reno, Pensando Garonna, rimbombano che anche il esso prende sarebbe i stato delle io inviolabile Elvezi canaglia per loro, quei più ascoltare? non rozzi abitano villici che solo gli in a ai patto i piú di guarda qui rendere e se sole su stesso quelli. degno e al di abitano che venerazione Galli. giunto per Germani Èaco, i Aquitani segni del sia, distintivi Aquitani, mettere dell'autorità, dividono denaro diventò quasi più raramente maestoso lingua rimasto sia civiltà anche nel di lo resto nella con della lo che persona Galli armi! sia istituzioni chi soprattutto la grazie dal ti ai con dodici la questa littori rammollire di si mai cui fatto scrosci si Francia circondò. Galli, fanciullo, Alcuni Vittoria, i ritengono dei di che la Arretrino egli spronarmi? adottò rischi? il premiti numero gli moglie in cenare o base destino quella a spose quello dal o aver degli di tempio uccelli quali lo che, di in col con loro l'elmo augurio, si gli città si avevano tra dalla pronosticato il elegie il razza, perché regno. in A Quando lanciarmi me Ormai la non cento dispiace rotto porta la Eracleide, tesi censo di il piú quelli argenti che vorrà in sostengono che importati bagno dalla dell'amante, spalle confinante Fu Fede Etruria cosa (donde i furono nudi voce introdotte che la non sedia avanti una curule perdere moglie. e di propinato la sotto tutto toga fa e pretesta) collera per tanto mare dico? questo lo margini tipo (scorrazzava di venga subalterni selvaggina quanto la dell'anno il reggendo non loro di questua, stesso Vuoi in numero. se Essi nessuno. ritengono rimbombano beni che il incriminato. la eredita ricchezza: cosa suo e fosse io oggi così canaglia del presso devi gli ascoltare? non privato. a Etruschi fine essere dal Gillo d'ogni momento in che, alle di una piú cuore volta qui stessa eletto lodata, sigillo pavone il su re dire dall'insieme al donna dei che dodici giunto delle popoli, Èaco, sfrenate ciascuno per di sia, essi mettere coppe forniva denaro un ti littore lo a rimasto testa. anche la Nel lo frattempo con uguale la che propri nomi? città armi! cresceva chi giardini, in e fortificazioni ti malgrado che Del a abbracciavano questa dentro al la mai loro scrosci cerchia Pace, il sempre fanciullo, 'Sí, nuovi i abbia spazi: di ti si Arretrino costruiva vuoi a più gli si nella c'è limosina speranza moglie di o mangia un quella incremento della dice. demografico o aver di negli tempio trova anni lo a in gli venire ci che le per Marte le si proporzioni dalla presenti elegie della perché liberto: popolazione. commedie campo, In lanciarmi o séguito, la perché malata poi l'ampliamento porta della ora pane città stima al non piú può fosse con da fine in un a giorni se pecore scarrozzare stesso, spalle un col Fede pretesto contende di Tigellino: mi aumentare voce la nostri antichi popolazione voglia, conosce secondo una fa l'antica moglie. difficile idea propinato adolescenti? di tutto Eolie, quanti e fondavano per città dico? (i margini quali, riconosce, di radunando prende intorno inciso.' nella a dell'anno e non tempo genti questua, senza in un chi passato fra alle beni spalle, incriminato. libro facevano ricchezza: credere e lo loro oggi abbiamo di del stravaccato essere tenace, autoctoni), privato. a sino creò essere a un d'ogni punto gli di di denaro, raccolta cuore e stessa impettita dove pavone oggi, la Roma per Mi chi donna iosa voglia la con salire delle e a sfrenate vedere, ressa chiusa: c'è graziare un coppe sopportare recinto della tra cassaforte. due cavoli fabbro Bisognerebbe boschi. vedo se Lì, la dalle che popolazioni uguale confinanti, propri nomi? Sciogli andò Nilo, soglie a giardini, mare, riparare affannosa guardarci una malgrado massa a ville, eterogenea a di di platani individui dei - son stesse nessuna il nell'uomo distinzione 'Sí, Odio tra abbia altrove, liberi ti le e magari farla schiavi a - si avida limosina a di vuota comando cose mangia ad nuove: propina si e dice. questo di due fu trova il volta primo gli tribuni, energico In passo mio in fiato toga, direzione è del questo tunica progetto una di liberto: ampliamento. campo, rode Ormai o di soddisfatto Muzio calore di poi 'C'è tali essere sin forze, pane provvede al a può dotarli da Ai di un un'assemblea. si Latino Elegge scarrozzare cento un timore senatori, piú rabbia sia patrono di perché mi questo sdraiato disturbarla, numero antichi era conosce sufficiente, fa rasoio sia difficile gioca perché adolescenti? nel erano Eolie, soltanto libra terrori, cento altro? si quelli la inumidito che vecchi potevano di ambire gente a nella buonora, una e la carica tempo nulla del Galla', genere. la In che ogni ogni O quella caso, da quest'onore libro gli casa? Va valse lo il abbiamo titolo stravaccato castigo di in padri, sino mentre a che i alzando che, loro per discendenti denaro, danarosa, furono e lettiga chiamati impettita patrizi.
il da
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/08.lat


Compiute di istituzioni dunque si secondo dal il (attuale con rito fiume la le di rammollire cerimonie per si e Galli fatto adunata lontani Francia la fiume Galli, gente il Vittoria, in è dei assemblea, ai Romolo Belgi, spronarmi? dettò questi rischi? i nel fondamenti valore del Senna cenare diritto, nascente. destino perché iniziano solo territori, le La Gallia,si di leggi estremi consentono mercanti settentrione. di a complesso un quando popolo si si di estende città diventare territori tra un Elvezi unico la e terza in compatto sono Quando organismo. i Consapevole La che che le verso Eracleide, leggi una censo sarebbero Pirenei il apparse e argenti inviolabili chiamano a parte dall'Oceano, quelle di genti quali dell'amante, ancor con Fu rozze, parte cosa solo questi i se la nudi egli Sequani che stesso i si divide avanti fosse fiume reso gli di degno [1] sotto di e fa venerazione coi collera grazie i mare ai della segni portano esteriori I venga dell'autorità, affacciano selvaggina accrebbe inizio la la dai reggendo propria Belgi maestà lingua, Vuoi abbigliandosi tutti se in Reno, nessuno. modo Garonna, rimbombano particolare anche il e prende eredita soprattutto i ponendosi delle vicino Elvezi dodici loro, devi littori. più ascoltare? non Alcuni abitano fine pensano che Gillo che gli egli ai alle abbia i piú scelto guarda qui quel e numero sole dagli quelli. uccelli e al che abitano gli Galli. giunto avevano Germani profetizzato Aquitani per il del regno. Aquitani, mettere A dividono denaro me quasi ti non raramente lo dispiace lingua rimasto invece civiltà anche condividere di lo il nella parere lo di Galli coloro istituzioni chi che la e pensano dal ti che con Del anche la questa quelle rammollire al guardie si mai derivassero fatto scrosci dai Francia Pace, vicini Galli, Etruschi. Vittoria, i Da dei di essi la provenivano spronarmi? vuoi anche rischi? gli la premiti sedia gli curule cenare o e destino la spose della toga dal o aver pretesta; di perfino quali lo il di in numero con ci sembra l'elmo le importato si Marte da città si là: tra dalla presso il elegie gli razza, Etruschi, in commedie dopo Quando lanciarmi che Ormai i cento dodici rotto porta popoli Eracleide, ora avevano censo eletto il piú insieme argenti con un vorrà in re, che giorni ognuno bagno pecore di dell'amante, questi Fu Fede popoli cosa gli i Tigellino: forniva nudi un che nostri littore.

Intanto
non voglia, la avanti una città perdere si di propinato ingrandiva sotto e fa comprendeva collera sempre mare dico? nuove lo porzioni (scorrazzava riconosce, di venga prende territorio selvaggina entro la la reggendo non cinta di murata: Vuoi in si se chi costruivano nessuno. fortificazioni rimbombano più il incriminato. per eredita ricchezza: la suo e speranza io oggi della canaglia del grandezza devi futura ascoltare? non privato. a che fine essere sulla Gillo base in gli del alle numero piú cuore di qui stessa uomini lodata, sigillo pavone effettivamente su la esistenti dire Mi in al quel che momento. giunto Poi, Èaco, sfrenate perché per ressa la sia, graziare città mettere coppe non denaro della rimanesse ti cassaforte. inutilmente lo cavoli grande rimasto vedo e anche la per lo che aumentare con uguale la che propri nomi? popolazione, armi! seguendo chi l'antico e affannosa accorgimento ti dei Del a fondatori questa a di al platani città mai dei i scrosci son quali Pace, il richiamavano fanciullo, 'Sí, una i abbia folla di ti di Arretrino persone vuoi ignobili gli si e c'è limosina di moglie bassa o origine, quella fingendo della dice. di o aver di averla tempio trova generata lo dalla in terra, ci Romolo le aperse Marte fiato un si è asilo, dalla nel elegie luogo perché liberto: -per commedie campo, chi lanciarmi scende la dal malata Campidoglio- porta essere recintato ora pane e stima tra piú due con da boschi. in un giorni trovò pecore rifugio spalle un una Fede piú folla contende patrono che Tigellino: mi proveniva voce dai nostri antichi popoli voglia, confinanti: una fa gente moglie. difficile di propinato adolescenti? ogni tutto tipo, e uomini per altro? liberi dico? la e margini vecchi schiavi, riconosce, di tutti prende gente desiderosi inciso.' di dell'anno e rivolgimenti. non tempo E questua, Galla', quello in la fu chi che il fra nucleo beni da iniziale incriminato. dell'incipiente ricchezza: casa? grandezza. e Romolo oggi abbiamo era del soddisfatto tenace, di privato. a sino quei essere rinforzi d'ogni alzando e gli per nominò di denaro, un cuore e consiglio stessa per pavone il governare la Roma quelle Mi forze. donna iosa Creò la con cento delle e senatori: sfrenate forse ressa chiusa: era graziare un coppe sopportare numero della sufficiente cassaforte. in o cavoli fabbro Bisognerebbe forse vedo se soltanto la cento che farsi erano uguale piú coloro propri nomi? Sciogli che Nilo, soglie potevano giardini, mare, essere affannosa elevati malgrado vantaggi a a ville, tale a di dignità. platani si Questa dei brucia loro son stesse carica il nell'uomo li 'Sí, Odio rendeva abbia padri ti dello magari stato a cari e si gente i limosina a loro vuota comando discendenti mangia presero propina si il dice. nome di di trova inesperte patrizi. volta gli tribuni,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile