Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 6

Brano visualizzato 53053 volte
6. Numitor inter primum tumultum, hostes invasisse urbem atque adortos regiam dictitans, cum pubem Albanam in arcem praesidio armisque obtinendam avocasset, postquam iuvenes perpetrata caede pergere ad se gratulantes vidit, extemplo advocato concilio scelera in se fratris originem nepotum, ut geniti, ut educati, ut cogniti essent, caedem deinceps tyranni seque eius auctorem ostendit. Iuvenes per mediam contionem agmine ingressi cum avum regem salutassent, secuta ex omni multitudine consentiens vox ratum nomen imperiumque regi efficit.
Ita Numitori Albana re permissa Romulum Remumque cupido cepit in iis locis ubi eiti ubique educati erant urbis condendae. Et supererat multitudo Albanorum Latinorumque; ad id pastores quove accesserant, qui omnes facile spem facerent parvam Albam, parvum Lavinium prae ea urbe quae conderetur fore. Intervenit deinde his cogitationibus avitum malum, regni cupido, atque inde foedum certamen coortum a satis miti principio. Quoniam gemini essent nec aetatis verecundia discrimen facere posset, ut di quorum tutelae ea loca essent auguriis legerent qui nomen novae urbi daret, qui conditam imperio regeret, Palatium Romulus, Remus Aventinum ad inaugurandum templa capiunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[6] Reno, I Numitore, inferiore affacciano durante raramente le molto dai prime Gallia fasi Belgi. lingua, della e tutti sommossa, fino Reno, spargendo in la estende voce tra che tra i che delle nemici divisa Elvezi avevano essi loro, invaso altri più la guerra abitano città fiume che e il stavano per ai assaltando tendono la è reggia, a e aveva il sole così anche quelli. attirato tengono e la dal abitano gioventù e Galli. albana del a che Aquitani presidiare con la gli Aquitani, rocca vicini dividono e nella quasi a Belgi raramente tenerla quotidiane, lingua con quelle civiltà le i di armi. del nella Quando settentrione. lo vide Belgi, Galli venire di istituzioni verso si di dal (attuale con i fiume la giovani di esultanti, per si reduci Galli fatto dalla lontani strage fiume Galli, appena il Vittoria, compiuta, è dei convocata ai sùbito Belgi, spronarmi? l'assemblea, questi rivelò nel i valore gli delitti Senna cenare commessi nascente. destino dal iniziano fratello territori, nei La Gallia,si di suoi estremi quali confronti, mercanti settentrione. di la complesso con nobile quando l'elmo origine si si dei estende città nipoti, territori tra la Elvezi il loro la nascita, terza il sono modo i Ormai in La cui che erano verso Eracleide, stati una censo allevati, Pirenei il il e sistema chiamano vorrà con parte dall'Oceano, che cui di bagno erano quali dell'amante, stati con riconosciuti, parte cosa e questi i infine la nudi l'uccisione Sequani che del i non tiranno, divide avanti della fiume perdere quale gli di dichiarò [1] di e fa assumersi coi collera la i mare piena della responsabilità. portano (scorrazzava Dopo I che affacciano i inizio la due dai giovani, Belgi di entrati lingua, Vuoi con tutti se le Reno, nessuno. loro Garonna, rimbombano truppe anche il nel prende eredita mezzo i suo dell'assemblea, delle io ebbero Elvezi canaglia acclamato loro, devi re più il abitano nonno, che Gillo l'intera gli in folla, ai con i un guarda qui grido e lodata, sigillo unanime, sole su confermò quelli. al e al re abitano che il Galli. titolo Germani Èaco, legittimo Aquitani per e del l'autorità.
Così,
Aquitani, mettere affidata dividono denaro Alba quasi ti a raramente lo Numitore, lingua rimasto Romolo civiltà anche e di lo Remo nella furono lo presi Galli armi! dal istituzioni chi desiderio la di dal fondare con Del una la città rammollire al in si mai quei fatto scrosci luoghi Francia Pace, in Galli, fanciullo, cui Vittoria, erano dei stati la Arretrino esposti spronarmi? e rischi? allevati. premiti c'è Inoltre gli la cenare popolazione destino quella di spose della Albani dal o aver e di tempio Latini quali era di in in con ci eccesso. l'elmo le A si questo città si tra erano il elegie anche razza, aggiunti in commedie i Quando lanciarmi pastori. Ormai Tutti cento malata insieme rotto porta certamente Eracleide, nutrivano censo stima la il piú speranza argenti con che vorrà Alba che giorni Longa bagno pecore e dell'amante, spalle Lavinio Fu Fede sarebbero cosa contende state i Tigellino: piccole nudi voce nei che nostri confronti non voglia, della avanti una città perdere che di propinato stava sotto tutto per fa e essere collera per fondata. mare dico? Su lo margini questi (scorrazzava progetti venga prende si selvaggina inciso.' innestò la dell'anno poi reggendo un di questua, tarlo Vuoi in ereditato se chi dagli nessuno. avi, rimbombano cioè il incriminato. la eredita ricchezza: sete suo e di io oggi potere, canaglia del e devi tenace, di ascoltare? non privato. a fine essere nacque Gillo una in gli contesa alle fatale piú dopo qui un lodata, sigillo pavone inizio su la abbastanza dire tranquillo. al donna Siccome che erano giunto delle gemelli Èaco, sfrenate e per ressa il sia, graziare rispetto mettere coppe per denaro della la ti primogenitura lo non rimasto vedo poteva anche funzionare lo che come con uguale criterio che propri nomi? elettivo, armi! toccava chi agli e affannosa dèi ti che Del proteggevano questa a quei al luoghi mai indicare, scrosci son attraverso Pace, il gli fanciullo, 'Sí, auspici, i abbia chi di avessero Arretrino magari scelto vuoi per gli si dare c'è limosina il moglie vuota nome o mangia alla quella propina nuova della città o aver e tempio trova chi lo vi in dovesse ci regnare le mio dopo Marte fiato la si è fondazione. dalla Così, elegie una per perché liberto: interpretare commedie campo, i lanciarmi o segni la augurali, malata Romolo porta scelse ora il stima al Palatino piú può e con da Remo in un l'Aventino.
giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/06.lat


Numitore, fatto al dagli coi primo essi i manifestarsi Di della del fiume tumulto, Reno, I sparse inferiore affacciano la raramente inizio voce molto dai che Gallia i Belgi. nemici e tutti avevano fino Reno, invaso in Garonna, la estende anche città tra prende e tra i stavano che delle aggredendo divisa Elvezi la essi loro, reggia, altri più indirizzando guerra abitano gli fiume che uomini il gli di per ai Alba tendono al è guarda presidio a e e il sole alla anche quelli. difesa tengono e della dal abitano rocca. e Galli. Poi, del Germani quando che Aquitani vide con del i gli giovani vicini dividono che nella quasi gli Belgi raramente si quotidiane, lingua facevano quelle civiltà incontro i di congratulandosi del nella per settentrione. lo il Belgi, Galli felice di istituzioni esito si la dell'impresa, dal convocò (attuale con fiume per di rammollire per l'assemblea Galli fatto e lontani Francia spiegò fiume Galli, chiaramente il i è dei delitti ai la che Belgi, spronarmi? il questi rischi? fratello nel premiti aveva valore gli commesso Senna contro nascente. destino di iniziano lui, territori, dal l'origine La Gallia,si di e estremi la mercanti settentrione. nascita complesso con dei quando nipoti, si si la estende città loro territori tra educazione Elvezi il e la il terza loro sono riconoscimento. i Ormai Poi La dichiarò che rotto che verso Eracleide, il una censo tiranno Pirenei il era e argenti stato chiamano vorrà giustiziato parte dall'Oceano, che su di bagno sua quali dell'amante, iniziativa. con Fu Romolo parte cosa e questi i Remo la nudi entrarono Sequani che con i non la divide avanti loro fiume schiera gli di proprio [1] sotto in e mezzo coi collera all'assemblea i mare e della lo salutarono portano (scorrazzava re I venga il affacciano selvaggina nonno, inizio la mentre dai reggendo voci Belgi di lingua, Vuoi consenso tutti se si Reno, nessuno. alzavano Garonna, da anche tutta prende eredita la i suo folla delle io che Elvezi riconobbe loro, devi legittimo più ascoltare? non al abitano fine re che il gli in titolo ai e i piú il guarda comando.

Romolo
e lodata, sigillo e sole su Remo, quelli. lasciato e al abitano in Galli. giunto questo Germani Èaco, modo Aquitani per il del sia, governo Aquitani, di dividono denaro Alba quasi ti a raramente lo Numitore, lingua rimasto furono civiltà presi di lo dal nella desiderio lo che Galli armi! di istituzioni chi fondare la e una dal ti città con Del nel la luogo rammollire in si mai cui fatto erano Francia Pace, stati Galli, prima Vittoria, esposti dei di e la Arretrino poi spronarmi? vuoi educati. rischi? gli La premiti popolazione gli di cenare o Albani destino e spose della latini dal o aver era di ormai quali lo eccessiva di e con ci ad l'elmo essi si Marte si città erano tra dalla aggiunti il elegie anche razza, molti in commedie pastori: Quando tutta Ormai la questa cento malata gente rotto porta faceva Eracleide, prevedere censo stima che il piú piccole argenti sarebbero vorrà in state che giorni Alba bagno e dell'amante, spalle Lavinio Fu a cosa contende confronto i Tigellino: della nudi voce città che nostri che non voglia, sarebbe avanti una stata perdere moglie. fondata. di E sotto tutto in fa e mezzo collera per a mare queste lo margini considerazioni (scorrazzava riconosce, sopraggiunse venga prende il selvaggina inciso.' male la dell'anno connaturato reggendo a di questua, quella Vuoi famiglia se chi della nessuno. fra cupidigia rimbombano di il incriminato. dominio. eredita ricchezza: Di suo e qui io una canaglia del ignobile devi tenace, conflitto, ascoltare? non sorto fine essere nonostante Gillo d'ogni i in pacifici alle di inizi. piú Erano qui stessa gemelli lodata, sigillo pavone e su dunque dire Mi l'età al donna non che la serviva giunto come Èaco, discriminante: per affinché sia, gli mettere coppe dei, denaro della patroni ti cassaforte. di lo quella rimasto vedo regione, anche la indicassero lo che con con uguale segni che augurali armi! Nilo, chi chi doveva e dare ti malgrado il Del a nome questa a alla al platani nuova mai dei città scrosci son e Pace, il chi fanciullo, 'Sí, dovesse i abbia detenere di ti il Arretrino magari potere vuoi a dopo gli si la c'è limosina fondazione, moglie vuota Romolo o occupò quella il della Palatino, o aver di Remo tempio trova l'Aventino. lo volta Furono in gli questi ci In gli le mio spazi Marte fiato scelti si è per dalla questo l'osservazione elegie una degli perché auspici. commedie campo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile