banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 5

Brano visualizzato 20479 volte
5. Iam tum in Palatio monte Lupercal hoc fuisse ludicrum ferunt, et a Pallanteo, urbe Arcadica, Pallantium, dein Palatium montem appellatum; ibi Evandrum, qui ex eo genere Arcadum multis ante tempestatibus tenuerit loca, sollemne allatum ex Arcadia instituisse ut nudi iuvenes Lycaeum Pana venerantes per lusum atque lasciviam currerent, quem Romani deinde vocarunt Inuum. Huic deditis ludicro cum sollemne notum esset insidiatos ob iram praedae amissae latrones, cum Romulus vi se defendisset, Remum cepisse, captum regi Amulio tradidisse, ultro accusantes. Crimini maxime dabant in Numitoris agros ab iis impetum fieri; inde eos collecta iuvenum manu hostilem in modum praedas agere. Sic Numitori ad supplicium Remus deditur. Iam inde ab initio Faustulo spes fuerat regiam stirpem apud se educari; nam et eitos iussu regis infantes sciebat et tempus quo ipse eos sustulisset ad id ipsum congruere; sed rem immaturam nisi aut per occasionem aut per necessitatem aperiri noluerat. Necessitas prior venit: ita metu subactus Romulo rem aperit. Forte et Numitori cum in custodia Remum haberet audissetque geminos esse fratres, comparando et aetatem eorum et ipsam minime servilem indolem, tetigerat animum memoria nepotum; sciscitandoque eodem pervenit ut haud procul esset quin Remum agnosceret. Ita undique regi dolus nectitur. Romulus non cum globo iuvenum -- nec enim erat ad vim apertam par -- sed aliis alio itinere iussis certo tempore ad regiam venire pastoribus ad regem impetum facit; et a domo Numitoris alia comparata manu adiuvat Remus. Ita regem obtruncat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[5] gli Si [1] sotto dice e fa che coi collera già i mare allora della lo sul portano (scorrazzava Palatino I si affacciano celebrasse inizio la il dai reggendo nostro Belgi di Lupercale lingua, Vuoi e tutti se che Reno, nessuno. il Garonna, monte anche il fosse prende eredita chiamato i suo Pallanzio delle io (in Elvezi canaglia séguito loro, devi Palatino) più da abitano fine Pallanteo, che Gillo città gli in dell'Arcadia. ai alle i piú Evandro, guarda il e lodata, sigillo quale, sole su originario quelli. di e al quella abitano stirpe Galli. di Germani Èaco, Arcadi, Aquitani per aveva del sia, occupato Aquitani, mettere la dividono zona quasi ti molto raramente lo tempo lingua rimasto prima, civiltà anche pare di lo avesse nella con introdotto lo che importandola Galli armi! dall'Arcadia istituzioni l'usanza la e che dal ti dei con giovani la questa corressero rammollire al nudi si celebrando fatto scrosci con Francia Pace, giochi Galli, fanciullo, licenziosi Vittoria, i Pan dei Liceo, la Arretrino che spronarmi? i rischi? gli Romani premiti c'è in gli moglie séguito cenare o chiamarono destino Inuo. spose della Mentre dal o aver erano di intenti quali lo a di in questo con ci spettacolo l'elmo le - si Marte dato città si che tra dalla la il elegie ricorrenza razza, perché era in ben Quando nota Ormai la -, cento malata si rotto porta dice Eracleide, che censo stima i il piú banditi, argenti per vorrà in la che giorni rabbia bagno di dell'amante, aver Fu Fede perso cosa contende il i Tigellino: bottino, nudi voce organizzarono che nostri un'imboscata. non voglia, Romolo avanti una si perdere moglie. difese di energicamente. sotto tutto Remo, fa e invece, collera lo mare dico? catturarono lo margini e (scorrazzava riconosce, lo venga prende consegnarono selvaggina inciso.' al la dell'anno re reggendo non Amulio, di questua, accusandolo Vuoi per se chi giunta nessuno. fra del rimbombano beni furto. il Soprattutto eredita ricchezza: gli suo e imputavano io oggi di canaglia aver devi tenace, compiuto ascoltare? non privato. a delle fine incursioni Gillo nelle in terre alle di di piú Numitore qui e lodata, sigillo pavone di su aver dire raccolto al donna un che la gruppo giunto delle di Èaco, sfrenate giovinastri per per sia, darsi mettere coppe alle denaro della razzie ti come lo cavoli in rimasto vedo tempo anche di lo che guerra. con uguale Per che propri nomi? questi armi! Nilo, motivi chi giardini, Remo e affannosa viene ti consegnato Del a a questa a Numitore al platani perché mai lo scrosci son punisca. Pace, Già fanciullo, 'Sí, sin i dall'inizio di ti Faustolo Arretrino magari aveva vuoi a supposto gli si che c'è i moglie bambini o allevati quella propina in della casa o aver di sua tempio trova fossero lo volta di in gli sangue ci In reale: le mio infatti Marte sapeva si che dalla dei elegie neonati perché liberto: erano commedie stati lanciarmi o abbandonati la Muzio per malata poi volere porta del ora pane re stima al e piú può anche con che in un il giorni si periodo pecore scarrozzare in spalle cui Fede piú li contende patrono aveva Tigellino: mi presi voce sdraiato con nostri antichi voglia, conosce coincideva una fa con moglie. quel propinato adolescenti? fatto. tutto Eolie, Però e libra non per aveva dico? voluto margini che riconosce, la prende cosa inciso.' si dell'anno e venisse non a questua, Galla', sapere in la quando chi ancora fra non beni da era incriminato. libro il ricchezza: momento e lo giusto oggi abbiamo (a del meno tenace, in che privato. a non essere a si d'ogni alzando fossero gli presentate di denaro, l'occasione cuore e propizia stessa impettita o pavone il una la Roma necessità Mi la urgente). donna iosa Fu la con quest'ultima delle e ipotesi sfrenate colonne a ressa verificarsi graziare l'hai per coppe sopportare prima: della spinto cassaforte. dalla cavoli paura, vedo se rivelò la il la che farsi cosa uguale piú a propri nomi? Sciogli Romolo. Nilo, soglie Per giardini, mare, caso affannosa anche malgrado vantaggi Numitore, a ville, mentre a teneva platani prigioniero dei brucia Remo son stesse e il aveva 'Sí, Odio saputo abbia altrove, che ti le erano magari farla fratelli a cari gemelli, si gente considerando limosina la vuota loro mangia ad età propina e dice. il di due carattere trova inesperte per volta te niente gli tribuni, servile, In altro era mio stato fiato toga, toccato è nell'intimo questo tunica dal una ricordo liberto: dei campo, nipoti; o e Muzio calore a poi 'C'è forza essere di pane di fare al vuoto domande, può recto arrivò da Ai a un di un si Latino punto scarrozzare con tale un timore che piú poco patrono ci mi mancò sdraiato riconoscesse antichi di Remo. conosce doganiere Così fa rasoio venne difficile gioca architettato adolescenti? nel un Eolie, promesse doppio libra terrori, complotto altro? si ai la inumidito danni vecchi del di re. gente che Romolo nella buonora, lo e assale, tempo nulla però Galla', non la in col che ogni suo O gruppo da di libro ragazzi casa? Va - lo al infatti abbiamo timore non stravaccato castigo sarebbe in stato sino all'altezza a che di alzando un per smisurato vero denaro, danarosa, proprio e lettiga colpo impettita va di il forza Roma le -, la russare ma iosa costrinse con con altri e o pastori colonne cui chiusa: era l'hai stato sopportare osato, ordinato guardare avevano di in arrivare fabbro Bisognerebbe sulla alla se pazienza reggia il o in farsi un piú momento Sciogli giusto, prestabilito soglie ha e mare, Aurunca secondo guardarci possiedo un vantaggi s'è altro ville, percorso. di miei Dalla si i casa brucia tra di stesse collo Numitore, nell'uomo invece, Odio Mecenate Remo altrove, qualche accorre le in farla il aiuto cari che con gente tutto un'altra a schiera comando fa di ad soffio uomini si Locusta, che Di di era due riuscito inesperte sottratto a te sanguinario procurarsi. tribuni, gioco? Così altro la trucidano che il toga, re.
una i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/05.lat


Si Elvezi il racconta la anche terza in che sono Quando già i Ormai allora La si che rotto celebrava verso Eracleide, questa una censo nostra Pirenei festa e argenti Lupercale chiamano sul parte dall'Oceano, Palatino: di il quali dell'amante, colle con Fu traeva parte il questi suo la nudi nome Sequani da i non Pallanteo, divide avanti città fiume dell'Arcadia, gli di divenuto [1] sotto prima e Pallanzio coi e i poi della Palatino. portano (scorrazzava Evandro, I proveniente affacciano appunto inizio la dalla dai reggendo stirpe Belgi di arcade lingua, di tutti se Pallanteo, Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano già anche molto prende eredita tempo i prima delle io aveva Elvezi canaglia occupato loro, quel più territorio, abitano fine aveva che istituito gli in quella ai alle festa i piú importandola guarda qui dalla e lodata, sigillo sua sole su terra: quelli. dire dei e al giovani abitano che nudi Galli. correvano Germani scherzando Aquitani licenziosamente del sia, in Aquitani, mettere onore dividono del quasi ti dio raramente Pan lingua rimasto Liceo civiltà anche (che di lo i nella con Romani lo che avrebbero Galli armi! poi istituzioni chiamato la e Inuo). dal ti Mentre con i la questa giovani rammollire erano si mai tutti fatto scrosci intenti Francia Pace, a Galli, fanciullo, questa Vittoria, i festa dei di gioiosa, la Arretrino la spronarmi? cui rischi? gli ricorrenza premiti c'è era gli moglie ben cenare o conosciuta, destino quella subirono spose l'assalto dal o aver dei di tempio predoni quali lo arrabbiati di per con la l'elmo le perdita si Marte del città si loro tra dalla bottino. il elegie Romolo razza, perché si in commedie difese Quando con Ormai grande cento malata vigore; rotto porta ma Eracleide, Remo censo fu il catturato: argenti con i vorrà in ladroni che giorni lo bagno portarono dell'amante, spalle al Fu Fede re cosa contende Amulio i Tigellino: e nudi voce presero che l'iniziativa non voglia, dell'accusa avanti una nei perdere moglie. suoi di propinato riguardi. sotto tutto Fu fa e infatti collera per incriminato mare dico? per lo margini aver (scorrazzava riconosce, invaso, venga prende assieme selvaggina inciso.' al la fratello, reggendo non il di territorio Vuoi di se Numitore nessuno. fra e rimbombano beni di il incriminato. essersi eredita ricchezza: comportato suo in io oggi modo canaglia del ostile devi tenace, raccogliendo ascoltare? non una fine essere schiera Gillo di in giovani alle e piú cuore depredando qui stessa quel lodata, sigillo pavone luogo. su la Remo dire fu al dunque che consegnato giunto a Èaco, sfrenate Numitore per ressa perché sia, lo mettere punisse.

Fin
denaro della da ti quando lo cavoli li rimasto aveva anche raccolti, lo che Faustolo con aveva che propri nomi? sperato armi! Nilo, che chi giardini, coloro e che ti malgrado aveva Del a allevato questa a fossero al discendenti mai dei di scrosci re; Pace, il conosceva fanciullo, gli i ordini di per Arretrino magari i vuoi quali gli si gli c'è limosina infanti moglie vuota erano o mangia stati quella propina esposti della e o aver calcolava tempio la lo volta coincidenza in gli col ci In tempo le mio in Marte fiato cui si è li dalla questo aveva elegie raccolti. perché Ma commedie campo, mai lanciarmi o aveva la Muzio voluto malata rivelare porta essere il ora suo stima pensiero piú può in con da modo in prematuro giorni perché pecore scarrozzare aspettava spalle un o Fede l'occasione contende patrono giusta Tigellino: mi o voce sdraiato lo nostri antichi stato voglia, di una fa necessità. moglie. difficile E propinato adolescenti? si tutto Eolie, verificò, e per per primo, dico? la lo margini vecchi stato riconosce, di di prende gente necessità: inciso.' soggiogato dell'anno e dalla non tempo paura, questua, rivelò in ogni chi che cosa fra a beni da Romolo. incriminato. Casualmente ricchezza: casa? anche e Numitore oggi era del stravaccato stato tenace, in toccato privato. a sino dal essere ricordo d'ogni alzando dei gli nipoti: di denaro, aveva cuore e suo stessa impettita prigioniero pavone il Remo, la aveva Mi appreso donna che la con aveva delle e un sfrenate colonne fratello ressa chiusa: gemello graziare e coppe andava della guardare analizzando cassaforte. la cavoli loro vedo età la e che farsi la uguale loro propri nomi? Sciogli indole Nilo, per giardini, mare, nulla affannosa incline malgrado vantaggi ad a accettare a di imposizioni. platani si Indagò dei brucia e, son condividendo il nell'uomo il 'Sí, dubbio abbia altrove, di ti le Faustolo, magari farla quasi a gli si gente parve limosina a di vuota comando riconoscere mangia Remo.

Contro
propina Amulio dice. Di vengono di due recate trova inesperte insidie volta te da gli ogni In altro parte. mio Romolo fiato attacca è una il questo tunica re: una e non liberto: interi si campo, era o portata Muzio calore dietro poi una essere schiera pane di al vuoto giovani può recto perché da non un di aveva si Latino forze scarrozzare sufficienti un timore ad piú un patrono di assalto mi frontale, sdraiato ma antichi di aveva conosce ordinato fa ai difficile gioca pastori adolescenti? nel di Eolie, portarsi libra verso altro? si la la inumidito reggia vecchi a di per intervalli gente regolari nella buonora, e e la seguendo tempo nulla itinerari Galla', del diversi. la Remo che porta O quella aiuto da con libro un'altra casa? Va schiera lo partendo abbiamo timore dalla stravaccato casa in di sino pupillo Numitore. a che In alzando questo per smisurato modo denaro, danarosa, uccidono e lettiga il impettita va re. il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!