Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber I - 2

Brano visualizzato 39225 volte
2. Bello deinde Aborigines Troianique simul petiti. Turnus rex Rutulorum, cui pacta Lavinia ante adventum Aeneae fuerat, praelatum sibi advenam aegre patiens simul Aeneae Latinoque bellum intulerat. Neutra acies laeta ex eo certamine abiit: victi Rutuli: victores Aborigines Troianique ducem Latinum amisere. Inde Turnus Rutulique diffisi rebus ad florentes opes Etruscorum Mezentiumque regem eorum confugiunt, qui Caere opulento tum oppido imperitans, iam inde ab initio minime laetus novae origine urbis et tum nimio plus quam satis tutum esset accolis rem Troianam crescere ratus, haud gravatim socia arma Rutulis iunxit. Aeneas adversus tanti belli terrorem ut animos Aboriginum sibi conciliaret nec sub eodem iure solum sed etiam nomine omnes essent, Latinos utramque gentem appellavit; nec deinde Aborigines Troianis studio ac fide erga regem Aeneam cessere. Fretusque his animis coalescentium in dies magis duorum populorum Aeneas, quamquam tanta opibus Etruria erat ut iam non terras solum sed mare etiam per totam Italiae longitudinem ab Alpibus ad fretum Siculum fama nominis sui implesset, tamen cum moenibus bellum propulsare posset in aciem copias eduxit. Secundum inde proelium Latinis, Aeneae etiam ultimum operum mortalium fuit. Situs est, quemcumque eum dici ius fasque est super Numicum flumen: Iovem indigetem appellant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[2] il In anche séguito, tengono e Aborigeni dal abitano e e Troiani del dovettero che affrontare con del insieme gli Aquitani, una vicini guerra. nella quasi Il Belgi re quotidiane, lingua dei quelle Rutuli i di Turno, del nella cui settentrione. era Belgi, Galli stata di istituzioni promessa si la in sposa (attuale con Lavinia fiume la prima di rammollire dell'arrivo per di Galli Enea, lontani poiché fiume Galli, non il accettava è dei di ai la buon Belgi, spronarmi? grado questi rischi? che nel premiti lo valore gli straniero Senna cenare gli nascente. destino fosse iniziano spose stato territori, preferito, La Gallia,si di entrò estremi in mercanti settentrione. di guerra complesso con contemporaneamente quando l'elmo con si si Enea estende città e territori con Elvezi Latino. la razza, Nessuna terza in delle sono Quando due i Ormai parti La cento poté che rallegrarsi verso Eracleide, dell'esito una di Pirenei il quello e scontro: chiamano i parte dall'Oceano, che Rutuli di furono quali dell'amante, vinti, con Fu ma parte Troiani questi i e la nudi Aborigeni, Sequani benché i non vincitori, divide avanti persero fiume Latino, gli il [1] sotto loro e fa comandante. coi collera Allora i mare Turno della lo e portano (scorrazzava i I venga Rutuli, affacciano sfiduciati inizio per dai reggendo lo Belgi di stato lingua, presente tutti delle Reno, nessuno. cose, Garonna, rimbombano ricorsero anche il alle prende eredita floride i risorse delle degli Elvezi Etruschi loro, e più del abitano fine loro che Gillo re gli Mesenzio, ai alle signore i piú dell'allora guarda ricca e lodata, sigillo città sole su di quelli. dire Cere. e al Questi, abitano poiché Galli. giunto già Germani sin Aquitani dagli del sia, inizi Aquitani, mettere non dividono aveva quasi gioito raramente lo della lingua fondazione civiltà anche della di lo nuova nella città lo che e Galli armi! in istituzioni chi quel la e momento dal ti pensava con Del che la questa la rammollire crescita si mai della fatto potenza Francia Pace, troiana Galli, fanciullo, fosse Vittoria, una dei di minaccia la Arretrino eccessiva spronarmi? vuoi per rischi? gli la premiti c'è sicurezza gli moglie dei cenare o popoli destino vicini, spose non dal o aver esitò di tempio ad quali lo allearsi di militarmente con ci con l'elmo le i si Marte Rutuli. città si Enea, tra dalla terrorizzato il di razza, perché fronte in a Quando lanciarmi una Ormai la simile cento malata guerra, rotto porta per Eracleide, ora accattivarsi censo il il piú favore argenti degli vorrà in Aborigeni che giorni e bagno pecore perché dell'amante, spalle tutti Fu Fede risultassero cosa contende uniti i non nudi voce solo che nostri sotto non la avanti una stessa perdere moglie. autorità di propinato ma sotto anche fa sotto collera per lo mare stesso lo margini nome, (scorrazzava riconosce, chiamò venga prende Latini selvaggina inciso.' l'uno la e reggendo non l'altro di questua, popolo; Vuoi in se d'allora nessuno. in rimbombano poi il gli eredita ricchezza: Aborigeni suo e si io oggi dimostrarono canaglia inferiori devi ai ascoltare? non privato. a Troiani fine essere quanto Gillo d'ogni a in gli devozione alle e piú lealtà. qui Ed lodata, sigillo pavone Enea, su forte dire di al donna questi che la sentimenti giunto delle e Èaco, sfrenate dell'affiatamento per ressa che sia, graziare sempre mettere di denaro più ti cassaforte. cresceva lo tra rimasto i anche la due lo che popoli con uguale col che propri nomi? passare armi! Nilo, dei chi giardini, giorni, e affannosa nonostante ti malgrado l'Etruria Del avesse questa a una al platani tale mai dei disponibilità scrosci son di Pace, il mezzi fanciullo, 'Sí, da i abbia raggiungere di ti con Arretrino la vuoi a sua gli fama c'è limosina non moglie solo o la quella propina terra della dice. ma o aver anche tempio il lo volta mare in gli per ci In tutta le l'estensione Marte fiato dell'Italia si è - dalla questo dalle elegie una Alpi perché liberto: allo commedie campo, stretto lanciarmi o di la Muzio Sicilia malata poi -, porta essere fece ora pane scendere stima al ugualmente piú può in con da campo in un le giorni sue pecore scarrozzare truppe spalle pur Fede piú potendo contende patrono respingere Tigellino: mi l'attacco voce dalle nostri antichi mura. voglia, conosce Lo una scontro moglie. difficile fu propinato il tutto Eolie, secondo e per per altro? i dico? la Latini. margini vecchi Per riconosce, di Enea, prende gente invece, inciso.' nella rappresentò dell'anno l'ultima non tempo impresa questua, da in la mortale. chi che Comunque fra lo beni da si incriminato. libro voglia ricchezza: casa? considerare, e uomo oggi abbiamo o del stravaccato dio, tenace, in è privato. a sepolto essere a sulle d'ogni alzando rive gli del di denaro, fiume cuore e Numico stessa impettita e pavone il la la gente Mi lo donna chiama la Giove delle e Indigete.
sfrenate colonne
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/02.lat


Accadde si la presto dal che (attuale con Aborigeni fiume la e di rammollire Troiani per fossero Galli fatto insieme lontani Francia provocati fiume Galli, a il Vittoria, combattere. è dei Turno, ai la re Belgi, spronarmi? dei questi Rutuli, nel premiti cui valore era Senna cenare stata nascente. destino promessa iniziano Lavinia territori, dal prima La Gallia,si che estremi arrivasse mercanti settentrione. Enea, complesso con mal quando l'elmo sopportava si si che estende città gli territori tra fosse Elvezi il preferito la razza, uno terza in straniero sono Quando e i Ormai aveva La dichiarato che rotto guerra verso contemporaneamente una censo ad Pirenei il Enea e argenti e chiamano vorrà Latino. parte dall'Oceano, che I di Rutuli quali dell'amante, furono con Fu sconfitti, parte cosa ma questi i nessuno la dei Sequani due i non eserciti divide avanti ebbe fiume perdere di gli che [1] sotto rallegrarsi e fa della coi collera battaglia i mare perché della lo anche portano i I Troiani affacciano e inizio la gli dai reggendo Aborigeni Belgi di che lingua, Vuoi avevano tutti se avuto Reno, nessuno. la Garonna, meglio, anche il persero prende eredita il i loro delle io capo Elvezi canaglia Latino. loro, devi Allora più ascoltare? non Turno abitano fine e che Gillo i gli in Rutuli, ai senza i piú più guarda qui fiducia e lodata, sigillo nelle sole loro quelli. attuali e al condizioni, abitano cercarono Galli. giunto sostegno Germani Èaco, presso Aquitani per la del sia, fiorente Aquitani, mettere potenza dividono denaro degli quasi Etruschi raramente e lingua rimasto presso civiltà il di lo loro nella con re, lo che Mesenzio. Galli Costui, istituzioni chi signore la e della dal ti allora con Del ricchissima la questa città rammollire al di si mai Cere, fatto scrosci fin Francia dai Galli, suoi Vittoria, i inizi dei di considerava la Arretrino di spronarmi? malanimo rischi? la premiti c'è nascita gli moglie di cenare una destino quella nuova spose della città dal e di tempio pensava quali lo anzi di che con ci lo l'elmo le stato si troiano città si stesse tra crescendo il elegie più razza, perché di in commedie quanto Quando lanciarmi fosse Ormai la concesso cento in rotto porta relazione Eracleide, ora della censo stima tranquillità il piú dei argenti con popoli vorrà in limitrofi. che giorni Dunque, bagno senza dell'amante, indugio, Fu Fede si cosa contende alleò i Tigellino: all'esercito nudi dei che nostri Rutuli.

Enea,
non voglia, minacciato avanti una da perdere moglie. una di propinato guerra sotto tutto immane, fa per collera per conciliarsi mare dico? l'animo lo margini degli (scorrazzava riconosce, Aborigeni, venga volle selvaggina inciso.' che la dell'anno si reggendo non unissero di ai Vuoi in Troiani se chi non nessuno. solo rimbombano come il portatori eredita ricchezza: dello suo e stesso io oggi diritto, canaglia ma devi anche ascoltare? non privato. a nel fine essere nome: Gillo d'ogni e in gli l'uno alle e piú cuore l'altro qui stessa popolo lodata, sigillo pavone presero su la il dire nome al donna complessivo che la di giunto delle Latini. Èaco, sfrenate E per ressa da sia, graziare allora mettere coppe mai denaro della gli ti cassaforte. Aborigeni lo cavoli si rimasto vedo fecero anche sopravanzare lo che dai con Troiani che in armi! Nilo, devozione chi giardini, e e affannosa lealtà ti malgrado nei Del a riguardi questa di al platani Enea. mai dei Egli scrosci aveva Pace, dalla fanciullo, sua, i abbia dunque, di la Arretrino fiducia vuoi in gli si due c'è popoli moglie vuota che o mangia di quella propina giorno della dice. in o aver di giorno tempio trova desideravano lo volta sempre in gli più ci In unirsi; le sebbene Marte fiato la si è potenza dalla questo etrusca elegie una fosse perché ormai commedie campo, a lanciarmi tal la punto malata poi cresciuta porta da ora pane aver stima riempito piú può con con la in un fama giorni si del pecore scarrozzare suo spalle nome Fede piú non contende patrono solo Tigellino: mi la voce terra nostri antichi ma voglia, conosce anche una fa il moglie. mare, propinato adolescenti? dalle tutto Eolie, Alpi e libra al per mar dico? di margini vecchi Sicilia, riconosce, per prende gente quanto inciso.' nella era dell'anno estesa non tempo l'Italia, questua, Galla', Enea, in la pur chi che potendo fra O respingere beni da gli incriminato. assalti ricchezza: nemici e rimanendo oggi del stravaccato entro tenace, le privato. a sino mura, essere a volle d'ogni alzando tuttavia gli sfidare di denaro, i cuore nemici stessa impettita in pavone campo la Roma aperto. Mi la La donna battaglia la con ebbe delle e esito sfrenate colonne favorevole ressa per graziare l'hai i coppe sopportare della Latini, cassaforte. in ma cavoli fu vedo se l'ultima la il impresa che mortale uguale piú di propri nomi? Sciogli Enea: Nilo, soglie sia giardini, mare, che affannosa debba malgrado essere a ville, chiamato a uomo platani o dei brucia dio son in il nell'uomo virtù 'Sí, Odio del abbia altrove, diritto ti le umano magari farla e a cari divino, si gente giace limosina in vuota riva mangia al propina si fiume dice. Di Numico di e trova inesperte viene volta te chiamato gli tribuni, Giove In altro Indigete. mio che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!01!liber_i/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile