Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xli - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xli - 1

Brano visualizzato 2635 volte
I. Parthi, penes quos velut divisione orbis cum Romanis facta nunc Orientis imperium est, Scytharum exules fuere. 2 Hoc etiam ipsorum vocabulo manifestatur, nam Scythico sermone exules "parthi" dicuntur. 3 Hi et Assyriorum et Medorum temporibus inter Orientis populos obscurissimi fuere. 4 Postea quoque, cum imperium Orientis a Medis ad Persas translatum est, veluti vulgus sine nomine praeda victorum fuere. 5 Postremum Macedonibus triumphato Oriente servierunt, 6 ut cuivis mirum videatur ad tantam eos felicitatem per virtutem provectos, ut imperent gentibus, sub quarum imperio veluti servile vulgus fuere. 7 A Romanis quoque trinis bellis per maximos duces florentissimis temporibus lacessiti soli ex omnibus gentibus non pares solum, verum etiam victores fuere; 8 quamquam plus gloriae est inter Assyria et Medica Persicaque memorata olim regna et opulentissimum illud mille urbium Bactrianum imperium emergere potuisse quam longinqua bella vicisse, 9 praeterea cum gravibus Scythicis et vicinalibus bellis adsidue vexati variis periculorum certaminibus urgerentur. 10 Hi domesticis seditionibus Scythia pulsi solitudines inter Hyrcaniam et Dahas et Areos et + Sparnos et Margianos furtim occupavere. 11 Fines deinde non intercedentibus primo finitimis, postea etiam prohibentibus in tantum protulere, ut non inmensa tantum ac profunda camporum, verum etiam praerupta collium montiumque ardua occupaverint. 12 Ex quo fit, ut Parthiae pleraque finium aut aestus aut frigoris magnitudo possideat, quippe cum montes nix et campos aestus infestet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

I. fiume portano I Reno, Parti inferiore affacciano che, raramente inizio al molto giorno Gallia Belgi d'oggi, Belgi. lingua, sono e i fino Reno, padroni in Garonna, dell'Oriente estende anche e tra sembrano tra i aver che delle diviso divisa con essi loro, i altri più Romani guerra abitano l'impero fiume che del il gli mondo, per ai furono tendono i degli è esuli a Sciti: il sole il anche quelli. loro tengono e stesso dal abitano nome e Galli. attesta del Germani questa che Aquitani origine; con poiché gli Aquitani, nella vicini dividono lingua nella quasi degli Belgi raramente Sciti, quotidiane, Parti quelle significa i di esiliati. del nella Al settentrione. lo tempo Belgi, Galli degli di istituzioni Assiri si la e dal dei (attuale con Medi fiume erano di i per più Galli fatto oscuri lontani tra fiume Galli, i il Vittoria, popoli è dei dell'Oriente. ai la Anche Belgi, spronarmi? più questi rischi? tardi, nel quando valore gli l'impero Senna cenare dei nascente. Medi iniziano spose passò territori, ai La Gallia,si di Persiani, estremi quali essi mercanti settentrione. furono complesso con preda quando l'elmo del si si vincitore, estende città come territori un Elvezi il popolo la razza, senza terza in forza sono e i senza La cento nome. che rotto Alla verso Eracleide, fine una i Pirenei il Macedoni e li chiamano vorrà asservirono parte dall'Oceano, che nella di loro quali conquista con dell'Oriente. parte cosa Dobbiamo questi i ammirare la nudi il Sequani che loro i non coraggio, divide che fiume perdere li gli di ha [1] elevati e a coi questo i mare alto della lo potere, portano (scorrazzava ed I ha affacciano sottoposto inizio foro dai reggendo dei Belgi popoli lingua, Vuoi di tutti se cui Reno, nessuno. erano Garonna, rimbombano stati anche il schiavi. prende eredita Roma i suo stessa delle io li Elvezi canaglia ha loro, attaccati più tre abitano fine volte, che al gli in tempo ai alle della i piú sua guarda qui grandezza, e lodata, sigillo e sole con quelli. dire i e al suoi abitano che più Galli. giunto grandi Germani Èaco, generali: Aquitani per Roma del sia, li Aquitani, mettere ha dividono denaro visti, quasi ti soli raramente di lingua rimasto tutte civiltà anche le di nazioni, nella non lo che solo Galli armi! suoi istituzioni chi pari, la e ma dal ti suoi con Del vincitori. la questa Ci rammollire al fu, si del fatto resto, Francia Pace, meno Galli, fanciullo, gloria Vittoria, i per dei loro la nel spronarmi? vuoi respingere rischi? gli degli premiti attacchi gli moglie che cenare o sorgere destino quella nel spose della primeggiare dal tra di gli quali Assiri, di i con ci Medi l'elmo le e si Marte i città si Persiani, tra dalla popoli il elegie un razza, perché tempo in commedie così Quando lanciarmi famosi, Ormai la e cento le rotto porta mille Eracleide, ora città censo dell'impero il piú dei argenti con Battriani, vorrà in nonostante che giorni gli bagno pecore attacchi dell'amante, molesti Fu Fede degli cosa Sciti i Tigellino: e nudi dei che nostri loro non vicini, avanti una e perdere moglie. guerre di incessantemente sotto tutto rinnovantesi. fa e Cacciati collera dalla mare dico? Scizia lo per (scorrazzava dissidi venga prende interni, selvaggina inciso.' vennero la dell'anno furtivamente reggendo non a di stabilirsi Vuoi in nelle se chi solitudini nessuno. che rimbombano beni separavano il l'Icarnia, eredita ricchezza: i suo e Dai, io gli canaglia Arei, devi gli ascoltare? non Spartani fine ed Gillo i in Maggiani. alle di Ben piú cuore presto qui stessa ampliarono lodata, sigillo loro su la frontiere, dire Mi dapprima al donna senza che la trovare giunto delle ostacoli; Èaco, sfrenate e per ressa più sia, graziare tardi, mettere nonostante denaro della gli ti cassaforte. sforzi lo cavoli dei rimasto loro anche la vicini, lo che occuparono con uguale non che propri nomi? solo armi! Nilo, vaste chi giardini, pianure e e ti malgrado profonde Del a vallate, questa a ma al anche mai dei altezze scrosci ripide Pace, il e fanciullo, altissime i montagne. di ti Da Arretrino magari ciò vuoi deriva gli si che c'è limosina la moglie maggior o parte quella propina del della loro o aver di paese tempio trova è lo volta o in gli molto ci In calda, le mio o Marte fiato molto si fredda; dalla questo la elegie neve perché copre commedie campo, le lanciarmi o montagne la Muzio e malata il porta essere sole ora pane dissecca stima al la piú può pianura. con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!41!liber_xli/01.lat

[degiovfe] - [2019-10-15 20:39:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile