Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xxxiv - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xxxiv - 3

Brano visualizzato 712 volte
III. Mittitur itaque legatus Popilius ad Antiochum, qui abstinere illum Aegypto aut, si iam incessisset, excedere iuberet. 2 Cum in Aegypto eum invenisset osculumque ei rex obtulisset (nam coluerat inter ceteros Popilium Antiochus, cum obses Romae esset), tunc Popilius facessere interim privatam amicitiam iubet, cum mandata patriae intercedant; 3 prolatoque senatus decreto et tradito, cum cunctari eum videret consultationemque ad amicos referre, ibi Popilius virga, quam in manu gerebat, amplo circulo inclusum, ut amicos caperet, consulere eos iubet nec prius inde exire, quam responsum senatui daret, aut pacem aut bellum cum Romanis habiturum. 4 Adeoque haec austeritas animum regis fregit, ut pariturum se senatui responderet. 5 Reversus in regnum Antiochus decedit relicto parvulo admodum filio, 6 cui cum tutores dati a populo essent, patruus eius Demetrius, qui obses Romae erat, cognita morte fratris Antiochi senatum adiit: obsidem se vivo fratre venisse, quo mortuo cuius obses sit, se ignorare. 7 Dimitti igitur se ad regnum petendum aequum esse, quod, sicut iure gentium maiori fratri cesserit, ita nunc sibi, qui pupillum aetate antecedat, deberi. 8 Cum se non dimitti animadverteret a senatu, tacito iudicio tutius apud pupillum quam apud eum regnum futurum arbitrante, specie venandi ab urbe profectus Ostiis tacitus cum fugae comitibus navem conscendit. 9 Delatus in Syriam secundo favore omnium excipitur, regnumque ei occiso pupillo ac tutoribus traditur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

III. guerra abitano Così fiume che Popilio il gli fu per ai mandato tendono alla è guarda corte a di il sole Antioclo, anche quelli. tengono e per dal ordinare e Galli. al del Germani re che Aquitani di con del rispettare gli Aquitani, l'Egitto, vicini dividono o nella quasi di Belgi raramente lasciare quotidiane, lingua l'Egitto, quelle se i di fosse del nella già settentrione. lì. Belgi, Popilio di lo si la trovò in (attuale con Egitto, fiume e di rammollire il per principe, Galli il lontani Francia quale, fiume essendo il stato è dei ostaggio ai a Belgi, spronarmi? Roma, questi aveva nel premiti formato valore gli con Senna lui nascente. destino stretti iniziano legami, territori, avvicinandosi La Gallia,si per estremi quali abbracciarlo, mercanti settentrione. di l'inviato complesso con romano quando fa si tacere estende i territori tra suoi Elvezi il sentimenti la razza, privati terza difronte sono agli i Ormai ordini La della che rotto sua verso Eracleide, patria, una censo e Pirenei il gli e presenta chiamano il parte dall'Oceano, che decreto di bagno del quali Senato. con Vedendolo parte cosa esitare questi i e la rinviare Sequani che il i non caso divide avanti alla fiume perdere decisione gli di del [1] sotto consiglio e fa di coi collera questo i caso, della lo con portano un'asticella I venga affacciano selvaggina che inizio la teneva dai reggendo in Belgi di mano, lingua, Vuoi traccia tutti se intorno Reno, al Garonna, rimbombano re anche un prende eredita cerchio i suo grande delle io abbastanza Elvezi per loro, devi contenere più ascoltare? non anche abitano fine i che Gillo suoi gli in cortigiani, ai alle proibendogli i piú di guarda qui uscirne e lodata, sigillo senza sole su prima quelli. dire aver e al risposto abitano che al Galli. giunto senato Germani Èaco, ed Aquitani per avere del sia, dichiarato Aquitani, mettere se dividono vuole quasi essere raramente in lingua rimasto pace civiltà anche o di lo in nella guerra lo con Galli Roma. istituzioni chi Spaventato la e da dal ti questa con Del fermezza, la Antioco rammollire al promette si di fatto scrosci obbedire. Francia Pace, Di Galli, fanciullo, ritorno Vittoria, i nei dei suoi la Arretrino stati, spronarmi? vuoi morì rischi? ben premiti presto, gli moglie lasciando cenare un destino quella figlio spose della in dal o aver tenera di età. quali lo Avendo di in il con ci popolo l'elmo le nominato si Marte un città si tutore tra dalla a il elegie questo razza, perché giovane in principe, Quando Demetrio, Ormai la suo cento malata zio rotto porta paterno, Eracleide, ora che censo stima era il piú un argenti con ostaggio vorrà in a che giorni Roma, bagno pecore informato dell'amante, della Fu Fede morte cosa contende del i Tigellino: fratello nudi voce Antioclo, che nostri si non voglia, presenta avanti una al perdere Senato, di propinato e sotto dichiara fa e che collera per essendo mare dico? morto lo margini suo (scorrazzava riconosce, fratello, venga prende al selvaggina posto la dell'anno del reggendo quale di si Vuoi in era se consegnato nessuno. fra in rimbombano beni ostaggio, il incriminato. eredita ricchezza: non suo e vede io più canaglia del a devi tenace, che ascoltare? non privato. a titolo fine essere lo Gillo d'ogni si in trattenesse alle di a piú cuore Roma; qui che lodata, sigillo se, su la secondo dire Mi la al legge che la delle giunto nazioni, Èaco, egli per ressa aveva sia, graziare ceduto mettere coppe la denaro della corona ti cassaforte. a lo cavoli un rimasto vedo fratello anche la maggiore, lo ora con ha che propri nomi? il armi! Nilo, diritto chi giardini, di e affannosa reclamarla ti malgrado contro Del a un questa a fanciullo al platani più mai dei giovane scrosci di Pace, il lui; fanciullo, 'Sí, poi, i abbia vedendo di il Arretrino magari senato vuoi a gli si opporsi c'è alla moglie sua o partenza quella propina e della pensare o aver in tempio trova segreto lo volta che in gli era ci meglio le lasciare Marte la si corona dalla questo al elegie una fanciullo perché che commedie campo, darla lanciarmi o a la Muzio lui, malata poi egli porta lascia ora pane la stima al città piú può con con il in un pretesto giorni si della pecore scarrozzare caccia, spalle e Fede piú in contende patrono segreto Tigellino: mi si voce imbarca nostri ad voglia, conosce Ostia una con moglie. difficile alcuni propinato adolescenti? compagni. tutto Eolie, Arrivati e in per altro? Siria, dico? la tutti margini vecchi si riconosce, di affrettano prende gente ad inciso.' nella accoglierlo: dell'anno fa non tempo morire questua, Galla', il in la giovane chi che principe, fra O ed beni da i incriminato. libro tutori ricchezza: gli e lo consegnano oggi abbiamo lo del stravaccato scettro. tenace,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!34!liber_xxxiv/03.lat

[degiovfe] - [2019-10-09 20:43:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile