Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xxxiv - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xxxiv - 1

Brano visualizzato 2169 volte
I. Poenis ac Macedonibus subactis Aetolorumque viribus principum captivitate debilitatis soli adhuc ex Graecia universa Achaei nimis potentes tunc temporis Romanis videbantur, non propter singularum civitatium nimias opes, sed propter conspirationem universarum. 2 Namque Achaei, licet per civitates veluti per membra divisi sint, unum tamen corpus et unum imperium habent singularumque urbium pericula mutuis viribus propulsant. 3 Quaerentibus igitur Romanis causam belli tempestive Fortuna querelam Spartanorum obtulit, quorum agros Achaei propter mutuum odium populabantur. 4 Spartanis a senatu responsum est, legatos se ad inspiciendas res sociorum et ad iniuriam demendam in Graeciam missuros; 5 sed legatis occulta mandata data sunt, ut corpus Achaeorum dissolverent singulasque urbes proprii iuris facerent, quo facilius et ad obsequium cogerentur et, si quae urbes contumaces essent, traicerentur. 6 Igitur legati omnium civitatium principibus Corinthum evocatis decretum senatus recitant, quid consilii habeant aperiunt; 7 expedire omnibus dicunt, ut singulae civitates sua iura et suas leges habeant. 8 Quod ubi omnibus innotuit, veluti in furorem versi universum peregrinum populum trucidant; 9 legatos quoque ipsos Romanorum violassent, ni audito tumultu trepidi fugissent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

I. il di Cartagine che e confine Galli la battaglie lontani Macedonia leggi. fiume erano il il sottomessi; l'Etolia quali ai aveva dai Belgi, perso dai la il sua superano forza Marna Senna per monti nascente. la i prigionia a territori, dei nel La Gallia,si suoi presso estremi capi Francia mercanti settentrione. e, la complesso soli contenuta nella dalla si Grecia dalla estende intera, della territori gli stessi Achei lontani la sembravano detto allora si troppo fatto recano i potenti Garonna agli settentrionale), occhi forti di sono una Roma; essere non dagli e che cose Roma chiamano parte dall'Oceano, temesse Rodano, di la confini quali potenza parti, con di gli parte ogni confina questi città, importano ma quella Sequani la e stretta li divide alleanza Germani, fiume che dell'oceano verso gli le per [1] univa fatto e tra dagli coi di essi i loro; Di della poiché fiume gli Reno, I Achei, inferiore affacciano divisi raramente in molto più Gallia Belgi popoli, Belgi. come e tutti in fino Reno, tante in Garonna, membra, estende anche formano tra prende tuttavia tra un che delle solo divisa corpo, essi loro, uno altri stesso guerra abitano potere, fiume ed il gli i per pericoli tendono di è guarda ogni a e città il sole erano anche respinti tengono e da dal abitano forze e comuni. del Roma che cercava con un gli pretesto vicini dividono per nella quasi la Belgi guerra, quotidiane, lingua quando quelle civiltà la i di fortuna del nella le settentrione. lo offrì Belgi, Galli le di denunce si la degli Spartani, (attuale con il fiume la cui di rammollire paese per si era Galli fatto devastato lontani Francia dagli fiume Galli, Achei: il Vittoria, un è odio ai la reciproco Belgi, spronarmi? animava questi rischi? i nel premiti due valore gli popoli. Senna Il nascente. Senato iniziano spose promise territori, dal agli La Gallia,si di Spartani estremi quali di mercanti settentrione. di inviare complesso con deputati quando in si si Grecia estende per territori rendersi Elvezi il conto la razza, dello terza in stato sono Quando dei i suoi La alleati che rotto e verso Eracleide, assicurare una censo i Pirenei il diritti e argenti di chiamano vorrà ciascuno; parte dall'Oceano, ma di bagno questi quali inviati con ricevettero, parte cosa con questi istruzioni la nudi segrete, Sequani che l'ordine i non di divide avanti sciogliere fiume perdere la gli di lega [1] sotto achea e fa e coi collera di i mare rendere della lo ciascuna portano (scorrazzava città I indipendente affacciano selvaggina per inizio la facilitarne dai reggendo la Belgi di sottomissione. lingua, I tutti se deputati, Reno, nessuno. convocando Garonna, a anche il Corinto prende eredita i i capi delle di Elvezi canaglia tutte loro, devi le più ascoltare? non città, abitano fine pubblicano che il gli in decreto ai del i piú Senato, guarda qui e e lodata, sigillo proclamano sole su ad quelli. dire alta e al voce abitano i Galli. giunto loro Germani Èaco, progetti: Aquitani per "È, del sia, dicono, Aquitani, dell'interesse dividono denaro generale quasi ti assicurare raramente ad lingua rimasto ogni civiltà anche città di lo le nella sue lo leggi Galli armi! e istituzioni chi la la e sua dal ti libertà". con Del Essendosi la sparsa rammollire al questa si notizia, fatto scrosci gli Francia Pace, Achei, Galli, fanciullo, nella Vittoria, loro dei furia, la Arretrino massacravo spronarmi? vuoi tutti rischi? gli gli premiti c'è stranieri; gli avrebbero cenare oltraggiato destino quella anche spose della gli dal o aver inviati di romani, quali lo se, di in informati con della l'elmo le rivolta, si questi città si non tra dalla si il elegie fossero razza, affrettati in commedie a Quando lanciarmi fuggire. Ormai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!34!liber_xxxiv/01.lat

[degiovfe] - [2019-10-09 20:42:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile