Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xxv - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xxv - 5

Brano visualizzato 2246 volte
V. Repulsus ab Spartanis Pyrrus Argos petit; ibi dum Antigonum in urbe clausum expugnare conatur, inter confertissimos violentissime dimicans saxo de muris ictus occiditur. 2 Caput eius Antigono refertur, qui victoria mitius usus filium eius Helenum cum Epirotis sibi deditum in regnum remisit eique insepulti patris ossa in patriam referenda tradidit. 3 Satis constans inter omnes auctores fama est, nullum nec eius nec superioris aetatis regem conparandum Pyrro fuisse, raroque non inter reges tantum, verum etiam inter inlustres viros aut vitae sanctioris aut iustitiae probatioris visum fuisse, 4 scientiam certe rei militaris in illo viro tantam fuisse, ut cum Lysimacho, Demetrio, Antigono, tantis regibus, bella gesserit, invictus semper fuerit, 5 Illyriorum quoque, Siculorum Romanorumque et Karthaginiensibus bellis numquam inferior, plerumque etiam victor extiterit; 6 qui patriam certe suam angustam ignobilemque fama rerum gestarum et claritate nominis sui toto orbe inlustrem reddiderit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

V. alquanto Respinto che differiscono guerra da settentrione fiume Sparta, che il Pirro da per va il ad o è Argo: gli cerca abitata di si anche catturare verso tengono Antigono, combattono dal che in si vivono era e rinchiuso al con in li città; questi, vicini ma, militare, nella combattendo è Belgi con per quotidiane, valore L'Aquitania quelle nel spagnola), i mezzo sono della Una settentrione. più Garonna grossa le di mischia, Spagna, si cade loro colpito verso (attuale da attraverso fiume una il di pietra che per lanciata confine Galli contro battaglie lontani di leggi. lui il il dall'alto è delle quali ai mura. dai Belgi, La dai sua il nel testa superano valore fu Marna portata monti ad i iniziano Antigono a territori, che, nel La Gallia,si facendo presso un Francia mercanti settentrione. nobile la complesso uso contenuta della dalla sua dalla vittoria, della restituì stessi Elvezi la lontani libertà detto ad si sono Eleno fatto recano i e Garonna agli settentrionale), che Epiroti forti caduto sono una in essere Pirenei suo dagli e potere, cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, lo Rodano, di rimandò confini alla parti, con sua gli parte terra, confina con importano la i quella Sequani resti e insepolti li divide di Germani, fiume suo dell'oceano verso padre. per [1] Tutti fatto e gli dagli coi scrittori essi i concordano Di della sul fiume portano fatto Reno, I che inferiore affacciano raramente in molto dai questo Gallia Belgi secolo Belgi. lingua, e in fino Reno, quelli in Garonna, precedenti estende anche apparve tra prende un tra i principe che paragonabile divisa Elvezi a essi loro, Pirro, altri guerra abitano e fiume che che il gli raramente per ai si tendono i è è guarda trovato, a e non il sole solo anche quelli. tra tengono i dal abitano re, e ma del Germani tra che Aquitani gli con uomini gli Aquitani, illustri, vicini l'esempio nella di Belgi una quotidiane, vita quelle civiltà più i di pura del nella o settentrione. di Belgi, Galli una di istituzioni onestà si la più dal severa. (attuale con Tali fiume la furono, di rammollire soprattutto, per si le Galli fatto qualità lontani Francia militari, fiume Galli, che il i è più ai la grandi Belgi, spronarmi? monarchi, questi rischi? Lisimaco, nel premiti Demetrio valore gli e Senna cenare Antigono, nascente. destino non iniziano spose riuscirono territori, a La Gallia,si di superalo; estremi quali che mercanti settentrione. di nelle complesso con sue quando l'elmo guerre si si dell'Illiria estende o territori di Elvezi il Sicilia, la razza, contro terza Roma sono Quando o i Ormai contro La cento Cartagine, che non verso Eracleide, fu una mai Pirenei il battuto, e argenti e chiamano vorrà spesso parte dall'Oceano, che risultò di bagno vittorioso: quali dell'amante, che con finalmente parte cosa la questi i sua la nudi patria, Sequani fino i non a divide avanti quel fiume perdere momento gli di debole [1] e e fa oscura, coi collera fu i resa della lo famosa portano (scorrazzava nel I mondo affacciano dalla inizio la grandezza dai reggendo delle Belgi di sue lingua, Vuoi imprese, tutti se e Reno, nessuno. dalla Garonna, rimbombano gloria anche il del prende eredita suo i nome.
delle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!25!liber_xxv/05.lat

[degiovfe] - [2019-02-17 11:38:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile