banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xvii - 1

Brano visualizzato 1918 volte
I. Per idem ferme tempus Hellesponti et Chersonesi regionibus terrae motus fuit, 2 maxime tamen Lysimachia urbs, ante duos et XX annos a Lysimacho rege condita, eversa est. 3 Quod portentum dira Lysimacho stirpique eius ac regni ruinam cum clade vexatarum regionum portendebat. 4 Nec ostentis fides defuit, nam brevi post tempore Agathoclem, filium suum, quem in successionem regni ordinaverat, per quem multa bella prospere gesserat, non solum ultra patrium, verum etiam ultra humanum morem perosus ministra Arsinoe noverca veneno interfecit. 5 Haec illi prima mali labes, hoc initium inpendentis ruinae fuit. 6 Nam parricidium principum secutae caedes sunt luentium supplicia, quod occisum iuvenem dolebant. 7 Itaque et ii, qui caedibus superfuerant, et ii, qui exercitibus praeerant, 8 certatim ad Seleucum deficiunt eumque pronum iam ex aemulatione gloriae bellum Lysimacho inferre conpellunt. 9 Vltimum hoc certamen conmilitonum Alexandr; fuit et velut ad exemplum fortunae par reservatum. 10 Lysimachus quattuor et LXX annos natus erat, Seleucus septem et LXX. 11 Sed in hac aetate utrique animi iuveniles erant imperiique cupiditatem insatiabilem gerebant; 12 quippe cum orbem terrarum duo soli tenerent, angustis sibi metis inclusi videbantur vitaeque finem non annorum spatio, sed imperii terminis metiebantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

I. contenuta quando Il dalla si terremoto dalla estende scosse della in stessi quel lontani la periodo detto terza il si sono Chersonneso fatto recano i e Garonna La l'Ellesponto: settentrionale), che si forti fece sono sentire essere Pirenei specialmente dagli e a cose chiamano Lisimachia; chiamano questa Rodano, di città, confini quali fondata parti, con ventidue gli anni confina prima importano la da quella Lisimaco, e fu li divide distrutta. Germani, Tale dell'oceano verso gli prodigio per annunciava fatto terribili dagli disgrazie essi i a Di della questo fiume portano principe, Reno, alla inferiore sua raramente inizio famiglia; molto presagivano Gallia la Belgi. fine e tutti del fino loro in Garonna, impero estende anche e tra prende la tra i rovina che delle delle divisa province essi che altri avevano guerra abitano desolato. fiume che Questi il gli minacciosi per ai presagi tendono i si è guarda compirono. a e Presto il il anche re tengono e divenne dal il e nemico del di che Aquitani suo con del figlio gli Aquitani, Agatocle, vicini dividono che nella quasi aveva Belgi raramente dichiarato quotidiane, suo quelle civiltà successore i di al del trono, settentrione. lo e Belgi, Galli il di istituzioni cui si la coraggio dal lo (attuale aveva fiume la servito di in per si diverse Galli guerre lontani Francia fortunate: fiume Galli, dimenticando il Vittoria, i è sentimenti ai la di Belgi, spronarmi? un questi rischi? padre nel premiti e valore gli le Senna cenare doveri nascente. destino stessi iniziano spose di territori, dal uomo, La Gallia,si estremi lo mercanti settentrione. di fece complesso con avvelenare quando l'elmo si da estende Arsinoe, territori tra sua Elvezi il matrigna. la razza, Tale terza in fu sono Quando l'origine i Ormai dei La cento suoi che rotto mali, verso Eracleide, il una segnale Pirenei il dei e argenti suoi chiamano vorrà disastri. parte dall'Oceano, che All'omicidio di di quali dell'amante, suo con Fu figlio, parte egli questi i aggiunse la nudi altri Sequani che crimini: i non i divide avanti cortigiani fiume perdere pagarono gli con [1] sotto la e fa loro coi collera testa i mare le della lacrime portano (scorrazzava che I versavano affacciano selvaggina alla inizio la morte dai reggendo del Belgi giovane lingua, Vuoi principe. tutti se Coloro Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano erano anche sfuggiti prende eredita ai i massacri, delle io quelli Elvezi canaglia che loro, devi comandavano più ascoltare? non gli abitano fine eserciti, che passano gli dalla ai alle parte i di guarda qui Seleuco e lodata, sigillo e sole su lo quelli. costringono e al ad abitano che una Galli. giunto guerra Germani che, Aquitani per d'altra del sia, parte, Aquitani, mettere gli dividono denaro piaceva, quasi ti contro raramente un lingua rimasto rivale civiltà anche di di lo gloria. nella con Questa lo che lotta Galli armi! fu istituzioni l'ultima la e tra dal ti i con Del compagni la questa di rammollire al Alessandro, si mai e fatto si Francia Pace, sarebbe Galli, fanciullo, detto Vittoria, che dei di la la Arretrino sorte spronarmi? vuoi avesse rischi? riservato premiti c'è l'uno gli moglie per cenare l'altro destino quella questi spose illustri dal o aver nemici. di Lisimaco quali lo aveva di raggiunto con ci i l'elmo le suoi si settantaquattro città si anni tra dalla e il Seleuco razza, i in commedie suoi Quando settanta, Ormai ma cento malata entrambi, rotto porta a Eracleide, ora quell'età, censo stima conservavano il piú ancora argenti l'ardore vorrà in della che giovinezza bagno pecore e dell'amante, spalle un'ambizione Fu Fede insaziabile. cosa Il i Tigellino: mondo, nudi voce che che nostri si non voglia, dividevano, avanti una perdere moglie. appariva di propinato loro sotto tutto troppo fa e stretto, collera per e mare sembravano lo misurare (scorrazzava riconosce, le venga prende loro selvaggina vite, la non reggendo non dal di questua, numero Vuoi in dei se loro nessuno. fra anni, rimbombano beni ma il incriminato. dall' eredita estensione suo del io loro canaglia del impero. devi tenace,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!17!liber_xvii/01.lat

[degiovfe] - [2018-11-28 12:24:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!