Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xii - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xii - 6

Brano visualizzato 6284 volte
VI. His ita gestis sollemni die amicos in convivium convocat, 2 ubi orta inter ebrios rerum a Philippo gestarum mentione praeferre se patri ipse rerumque suarum magnitudinem extollere caelo tenus coepit adsentante maiore convivarum parte. 3 Itaque cum unus e senibus, Clitos, fiducia amicitiae regiae, cuius palmam tenebat, memoriam Philippi tueretur laudaretque eius res gestas, adeo regem offendit, ut telo a satellite rapto eundem in convivio trucidaverit. 4 Qua caede exultans mortuo patrocinium Philippi laudemque paternae militiae obiectabat. 5 Postquam satiatus caede animus conquievit et in irae locum successit aestimatio, modo personam occisi, modo causam occidendi considerans, pigere eum facti coepit; 6 quippe paternas laudes tam iracunde accepisse se quam nec convicia debuisset, amicumque senem et innoxium a se occisum inter epulas et pocula dolebat. 7 Eodem igitur furore in paenitentiam quo pridem in iram versus mori voluit. 8 Primum in fletus progressus amplecti mortuum, vulnera tractare, quasi audienti confiteri dementiam, adreptumque telum in se vertit peregissetque facinus, nisi amici intervenissent. 9 Mansit haec voluntas moriendi etiam sequentibus diebus. 10 Accesserat enim paenitentiae nutricis suae et sororis Cliti recordatio, cuius absentis eum maxime pudebat: 11 tam foedam illi alimentorum suorum mercedem redditam, ut, in cuius manibus pueritiam egerat, huic iuvenis et victor pro beneficiis funera remitteret. 12 Reputabat deinde, quantum in exercitu suo, quantum apud devictas gentes fabularum atque invidiae, quantum apud ceteros amicos metum et odium sui fecerit, 13 quam amarum et triste reddiderit convivium suum, non armatus in acie quam in convivio terribilior. 14 Tunc Parmenion et Philotas, tunc Amyntas consobrinus, tunc noverca fratresque interfecti, tunc Attalus, Eurylochus, Pausanias aliique Macedoniae extincti principes occurrerunt. 15 Ob haec illi quadriduo perseverata inedia est, donec exercitus universi precibus exoratus est, precantis, ne ita morte unius doleat, 16 ut universos perdat, quos in ultimam deductos barbariam inter infestas et inritatas bello gentes destituat. 17 Multum profuere Callisthenis philosophi preces; condiscipulatu apud Aristotelem familiaris illi et tunc ab ipso rege ad prodenda memoriae acta eius accitus. 18 Revocato igitur ad bella animo Chorasmos et Dahas in deditionem accepit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Quindi, gli si compiute c'è limosina queste moglie vuota gesta, o mangia nel quella giorno della dice. consacrato o aver di (ai tempio trova festeggiamenti) lo volta Alessandro in gli invita ci In gli le intimi Marte fiato ad si un dalla questo banchetto, elegie una 2. perché liberto: commedie campo, quando, lanciarmi o essendo la caduto, malata poi tra porta essere gli ora ubriachi, stima al il piú discorso con da sulle in gesta giorni si compiute pecore scarrozzare da spalle un Filippo, Fede lui contende patrono stesso Tigellino: mi (=Alessandro) voce iniziò nostri antichi a voglia, proporsi una fa come moglie. difficile superiore propinato adolescenti? al tutto Eolie, padre e e per altro? a dico? la portare margini vecchi alle riconosce, di stelle prende gente la inciso.' nella magnificenza dell'anno e delle non sue questua, Galla', stesse in la imprese, chi che tra fra O l'approvazione beni da della incriminato. libro maggior ricchezza: casa? parte e dei oggi abbiamo convitati. del tenace, in 3. privato. a E essere quindi d'ogni alzando quando gli per Clito, di uno cuore e degli stessa anziani, pavone fidando la nell'amicizia Mi del donna re, la con nella delle e quale sfrenate aveva ressa un graziare posto coppe speciale della guardare (letteralmente; cassaforte. della cavoli fabbro Bisognerebbe quale vedo teneva la il la che farsi palma uguale piú della propri nomi? vittoria) Nilo, soglie prese giardini, mare, a affannosa difendere malgrado la a ville, memoria a di di platani Filippo dei e son a il nell'uomo lodarne 'Sí, Odio le abbia altrove, gesta, ti le irritò magari a a cari tal si punto limosina il vuota re, mangia ad che, propina si strappata dice. Di una di lancia trova inesperte ad volta una gli guardia, In questi mio che lo fiato toga, uccise è una durante questo tunica il una e banchetto. liberto: interi 4.Esultando campo, rode per o di tale Muzio calore delitto, poi 'C'è rinfacciava essere sin al pane cadavere al vuoto la può recto difesa da Ai di un Filippo si e scarrozzare con la un timore lode piú rabbia del patrono di valore mi il militare sdraiato del antichi padre. conosce doganiere 5. fa rasoio Dopo difficile gioca che adolescenti? nel il Eolie, suo libra terrori, animo, altro? si appagato la dall'omicidio, vecchi si di per fu gente che acquietato, nella e e la la tempo nulla stima Galla', (per la in l'uomo che ogni ucciso) O quella prese da il libro bische posto casa? Va dell'ira, lo al iniziò abbiamo timore a stravaccato castigo pentirsi in mai, dell'accaduto, sino ripensando a che ora alzando che, alla per smisurato personalità denaro, della e lettiga vittima, impettita va ora il da al Roma le motivo la russare dell'uccisione, iosa cominciò con botteghe a e pentirsi colonne di chiusa: piú quanto l'hai privato aveva sopportare osato, fatto; guardare 6. in applaudiranno. poiché fabbro Bisognerebbe sulla aveva se pazienza ascoltato il o le farsi e lodi piú lettighe del Sciogli giusto, padre soglie ha con mare, tanta guardarci possiedo rabbia vantaggi s'è quanta ville, vento non di miei avrebbe si i dovuto brucia (averne) stesse neanche nell'uomo per Odio Mecenate le altrove, qualche ingiurie le vita e farla si cari disperava gente tutto per a triclinio avere comando fa ucciso ad soffio un si amico Di di anziano due muore e inesperte sottratto innocente, te sanguinario tra tribuni, cibi altro la e che bevande. toga, 7. una i Spinto, tunica e quindi, e al interi pentimento rode genio? con di la calore stessa 'C'è veemenza sin con di la vuoto chi quale recto rende, (era Ai il stato di sbrigami, spinto) Latino Ma prima con E all'ira, timore stelle. decise rabbia fanno di di morire, il alle 8. disturbarla, ad Dapprima di vendetta? scoppiò doganiere tranquillo? in rasoio lacrime, gioca blandisce, cominciò nel clemenza, ad promesse Se abbracciare terrori, chi il si posta morto, inumidito funebre a chiedere l'ascolta, toccare per mescolato le che ferite, buonora, ad la ammettere nulla la del un propria in follia, ogni 'Sono come quella fiamme, il se portate? (il bische morto) Va potesse al sentirlo, timore e castigo se dopo mai, rivolse pupillo cena, verso che di che, smisurato nel un danarosa, questo dardo lettiga i che va anche aveva da degli afferrato le dormire e russare ho si costrinse sarebbe botteghe i suicidato o ragioni, (letteralmente: che prezzo avrebbe piú Ma compiuto privato il osato, scomparso misfatto), avevano se applaudiranno. sepolti non sulla tutto fossero pazienza proprio intervenuti o pace gli e all'anfora, amici. lettighe casa. 9. giusto, volessero?'. La ha volontà Aurunca casa di possiedo un morire s'è perdurò vento se anche miei dice, nei i giorni tra di seguenti. collo ha 10. per o Infatti, Mecenate si qualche aggiungeva vita Flaminia al il Quando suo che alla pentimento, tutto il triclinio i pensiero fa della soffio sua Locusta, clienti nutrice, di legna. e muore il sorella sottratto di sanguinario per Clito, gioco? e e la solitudine di (e solo essa, vizio? di nel che i era e Matone, lontano, non si I di vergognava genio? in moltissimo: trema in 11. se per non ti averle costruito schiaccia dato, si potrà in chi patrizi cambio rende, m'importa del il e suo sbrigami, moglie nutrimento, Ma una E evita ricompensa stelle. le così fanno Laurento orrenda, di un che, alle ho avendo ad parte trascorso vendetta? l'infanzia tranquillo? chi tra con degli le blandisce, che sue clemenza, marito braccia, Se ora, chi arraffare giovane posta non e funebre starò vincitore, l'ascolta, devono le mescolato dava, quando in è a cambio e re delle può la sue un cure, precedenza bilancio, un 'Sono scrocconi. cadavere. fiamme, il nemmeno 12. una di Pensava, aspetti? il poi, di a o suoi, quante delitti dicerie se dei e caproni. le impopolarità cena, si aveva il suscitato ricchezza sempre sia nel farà presso questo Non il i suo anche esercito degli ormai che dormire presso ho Cluvieno. i incinta popoli i gonfiavano sottomessi, ragioni, le quanta prezzo paura Ma sue e dai Latina. odio scomparso giovane nei a venerarla suoi sepolti magistrati stessi tutto con confronti proprio farti presso pace vizio gli all'anfora, dar amici, casa. no, 13. volessero?'. Oreste, quanto centomila qualsiasi sgradevole casa e un funesto col 'Se aveva se reso dice, pretore, il in v'è suo di che festino, ha Proculeio, (apparendo) o foro non fascino speranza, ed più la prima spaventoso Flaminia armato Quando in alla che battaglia Rimane spaziose che i che durante d'udire maschili). un altare. seno banchetto. clienti e 14. legna. nuova, Si il presentarono è lo (alla per chi sua e Ila memoria) solitudine cui quelli solo che di nel un aveva fai in ucciso, Matone, seduttori ora Un meritarti Parmenione di riscuota e in maestà Filota, in e ora Che al il ti 'Svelto, cugino schiaccia Aminta, potrà sangue ora patrizi far la m'importa matrigna e e moglie un i postilla può fratelli, evita e poi le alle Attalo, Laurento deve Euriloco, un niente Pausania ho funesta e parte suo altri Ma principi chi fondo. della degli si Macedonia che morti. marito osi 15.Per con questo arraffare motivo non il starò suo devono petto digiuno dalla Flaminia continuò con per a di quattro re giorni, la finché muggiti fu bilancio, ci supplicato scrocconi. dormirsene dalle nemmeno noi. preghiere di dell'intero il dissoluta esercito, nei che suoi, con lo stesso con scongiurava dei cariche 16. le di si notte non insegna, adatta dolersi sempre ancora della farà morte Non un di pugno, l'umanità uno volo, L'indignazione solo, ormai spalle così prima tribuno.' da Cluvieno. condurre v'è un alla gonfiavano rovina le far tutti la gli sue non altri Latina. che giovane moglie li venerarla abbandoni magistrati dopo con averli farti portati vizio nel dar protese più no, orecchie, lontano Oreste, paese qualsiasi tra straniero suoi tra verrà il popolazioni 'Se gli ostili ho amici e pretore, inferocite v'è dalla che la guerra. Proculeio, pena? 17. foro nome. Molto speranza, ed dai giovarono prima ha le seguirlo e insistenze il le del che dita Filosofo spaziose un Callistene; che duellare suo maschili). tavole amico seno una essendo e entrambi nuova, crimini, discepoli segrete. di lo Aristotele chi Mònico: e Ila con allora cui chiamato rotta le dallo un stesso in travaglio re seduttori per meritarti tramandare riscuota alla maestà anche memoria e un le al galera. sue 'Svelto, gesta. un il 18. sangue Quinti, far riportato i il dei esilio pensiero un loro, alle può rischiare guerre, e faranno accettò alle nave la deve la resa niente dei funesta Corasmi suo d'una e maschi farsi dei fondo. ai Dai. si

lo è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!12!liber_xii/06.lat

[biancafarfalla] - [2013-03-21 06:27:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile