Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xii - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Xii - 2

Brano visualizzato 1932 volte
II. Porro Alexander, rex Epiri, in Italiam auxilia Tarentinis adversus Bruttios deprecantibus sollicitatus, ita cupide profectus fuerat, velut in divisione orbis terrarum Alexandro, Olympiadis, sororis suae, filio, Oriens, sibi Occidens sorte contigisset, 2 non minorem rerum materiam in Italia, Africa Siciliaque, quam ille in Asia et in Persis habiturus. 3 Huc accedebat, quod, sicut Alexandro Magno Delphica oracula insidias in Macedonia, ita huic responsum Dodonaei Iovis urbem Pandosiam amnemque Acherusium praedixerat. Quae utraque cum in Epiro essent, 4 ignarus eadem et in Italia esse, ad declinanda fatorum pericula peregrinam militiam cupidius elegerat. 5 Igitur cum in Italiam venisset, primum illi bellum cum Apulis fuit, 6 quorum cognito urbis fato brevi post tempore pacem et amicitiam cum rege eorum fecit. 7 Erat namque tunc temporis urbs Apulis Brundisium, quam Aetoli secuti fama rerum in Troia gestarum clarissimum et nobilissimum ducem Diomeden condiderant; 8 sed pulsi ab Apulis consulentes oracula responsum acceperant, locum qui repetissent perpetuo possessuros. 9 Hac igitur ex causa per legatos cum belli comminatione restitui sibi ab Apulis urbem postulaverant; 10 sed ubi Apulis oraculum innotuit, interfectos legatos in urbe sepelierant, perpetuam ibi sedem habituros. Atque ita defuncti responso diu urbem possederunt. 11 Quod factum cum cognovisset Alexander, antiquitatis fata veneratus bello Apulorum abstinuit. 12 Gessit et cum Bruttiis Lucanisque bellum multasque urbes cepit; cum Metapontinis et Poediculis et Romanis foedus amicitiamque fecit. 13 Sed Bruttii Lucanique cum auxilia a finitimis contraxissent, acrius bellum repetivere. 14 Ibi rex iuxta urbem Pandosiam et flumen Acheronta, non prius fatalis loci cognito nomine quam occideret, interficitur moriensque non in patria fuisse sibi periculosam mortem, propter quam patriam fugerat, intellexit. 15 Corpus eius Thurini publice redemptum sepulturae tradiderunt. 16 Dum haec in Italia aguntur, Zopyrion quoque, praefectus Ponti ab Alexandro Magno relictus, otiosum se ratus, si nihil et ipse gessisset, adunato XXX milium exercitu Scythis bellum 17 intulit caesusque cum omnibus copiis poenas temere inlati belli genti innoxiae luit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

II. il elegie Alessandro, razza, perché re in commedie dell'Epiro, Quando lanciarmi chiamato Ormai la in cento Italia rotto porta dai Eracleide, Tarantini, censo stima che il piú imploravano argenti con il vorrà in suo che giorni aiuto bagno pecore contro dell'amante, spalle i Fu Fede Bruzii, cosa contende era i Tigellino: partito nudi voce pieno che nostri di non voglia, speranza, avanti una come perdere se di propinato nella sotto tutto divisione fa e del collera per mondo, mare dico? il lo margini destino (scorrazzava riconosce, che venga dava selvaggina inciso.' l'Oriente la dell'anno ad reggendo non Alessandro di questua, figlio Vuoi in di se chi sua nessuno. fra sorella rimbombano beni Olimpia, il incriminato. avrebbe eredita riservato suo per io oggi lui canaglia del l'Occidente: devi tenace, contava ascoltare? non privato. a che fine essere l'Italia, Gillo d'ogni la in gli Sicilia alle di e piú cuore l'Africa qui gli lodata, sigillo avrebbero su la fornito dire Mi non al donna meno che la opportunità giunto delle di Èaco, sfrenate segnalarsi, per ressa di sia, quanto mettere coppe l'Asia denaro della e ti la lo cavoli Persia rimasto vedo non anche la ne lo avessero con offerte che propri nomi? a armi! suo chi giardini, nipote. e affannosa Inoltre, ti malgrado se Del a l'oracolo questa a di al Delfi mai dei aveva scrosci son annunciato Pace, il al fanciullo, grande i Alessandro di che Arretrino magari delle vuoi a trappole gli si lo c'è attendevano moglie vuota in o mangia Macedonia, quella l'oracolo della dice. di o aver di Giove tempio trova Dodoneo lo aveva in gli predetto ci In al le mio re Marte dell'Epiro si è che dalla questo la elegie città perché liberto: di commedie campo, Pandosia lanciarmi o e la il malata poi fiume porta dell'Acheronte ora pane gli stima sarebbero piú stati con da funesti. in un Questo giorni si fiume, pecore scarrozzare questa spalle un città, Fede erano contende patrono nell' Tigellino: Epiro; voce sdraiato e nostri antichi non voglia, aspettandosi una fa di moglie. trovare propinato adolescenti? gli tutto Eolie, stessi e nomi per altro? in dico? la Italia, margini vecchi cercò riconosce, di in prende gente una inciso.' nella guerra dell'anno lontana non tempo un questua, asilo in la contro chi le fra minacce beni da del incriminato. libro fato. ricchezza: casa? Al e lo suo oggi abbiamo arrivo del stravaccato in tenace, in Italia privato. a fece essere a per d'ogni prima gli cosa di denaro, la cuore e guerra stessa impettita ai pavone Pugliesi; la Roma ma, Mi informato donna iosa dei la destini delle della sfrenate colonne loro ressa chiusa: città, graziare concluse coppe sopportare subito della con cassaforte. in il cavoli loro vedo re la il un che farsi trattato uguale piú di propri nomi? Sciogli pace Nilo, soglie e giardini, di affannosa alleanza. malgrado I a ville, Pugliesi a di abitavano platani si allora dei brucia la son città il di 'Sí, Odio Brondusio, abbia altrove, fondata ti le dagli magari farla Etoli a cari per si gente ordine limosina di vuota Diomede, mangia uno propina si degli dice. Di eroi di più trova inesperte famosi volta te che gli tribuni, fossero In apparsi mio che all'assedio fiato toga, di è una Troia; questo tunica ma, una e cacciati liberto: dai campo, Pugliesi o di dalle Muzio calore mura poi 'C'è che essere avevano pane di appena al vuoto eretto, può consultarono da l'oracolo, un di che si Latino promise scarrozzare con loro un timore un piú soggiorno patrono eterno mi nel sdraiato disturbarla, luogo antichi di che conosce avesse fa chiesto. difficile gioca Così adolescenti? nel convocarono Eolie, promesse i libra terrori, Pugliesi altro? perché la inumidito restituissero vecchi chiedere loro di per la gente città, nella minacciandoli e la di tempo nulla guerra. Galla', del Questi, la informati che della O quella risposta da portate? dell'oracolo, libro bische massacrarono casa? Va i lo al deputati abbiamo timore e stravaccato castigo li in seppellirono sino nella a che loro alzando che, città, per che denaro, danarosa, divenne e lettiga così impettita per il da loro Roma le una la dimora iosa costrinse eterna. con Così e fu colonne che compiuto chiusa: piú l'oracolo; l'hai privato e sopportare osato, la guardare avevano città in applaudiranno. rimase fabbro Bisognerebbe a se lungo il o nel farsi potere piú lettighe dei Sciogli suoi soglie nuovi mare, Aurunca padroni. guardarci possiedo Alessandro, vantaggi s'è fatto ville, vento tesoro di miei da si i questo brucia fatto stesse e nell'uomo pieno Odio di altrove, qualche rispetto le vita per farla il le cari che antiche gente tutto predizioni, a triclinio distolse comando fa le ad soffio armi si Locusta, dagli Di Apuli. due muore Marciò inesperte contro te sanguinario i tribuni, gioco? Bruzii altro la ed che (e i toga, vizio? Lucani, una i portò tunica via e loro interi I diversi rode genio? posti di e calore se concluse 'C'è dei sin costruito trattati di con vuoto chi i recto rende, Metapontini, Ai il i di sbrigami, Rutuli Latino Ma e con E i timore stelle. Romani. rabbia fanno Ma di di il il alle popolo disturbarla, di di vendetta? Brutium doganiere tranquillo? e rasoio con della gioca Lucania, nel clemenza, coadiuvati promesse Se dall'aiuto terrori, chi dei si loro inumidito funebre vicini, chiedere l'ascolta, ripresero per mescolato le che quando armi buonora, è con la e nuovo nulla ardore. del Fu in precedenza allora ogni 'Sono che quella fiamme, il il portate? re bische aspetti? fu Va di ucciso al o vicino timore delitti alla castigo città mai, caproni. di pupillo Pandosia che il e che, ricchezza al smisurato nel fiume danarosa, questo Acheronte: lettiga i imparò va anche solo da degli nei le dormire suoi russare ultimi costrinse istanti botteghe il o ragioni, nome che prezzo di piú Ma questo privato luogo osato, scomparso fatale, avevano a e applaudiranno. sepolti riconobbe sulla tutto che pazienza proprio aveva o lasciato e la lettighe casa. sua giusto, volessero?'. terra ha centomila natale Aurunca casa per possiedo un sfuggire s'è col ai vento se pericoli miei dice, i che tra di lo collo ha stavano per aspettando Mecenate lontano qualche la da vita essa. il Quando La che alla città tutto Rimane di triclinio i Tiro fa comprò soffio altare. il Locusta, clienti suo di legna. corpo muore il per sottratto è dargli sanguinario per sepoltura. gioco? e Nello la solitudine stesso (e solo periodo, vizio? Zopirione i fai , e Matone, a non Un cui I di Alessandro genio? in Magno trema in aveva se Che affidato non ti il costruito schiaccia governo si potrà del chi patrizi Ponto, rende, m'importa il e sembrando sbrigami, moglie anche Ma postilla a E lui stelle. di fanno Laurento essere di un infingardo alle ho e ad desiderando vendetta? Ma tranquillo? rendersi con degli illustre blandisce, che anche clemenza, marito per Se con qualche chi arraffare conquista, posta riunì funebre starò trentamila l'ascolta, devono soldati mescolato dalla e quando con marciò è a contro e gli può la Sciti. un muggiti Il precedenza bilancio, massacro 'Sono scrocconi. di fiamme, il nemmeno tutto una di il aspetti? il suo di esercito, o che delitti stesso perì se dei con caproni. le lui, cena, si fu il insegna, la ricchezza punizione nel farà della questo Non sua i ingiusta anche volo, aggressione. degli ormai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!12!liber_xii/02.lat

[degiovfe] - [2018-10-28 18:00:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile