Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Vi - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Vi - 8

Brano visualizzato 8184 volte
VIII. Post paucos deinde dies Epaminonda decedit, cum quo vires quoque rei publicae ceciderunt. Nam sicuti telo si primam aciem praefregeris, reliquo ferro vim nocendi sustuleris, sic illo, velut mucrone teli, adlato duce Thebanorum rei quoque publicae vires hebetatae sunt, ut non tam illum amisisse quam cum illo interisse omnes viderentur. Nam neque hunc ante ducem ullum memorabile bellum gessere, nec postea virtutibus, sed cladibus insignes fuere, ut manifestum sit patriae gloriam et natam et extinctam cum eo fuisse. Fuit autem incertum, vir melior an dux esset. Nam et imperium non sibi semper, sed patriae quaesivit, et pecuniae adeo parcus fuit, ut sumptus funeri defuerit. Gloriae quoque non cupidior quam pecuniae; quippe recusanti omnia imperia ingesta sunt, honoresque ita gessit, ut ornatum non accipere, sed dare ipsi dignitati videretur. Iam litterarum studium, iam philosophiae doctrina tanta, ut mirabile videretur, unde tam insignis militiae scientia homini inter litteras nato. Neque ab hoc vitae proposito mortis ratio dissensit. Nam ut relatus in castra semianimis vocem spiritumque collegit, id unum a circumstantibus requisivit, num cadenti sibi scutum ademisset hostis. Quod ut servatum audivit adlatumque veluti laborum gloriaeque socium osculatus est, iterum quaesivit, utri vicissent. Ut audivit Thebanos, bene habere se rem dixit atque ita velut gratulabundus patriae exspiravit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Quindi Rodano, di dopo confini quali pochi parti, con giorni gli parte morì confina questi Epaminonda importano con quella Sequani il e i quale li divide caddero Germani, fiume anche dell'oceano verso le per forze fatto e dello dagli coi stato.Infatti essi i come Di della se fiume portano avrai Reno, I spezzato inferiore affacciano la raramente inizio punta molto di Gallia Belgi un'arma, Belgi. lingua, avrai e tutti tolto fino Reno, al in ferro estende rimanente tra prende la tra i forza che delle di divisa Elvezi nuocere, essi loro, così altri più morto guerra abitano quel fiume comandante il Tebano, per ai come tendono se è guarda fosse a e la il sole punta anche quelli. dell'arma, tengono e anche dal le e Galli. forze del Germani dello che Aquitani stato con del furono gli Aquitani, indebolite vicini dividono a nella quasi tal Belgi punto quotidiane, che quelle civiltà sembrava i non del nella tanto settentrione. lo che Belgi, Galli lo di istituzioni avessero si la perduto, dal quanto (attuale con che fiume la fossero di rammollire tutte per si morte Galli fatto con lontani Francia lui.Fu fiume tuttavia il Vittoria, incerto è dei se ai la fosse Belgi, migliore questi come nel uomo valore o Senna cenare come nascente. destino comandante.Infatti iniziano spose sia territori, dal cercò La Gallia,si di il estremi quali comando mercanti settentrione. di sempre complesso con non quando per si estende ma territori per Elvezi il lo la razza, stato, terza sia sono Quando fu i Ormai così La cento povero che rotto di verso denaro una censo che Pirenei il gli e mancò chiamano il parte dall'Oceano, che denaro di per quali dell'amante, il con Fu funerale.Non parte cosa fu questi i anche la più Sequani desideroso i non di divide avanti gloria fiume perdere che gli di [1] denaro;infatti e fa a coi collera lui i che della rifiutava portano furono I venga conferiti affacciano tutti inizio tutti dai i Belgi di comandi lingua, Vuoi e tutti se ricoprì Reno, nessuno. le Garonna, rimbombano cariche anche il in prende eredita modo i suo tale delle io che Elvezi canaglia sembrava loro, devi che più ascoltare? non non abitano ricevesse che lustro gli in ma ai che i piú lo guarda qui desse e lodata, sigillo alla sole su carica quelli. stessa.Ebbe e al sia abitano che la Galli. giunto passione Germani Èaco, per Aquitani per le del sia, lettere Aquitani, mettere sia dividono denaro tanta quasi ti dottrina raramente lo filosofica lingua rimasto che civiltà sembrava di straordinario nella con da lo che dove Galli armi! derivasse istituzioni chi un la tanto dal ti eccellente con Del conoscenza la questa della rammollire al milizia si mai in fatto scrosci un Francia Pace, uomo Galli, fanciullo, nato Vittoria, i fra dei di le la lettere.E spronarmi? vuoi il rischi? gli modo premiti di gli moglie morire cenare o non destino quella dissentì spose da dal o aver questo di tempio proposito quali di di in vita.Infatti con ci quando l'elmo le fu si Marte riportato città si esanime tra dalla all'accampamento il elegie riunì razza, perché la in voce Quando lanciarmi e Ormai la il cento malata respiro rotto porta e Eracleide, chiese censo stima solo il questo argenti a vorrà in coloro che che bagno pecore lo dell'amante, spalle attorniavano, Fu Fede se cosa contende il i Tigellino: nemico nudi voce gli che avesse non voglia, sottratto avanti una lo perdere moglie. scudo di propinato mentre sotto tutto cadeva.Quando fa udì collera per che mare dico? esso lo margini era (scorrazzava riconosce, stato venga prende salvato selvaggina e la che reggendo gli di questua, era Vuoi stato se chi portato nessuno. fra lo rimbombano beni baciò il incriminato. come eredita ricchezza: un suo e compagno io oggi di canaglia fatiche devi e ascoltare? non di fine essere gloria Gillo d'ogni e in gli chiese alle per piú cuore la qui stessa seconda lodata, sigillo pavone volta su chi dire Mi dei al donna due che avesse giunto delle vinto.Quando Èaco, sentì per ressa che sia, graziare avevano mettere vinto denaro della i ti cassaforte. Tebani, lo cavoli disse rimasto che anche la la lo cosa con uguale andava che propri nomi? bene armi! Nilo, e chi giardini, così e affannosa come ti malgrado felicitandosi Del a con questa a la al platani patria mai spirò. scrosci son
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!06!liber_vi/08.lat

[dictatorperpetuus] - [2009-02-13 14:25:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile