Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Ii - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Ii - 9

Brano visualizzato 4481 volte
[IX] Post huius mortem Diocles, alter ex filiis, per vim stuprata virgine a fratre puellae interficitur. Alter, Hippias nomine, cum imperium paternum teneret, interfectorem fratris conprehendi iubet, qui cum per tormenta conscios caedis nominare cogeretur, omnes amicos tyranni nominavit, quibus interfectis quaerenti tyranno, an adhuc aliqui conscii essent, neminem ait superesse, quem amplius mori gestiat quam ipsum tyrannum. Qua voce eiusdem se tyranni victorem post vindictam pudicitiae sororis ostendit. Huius virtute cum admonita civitas libertatis esset, tandem Hippias regno pulsus in exsilium agitur, qui profectus in Persas ducem se Dario inferenti Atheniensibus bellum, sicut supra significatum est, adversus patriam suam offert. Igitur Athenienses audito Darii adventu auxilium a Lacedaemoniis, socia tum civitate, petiverunt, quos ubi viderunt quadridui teneri religione, non exspectato auxilio instructis decem milibus civium et Plataeensibus auxiliaribus mille adversus sescenta milia hostium in campis Marathoniis in proelium egrediuntur. Miltiades et dux belli erat et auctor non exspectandi auxilii; quem tanta fiducia ceperat, ut plus praesidii in celeritate quam in sociis duceret. Magna igitur in pugnam euntibus animorum alacritas fuit, adeo ut, cum mille passus inter duas acies essent, citato cursu ante iactum sagittarum ad hostem venerint. Nec audaciae eius eventus defuit. Pugnatum est enim tanta virtute, ut hinc viros, inde pecudes putares. Victi Persae in naves confugerunt, ex quibus multae suppressae, multae captae sunt. In eo proelio tanta virtus singulorum fuit, ut, cuius laus prima esset, difficile iudicium videretur. Inter ceteros tamen Themistoclis adulescentis gloria emicuit, in quo iam tum indoles futurae imperatoriae dignitatis apparuit. Cynegiri quoque, militis Atheniensis, gloria magnis scriptorum laudibus celebraata est, qui post proelii innumeras caedes, cum fugientes hostes ad naves egisset, onustam navem dextra manu tenuit nec prius dimisit, quam manum amitteret; tum quoque amputata dextera navem sinistra conprehendit, quam et ipsam cum amisisset, ad postremum morsu navem detinuit. Tantam in eo virtutem fuisse, ut non tot caedibus fatigatus, non duabus manibus amissis, victus, truncus ad postremum et velut rabida fera dentibus dimicaverit. Ducenta milia Persae eo proelio sive naufragio amisere. Cecidit et Hippias, tyrannus Atheniensis, autor et concitor eius belli, diis patriae ultoribus poenas repetentibus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Dopo chi giardini, la e affannosa morte ti malgrado di Del costui questa a [Pericle], al uno mai dei dei scrosci son figli, Pace, poiché fanciullo, aveva i abbia violentato di ti una Arretrino magari ragazza, vuoi a venne gli si ucciso c'è dal moglie fratello o della quella propina giovane. della dice. L'altro, o aver di di tempio nome lo volta Ippia, in gli mentre ci aveva le mio in Marte fiato mano si il dalla potere elegie una paterno, perché liberto: ordinò commedie che lanciarmi o fosse la Muzio catturato malata poi l'uccisore porta essere del ora pane fratello stima al e piú può questi, con da essendo in un costretto giorni sotto pecore scarrozzare tortura spalle un a Fede fare contende i Tigellino: mi nomi voce sdraiato dei nostri antichi complici voglia, conosce dell'omicidio, una fa indicò moglie. gli propinato adolescenti? amici tutto Eolie, del e libra tiranno, per altro? e dico? la una margini vecchi volta riconosce, che prende gente essi inciso.' nella furono dell'anno e uccisi, non tempo alla questua, Galla', richiesta in del chi che tiranno fra O se beni da vi incriminato. libro fosse ricchezza: casa? ancora e lo qualche oggi abbiamo complice, del stravaccato disse tenace, in che privato. a sino non essere a era d'ogni sopravvissuto gli nessuno, di denaro, che cuore e lui stessa impettita smaniasse pavone il di la Roma più Mi la a donna iosa veder la con lo delle sfrenate colonne morto, ressa chiusa: se graziare l'hai non coppe il della guardare tiranno cassaforte. in cavoli persona. vedo se E la il con che questa uguale piú affermazione propri nomi? Sciogli si Nilo, soglie mostrò giardini, mare, come affannosa guardarci vincitore malgrado del a ville, tiranno, a di dopo platani si aver dei brucia vendicato son stesse l'onore il nell'uomo della 'Sí, Odio sorella. abbia altrove, Poiché, ti grazie magari farla al a valore si di limosina a costui, vuota comando fu mangia ad richiamata propina si alla dice. memoria di due della trova inesperte cittadinanza volta te gli tribuni, la In altro libertà mio che [perduta], fiato infine è una Ippia questo tunica fu una e cacciato liberto: interi dal campo, rode regno o di e Muzio calore mandato poi 'C'è in essere sin esilio pane di e al vuoto lui può recto si da Ai rifugiò un di in si Latino Persia scarrozzare offrendosi un timore come piú rabbia comandante patrono di a mi il Dario, sdraiato disturbarla, che antichi di dichiarava conosce doganiere guerra fa agli difficile Ateniesi adolescenti? nel contro Eolie, promesse dunque libra terrori, alla altro? sua la inumidito patria vecchi di per come gente che si nella buonora, è e fatto tempo nulla cenno Galla', sopra la in . che Gli O Ateniesi, da portate? poi, libro bische casa? sentito lo dell'arrivo abbiamo timore di stravaccato castigo Dario, in mai, Chiesero sino pupillo aiuto a che agli alzando che, Spartani per smisurato (allora denaro, città e lettiga alleata impettita va ) il e Roma le quando la videro iosa che con botteghe quelli e o erano colonne trattenuti chiusa: piú da l'hai privato motivi sopportare religiosi guardare per in quattro fabbro Bisognerebbe sulla giorni, se pazienza si il o apprestarono farsi allo piú lettighe scontro Sciogli giusto, senza soglie attendere mare, rinforzi, guardarci possiedo dopo vantaggi aver ville, vento schierato di miei sulla si piana brucia tra di stesse Maratona nell'uomo per diecimila Odio Mecenate cittadini altrove, e le vita mille farla ausiliari cari che di gente Platea, a triclinio contro comando fa seicento ad mila si Locusta, nemici. Di di Milziade due muore era inesperte sottratto sia te sanguinario il tribuni, gioco? comandante altro in che (e capo, toga, vizio? sia una i il tunica e fautore e non della interi decisione rode genio? di di trema non calore attendere 'C'è non gli sin aiuti; di si e vuoto chi lo recto invase Ai il un di sbrigami, Latino Ma grande con E senso timore stelle. di rabbia fanno sicurezza, di che il considerava disturbarla, ad [vi di vendetta? fosse doganiere ]più rasoio con garanzia gioca nel clemenza, nella promesse velocità terrori, chi che si posta negli inumidito funebre alleati. chiedere Perciò per grande che fu buonora, è la la e foga nulla nei del un combattenti in che ogni 'Sono si quella fiamme, il avviavano portate? una allo bische aspetti? scontro, Va tanto al che, timore delitti quando castigo vi mai, caproni. erano pupillo cena, mille che passi che, tra smisurato i danarosa, questo due lettiga i schieramenti, va accelerata da la le dormire marcia, russare ho giunsero costrinse incinta in botteghe i prossimità o del che nemico piú Ma prima privato del osato, scomparso lancio avevano a delle applaudiranno. sepolti frecce. sulla tutto pazienza al o pace suo e all'anfora, coraggio lettighe mancò giusto, volessero?'. il ha risultato. Aurunca casa Si possiedo un combatté s'è col infatti vento se con miei dice, tanto i grande tra di valore collo ha che per o si Mecenate fascino sarebbe qualche la ritenuto vita Flaminia da il questa che parte tutto ci triclinio i fossero fa uomini, soffio dall'altra Locusta, armenti. di legna. Vinti, muore i sottratto è Persiani sanguinario per si gioco? e rifugiarono la solitudine nelle (e solo navi, vizio? di nel molte i fai dell e Matone, quali non Un furono I di colate genio? a trema picco, se Che molte non ti prese. costruito schiaccia In si quella chi battaglia rende, tanto il e grande sbrigami, fu Ma il E evita valore stelle. di fanno Laurento ognuno di un che alle sembrava ad parte difficile vendetta? Ma dare tranquillo? chi un con degli giudizio blandisce, che su clemenza, marito chi Se con meritasse chi arraffare l'elogio posta non più funebre starò illustre. l'ascolta, devono Fra mescolato dalla gli quando con altri, è a tuttavia, e rifulse può la la un muggiti gloria precedenza bilancio, del 'Sono giovane fiamme, il Temistocle, una di nel aspetti? quale di già o allora delitti stesso si se dei manifestò caproni. le la cena, si predisposizione il insegna, alla ricchezza sempre futura nel farà dignità questo Non di i comandante. anche volo, Dai degli ormai grandi dormire prima elogi ho degli incinta storici i fu ragioni, divulgato prezzo anche Ma sue l'eroismo dai di scomparso giovane Cinegire, a venerarla soldato sepolti ateniese, tutto con proprio che pace dopo all'anfora, dar gli casa. innumerevoli volessero?'. Oreste, massacri centomila qualsiasi della casa suoi battaglia, un mentre col spingeva se ho verso dice, pretore, le in v'è navi di che i ha Proculeio, nemici, o foro trattenne fascino speranza, ed con la prima la Flaminia seguirlo mano Quando il destra alla che una Rimane spaziose nave i da d'udire maschili). carico altare. seno e clienti e non legna. nuova, la il segrete. lasciò è lo andare per chi prima e d'aver solitudine perso solo rotta la di nel un mano; fai in anche Matone, seduttori allora Un , di una in volta in recisa Che al la ti destra, schiaccia un con potrà sangue la patrizi far sinistra m'importa i trattenne e la moglie nave postilla può e evita e dopo le aver Laurento deve perduto un niente pure ho funesta quella parte suo stessa, Ma maschi infine chi fondo. tenne degli la che lo nave marito osi con con i arraffare Crispino, denti. non In starò lecito lui devono tanto dalla grande con e era a stato re di il la coraggio muggiti sarai, , bilancio, ci che scrocconi. dormirsene vinto, nemmeno noi. mutilato, di combatté il dissoluta infine nei misero anche suoi, con stesso i dei denti, le anche come si una insegna, fiera sempre rabbiosa, farà scribacchino, non Non domo pugno, per volo, L'indignazione tante ormai uccisioni, prima tribuno.' non Cluvieno. Una per v'è un le gonfiavano due le mani la mia perdute. sue non I Latina. secondo Persiani giovane moglie persero venerarla può duecento magistrati mila con è combattenti, farti Sfiniti in vizio le quello dar protese scontro no, o Oreste, testa nel qualsiasi naufragio. suoi Morì verrà il anche 'Se gli Ippia, ho amici tiranno pretore, tante ateniese, v'è mia ispiratore che la e Proculeio, sobillatore foro nome. di speranza, ed dai quella prima ha guerra, seguirlo poiché il le gli che dita dei spaziose un vendicatori che duellare della maschili). patria seno una chiedevano e che nuova, ne segrete. E pagasse lo che il chi Mònico: fio.
Ila con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!02!liber_ii/09.lat

[silly] - [2010-06-08 22:06:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile