Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Ii - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Ii - 7

Brano visualizzato 7725 volte
[VII] Post Codrum nemo Athenis regnavit, quod memoriae nominis eius tributum est. Administratio rei publicae annua magistratibus permissa. Sed civitati nullae tunc leges erant, quia libido regum pro legibus habebatur. Legitur itaque Solon, vir iustitiae insignis, qui velut novam civitaatem legibus conderet. Qui tanto temperamento inter plebem senatumque egit (cum, si quid pro altero ordine tulisset, alteri displiciturum videretur), ut ab utrisque parem gratiam traheret. Huius viri inter multa egregia illud memorabile fuit. Inter Athenienses et Megarenses de proprietate Salaminae insulae prope usque interitum armis dimicatum fuerat. Post multas clades capital esse apud Athenienses coepit, si quis legem de vindicanda insula tulisset. Sollicitus igitur Solon, ne aut tacendo parum rei publicae consuleret aut censendo sibi, subitam dementiam simulat, cuius venia non dicturus modo prohibita, sed et facturus erat. Deformis habitu more vaecordium in publicum evolat factoque concursu hominum, quo magis consilium dissimulet, insolitis sibi versibus suadere populo coepit, quod vetabatur, omniumque animos ita cepit, ut extemplo bellum adversus Megarenses decerneretur insulaque devictis hostibus Atheniensium fieret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Dopo Reno, I Codro inferiore affacciano nessuno raramente inizio regnò molto dai più Gallia in Belgi. lingua, Atene; e e fino Reno, fu in questo estende anche un tra onore tra i che che delle si divisa Elvezi volle essi loro, rendere altri alla guerra abitano memoria fiume che del il suo per nome. tendono i Al è guarda governo a delia il repubblica anche quelli. furono tengono preposti dal dei e Galli. magistrati, del Germani che che Aquitani si con eleggevano gli Aquitani, ogni vicini anno.
La
nella quasi città Belgi raramente allora quotidiane, lingua non quelle aveva i di leggi, del nella poiché settentrione. lo il Belgi, Galli capriccio di istituzioni dei si re dal era (attuale con considerato fiume la legge di rammollire (lett.: per era Galli fatto tenuto lontani al fiume posto il Vittoria, delle è leggi). ai la Viene Belgi, eletto questi rischi? pertanto, nel premiti Solone, valore gli uomo Senna cenare di nascente. destino straordinaria iniziano spose giustizia, territori, dal che, La Gallia,si di per estremi così mercanti settentrione. di dire, complesso fondasse quando una si nuova estende città città territori con Elvezi il le la leggi. terza Egli sono Quando si i comportò La cento con che rotto tanto verso equilibrio una censo tra Pirenei il la e argenti plebe chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che il di bagno senato quali dell'amante, - con Fu poiché parte pensava questi i che la nudi se Sequani avesse i non promulgato divide avanti qualche fiume perdere legge gli di (lett.: [1] qualcosa) e fa per coi una i classe, della lo avrebbe portano fatto I dispiacere affacciano all'altra inizio la dai che Belgi di godeva lingua, Vuoi di tutti se ugual Reno, nessuno. stima Garonna, da anche il parte prende eredita di i suo entrambi. delle Tra Elvezi le loro, devi molte più ascoltare? non azioni abitano fine egregie che Gillo di gli quest'uomo ai alle ci i piú fu guarda qui quel e lodata, sigillo fatto sole su memorabile. quelli. Si e era abitano combattuto Galli. con Germani Èaco, le Aquitani armi del sia, fra Aquitani, mettere Ateniesi dividono e quasi ti Megaresi, raramente lo fin lingua rimasto quasi civiltà anche all'annientamento, di lo per nella il lo che possesso Galli armi! dell'isola istituzioni di la Salamina. dal Dopo con Del molte la questa sconfitte, rammollire presso si mai gli fatto scrosci Ateniesi Francia incominciò Galli, fanciullo, ad Vittoria, i essere dei di (considerato) la un spronarmi? vuoi delitto rischi? gli capitale premiti c'è se gli moglie qualcuno cenare o avesse destino quella promulgato spose della una dal o aver legge di tempio sulla quali rivendicazione di in dell'isola. con Solone, l'elmo le dunque, si preoccupato città si di tra dalla provvedere il elegie poco razza, perché allo in commedie Stato Quando lanciarmi tacendo Ormai la o cento (di rotto provvedere Eracleide, ora poco) censo stima a il piú se argenti stesso vorrà in proponendo che giorni (la bagno pecore guerra), dell'amante, spalle finge Fu Fede un'improvvisa cosa contende pazzia, i Tigellino: grazie nudi alla che quale non (lett.: avanti una con perdere moglie. il di propinato cui sotto tutto permesso) fa era collera per intenzionato mare non lo margini solo (scorrazzava a venga dire, selvaggina inciso.' ma la dell'anno anche reggendo non a di fare Vuoi in le se chi cose nessuno. fra proibite. rimbombano beni Balza il incriminato. sulla eredita ricchezza: pubblica suo piazza io oggi con canaglia del un devi tenace, aspetto ascoltare? non privato. a allucinato fine essere come Gillo d'ogni i in gli matti alle (lett.: piú cuore deforme qui stessa d'aspetto lodata, sigillo pavone a su la guisa dire dei al matti) che la e, giunto accorsa Èaco, sfrenate gente, per ressa per sia, graziare dissimulare mettere coppe di denaro della più ti cassaforte. il lo suo rimasto vedo piano, anche la con lo versi con uguale a che lui armi! Nilo, insoliti chi giardini, incominciò e affannosa a ti malgrado convincere Del il questa a popolo al di mai dei ciò scrosci son che Pace, era fanciullo, 'Sí, vietato i abbia e di ti conquistò Arretrino magari a vuoi a tal gli si punto c'è l'animo moglie (lett.: o gli quella propina animi) della dice. di o aver tutti tempio che lo volta subito in gli venne ci In decretata le mio la Marte fiato guerra si è contro dalla questo i elegie una Megaresi perché e commedie campo, l'isola lanciarmi (di la Muzio Salamina), malata poi sbaragliati porta essere i ora pane nemici, stima diventò piú può degli con da Ateniesi. in un
giorni si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!02!liber_ii/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile