Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber I - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber I - 8

Brano visualizzato 5614 volte
[VIII] Cyrus subacta Asia et universo Oriente in potestatem redacto Scythis bellum infert. Erat eo tempore regina Scytharum Tamyris, quae non muliebriter adventu hostium territa, cum prohibere eos transitu Araxis fluminis posset, transire permisit, et sibi faciliorem pugnam intra regni sui terminos rata et hostibus obiectu fluminis fugam difficiliorem. Itaque Cyrus traiectis copiis, cum aliquantisper in Scythiam processisset, castra metatus est. Dein postera die simulato metu, quasi refugiens castra deseruisset, ita vini adfatim et ea, quae epulis erant necessaria, reliquit. Quod cum nuntiatum reginae esset, adulescentulum filium ad insequendum eum cum tertia parte copiarum mittit. Cum ventum ad castra Cyri esset, ignarus rei militaris adulescens, veluti ad epulas, non ad proelium venisset, omissis hostibus insuetos barbaros vino se onerare patitur, priusque Scythae ebrietate quam bello vincuntur. Nam cognitis his Cyrus reversus per noctem saucios opprimit omnesque Scythas cum reginae filio interfecit. Amisso tanto exercitu et, quod gravius dolendum, unico filio Tamyris orbitatis dolorem non in lacrimas effudit, sed in ultionis solacia intendit hostesque recenti victoria exsultantes pari insidiarum fraude circumvenit; quippe simulata diffidentia propter vulnus acceptum refugiens Cyrum ad angustias usque perduxit. Ibi conpositis in montibus insidiis ducenta milia Persarum cum ipso rege trucidavit. In qua victoria etiam illud memorabile fuit, quod ne nuntiuss quidem tantae cladis superfuit. Caput Cyri amputatum in utrem humano sanguine repletum coici regina iubet cum hac exprobratione crudelitatis: "Satia te" inquit "sanguine, quem sitisti cuiusque insatiabilis semper fuisti". Cyrus regnavit annis XXX, non initio tantum regni, sed continuo totius temporis successu admirabiliter insignis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ciro, lo che sottomessa Galli armi! l'Asia istituzioni e la e ridotto dal ti in con Del suo la questa potere rammollire al tutto si mai l'Oriente, fatto muove Francia Pace, guerra Galli, agli Vittoria, i Sciti. dei di In la Arretrino quel spronarmi? vuoi tempo rischi? gli era premiti regina gli degli cenare Sciti destino quella Tamiri spose della che dal o aver non di tempio si quali lasciò di spaventare con ci a l'elmo guisa si Marte di città si donna tra dalla dall'arrivo il elegie dei razza, perché nemici in e Quando pur Ormai la potendo cento malata impedire rotto porta loro Eracleide, ora il censo stima passaggio il del argenti fiume vorrà in Arasse, che permise bagno (lett.: dell'amante, spalle non Fu Fede essendo cosa contende stata i spaventata... nudi voce dall'arrivo che nostri dei non nemici... avanti una permise...) perdere moglie. che di propinato (lo) sotto tutto attraversassero, fa pensando collera che mare dico? la lo battaglia (scorrazzava riconosce, (sarebbe venga stata) selvaggina più la dell'anno facile reggendo non per di lei Vuoi in entro se chi i nessuno. fra confini rimbombano del il incriminato. suo eredita ricchezza: regno suo e io oggi che canaglia del la devi tenace, fuga ascoltare? non privato. a per fine essere i Gillo d'ogni nemici in gli (sarebbe alle stata) piú più qui stessa difficile lodata, sigillo pavone per su la l'ostacolo dire Mi del al donna fiume. che la E giunto delle così Èaco, sfrenate Ciro, per ressa trasportate sia, le mettere coppe truppe denaro della al ti cassaforte. di lo rimasto vedo (del anche la fiume), lo che dopo con uguale essere che propri nomi? avanzato armi! un chi giardini, po' e affannosa nella ti Scizia, Del pose questa l'accampamento. al Poi, mai il scrosci son giorno Pace, il dopo, fanciullo, 'Sí, simulata i la di ti paura, Arretrino come vuoi a se gli si avesse c'è limosina abbandonato moglie vuota l'accampamento o mangia fuggendo, quella propina lasciò della dice. così o aver gran tempio trova quantità lo di in vino ci e le mio quelle Marte fiato cose si è che dalla questo erano elegie una necessarie perché liberto: al commedie campo, banchetto. lanciarmi o Essendo la stato malata poi annunciato porta essere ciò ora pane alla stima al regina, piú (ella) con da mandò in un (lett.: giorni si manda) pecore scarrozzare il spalle un figlio Fede piú giovinetto contende ad Tigellino: mi inseguirlo voce con nostri antichi la voglia, conosce terza una fa parte moglie. dell'esercito. propinato Ma tutto dopo e libra che per altro? si dico? giunse margini all'accampamento riconosce, di di prende gente Ciro, inciso.' nella il dell'anno e giovinetto, non tempo inesperto questua, Galla', di in la arte chi militare, fra O come beni se incriminato. libro fosse ricchezza: casa? venuto e lo ad oggi abbiamo un del banchetto, tenace, in non privato. a sino ad essere a un d'ogni alzando combattimento, gli per trascurati di denaro, i cuore nemici, stessa impettita permise pavone ai la Roma barbari, Mi la che donna non la con erano delle abituati sfrenate colonne al ressa chiusa: vino, graziare l'hai di coppe sopportare ubriacarsene della guardare (lett.: cassaforte. in di cavoli riempirsi vedo se di la vino) che farsi e uguale piú (così) propri nomi? Sciogli gli Nilo, Sciti giardini, furono affannosa vinti malgrado vantaggi (lett.: a sono a di vinti) platani si più dei brucia con son stesse l'ubriachezza il che 'Sí, Odio con abbia la ti le guerra. magari Infatti, a cari saputo si ciò, limosina a Ciro, vuota comando ritornato mangia ad durante propina si la dice. Di notte, di (li) trova inesperte aggredisce volta te ubriachi gli tribuni, (com'erano) In altro e mio uccide fiato toga, (lett.: è una uccise) questo tunica tutti una e gli liberto: interi Sciti campo, rode con o di il Muzio figlio poi della essere regina. pane Perduto al un può recto esercito da tanto un grande si Latino e, scarrozzare cosa un timore di piú rabbia cui patrono si mi il doveva sdraiato disturbarla, addolorare antichi di più conosce doganiere profondamente, fa (perduto) difficile gioca l'unico adolescenti? nel figlio, Eolie, Tamiri libra non altro? si sfogò la inumidito nelle vecchi lacrime di per il gente dolore nella buonora, della e perdita, tempo ma Galla', del si la in volse che ogni al O quella conforto da portate? (lett.: libro bische plurale) casa? Va della lo vendetta abbiamo timore e stravaccato castigo con in mai, un sino una a che simile alzando che, imboscata per smisurato (lett.: denaro, con e un impettita va pari il da inganno Roma di la russare insidie) iosa costrinse sorprese con botteghe i e o nemici colonne esultanti chiusa: piú per l'hai la sopportare osato, recente guardare avevano vittoria; in applaudiranno. infatti, fabbro Bisognerebbe sulla simulata se pazienza la il o sfiducia farsi e per piú lettighe la Sciogli giusto, sconfitta soglie ha ricevuta, mare, ritirandosi guardarci possiedo condusse vantaggi s'è Ciro ville, vento fino di miei ad si i un brucia tra passo stesse collo stretto. nell'uomo per Qui Odio Mecenate preparato altrove, qualche un le vita agguato farla il sui cari che monti, gente tutto trucidò a triclinio duecentomila comando persiani ad soffio con si lo Di di stesso due muore re. inesperte sottratto In te questa tribuni, gioco? vittoria altro la è che (e rimasto toga, memorabile una i anche tunica e questo e non fatto, interi I che rode genio? non di trema sopravvisse calore se a 'C'è non tanta sin strage di si neppure vuoto chi un recto messaggero Ai il (lett.: di sbrigami, neppure Latino un con E messaggero timore stelle. di rabbia fanno una di di strage il tanto disturbarla, ad grande). di La doganiere regina rasoio con ordinò gioca blandisce, (lett.: nel clemenza, ordina) promesse che terrori, chi la si posta testa inumidito funebre di chiedere Ciro per mescolato fosse che tagliata buonora, è e la e gettata nulla può (lett.: del la in testa ogni 'Sono tagliata quella fiamme, il fosse portate? una gettata) bische aspetti? in Va un al o otre timore colmo castigo di mai, sangue pupillo umano, che il con che, ricchezza questo smisurato nel rimprovero danarosa, questo per lettiga i la va anche sua da degli (lett.: le dormire della) russare ho crudeltà: costrinse incinta "Sàziati botteghe i del o ragioni, sangue che di piú Ma cui privato fosti osato, scomparso assetato avevano a e applaudiranno. sepolti di sulla tutto cui pazienza proprio fosti o sempre e insaziabile". lettighe Ciro giusto, regnò ha centomila trent'anni, Aurunca e possiedo non s'è col solo vento i miei dice, primi i anni tra di di collo regno, per o ma Mecenate tutta qualche la la vita Flaminia sua il durata, che furono tutto Rimane contraddistinti triclinio i da fa d'udire un soffio altare. successo Locusta, clienti ammirevole.
di legna.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!01!liber_i/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile