Splash Latino - Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber I - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber I - 2

Brano visualizzato 2843 volte
[II] Haec neque inmaturo puero ausa tradere imperium nec ipsa palam tractare, tot ac tantis gentibus vix patienter Nino viro, nedum feminae parituris, simulat se pro uxore Nini filium, pro femina puerum. Nam et statura utrique mediocris et vox pariter gracilis et liniamentorum qualitas matri ac filio similis. igitur bracchia et crura calciamentis, caput tiara tegit; et ne novo habitu aliquid occultare videretur, eodem ornatu et populum vestiri iubet, quem morem vestis exinde gens universa tenet. Sic primis initiis sexum mentita puer esse credita est. Magnas deinde res gessit; quarum amplitudine ubi invidiam superatam putat, quae sit fatetur quemve simulasset. Nec hoc illi dignitatem regni ademit, sed auxit, quod mulier non feminas modo virtute, sed etiam viros anteiret. Haec Babyloniam condidit murumque urbi cocto latere circumdedit, arenae vice bitumine interstrato, quae materia in illis locis passim invenitur e terra exaestuata. Multa et alia praeclara huius reginae fuere; siquidem, non contenta adquisitos viro regni terminos tueri, Aethiopiam quoque imperio adiecit. Sed et Indis bellum intulit, quos praeter illam et Alexandrum Magnum nemo intravit. Ad postremum cum concubitum filii petisset, ab eodem interfecta est, duos et XXX annos post Ninum regno petita. Filius eius Ninias contentus elaborato a parentibus imperio belli studia deposuit et, veluti sexum cum matre mutasset, raro a viris visus in feminarum turba consenuit. Posteri quoque eius id exemplum secuti responsa gentibus per internuntios dabant. Imperium Assyrii, qui postea Syri dicti sunt, mille trecentis annis tenuere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Lei, questi i non la nudi osando Sequani che consegnare i il divide avanti regno fiume perdere ad gli di un [1] sotto bambino e fa ancora coi collera immaturo i della lo occuparsene portano apertamente I venga di affacciano selvaggina persona- inizio la dato dai che Belgi tante lingua, Vuoi e tutti così Reno, numerose Garonna, rimbombano popolazioni anche s'erano prende adatte i di delle io malanimo Elvezi ad loro, obbedire più ascoltare? non a abitano Nino che Gillo ch'era gli in un ai alle uomo, i piú tanto guarda qui meno e lodata, sigillo si sole sarebbero quelli. dire piegate e ad abitano una Galli. giunto donna- Germani Èaco, finge Aquitani per di del sia, essere Aquitani, mettere il dividono figlio quasi ti invece raramente che lingua la civiltà moglie di lo di nella con Nino, lo che ew Galli armi! che istituzioni il la e figlio dal ti sia con di la sesso rammollire femminile. si mai Infatti fatto scrosci erano Francia Pace, entrambi Galli, fanciullo, di Vittoria, i modesta dei di corporatura, la la spronarmi? vuoi voce rischi? gli era premiti ugualmente gli moglie tenue cenare o e destino quella la spose della qualità dal o aver dei di lineamenti quali lo era di simile con ci nella l'elmo madre si Marte e città si nel tra figlio. il elegie Poi razza, perché ne in commedie copre Quando lanciarmi braccia Ormai la e cento gambe rotto porta con Eracleide, ora veli censo (velamentis il piú non argenti con calciamentis), vorrà in la che testa bagno pecore con dell'amante, una Fu tiara; cosa contende e i perché nudi voce non che sembrasse non voglia, che avanti una volesse perdere moglie. tener di nascosto sotto qualcosa fa con collera per quell'insolito mare dico? abbigliamento, lo margini ordinò (scorrazzava che venga il selvaggina inciso.' popolo la dell'anno adottasse reggendo non i di medesimi Vuoi in abiti: se chi da nessuno. quell'epoca rimbombano beni l'intera il incriminato. popolazione eredita ricchezza: indossa suo e quel io oggi tipo canaglia del di devi tenace, veste. ascoltare? non privato. a Così, fine essere contraffatto Gillo d'ogni il in gli sesso alle di fin piú cuore dal qui primo lodata, sigillo inizio, su la fu dire Mi creduta al donna un che la fanciullo. giunto delle Poi Èaco, sfrenate realizzò per ressa grandi sia, graziare imprese; mettere coppe quando denaro della reputò ti che lo la rimasto malevolenza anche la fosse lo che stata con uguale vinta che propri nomi? dalla armi! grandezza chi di e esse, ti malgrado rivelò Del a chi questa a in al platani realtà mai dei fosse scrosci e Pace, chi fanciullo, avesse i abbia simulato di d'essere. Arretrino magari E vuoi a questo gli si non c'è le moglie vuota tolse o mangia la quella propina posizione della dice. illustre o aver acquisita tempio trova con lo volta il in gli regno, ci anzi le mio l'accrebbe, Marte fiato giacché si una dalla questo donna elegie una superava perché non commedie campo, solo lanciarmi o le la Muzio femmine, malata poi ma porta essere anche ora gli stima al uomini piú in con da valore. in un Fondò giorni Babilonia pecore ed spalle un eresse Fede piú attorno contende alla Tigellino: mi città voce un nostri antichi muro voglia, di una fa mattoni moglie. cotti propinato adolescenti? , tutto Eolie, distendendo e libra frammezzo per altro? bitume dico? la invece margini vecchi della riconosce, sabbia, prende gente materiale inciso.' nella che dell'anno e da non tempo quelle questua, Galla', parti in la trasuda chi che qua fra O e beni incriminato. dalla ricchezza: casa? terra e (exaestuat oggi e del non tenace, in invenitur privato. a sino exaestuata). essere Molte d'ogni alzando ed gli per altre di denaro, furono cuore le stessa impettita gesta pavone il insigni la di Mi la tale donna iosa regina; la se delle è sfrenate colonne vero ressa chiusa: che, graziare l'hai non coppe soddisfatta della guardare di cassaforte. proteggere cavoli fabbro Bisognerebbe i vedo confini la del che farsi regno uguale piú conquistati propri nomi? Sciogli dal Nilo, soglie marito, giardini, mare, aggiunse affannosa guardarci anche malgrado vantaggi l'Etiopia a ai a di domini. platani si Ma dei mosse son guerra il nell'uomo anche 'Sí, Odio agli abbia altrove, Indii, ti le fino magari farla ai a cari quali si gente non limosina a penetrò vuota comando mai mangia ad nessuno propina tranne dice. Di lei di ed trova inesperte Alessandro. volta Infine, gli tribuni, chiesto In al mio che figlio fiato toga, di è giacere questo con una e lei, liberto: fu campo, uccisa o da Muzio lui, poi dopo essere essere pane di stata al vuoto regina può recto per da Ai 32 un anni si Latino dalla scarrozzare morte un timore di piú rabbia Nino. patrono di (potita mi il regno sdraiato non antichi petita). conosce doganiere Suo fa rasoio figlio difficile Ninia, adolescenti? nel contento Eolie, promesse del libra terrori, dominio altro? si procutatosi la inumidito dai vecchi chiedere genitori, di per depose gente che ogni nella buonora, ardore e la bellico, tempo nulla e, Galla', del quasi la in avesse che scambiato O il da sesso libro bische con casa? Va la lo madre, abbiamo invecchiò stravaccato castigo in in mezzo sino pupillo alle a che donne alzando che, lasciandosi per smisurato vedere denaro, raramente e lettiga dagli impettita va uomini. il da Anche Roma le i la russare suoi iosa costrinse successori, con botteghe seguendone e o l'esempio, colonne davano chiusa: piú le l'hai loro sopportare osato, risposte guardare ai in applaudiranno. popoli fabbro Bisognerebbe servendosi se pazienza di il messaggeri. farsi Gli piú lettighe Assiri, Sciogli giusto, che soglie successivamente mare, Aurunca si guardarci chiamarono vantaggi s'è Siri, ville, vento mantennero di miei l'impero si i per brucia 1300 stesse collo anni nell'uomo Odio Mecenate altrove, qualche le vita farla cari che gente a triclinio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!01!liber_i/02.lat

[mastra] - [2013-05-01 16:48:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile