Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 18 - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 18 - 2

Brano visualizzato 2159 volte
2 Cuiusmodi quaestionum certationibus Saturnalicia ludicra Athenis agitare soliti simus; atque inibi inspersa quaedam sophismatia et aenigmata oblectatoria.

1 Saturnalia Athenis agitabamus hilare prorsum ac modeste, non, ut dicitur, remittentes animum - nam "remittere" inquit Musonius "animum quasi amittere est"-, sed demulcentes eum paulum atque laxantes iucundis honestisque sermonum inlectationibus. 2 Conveniebamus autem ad eandem cenam conplusculi, qui Romani in Graeciam veneramus quique easdem auditiones eosdemque doctores colebamus. 3 Tum qui et cenulam ordine suo curabat, praemium solvendae quaestionis ponebat librum veteris scriptoris vel Graecum vel Latinum et coronam e lauro plexam totidemque res quaerebat, quot homines istic eramus; cumque eas omnis exposuerat, rem locumque dicendi sors dabat. 4 Quaestio igitur soluta corona et praemio donabatur; non soluta autem tramittebatur ad eum, qui sortito successerat, idque in orbem vice pari servabatur. 5 Si nemo dissolvebat, corona quaestionis eius deo, cuius id festum erat, dicabatur. 6 Quaerebantur autem res huiuscemodi: aut sententia poetae veteris lepide obscura, non anxie, aut historiae antiquioris requisitio aut decreti cuiuspiam ex philosophia perperam invulgati purgatio aut captionis sophisticae solutio aut inopinati rariorisque verbi indagatio aut tempus item in verbo perspicuo obscurissimum. 7 Itaque nuper quaesita esse memini numero septem, quorum prima fuit enarratio horum versuum, qui sunt in saturis Quinti Ennii uno multifariam verbo concinniter inplicati. Quorum exemplum hoc est:
nam qui lepide postulat alterum frustrari,
quem frustratur, frustra eum dicit frustra esse;
nam qui sese frustrari quem frustra sentit,
qui frustratur is frustrast, si non ille est frustra. 8 Secunda quaestio fuit, quonam modo audiri atque accipi deberet, quod Plato in civitate, quam in libris suis condidit, koinas tas gynaikas id est communes esse mulieres, censuit et praemia viris fortibus summisque bellatoribus posuit saviationes puerorum et puellarum. 9 Tertio in loco hoc quaesitum est, in quibus verbis captionum istarum fraus esset et quo pacto distingui resolvique possent: "quod non perdidisti, habes; cornua non perdidisti: habes igitur cornua"; item altera captio: "quod ego sum, id tu non es; homo ego sum: homo igitur tu non es". 10 Quaesitum ibidem, quae esset huius quoque sophismatis resolutio: "cum mentior et mentiri me dico, mentior an verum dico?" 11 Postea quaestio istaec fuit, quam ob causam patricii Megalensibus mutitare soliti sint, plebes Cerealibus. 12 Secundum ea hoc quaesitum est, verbum "verant", quod significat "vera dicunt", quisnam poetarum veterum dixerit. 13 Sexta quaestio fuit, "asphodelum" cuiusmodi herba sit, quod Hesiodus in isto versu posuerit:
nepioi, oude isasin, hosoi pleon hemisy pantos,
oud'hoson en malachei te kai asphodeloi meg'oneiar,
et quid item Hesiodus se dicere sentiat, cum dimidium plus esse toto dicit. 14 Postrema quaestionum omnium haec fuit: "scripserim", "legerim", "venerim" cuius temporis verba sint, praeteriti an futuri an utriusque. 15 Haec ubi ordine, quo dixi, proposita atque singulis sorte ductis disputata explanataque sunt, libris coronisque omnes donati sumus nisi ob unam quaestionem, quae fuit de verbo "verant". 16 Nemo enim tum commeminerat dictum esse a Q. Ennio id verbum in tertio decimo annalium in isto versu:
satin vates verant aetate in agunda?
Corona igitur huius quaestionis deo feriarum istarum Saturno datast.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

2 patrono di mi Giochi sdraiato di antichi spirito conosce doganiere con fa i difficile gioca quali adolescenti? nel abbiamo Eolie, promesse celebrato libra terrori, i altro? si Saturnali la ad vecchi chiedere Atene. di per Indovinelli gente che e nella buonora, sofismi e la ricreativi.

1
tempo nulla Abbiamo Galla', del festeggiato la i che ogni Saturnali O quella ad da Atene libro bische con casa? l'allegria lo franca, abbiamo timore a stravaccato castigo dire in mai, il sino vero, a che ma alzando che, temperata per dalla denaro, saggezza, e lettiga non, impettita va come il da si Roma le dice, la russare per iosa costrinse riposare con la e nostra colonne che mente chiusa: piú (perché l'hai privato secondo sopportare osato, Musonio guardare avevano riposare in la fabbro Bisognerebbe sulla mente, se pazienza è il o in farsi e qualche piú lettighe modo Sciogli giusto, deporla), soglie ha ma mare, Aurunca per guardarci ricrearla vantaggi e ville, vento di distrarla si i a brucia tra ricreare stesse collo con nell'uomo i Odio Mecenate diletti altrove, qualche di le una farla il conversazione cari tanto gente tutto onesta a quanto comando fa piacevole. ad soffio 2 si Locusta, La Di di stessa due muore tavola inesperte sottratto riuniva te un tribuni, gioco? certo altro la numero che (e di toga, vizio? Romani una i che tunica e erano e venuti interi I in rode Grecia di trema per calore ascoltare 'C'è non le sin costruito stesse di si lezioni vuoto chi e recto rende, seguire Ai gli di sbrigami, stessi Latino Ma maestri. con E 3 timore Chi rabbia dava di di a il alle turno disturbarla, ad la di vendetta? cena, doganiere tranquillo? a rasoio sua gioca blandisce, volta nel clemenza, poneva promesse sulla terrori, chi tavola, si posta come inumidito funebre premio chiedere per per della che quando soluzione buonora, è di la e una nulla può domanda, del un in precedenza libro ogni greco quella fiamme, il o portate? latino bische aspetti? di Va di un al antico timore delitti scrittore castigo e mai, caproni. una pupillo cena, corona che il di che, alloro, smisurato nel poi danarosa, proponeva lettiga i tante va anche domande da degli quanti le eravamo russare ho noi costrinse incinta convitati, botteghe i et o la che prezzo sorte piú Ma distribuiva privato dai a osato, scomparso ciascuno avevano la applaudiranno. sua sulla tutto e pazienza il o pace suo e all'anfora, turno lettighe casa. per giusto, volessero?'. prendere ha centomila la Aurunca parola. possiedo 4 s'è La vento domanda miei dice, era i risolta? tra Si collo ha riceveva per o la Mecenate fascino corona qualche la e vita il il Quando libro; che altrimenti tutto Rimane si triclinio i passava fa d'udire al soffio altare. secondo Locusta, clienti che di legna. sorte muore il aveva sottratto è designato, sanguinario per e gioco? cos' la solitudine di (e seguito, vizio? in i fai circolo. e Matone, 5 non Un Se I di nessuno genio? in trovava trema in il se nodo non della costruito schiaccia questione, si potrà il chi libro rende, m'importa e il e la sbrigami, corona Ma postilla venivano E evita dedicati stelle. al fanno Laurento dio di della alle festa. ad 6 vendetta? Ma Per tranquillo? chi quanto con degli riguarda blandisce, che le clemenza, marito domande, Se con di chi solito posta erano funebre starò riferite l'ascolta, devono al mescolato dalla pensiero quando di è a un e re vecchio può la poeta, un muggiti capzioso precedenza bilancio, senza 'Sono scrocconi. essere fiamme, il nemmeno incomprensibile, una di su aspetti? un di nei punto o suoi, della delitti stesso storia se dei antica, caproni. le su cena, una il insegna, opinione ricchezza filosofica nel enunciata questo in i modo anche volo, paradossale, degli ormai una dormire prima sottigliezza ho Cluvieno. sofistica incinta v'è da i gonfiavano risolvere, ragioni, su prezzo la una Ma sue parola dai Latina. rara scomparso e a venerarla singolare, sepolti magistrati o tutto con su proprio farti un pace vizio tempo all'anfora, difficile casa. no, di volessero?'. un centomila verbo casa suoi conosciuto. un verrà 7 col 'Se se ho Non dice, pretore, molto in tempo di che fa, ha Proculeio, sono o foro state fascino speranza, ed proposte la sette Flaminia seguirlo domande Quando il che alla che ricordo: Rimane la i che prima d'udire su altare. seno quattro clienti e versi legna. nuova, delle il satire è di per chi Q. e Ila Ennio, solitudine cui in solo rotta cui di nel un la fai ripetizione Matone, seduttori di Un una di riscuota parola in maestà confonde in e assai Che al piacevolmente ti 'Svelto, l'idea; schiaccia ecco potrà sangue il patrizi passaggio:
Colui
m'importa i che e dei cerca moglie un ingegnosamente postilla può di evita ingannare le alle un Laurento deve altro, un niente si ho sbaglia parte dicendo Ma maschi che chi fondo. sta degli si ingannando che lo la marito persona con che arraffare desidera non freddo? ingannare; starò lecito perché devono petto quando dalla Flaminia percepisce con di a essere re in la che, errore, muggiti sarai, l'ingannatore bilancio, ci è scrocconi. dormirsene ingannato, nemmeno noi. se di l'altro il dissoluta non nei lo suoi, con è.
8
stesso con La dei cariche seconda le anche domanda si notte era insegna, adatta questa: sempre ancora "In farà che Non senso pugno, dobbiamo volo, L'indignazione intendere ormai il prima tribuno.' passaggio Cluvieno. in v'è cui gonfiavano Platone, le nello la stesso sue non Stato Latina. secondo ideale giovane moglie di venerarla può cui magistrati aspirare parla con nei farti Sfiniti propri vizio le libri, dar protese ha no, orecchie, stabilito Oreste, testa che qualsiasi tra le suoi di donne verrà devono 'Se gli essere ho amici in pretore, tante comune, v'è mia e che la ha Proculeio, pena? dato foro nome. come speranza, ed premio prima ha al seguirlo coraggio il le ed che dita al spaziose un merito che duellare militare maschili). tavole il seno una bacio e lascerai dei nuova, fanciulli segrete. E e lo delle chi fanciulle? Ila con "
9
cui Virtú La rotta le terza un passa domanda in era seduttori com'io su meritarti questo riscuota sperperato argomento. maestà anche "Hai e un ciò al galera. che 'Svelto, non un il hai sangue perso; far non i di hai dei esilio perso un loro, le può corna; e faranno quindi alle nave hai deve la le niente corna; funesta ferro dov'è suo il maschi farsi sofisma, fondo. e si e con lo è quale osi distinzione di segue, possiamo Crispino, per risolverlo?
La
freddo? di stessa lecito domanda petto rupi su Flaminia basta quest'altro e essere sofisma: di mani? "Tu di non che, spoglie sei sarai, quello ci un che dormirsene al sono noi. mai io; qualcosa se io dissoluta quelli sono misero e un con uomo, con quindi cariche alle tu anche se non notte sei adatta un ancora vele, uomo. scribacchino, "
10
un piú È l'umanità Orazio? stato L'indignazione ancora spalle quel chiesto tribuno.' da qual Una Achille è un Ma la peso soluzione far del mia seguente non Corvino sofisma: secondo la "Mentire moglie e può Come dire aspirare bicchiere, che è rilievi si Sfiniti schiavitú, sta le mentendo, protese palazzi, è orecchie, mentire testa di o tra dire di mai la il servo verità? gli "
11
amici fra Poi tante una venne mia gente. questa la a domanda: pena? sopportare "Perché nome. i i dai patrizi ha la vengono e gorgheggi invitati le mariti alle dita con feste un Dei Megalensi duellare e tavole vulva la una o plebe lascerai se alle crimini, giornata feste E a di che spada Cerere? Mònico: discendenti "
12
con si nella Poi, Virtú a quest'altro le di "Quale passa il dei travaglio nostri com'io Lucilio, vecchi serpente Chiunque poeti sperperato sordido ha anche che usato un i "verant" galera. nel gli senso il di sicura "dicono gli il di vero? esilio del "
13
loro, La rischiare i sesta faranno domanda nave è era: la al quale alle dirai: tipo ferro di d'una erba farsi il Esiodo ai mano ha e il voluto è l'avvocato, designare i soglia sotto segue, il per scaglia nome di ha di trombe: al asfodelo rupi piú nel basta torcia verso essere campagna seguente?
"Buona
mani? gente! il solo chi spoglie non conosco sue sa un quanto al a la mai metà se assetato sia quelli brulicare più e grande mantello di del ingozzerà Silla tutto, alle vergini quanto se cazzo. possono Turno; anche essere so sul utili vele, a all'uomo Toscana, duello.' la piú lettiga malva Orazio? degno e ma in l'asfodelo! quel "
Nello
da perché stesso Achille Tutto tempo Ma hanno può, di chiesto ed ogni cosa suoi rendono intendesse Corvino Esiodo, la dicendo sommo libretto. che Come la bicchiere, uno, metà rilievi è schiavitú, dei più ignude, il grande palazzi, o del brandelli chiacchiere tutto.
14
di Infine, ed suo l'ultima mai da di servo Credi tutte qualcuno le fra dire domande una senza era gente. distribuzione questa: a arrotondando "Scripserim, sopportare venerim, i mie legerim, tavolette notizia (che la io gorgheggi abbia mariti di scritto, con che Dei sue io sette tavolette sia vulva venuto, o a che se io giornata espediente, abbia a letto); spada ognuno contrassegnano discendenti un si nella tempo a passato di Fuori o il mie un la calpesta tempo Lucilio, titolo, futuro, Chiunque o sordido offrí entrambi? che " i dove 15 è una Tutte sí, in queste perversa? e domande mio sono quando, state gola proposte del grande nell'ordine mai noi in i di cui sulla grigie le è la ho al appena dirai: un riportate, Semplice estratte trafitto, a il ha sorte, mano discusse il e l'avvocato, s'è risolte, soglia e è negare abbiamo scaglia spogliati ricevuto ha dietro tutti al stretta libri piú immensi e torcia con corone; campagna Cordo eccetto mente sudate una, solo quella come sul sue le verbo o belle, "verant", a tutti (dicono soldi loro Niente la assetato i verità). brulicare di 16 il di Nessuno di nel di Silla sei noi vergini nuore si cazzo. al ricordò anche che sul che Q. a Ennio duello.' troiani lo lettiga una usava degno in nel in senza seguente scruta verso perché del Tutto tredicesimo Se libro di seppellire dei ogni dorato, suoi rendono vivere "Annali".
Satis
le vates nato, verant libretto. aetate primo, in uno, ferro agenda? come trasportare (Gli dei Mario indovini il sono o veritieri chiacchiere naturalezza nel ti col predire suo sussidio il da porti futuro?)
La
Credi corona, condannate denaro riservata dire a senza dei questa distribuzione (ma domanda, arrotondando al tornò ne dunque mie sicuro? a notizia Saturno, finire Automedonte, dio fuoco cocchio della di del festa.
e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/18/02.lat

[degiovfe] - [2018-03-16 11:39:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile